Medicina, Psicologia, Salute, Scienza

IL BUCO NERO DENTRO COVID-19 E LA RIFORMA OSCURA DELLA MEDICINA

Vista l’eccezionalità della situazione, dopo tanti anni di soli articoli, ho creato un canale YouTube che porta il nome di questo blog, e ho pubblicato al suo interno una video-analisi di tutti gli elementi raccolti sulla questione Covid-19.

La versione per YouTube termina con una domanda, ovvero, se le misure di contenimento non hanno alcuna utilità sanitaria, che cosa giustifica questa radicale trasformazione antropologica?

Nella versione per Vimeo, sul mio canale personale, mi sono avventurato in alcune personali conclusioni.

Vi riporto uno dei commenti più significativi che questo video ha ricevuto:

“Ho appena visto il tuo documentario. Veramente notevole, con dati fatti e fonti autorevoli.

La parte che mi ha colpito di più è dove parli verso la fine, dell’utilizzo del “rito” (la maschera) per la modificazione mentale. E per “aprire” le persone a suggestioni e modifiche di identità e comportamento.

I “culti distruttivi” funzionano così. Ne parla anche Matteo Rampin (psichiatra) nei suoi libri.

Stanno usando la psicoterapia, in particolare quella ipnotica indiretta, a rovescio. Reverse Phsychoterapy, o Psicologia Nera. Ne ho solo accennato in un mio post del 20 Maggio “Come ottenere tutto ciò che vuoi”.

Ho ripensato alla domanda che si faceva Stefano Re (criminologo) e dopo il tuo documentario, azzardo una risposta.

Oltre all’ovvio, cioè semplicemente l’obiettivo è il Controllo. Sono multimiliardari, e potrebbero starsene su un panfilo circondati dalla beatitudine tutto il giorno. No, semplicemente sono diventati come gli squali quando sentono l’odore del sangue: vanno in una specie di frenesia di Volontà di Potenza. Una sorta di orgasmo, credo.

E come ottenere il controllo totale?

Serve installare delle patologie psichiatriche a livello collettivo.

In questo modo la popolazione diventa prevedibile nelle reazioni. Categorizzati come nel DSM-5, quindi con reazioni e vulnerabilità prevedibili. La prevedibilità delle masse, è fondamentale, per poter utilizzare leve di comando altrettanto prevedibili e funzionali. “

https://it.wikipedia.org/wiki/Manuale_diagnostico_e_statistico_dei_disturbi_mentali

L’INTERVISTA AL DOTTOR MASTRANGELO

A proposito del devastante valore simbolico delle mascherine (sebbene non ne venga qui menzionato l’aspetto ritualistico) ho trovato ulteriori ed autorevoli conferme nell’intervista al Dottor Mastrangelo, ad opera di Gianluca Spina, e precisamente al minuto 50’

Inoltre viene anche spiegato perché la lettura di una sequenza genica non è mai unanime (minuto 56). Ovviamente per chi è dotato di pazienza consiglio la visione del video integrale.

LE TESI DI SCOGLIO

Alcuni giorni fa, un mio conoscente della corrente igienista, mi ha sottoposto le ricerche del dottor Scoglio.

Stefano Scoglio è un italiano precedentemente candidato al Nobel per degli studi effettuati negli Usa, ha esaminato due importanti documenti, rispettivamente della Commissione Europea (16 Aprile) e dell’Istituto Superiore di Sanità (18 Maggio).

Current performance of COVID-19 test methods and devices and proposed performance criteria – Working document of Commission services  

e

Dispositivi diagnostici in vitro per COVID-19. Parte 1: normativa e tipologie

LE TESI NEL DETTAGLIO [ESTRATTO]

Ormai non muore più nessuno (e noi sappiamo che in realtà non è mai morto nessuno di Covid-19, ma di altre patologie preesistenti o di terapie sbagliate). I reparti di rianimazione sono vuoti, ed è quindi diventato impossibile procurarsi morti freschi. E allora come si fa a prorogare la finta pandemia? Occorre prorogarla almeno fino all’autunno, quando le mega-vaccinazioni in corso (vedi i 15.000 adolescenti vaccinati con 4-5 vaccini simultaneamente in questi giorni a Treviso) e in programma (obbligo di vaccinazioni influenzali per gli ultra-65enni in diverse regioni italiane) porteranno nuove forze fresche alla causa della vita perennemente pandemica. Così, per prorogare la pandemia, si inventa una nuova patologia: l’asintomaticità! Ti ostini a voler star bene? Non hai uno straccio di sintomo? Non ti illudere, noi sappiamo che in realtà sei malato, perché sei asintomatico. La nuova patologia dell’asintomaticità consiste nel risultare positivo al tampone Covid-19. In effetti il tampone positivo può trasformare l’asintomaticità in malattia, potenzialmente generando un mix di panico e depressione, che si lega presto a immunodepressione e conseguente possibile sviluppo di processi infettivi endogeni, simili al Covid-19 (questa è almeno la segreta speranza del ministro Speranza, tra gli altri). È noto che da alcuni decenni l’obiettivo dell’industria farmaco-tossica è quello di produrre farmaci per i sani. Tutti gli investimenti per la genetica avevano e hanno questo scopo: produrre farmaci per curare squilibri o predisposizioni genetiche nei sani. Ma quella è stata una strada difficile e complicata: molto più facile ottenere lo stesso con un tampone che ti rende positivo-asintomatico, e dunque soggetto, oltre che al possibile sviluppo di una nuova condizione patologica, alle cure del caso: anti-virali, anti-infiammatori, ed eventualmente vaccini. Il punto debole di questo nuovo approccio patogenico è la sua base essenziale, il mitico tampone Covid-19. Di che cosa si tratta? Si preleva un campione di materiale organico dalla gola o più raramente dal liquido bronco-alveolare, e si verifica in tale campione la presenza del virus SARS-Cov-2. Alla fine, anche la validità o meno del test si basa sull’isolamento o meno del fantomatico virus, di cui esistono ormai 40.000 sequenziamenti genici, e che ci dicono (anche per evitare di focalizzare troppa attenzione sulla effettiva conoscenza del virus) che muta continuamente.

Il Tampone e il Virus Super-Mutante

Qui emerge il primo grande dubbio: ma se muta continuamente, come fai a trovarlo col tampone? Il tampone dovrebbe avere uno standard, una sequenza genica che si attacchi (Annealing) all’eventuale virus presente nel liquido, e che consenta di riprodurlo tramite PCR (Polimerase Chain Reaction). Ma se il virus muta costantemente, che te ne fai dello standard in dotazione del test? Chiaramente non vale più niente, perché va a cercare un virus diverso da quello eventualmente presente. Da questo punto di vista, solo questo basterebbe per capire che il test-tampone Covids-19 è completamente, al 100%, fallace.

Falsi positivi

In realtà il test-tampone Covid-19 è nato fallace, se è vero che uno dei primi articoli scientifici che testarono uno dei primi test, conclude che lo stesso produceva l’80.3% di falsi positivi. Questo articolo, pubblicato agli inizi di Marzo 2020 in cinese, con l’Abstract disponibile in inglese, riporta che, di tutti i soggetti asintomatici risultati positivi, l’80,3% erano falsi positivi. Chissà perché la rivista cinese che lo pubblicò, decise di ritirare l’articolo e non pubblicarlo più? Viene quasi da pensare che i cinesi abbiano un interesse a diffondere la pseudo-pandemia… Abbiamo visto che in realtà, anche solo per il fatto che il virus muta in continuazione, e che si dice che il virus italiano è diverso da quello cinese che è diverso da quello americano (ma allora perché si chiamano tutti SARS-Cov-2?), non ha neppur senso parlare di percentuali di correttezza: il test semplicemente cerca una cosa che non c’è più, se mai c’è stata.

Il problema della validazione

E allora, dato che le statistiche dei positivi, e pure il numero dei morti per Covid-19, sono dipesi e dipendono dal test-tampone, e che quindi alla base del Lockdown universale e della parallela distruzione economica, sta la validità o meno del test, viene da chiedersi: ma i test utilizzati sono validi, sono stati validati? Cioè, almeno dal punto di vista delle istituzioni sanitarie, il cui parere ha sostenuto il Lockdown universale, c’è stata una verifica e conseguente validazione del test? Questa è una domanda essenziale, perché se i governi, tranne le loro istituzioni sanitarie, non hanno verificato e validato i test che giustificano i Lockdown, allora non esiste più alcuna legittima giustificazione dei Lockdown, e questo anche da un punto di vista giuridico e con significative responsabilità di natura amministrativa e penale.

La data del commento è rilevante: il 16 Aprile 2020 il picco della pandemia era già passato, quindi la EU ha valutato la questione dell’affidabilità o meno dei test tamponi a posteriori, il che significa che tutta la fase del Lockdown è stato gestito sulla base di tamponi di cui nessuno si era neppure chiesto se fossero validi o meno!

Che questo sia un problema lo riconosce implicitamente anche la EU quando afferma che “Test tempestivi e accurati del Covid-19 sono una parte essenziale della gestione della crisi Covid-19”). Continua la EU:

 “…dopo essere stati introdotti sul mercato, la performance degli strumenti può essere validata, ovvero confermata da ulteriori verifiche che le dichiarazioni del produttore corrispondano alla realtà, verifiche effettuate presso laboratori di riferimento, istituzioni accademiche, o agenzie regolatorie nazionali. Tale validazione non è legalmente obbligatoria, ma è fortemente raccomandata per l’assunzione di decisioni sulla salute pubblica…”

La EU, che spacca il capello quando deve decidere sulla curvatura delle banane, o sulla dimensione delle telline, e che per esempio in Italia per gli integratori alimentari ed erboristici richiede la preventiva notifica al MinSal, qui autorizza l’immissione in commercio dei più importanti test della storia umana senza nessuna verifica preliminare, e solo auspicando verifiche di validazione facoltative ex post? E’ talmente evidente che la validazione dei test è indispensabile per prendere corrette decisioni politiche, che la “forte raccomandazione” ad eseguire test di validazione appare come la foglia di fico per coprire la vergognosa rinuncia a verificare con autorizzazioni preliminari la validità di test da cui sono dipese le sorti delle nazioni! E la situazione è molto peggiore di quello che si pensa. Il documento EU rivela che, mentre tutti pensano che ci sia 1 test per il tampone Covid-19, in Europa ne esistono ben 78 diversi. Si tratta di test basati sulla PCR, immessi sul mercato dalle aziende produttrici o importatrici (dalla Cina) senza preventiva validazione! Infatti, continua EU, dei 78 apparecchi in commercio, “solo quelli dell’Istituto Pasteur, della Facoltà di Medicina di Hong Kong, e della Charité, sono stati validati internamente”.

Quindi, solo 3 su 78 sono stati validati, e anche quelli solo internamente, che è come dire che l’oste ha dichiarato che il suo vino è buono. Come spiega il documento EU:

 “L’informazione più cruciale relativa ai metodi RT-PCR sviluppati per il rilevamento del SARS-Cov-2 sono le sequenze di oligonucleotidi (Primers and Probes) usati per l’amplificazione del cDNA”.

Come ho detto sopra, in ultima analisi alla base del test-tampone Real Time PCR c’è la correttezza o meno della originaria sequenza genica del virus, e quindi la questione del suo isolamento, tema che merita una trattazione a sé. Ma, ammesso e non concesso che la sequenza genica originaria (isolamento) sia corretta, occorre che i test in commercio siano conformi a quella corretta sequenza genica del SARS-Cov2, e che non usino sequenze inventate” dai produttori. Ma EU ci spiega che questo non lo sappiamo e non possiamo saperlo, perché tranne che per pochi casi, non si ha nessuna informazione sulle effettive sequenze dei Primers and Probes utilizzati negli strumenti“.

Il test tampone utilizza la stessa metodologia RT-PCR che si usa per il presunto isolamento del virus: i coronavirus sarebbero virus a RNA, con un solo filamento (Single-Stranded); per poter essere amplificati, cioè moltiplicati in modo da ottenerne una quantità analizzabile, la PCR utilizza dei Primers, cioè delle sequenze geniche “artificiali”, sintetizzate in laboratorio, che possano corrispondere a una frazione minuscola ma presuntivamente caratteristica del virus che si cerca. Se questo primer di RNA sintetico, trova una corrispondente sequenza genica nel materiale analizzato, i due filamenti di RNA dei legano l’uno all’altro (Annealing), e danno vita a quel cDNA, o DNA complementare, che poi viene replicato dalla PCR. Ora, considerate che i coronavirus hanno, così ci dicono, circa 30.000 basi geniche o nucleotidi; il Primer sintetico usato per rilevarlo ha 18-24 basi, ovvero una frazione corrispondente allo 0.07% del genoma del virus. Capite subito che si tratta di un metodo di reperimento del virus molto problematico: un campione di materiale organico dalla gola o dai bronchi di un soggetto contiene una quantità innumerevole di acidi nucleici (DNA/RNA) del soggetto stesso, di batteri residenti, di Esosomi, e tanti altri possibili virus (se di virus si tratta). Con una sequenza genica che copre solo lo 0.07% del genoma, appare evidente che si possono intercettare gli RNA di tanti altri organismi o dello stesso soggetto.

Per capirci, sarebbe come se io, cieco, volessi trovare un elefante conoscendone solo il colore dei peli della coda, grigio; e poi mi mettessi a cercare di che animale si tratta solo sulla base del colore grigio dei peli della coda: è evidente che potrei trovarlo nei topi, nei gatti grigi, nei cani grigi, e così via.

Quindi, esiste un problema di identificazione del virus a monte, all’origine. Ma questo problema si amplifica ulteriormente quando i 78 test in commercio usano delle sequenze geniche che potrebbero anche non corrispondere a quello originale (cercano peli blu invece che grigi), e che non fanno riferimento a nessun virus isolato, ma hanno solo preso delle sequenze nelle banche dati dei Primers che siano in qualche modo simili a quelli dati per i coronavirus, potendo così rilevare qualsiasi tipo di coronavirus altro dal SARS-Cov2. Insomma, la ricerca del virus è fallata alla fonte, e diventa totalmente inutile quando si passa agli effettivi test usati nella pratica. Soprattutto, nessuno ha mai verificato la natura e qualità del test in commercio, che dunque in teoria potrebbero contenere anche nulla, e usare solo un metodo stocastico, con positività o negatività assolutamente casuali. Il documento EU ammette che

“…uno studio ha sottolineato come ci fossero delle corrispondenze sbagliate (che possono compromettere l’efficienza delle reazioni) nei siti di connessione (Annealing) delle sequenze geniche utilizzate dalla OMS”.

Il metodo OMS è dichiarato dal documento EU come quello più efficace! Ed è gravemente fallato anche quello! Il documento EU conclude così:

“c’è una evidente mancanza di corrispondenza tra l’informazione di controllo di qualità relativa ai test/apparecchi Covid-19 e i criteri di performances proposti sopra, che sono basati sui principi delle buone pratiche di analisi…”

In altre parole, ad oggi 16 Aprile si propongono dei criteri di necessaria qualità del test/apparecchiature Covid-19, criteri che fino ad oggi non sono stati rispettati! Lo dice la EU stessa.

Il 18 Maggio 2020, l’Istituto Superiore di Sanità italiano ha pubblicato un documento (“Dispositivi diagnostici in vitro per COVID-19. Parte 1: normativa e tipologie”).

Questo documento dell’ISS recepisce il documento EU e ne conferma dati e approccio. Il che significa che al 18 Maggio, non esistevano ancora test affidabili per il SARS-Cov2 o Covid 19. E dato che al momento non ci sono ulteriori documenti, ne deriva che alla fine di Giugno siamo ancora nella situazione descritta dal documento EU: nessuna verifica o valutazione autonoma; prove di “Mismatch”, o corrispondenze sbagliate, delle sequenze geniche utilizzate; 78 (oggi anche di più) diversi test di cui non si sa nulla tranne il poco che dichiara il produttore; e un isolamento del virus originario molto problematico perché eseguito con le stesse metodologie non validate. Forse il problema è proprio questo: non esistendo il virus isolato, è impossibile validare qualsiasi test approntato per rilevarlo. I test-tampone sono stati il motore della pandemia per tutto il periodo metà Febbraio-metà Aprile 2020, e sono ora il motore della nuova patologia pandemica dell’asintomaticità. Se queste sono le basi giustificative della decisione di effettuare un lockdown universale, con conseguente distruzione dei sistemi economici, è chiaro che siamo qui di fronte a follia o pura criminalità.

CONCLUSIONI

  1. Come ipotizzavo io stesso e con dati che sono alla portata di tutti, non vi è alcuna prova scientifica circa l’esistenza del fantomatico SARS-COV-2 o COVID-19
  2. Nonostante ciò è in atto e a prescindere una vera e propria “riforma della medicina” (così la definisce Mastrangelo al minuto 58’ della suddetta intervista) che mira a trasformare il concetto stesso di salute, andando di fatto a conquistare nuove fette di mercato (e non solo).

Tutto ciò affonda le sue radici nel “Disease Mongering” o “Mercificazione della Malattia” che però fino ad oggi non aveva mai raggiunto tali livelli di espansione.

https://it.wikipedia.org/wiki/Disease_mongering

«Il nostro sogno è produrre farmaci per le persone sane. Questo ci permetterebbe di vendere a chiunque.»

(Henry Gadsen, Direttore Generale di Merck & Co. su Fortune 1977)

Standard
Antropologia, Attualità, Psicologia, Scienza, Tecnologia

IL CAPITALISMO DELLA SORVEGLIANZA SECONDO SHOSHANA ZUBOFF

Communication network of transportation. GUI (Graphical User Interface). HUD (Head up Display).

“L’esperienza umana è ormai materia prima gratuita che viene trasformata in dati comportamentali… e poi venduta come ‘prodotti di previsione’ in un nuovo mercato quello dei ‘mercati comportamentali a termine’ …..dove operano imprese desiderose solo di conoscere il nostro comportamento futuro”.

Frasi come questa si leggono nell’ultimo libro di Shoshana Zuboff The Age for Surveillance Capitalism. The Fight for a Human Future at the New Frontier of Power (Profile Books, 2019). Come dimostrano anche queste poche righe la penna è brillante e la capacità di coniare termini nuovi decisamente invidiabile. Soprattutto quei ‘mercati comportamentali a termine’ lascia quasi a bocca aperta. Questa ricerca semantica risponde, in realtà, a un preciso obiettivo. Zuboff si dice convinta che l’epoca che viviamo segni una rottura radicale con il passato e usare termini vecchi per denotarla finirebbe per offuscare la mancanza di precedenti (unprecedented) e le novità che abbiamo di fronte. E anche per questa epoca c’è un nome nuovo: capitalismo di sorveglianza. In realtà, il termine è nuovo ma non nuovissimo. Sembra che i primi ad usarlo siano stati J.Bellamy Foster e R.W. McChesney in un articolo comparso nel 2014 sulla storica Monthly Review. Nella lora accezione quella espressione denotava una sorta di insaziabile desiderio di dati derivante dalla progressiva finanziarizzazione dell’economia. Zuboff (normalmente presentata come sociologa, e già autrice di libri di successo come In the Age of the Smart Machine e The Support Economy) lo intende in modo molto diverso, come dimostrano anche le righe di apertura di questo articolo. Nel capitalismo di sorveglianza, per dirla in breve (e non è facile farlo, considerata la mole impressionante del libro che contiene anche qualche pagina non proprio indispensabile) ci si appropria di dati relativi agli umani comportamenti, quelli online ma anche quelli offline. Dopo accurata elaborazione questi dati sono in parte utilizzati per migliorare, genericamente, beni e servizi – dunque, in qualche modo a scopi socialmente utili. Ma per il residuo (anche qui un termine nuovo: behavioural surplus) confluiscono in quei ‘prodotti di previsione’ commerciati nei nuovi ‘mercati comportamentali a termine’. Coloro che si appropriano di quei dati e li elaborano accumulano così immense ricchezze. Ed è facile immaginare a chi si riferisca Zuboff: principalmente a Google, considerata l’artefice di questo nuovo capitalismo.
Il capitalismo di sorveglianza è devastante soprattutto perché – ecco un’altra espressione che non può passare inosservata – rischia di provocare la sparizione dell’umanità, intesa come modo umano di ragionare e di comportarsi, di cui l’autonomia e la dignità sono i tratti distintivi. Il capitalismo della sorveglienza, scrive Zuboff ricorrendo a un parallelo piuttosto terrificante, rischia di fare all’umanità quello che il capitalismo industriale ha fatto alla natura. Il capitalismo della sorveglianza si nutre, dunque, dello sfruttamento non del solo lavoro umano, come nella visione di Marx, ma della complessiva esperienza umana. E con esso si impone una nuova forma di potere che Zuboff, sempre allo scopo di rimarcare la novità del presente, chiama strumentale (instrumentarian). Questo potere permettere di conoscere il comportamento umano e di influenzarlo a vantaggio di altri. E la sua forza deriva non da armi o eserciti ma da un’architettura computazionale di
dispositivi intelligenti, di cose (Internet of Things) e spazi tra loro connessi.
Il capitalismo della sorveglianza va, dunque, combattuto non soltanto per ragioni antiche (è monopolistico, viola la privacy) ma anche, e soprattutto, perché riduce a merce i comportamenti umani e attraverso il loro commercio consente arricchimenti straordinari. Un capitalismo che non si accontenta “ di automatizzare i flussi di informazioni su di noi, ma mira a automatizzare noi stessi”.
Questa visione scintillante ed evocativa certamente coglie aspetti distintivi della nostra epoca. E suscita reazioni ‘forti’. Per rendersene conto basta visitare il sito di Goodreads e leggere qualcuno dei moltissimi commenti di lettori, in generale eruditi. E la lunghissima recensione critica di Morozov comparsa su The Baffler conferma che nel libro della Zuboff sono trattate numerose questioni meritevoli della massima attenzione.
Non potendo dar conto anche soltanto in minima parte dei temi trattati mi limiterò a formulare un paio di osservazioni ed a sollevare una questione un po’ analitica che mi sembra, però, densa di implicazioni per comprendere il presente, le sue specificità e anche il modo per fare fronte alle sue peggiori distorsioni.

La prima osservazione è che non è chiaro se il capitalismo della sorveglianza conviva e come con un altro capitalismo, più tradizionale. Per comprendere molti aspetti delle contemporaneità credo che possa essere di grande importanza concentrarsi sulla coesistenza tra il mondo che Zuboff include nel capitalismo della sorveglianza e quello che, con sintetica espressione, potremmo chiamare il capitalismo della produzione materiale. La seconda è che nel valutare il capitalismo di sorveglianza che mercifica l’esperienza umana sarebbe estremamente utile un confronto con pratiche di consumo che sembrano andare in direzione opposta e che tendono faticosamente a sopravvivere, con consumatori ben consapevoli e ai quali molti vorrebbero chiedere di più in termini di comportamenti di mercato diretti a raggiungere scopi sociali e non solo
soddisfazioni materiali immediate. Ciò chiama in causa il ruolo delle comunità nel capitalismo contemporaneo, un tema posto di recente da R. Rajan (The Third Pillar: How Markets and the State Leave the Community Behind, Penguin Press 2019).
Per venire alla questione più analitica, partirei da un’ovvia considerazione. Nel capitalismo della sorveglianza i problemi sorgono sia al momento della ‘raccolta’ dei dati sia al momento del loro ‘utilizzo’ nelle diverse forme possibili.
Il libro della Zuboff è molto ricco di informazioni sulle modalità con le quali i dati vengono acquisiti – online e offline – e sulle potenzialità, talvolta incredibili, di elaborarli per definire ‘tipi’ e comportamenti.
Naturalmente l’ottenimento di questi dati rozzi all’insaputa del consumatore è oggetto di critica e, a mio avviso giustamente, la possibilità che talvolta ha il consumatore di non consentire l’accesso ai dati non sembra essere considerata una soluzione del problema. Più in generale, si potrebbe dire, lo scambio tra gratuità dell’accesso alla rete e ‘appropriazione’ dei dati avviene con modalità che in ogni caso non garantiscono né una scelta consapevole, né la realizzazione dell’efficienza, visto che questa implica, secondo l’accezione comune, che vangano effettuati tutti e soltanto gli scambi che sono reciprocamente vantaggiosi. Qui si può dubitare che sia sempre soddisfatta la condizione del reciproco vantaggio. Infatti, non sappiamo se per il consumatore il beneficio che deriva dall’accesso alla rete corrisponda al costo (latu sensu) della ‘cessione’ ad altri dei suoi dati. Questo approccio ‘welfarista’ è, per comprensibili ragioni di competenza disciplinare, assente nel libro.
Ma il punto più complicato riguarda, a mio parere, l’utilizzo dei dati, e la loro trasformazione incomportamenti da vendere in quelli che Zuboff chiama “mercati comportamentali a termine”. Questo mercato fornisce gli incentivi alla raccolta e alla profilazione dei dati, dunque è essenziale. Si può considerare il perno del capitalismo della sorveglianza, perché da esso promana la forza che spinge a
‘sorvegliare’, una forza che si alimenta dei bassi costi da sopportare per raggiungere l’obiettivo e che rappresentano una novità del nostro tempo. I big data costano molto meno – almeno nelle odierne condizioni – degli studi psicologici che facevano da base ai tentativi di persuadere i consumatori.
A proposito di quel mercato, l’autrice chiarisce che non intende riferirsi soltanto alla vendita di profili utilizzabili per la pubblicità personalizzata online. Parla, un po’ genericamente, di “numerosi altri settori, comprese le assicurazioni, il commercio, la finanza e un sempre più ampio insieme di imprese di beni e servizi che intendono essere presenti in questi mercati nuovi e profittevoli”. E ricorda che le debolezze cognitive, che sono falle nella nostra razionalità e della quali dà conto la behavioural economics, possono essere più facilmente sfruttate una volta che si conoscano i dati comportamentali dei singoli individui.
Zuboff fornisce anche alcuni esempi che appaiono, però, piuttosto disomogenei: dalla possibilità di condizionare (conditioning) i comportamenti direttamente con le tecnologie (ad esempio bloccando l’auto di chi non paga l’assicurazione) a quella di influenzarli attraverso i ben noti effetti di contesto. Tanta varietà rischia di offuscare una delle nozioni essenziali dell’interpretazione della Zuboff e di mettere assieme comportamenti e circostanze molto diverse per le loro caratteristiche e per i loro effetti sulla libertà e sul benessere dei consumatori. La pregnanza dei ‘mercati comportamentali a termine’ non sembra emergere con la chiarezza che il ruolo assegnato ad essi sembrerebbe richiedere. In alcuni casi (ad esempio il conditioning) sembra sufficiente accedere a tecnologie in grado di bloccare determinati comportamenti senza necessità di avere un profilo completo dei consumatori. In altri sembra che il problema sia quello di massimizzare la capacità persuasiva della pubblicità. In altri ancora quello di manipolare i comportamenti anche modificando le preferenze e non solo le scelte. Al riguardo sembrerebbe utile riflettere sul significato di termini come ‘persuasione’ e ‘manipolazione’ e un buon punto di partenza a quest’ultimo riguardo potrebbe essere quanto sostiene C. Sunstein: “I manipolatori
tipicamente sfruttano l’ignoranza delle persone o le loro ‘debolezze’ comportamentali evitando di sollecitare la loro capacità di riflessione e deliberazione.” (On freedom, 2017).
L’indeterminatezza sulle caratteristiche di questi mercati emerge con chiarezza in vari punti e in particolare nella discussione del capitolo 3 dove, tra l’altro, si pone sullo stesso piano l’interesse di coloro che agiscono come acquirenti su quel mercato per acquisire “informazione probabilistica sul nostro
comportamento” o per conoscere le modalità per “influenzare il nostro comportamento”. E’ evidente che il secondo tipo di interesse può avere implicazioni molto diverse per la libertà e per il welfare. Essere informati sul nostro comportamento può servire anche a servire meglio le nostre preferenze. Non altrettanto può dirsi per il secondo tipo di interesse, che mira a produrre cambiamenti favorevoli a chi è in grado di indurli.
Il riconoscimento delle diverse implicazioni di questi due tipi di comportamento, ed una maggiore precisione al riguardo, potrebbero condurre a un giudizio più articolato (e meno di parte secondo alcuni critici) sul capitalismo di sorveglianza nonché più solidamente basato sui suoi veri eccessi e sulle sue reali distorsioni. Inoltre – e si tratta di un punto di rilievo sotto il profilo economico – permetterebbe di confrontare meglio a livello di sistema, e non del singolo operatore, i costi e i benefici di quel mercato.
Nulla sappiamo sui costi e i benefici complessivi di questi mercati e nulla potremo sapere se non precisiamo cosa accade sui mercati comportamentali a termine. Il problema è del tutto simile a quello che più di 60 anni fa, J.K. Galbraith pose nella sua Affluent Society, chiedendosi se i costi della pubblicità fossero giustificati da benefici sociali di almeno pari grandezza. Questa maggiore precisione servirebbe anche a acquisire più consapevolezza sui possibili scenari futuri e sulla loro diversa desiderabilità. Sulla direzione in cui muovere, Zuboff non dice molto. Sostiene che “ogni
vaccino inizia con un’attenta conoscenza della malattia nemica” e intende il suo libro come un contributo a questa conoscenza. Tutto ciò è estremamente importante, ma forse per conoscere ancora meglio la malattia nemica sarebbe stato di aiuto concedere maggiore spazio, nelle 700 pagine del volume, a qualche ‘distinguo’ in più.

FONTE

http://www.eticaeconomia.it

AUTORE

Maurizio Franzini

Standard
Curanderismo, Medicina, Psicologia, Ritualità, Salute, Sciamanesimo, Scienza, Spiritualità

KAMBO, IL VACCINO DELL’AMAZZONIA

phyllomedusa_bicolor-KAMBO

Kambo, l’ancestrale cura sciamanica nella foresta amazzonica chiamata anche “Sapo”. Per favorirne l’essiccazione, la sostanza gelatinosa della Phyllomedusa Bicolor (nome scientifico dell’anfibio verde amazzone delle Hylidae studiato per primo da Vittorio Erspamer, emerito scienziato di farmacologia all’Università della Sapienza di Roma) è stesa su una bacchetta di legno, poi chiusa in una foglia di bambù.

Questa secrezione viene somministrata secondo la farmacopea dei villaggi Matsés, gli indigeni sul Rio Galvez (Perù) che la applicano come un vaccino per innalzare il sistema immunitario in questo modo: vengono praticate delle piccole incisioni praticate con il fuoco (molti lo fanno con gli incensi) provocando piccoli fori sulla pelle, solitamente non più di cinque. La sostanza entra nel corpo attraverso il sistema linfatico: in un attimo il corpo è stravolto in un rito di purificazione e disintossicazione senza eguali. Un portento della natura, da maneggiare con cura. Tachicardia, sudorazione e vasodilatazione scandiscono il passaggio. Lo spurgo pare quello di una febbre. Infine l’espulsione: con l’evacuazione delle tossine, l’insidioso male fuoriesce dal corpo, improvvisamente più forte, tonico e resistente. Il tutto dura una ventina di minuti, più la ripresa che assomiglia a una rinascita.

La sudorazione invece, ha da sempre una funzione di energica sanificazione, rivitalizzazione cellulare con fuoriuscita di liquidi. Il Temazcal è una capanna di purificazione (molto diversa dalla comune sauna) presente nella cultura millenaria di molte tradizioni (Mushiboro giapponese, Banja russo, dagli eschimesi, messicani o gli indiani d’America, Aztechi-Toltechi). Il termine viene da Temaz (bagno) e Calli (casa): qui il tasso d’umidità è al 100% e la temperatura del corpo viene spinta sino a 40°. Il procedimento segue un rigido cerimoniale che punta sulla pelle, all’apertura dei pori attraverso il calore, per espellere dal corpo tossine, acido urico, lattico e colesterolo, stimolando ghiandole endocrine e sistema linfatico, oltre a offrire una potente centratura e lucidità mentale.

La purificazione, secondo i diversi rituali sciamanici, avviene comunque in una capanna (simbolicamente l’utero di nostra madre, da cui la rinascita), per lo più di legno, interamente ricoperta di teli e stoffe naturali per impedire ogni minimo passaggio d’aria e di luce. Nell’oscurità del buio, c’è la riscoperta dell’Io, il misterico Sé. Gli uomini sono in costume da bagno, le donne in gonna o pareo. Pietre laviche incandescenti (prelevate dai vulcani per riaccenderne la memoria) sono cosparse d’acqua, erbe officinali e incensi (aromaterapia) disposti in cerchio i cerimonieri scandiscono canti sacri (Icaros) seguendo l’associazione alchemica degli elementi primari: acqua, fuoco, terra e aria. Alla fine del passaggio (quattro porte, cioè per quattro volte la capanna viene aperta e richiusa per far entrare altre pietre vulcaniche, oltre al cambio d’ossigeno, in tutto un paio d’ore di azione) s’apprezza quel senso di leggerezza e pulizia nell’impagabile riunificazione in un’unità di fisico, mente e spirito. Nel centro Italia si pratica il Temazcal presso CasaAho di Roma (nella campagna di Lanuvio) e pure a Mompeo (Rieti) seguendo il percorso Lakota-Sioux (Inipi).

In libreria il testo del giornalista statunitense Peter Gorman (negli anni ’80 sdoganò la secrezione della rana verde dalla giungla in Occidente) “Kambo, il prodigioso vaccino della rana amazzonica e altre medicine della foresta” (edizioni Spazio Interiore) e del romano Giovanni Lattanzi (pioniere italiano, vive ad Amsterdam) ‘Kambo e Iboga, medicine sciamaniche in sinergia (ed. Bibliosofica)’ che associa Kambo e Iboga nel neologismo enteogeni, somministrandoli sui meridiani d’agopuntura della Medicina tradizionale cinese e sui punti di Riflessologia plantare e auricolare.

KAMBO E IBOGA, PREFAZIONE (Lella Antinozzi)

In quanto occidentali del terzo millennio, siamo abituati a considerare le medicine come prodotti in scatola provenienti da case farmaceutiche e comprate in farmacia, dimenticando che da sempre l’uomo ha potuto guarire i suoi mali accedendo al mondo della natura e al potere insito nel corpo di guarire sé stesso. E non solo gli indigeni delle foreste pluviali del pianeta, ma anche gli appartenenti alla nostra società. Non c’è bisogno di andare troppo indietro nel tempo per ricordare che fino agli anni cinquanta del Novecento i farmacisti erano in grado di fornire al pubblico i preparati del loro laboratorio e che curavano innanzitutto usando rimedi naturali. Non vorrei indugiare troppo sul tema spinoso della presa in gestione della nostra salute da parte delle multinazionali farmaceutiche, né desidero dilungarmi sul fatto che l’uso di medicine chimiche non sempre aiuta il nostro sistema psicofisico a guarire, ma di certo alimenta il foraggiamento di compagnie industriali per le quali il benessere umano sembra essere l’ultimo dei loro scopi. È oramai noto che l’uso sistematico e massiccio di medicinali chimici procura l’abbassamento del livello energetico del corpo nonché effetti collaterali anche gravi, come afferma la stessa pubblicità dei prodotti farmaceutici, comunicazione al pubblico obbligata per legge. Come del resto è obbligo imposto dalla legge anche quello di scrivere ‘il fumo uccide’ sui pacchetti di sigarette. Nonostante ciò, il grande pubblico continua a considerare questi prodotti come la panacea di tutti i mali, così come i fumatori continuano a fumare. Siamo dunque di fronte ad un potente condizionamento che ci ha convinto che l’unico modo per guarire sia quello di ricorrere all’uso di medicinali chimici non appena si presenta un sintomo. Un condizionamento, questo, che ci ha portato lontano dall’ascolto del nostro corpo e dai suoi segnali; una diseducazione martellante e progressiva che ci ha convinto che la maniera giusta di agire con il nostro corpo sia quella di bloccare sul nascere l’insorgenza di un sintomo senza indagare sulle sue cause più profonde; che ci ha fatto dimenticare quanto corpo e mente siano profondamente interrelati e quanto lo siano tutti gli esseri viventi. Un condizionamento infine – e non solo in questo campo – che si sta rivelando essere un’arma micidiale con la quale il potere sta riuscendo a pilotare una massa composta di miliardi di persone. È dunque necessario e urgente risvegliarsi a sè stessi per poter prendere in mano le redini della propria vita. Siamo in molti ad essere convinti che in questa straordinario periodo di grandi rivolgimenti, la risposta a chi cerca di intraprendere un percorso di conoscenza interiore, sia più celere, quasi immediata. In questa epoca è difatti sufficiente nutrire il desiderio di volere veramente cambiare, di volere veramente liberarsi dal senso di infelicità o insoddisfazione opprimenti, di volere veramente dare spazio alla propria percezione interiore, per mettere in moto una serie di situazioni ed eventi sincronici che ci portano esattamente lì dove volevamo arrivare. È necessario però che vi sia un reale desiderio di liberazione ed una reale e forte motivazione, elementi fondamentali per intraprendere un percorso di conoscenza interiore e di guarigione, ma che tuttavia non si possono dare per scontati, visto che per arrivare a nutrire una forte motivazione è necessario avere già scelto di non porsi come vittime di fronte alla vita, bensì come esseri umani consapevoli nonché responsabili del proprio destino e della propria vita. Accettare di assumersi la responsabilità della propria vita e di quanto in essa accade, non è cosa scontata né semplice, tuttavia è indispensabile. Senza aver compiuto consapevolmente questo passo, qualsiasi percorso intrapreso risulterà sterile. Non a caso sia Giovanni Lattanzi nei suoi scritti qui presentati, sia Sean Hamman e Steve Dyer nella lunga intervista di Stephen Gray inclusa in questo libro, sottolineano quanto sia importante che le persone che decidono di partecipare ad una cerimonia di Iboga lo facciano con una chiara e forte motivazione e con una piena accettazione del ‘principio di assunzione della responsabilità della propria vita’, CONDITIO SINE QUA NON di un serio e fruttuoso percorso interiore di conoscenza e guarigione. Perché è così importante? Prima di tutto perché un tale atteggiamento ci porta automaticamente al di fuori del ruolo di vittime, ovvero di persone che hanno dimenticato quanto l’essere umano sia potente, che hanno cioè abdicato al proprio potere conferendolo a qualcosa al di fuori di sé. Chi si pone come una vittima davanti alla vita infatti, tende ad addossare la responsabilità della propria infelicità al di fuori di sé. Non vi è alcun dubbio che le cose che ci accadono dipendono anche da eventi ‘esterni’, tuttavia è altrettanto certo che ponendoci come vittime di fronte agli eventi sfavorevoli, si perde la grande occasione di comprendere il motivo per cui essi ci accadono. Insomma, è una questione di ‘tenere il timone’ e di stabilire quindi l’unico punto fermo sul quale possiamo contare quando si intraprende un cammino di conoscenza e guarigione interiore: la realtà, la nostra realtà non è che uno specchio di quanto noi stessi mettiamo in atto. Se non decidiamo di assumerci la responsabilità di questo scomodo ma oramai innegabile fatto e di voler scoprire chi veramente siamo e da cosa veniamo mossi e/o guidati, rischiamo di delegare il nostro potere a qualcosa al di fuori di noi ciò che, in altri termini, equivale al rifiuto di uscire dall’utero materno. Chi ha compreso questa verità è inevitabilmente entrato in una condizione di apertura e di umiltà ed ha altresì capito che si tratta anche di una questione di rispetto per sé stessi. Se non siamo in grado di rispettare noi stessi non siamo neanche in grado di rispettare veramente gli altri esseri umani, gli esseri viventi, la terra che ci ospita. Mi sono dilungata su questo aspetto perché, come si evince dagli scritti qui presentati, l’approccio al Kambo e all’lboga non può prescindere prima di tutto dal rispetto per queste medicine, o meglio, come afferma più volte Giovanni Lattanzi, dal rispetto per lo Spirito di queste medicine. Ci troviamo difatti nel campo della medicina sciamanica, per la quale l’impiego di sostanze enteogene avviene nel contesto di specifiche cerimonie e rituali. Lo stesso termine ‘guarigione’ qui impiegato, non va inteso – nel senso della medicina occidentale – come guarigione da una patologia fisica, ma esclusivamente come guarigione spirituale, una guarigione più profonda che ha effetti su tutti i piani dell’essere umano, incluso quello fisico. Nel contesto sciamanico il piano fisico viene considerato come un ‘riflesso’ di un livello di energia che lo include e lo trascende e che non è accessibile tramite un approccio razionale perché è una dimensione che sconfina nel Mistero stesso della vita. Per non incorrere nell’equivoco dell’uso del termine ‘medicina’ nel senso della medicina occidentale, ovvero della medicina moderna a base scientifica, vale la pena ricordare che sia il Kambo che l’Iboga nel contesto delle tradizioni antichissime cui appartengono, vengono applicati a tutti, sani o malati che siano. Il temine ‘medicina’ che in questo libro viene impiegato sempre nel senso di ‘medicina sciamanica’, può essere reso anche con Sacramento, vale a dire un elemento naturale che in un determinato contesto religioso si ritiene detenga il potere di far accedere ad un’esperienza sacra. In questo senso sono Sacramenti sia il Kambo che l’Iboga che, nei loro contesti di origine, non vengono considerati come medicine utili per curare dei sintomi, ma come elementi naturali dotati di uno Spirito. Avere la possibilità di potervi accedere, in questa epoca e nel nostro mondo, è per tutti noi una grande fortuna e un grande privilegio. Grazie al lavoro svolto da veri e propri pionieri che si sono impegnati assiduamente nel portare in Occidente queste autentiche vie di guarigione, molte persone oggi, nelle nostre città, hanno la possibilità di avvalersi di validissimi alleati nel processo di guarigione interiore e di dare una sterzata verso una dimensione di apertura e positività. Per questo ritengo sia importante diffondere questo libro: è un valido aiuto per accedere alla conoscenza di due straordinari mezzi di guarigione. Allo stesso tempo, è un esempio di attuazione di una diversa modalità di vivere su questa terra, improntata sulla ‘ecologia del comportamento’, su un’ecologia, cioè, non solo riferita all’ambiente, ma anche e soprattutto, alla cura del proprio comportamento verso di sé e verso gli altri. Leggendo e rileggendo questo lavoro, del quale ho curato l’editing, mi è spesso venuto in mente un fatto che ritengo importante. Sono infatti convinta che molte persone reagiranno con ironia e sarcasmo davanti espressioni quali “lo Spirito della pianta mi ha comunicato che “ o simili diciture che sono senz’altro legate ad un mondo – animistico, sciamanico e via dicendo – che noi in quanto Occidentali siamo abituati a relegare in campi ben precisi: etnologia, antropologia, storia delle religioni, campi che si intendono o che è sottinteso vadano intesi come separati da noi, chiusi in compartimenti stagni che non ci toccano. Ebbene, credo che una delle particolarità di questo libro sia quella di testimoniare esattamente il contrario. Gli Occidentali del terzo millennio stanno soffocando sotto i diktat che ci stanno facendo guerra, a noi esseri umani, e stanno cercando in tutti i modi di snaturarci. Come dire, l’umanità, almeno una parte, è pronta a diventare robotica: al bando il sentire, il percepire, che sia soppresso il contatto con l’anima. Questo il diktat. Bene, c’è chi, come Giovanni Lattanzi, come chi scrive o come le centinaia di persone e studiosi citati in questo libro, c’è chi non ci pensa affatto a snaturarsi ma sta bensì lottando per ristabilire in noi, in quanto umani, quell’equilibrio e quella connessione con lo Spirito che in tutti i modi si sta cercando di recidere. Dunque questo libro rappresenta una testimonianza in fieri di una ricerca, di un procedere. Tuttavia, ritengo sia giusto dare a chi legge la possibilità di approfondire la ricerca, documentare le fonti, dimostrare da dove viene una determinata affermazione e perché. Da qui la presenza di note che hanno questo preciso scopo. Si tratta infatti di congiungere due mondi che fino ad ora sono rimasti separati, il mondo della scienza e quello della ricerca interiore. La separazione non aiuta mai nessuno e nulla, in generale. Credo che in questo caso si sia compiuto uno forzo per aprire i varchi e incontrare chi, dall’altra sponda, ha alla fine, le stesse esigenze di noi tutti, sentirci vivi, essere in grado di onorare la vita, di riconoscere la sacralità che questa porta in sé. Buona lettura.

KAMBO E IBOGA, INTRODUZIONE (Giovanni Lattanzi)

Questo libro tratta degli sviluppi che ho apportato alla somministrazione sia del Kambo che dell’Iboga e in particolare al loro uso combinato che è il leitmotiv di gran parte degli articoli, delle interviste, dei saggi che vi sono contenuti. Bisogna dire che la modalità di applicazione del Kambo comunemente conosciuta è quella usata dai Caboclos, i meticci che hanno imparato dai nativi dell’Amazzonia e che per primi hanno iniziato ad applicare il Kambo al di fuori del suo contesto tribale. Nel momento in cui essi hanno cominciato ad applicarlo alle popolazioni cittadine del Brasile, hanno anche apportato delle limitazioni al suo uso, tra queste, la regola di dare un’applicazione per ogni ciclo lunare. Oltre a questa modalità, mi sono ricollegato a quella dei cacciatori della foresta pluviale che è più intensiva. Questi cacciatori conoscono modalità di applicazione che prevedono diverse sessioni di Kambo in una stessa giornata o in diversi giorni di seguito. In aggiunta, ho messo a punto un’applicazione del Kambo sui Meridiani, sui punti della Riflessologia Plantare e Auricolare. Infine ho sviluppato una modalità che impiega l’energia femminile di questa medicina sciamanica, una modalità più delicata di lavorare con l’energia del Kambo ma comunque efficace. Quest’ultima si adatta bene a casi impegnativi: persone con forti resistenze e istanze di controllo o dotate di un campo energetico debole. È questa modalità che consiglio per l’autoapplicazione. Oltre a volersi rivolgere al vasto pubblico che in Occidente si sta avvicinando alle pratiche sciamaniche, questo libro è indirizzato a chi aspira ad applicare il Kambo ed a somministrare l’Iboga per professione oppure a chi già svolge un’attività spirituale e desidera inglobarvi il Kambo o la pratica del microdosaggio di Iboga, vale a dire a chi vuole sviluppare un lavoro di sinergia. Infine, si rivolge ad un pubblico più vasto, interessato all’universo sciamanico in relazione all’uso degli enteogeni in contesti religiosi e che desidera 1 comprendere come il loro studio abbia permesso di approfondire la conoscenza sulle potenzialità e la specificità del cervello umano. Il confronto tra gli effetti apportati dall’uso del Kambo, dell’Iboga e degli enteogeni in generale, il loro significato nelle tradizioni di appartenenza e gli studi sulle parti del cervello da questi attivate è uno dei fili che guidano questo libro. In questa prospettiva, il termine ‘enteogeno’ si discosta sia da quello di ‘stupefacente’ – termine giuridico senza alcuna valenza scientifica – che da quello di ‘psichedelico’ – termine che indica qualunque sostanza naturale o sintetica di tipo psicoattivo – in quanto si riferisce specificatamente a sostanze bioattive naturali usate in contesti religiosi. Una sostanza è bioattiva quando stimola l’attività dei recettori cerebrali e così facendo rafforza il campo elettromagnetico dell’individuo. Un intero capitolo è stato dedicato a Don Juan e Carlos Castaneda, come ulteriore contributo per comprendere l’universo sciamanico ‘dal di dentro’. Per amore di chiarezza vorrei informare i lettori che questo libro non va inteso come un incoraggiamento ad una sregolata e non guidata autosomministrazione di queste medicine sciamaniche. Il mio parere è che sia il Kambo che l’Iboga debbano essere offerti da facilitatori competenti e solo in un contesto rituale. Inoltre sono convinto che i due ambiti, quello dei facilitatori competenti e quello delle persone che ricevono le applicazioni – così come avviene nei contesti originari – debbano essere mantenuti separati. L’autoapplicazione del Kambo e dell’Iboga non portano molto lontano se la persona non ha ricevuto una previa, seria iniziazione. È opinione di molti che nei paesi occidentali ci sia un gran bisogno di ristabilire un equilibrio naturale messo a dura prova da alimentazione di bassa qualità, livelli sempre più elevati di stress, vita sedentaria, abuso di farmaci, stili di vita negativi quali per esempio l’uso compulsivo di internet – senza addentrarci nella questione della frantumazione del senso di appartenenza a famiglie Neologismo derivato dal greco antico e formato da ἔνθεος (entheos) e γενέσθαι (genesthai),  che letteralmente significa “che ha Dio al suo interno”, più liberamente tradotto: “divinamente ispirato”. allargate o comunità che per millenni hanno dato sostegno all’individuo nella sua crescita. Riguardo al deterioramento del livello energetico e del campo elettromagnetico degli abitanti umani di questo pianeta le statistiche parlano chiaro. Per fare solo degli esempi al numero uno nella lista delle cause che provocano morte negli USA ci sono i farmaci, in particolare la chemioterapia, seguita da morti per infarto e cancro. In America un cittadino medio consuma intorno ai 13 farmaci al giorno per tamponare sintomi di ogni sorta. I morti per uso attivo o passivo di sigarette nel mondo sono 5,5 milioni all’anno. La tossicodipendenza nelle sue molteplici forme è un fenomeno in espansione. Sempre più ci dobbiamo confrontare con un numero crescente di nuove malattie dovute ad un abbassamento generale del livello energetico degli individui che segnala come la manipolazione dell’ordine naturale a fini di lucro sia una strada suicida, un boomerang che una volta lanciato ci ritorna implacabilmente contro. La fiducia nel potere autoguarente del corpo e la consapevolezza del fatto che il corpo è abitato dallo Spirito o Intelligenza Superiore rappresentano la grande differenza tra un approccio spirituale alla guarigione e l’approccio dominante. Madre Natura ci ha ben equipaggiato per realizzare una vita sana senza l’uso di stampelle e per portare a compimento il nostro scopo spirituale su questa Terra. Questo è, tra l’altro, l’insegnamento dello Spirito del Kambo che non fa altro che attivare 8 recettori del cervello umano. I diversi peptidi che durante le sessioni di Kambo attivano un lavoro interno di rafforzamento e pulizia, sono presenti nel cervello e nell’intestino degli esseri umani così come nella secrezione della rana del Kambo, nostra antenata nella scala evolutiva. Chi è interessato a capire come funziona il Kambo deve comprendere che questa secrezione facilita un lavoro di autoguarigione tramite la disintossicazione del corpo. Una delle motivazioni che mi hanno spinto a scrivere questo libro è il bisogno di fare chiarezza sui facili fraintendimenti e pregiudizi che girano intorno al mondo degli enteogeni in generale e del Kambo e dell’Iboga in particolare. Gli enteogeni vengono facilmente bollati con etichette che sono in realtà dei clichè creati da paura, ignoranza o da interessi economici che preferirebbero relegare nell’ambito dell’illecito o del pericoloso tutto ciò che esce fuori dai tracciati dettati dalle leggi della politica e da un modo convenzionale di pensare. Per esempio, l’equazione tra enteogeni e le categorie di neurotossicità e tossicodipendenza viene spesso data per scontata senza verificare neppure di cosa stiamo parlando. Si tratta di accuse incongrue in quanto essendo bioattivi, gli enteogeni – tra i quali il Kambo e l’Iboga – permettono un completo funzionamento di importanti potenzialità cerebrali e non creano tolleranza bensì sensibilità, che è il suo esatto contrario. A detta di vari studiosi, l’Iboga permette un risettaggio nel cervello limbico, vale a dire ripara ciò che è stato danneggiato a livello emotivo. Si tratta quindi di una sinergia molto potente. In questo libro si mostra che Kambo e Iboga – così come altri enteogeni quali l’Ayahuasca – in molti modi possono essere di grande aiuto per la nostra società venendo a soddisfare l’esigenza umana di una profonda evoluzione spirituale e di benessere psicofisico. Non solo, tanto gli studi sui peptidi presenti nella secrezione del Kambo quanto quelli condotti sugli alcaloidi dell’Iboga stanno portando a importanti scoperte riguardanti il pieno funzionamento e lo sviluppo completo del cervello umano. Si dà spesso per scontato che usiamo il nostro cervello in maniera adeguata, ma sembra che a causa di condizionamenti culturali, paura ed ignoranza, l’uso delle potenzialità cerebrali sia minimo e largamente monopolizzato dalle istanze dell’ego. Strappare all’universo una piccola parte dei misteri riguardanti il cervello è di grande importanza per l’umanità perché solo quando ne conosciamo il funzionamento possiamo veramente prenderci cura di qualcosa. Come ha affermato il biochimico Viktor Mutt, gli importanti studi sui peptidi di Viktor Mutt (1923-1998) biochimico estone-svedese. Membro del Nobel Assembly del 2 Karolinska Institutet di Stoccolma per il conferimento dei premi Nobel in fisiologia e medicina, è stato uno dei più importanti biochimici dello scorso secolo effettuati dal professor Vittorio Erspamer – due volte candidato al premio Nobel per la Medicina da Rita Levi Montalcini – alla pari di altri nostri connazionali illustri quali Cristoforo Colombo e Amerigo Vespucci, hanno scoperto un nuovo continente di esplorazione per la ricerca scientifica. Allo stesso modo, gli studi condotti sull’alcaloide Ibogaina in applicazione a casi di sindrome da deficit di attenzione e iperattività e disturbo post traumatico da stress hanno portato lo psichiatra statunitense Carl Anderson alla importante scoperta del ‘sonno attivo’ che svolge una funzione autoregolativa della psiche umana e getta luce sul fenomeno sciamanico della cosiddetta ‘ricapitolazione’. Nel 2015 la tribù dei Matsés – una delle tribù della foresta amazzonica dalla quale ci proviene l’uso del Kambo – a testimonianza della ricca e precisa conoscenza delle proprietà delle piante della loro regione, ha redatto un’Enciclopedia di tutte le piante medicinali e le medicine sciamaniche che la foresta pluviale offre loro. Scritta in lingua pano, è a stretto uso della tribù stessa. Servirà a passare tutte le conoscenze dei Matsés alle nuove generazioni di curanderos e studiosi e tramite loro si spera a tutto il mondo. Intorno all’anno 2000, la situazione tra i Matsés era arrivata al punto che solo pochissimi sciamani facevano uso del Kambo. Nessuno di loro aveva apprendisti cui passare la tradizione. Ma ora la situazione sta cambiando, ci sono giovani che vengono istruiti alle antiche conoscenze di questa coraggiosa tribù.

Le tribù amazzoniche, come quelle africane che risiedono nella fascia centro occidentale del continente, lungi dal rappresentare una forma primitiva di sviluppo dell’umanità, custodiscono una vera e propria enciclopedia di conoscenze riguardanti un numero vastissimo di piante delle quali conoscono con precisione l’uso. Non è un caso che le loro conoscenze si stanno rivelando di grande aiuto, sia a livello spirituale che di ricerca scientifica, nel mondo cosiddetto evoluto.

 

 

Standard
Attualità, Medicina, Psicologia, Salute, Scienza

L’OSSESSIONE VACCINISTA DI BILL GATES

unnamed

Procuratore, ambientalista  intelligente, promotore di storiche campagne contro i vaccini contenenti mercurio  come sterilizzante,  Robert F. Kennedy Jr. , nipote dell’ex presidente John F. Kennedy, ha firmato un documentato atto d’accusa contro Bill Gates e la sua ossessione vaccinista e la sua sete “di controllo dittatoriale sulla politica sanitaria globale”.

“Grazie a una donazione di 1,2 miliardi di dollari e la promessa di sradicare la polio”, ricorda Kennedy jr. –, Gates ha preso il controllo del National Advisory Board (NAB) dell’India e ha imposto 50 vaccini contro la poliomielite (dai 5 che erano) a tutti i bambini prima dei 5 anni. I medici indiani accusano la campagna Gates di   aver causato una devastante epidemia di poliomielite che ha paralizzato 496.000 bambini tra il 2000 e il 2017. Nel 2017, il governo indiano ha terminato il regime di vaccini di Gates e sfrattato Gates e i suoi compari dal NAB. I tassi di paralisi della polio sono scesi precipitosamente.

Nel 2017 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dovuto riconoscere, con riluttanza, che l’esplosione mondiale di polio era “vaccine strain”; ossia era provocata dal ceppo contenuto nei vaccini – quindi dal programma vaccini sta di Gates.

“Le epidemie più spaventose che si sono verificate in Congo, nelle Filippine e in Afghanistan sono tutte legate ai vaccini di Gates. Ancora nel 2018, ¾ dei casi di poliomielite globale provenivano dai vaccini di Gates”.

“Nel 2014, la Gates Foundation ha finanziato test di vaccini sperimentali contro il papilloma umano (HPV), sviluppati da GSK e Merck, su 23.000 ragazze di  remote province indiane. Circa 1.200 hanno sofferto di gravi effetti collaterali, fra cui disturbi autoimmuni e della fertilità. Sette sono morte. Le indagini del governo indiano hanno accusato i ricercatori finanziati da Gates di aver commesso violazioni etiche intrusive e pervasive: facendo pressioni indebite le ragazze vulnerabili rurali ad accettare  la procedura,  opprimendo e  intimidendo i genitori, falsificando i moduli di consenso e rifiutando l’assistenza medica alle ragazze colpite. Il caso è ora davanti alla Corte suprema del paese”.

“Nel 2010, la Fondazione Gates ha finanziato uno studio sul vaccino sperimentale contro la malaria, prodotto da GSK, che ha ucciso 151 bambini africani e provocato gravi effetti avversi tra cui paralisi, convulsioni e convulsioni febbrili a 1.048 dei 5.049 bambini. ”

Robert Kenendy continua, anzi rincara: “Nel 2010 Gates s’è impegnato 10 miliardi di dollari all’OMS [lo annunciò durante il Forum di Davos di quell’anno, ndr.]  promettendo di ridurre la popolazione, in parte, attraverso nuovi vaccini. Un mese dopo Gates ha detto al talk show di Ted Talk che i nuovi vaccini ” potevano ridurre la popolazione “.

…Se lavoriamo bene con nuovi vaccini, sanitizzazione, servizi di salute riproduttiva, possiamo ridurre la popolazione del 10-15%”.

Nel 2014, l’Associazione dei medici cattolici del Kenya ha accusato l’OMS di sterilizzare chimicamente milioni di donne keniote contro la loro volontà con una falsa campagna vaccino contro il ” tetano “.   Laboratori indipendenti hanno trovato la formula di sterilità in ogni vaccino testato. Dopo aver negato le accuse, l’OMS ha finalmente ammesso di aver sviluppato i vaccini per sterilità da oltre un decennio.   Accuse simili provengono dalla Tanzania, dal Nicaragua, dal Messico e dalle Filippine.

Uno studio del 2017 (Morgensen et. Al. 2017) ha dimostrato che il popolare DTP [vaccino contro difterite, tetano e pertosse] dell’OMS sta uccidendo più africani delle malattie che fa finta di prevenire. Le ragazze vaccinate hanno subito 10 volte il tasso di morte dei bambini non vaccinati.

Gates e l’OMS si sono rifiutati di ricordare il vaccino letale che l’OMS inietta forzatamente a milioni di bambini africani ogni anno. I sostenitori globali della sanità pubblica in tutto il mondo accusano Gates di – dirottare i programmi dell’OMS lontano dai progetti che tentano di ridurre le malattie infettive con  acqua pulita, igiene, nutrizione e sviluppo economico. Dicono che abbia deviato le risorse dell’agenzia per servire il suo fetish personale – che la buona salute arriva solo in una siringa.

Oltre ad utilizzare le  sue donazioni filantropiche  per controllare l’OMS, UNICEF, GAVI e PATH, Gates finanziano aziende farmaceutiche private che manifatturano i vaccini e una massiccia rete di gruppi di facciata  dell’industria farmaceutica che trasmettono propaganda ingannevole, sviluppano studi fraudolenti, conducono operazioni di  sorveglianza e di pressioni  psicologiche contro  chi esprime dubbi sulle vaccinazioni  plurime, e usa il potere e il denaro di Gates per far tacere il dissenso e costringere alla conformità.

Nelle sue recenti apparizioni senza sosta, Gates sembra felice che la crisi Covid-19 gli darà l’opportunità di forzare i suoi programmi di vaccino del terzo mondo sui bambini americani.”

LA NEVROSI DEL DEMIURGO

Conclude Kennedy: “L’ossessione di Gates per i vaccini sembra alimentata dalla convinzione messianica di essere ordinato a salvare il mondo con la tecnologia e dalla sua disponibilità a sperimentare la vita di esseri umani inferiori, come un dio”.

Cancellato il ricordo di Dio dalle anime, e adottata come credenza comune la “religione dell’uomo che si fa dio”, in qualche misura tutti gli individui occidentali – in quanto si credono dio   –   finiscono per preoccuparsi nevroticamente di cose che un tempo si lasciavano all’Onnipotente e alla sua Provvidenza. Il clima cambia? Siamo stati noi umani! Bisogna raffreddare la Terra lanciando polveri schermanti nello spazio!  Bisogna ridurre la popolazione umana…E che sia dia ad ogni adolescente il diritto di scegliersi il sesso (scaduto a “genere”) con l’apposito farmaco – Leggi apposite dovranno liberare l’uomo dalla sofferenza terminale, i bambini andranno sottratti alle famiglie (che trasmettono tabù) e “liberati” sessualmente dalle assistenti sociali, le perversioni sessuali andranno sacralizzate con un “matrimonio”, e così via.

In questo mondo senza Dio, che affida alla tecnica i compiti del Creatore, è quasi ovvio che i supermiliardari ne assumano la guida: abituati ad esercitare la potenza assoluta dei miliardi  fra l’adorazione dei media, dei mercati e dell’opinione pubblica, la scambiano facilmente per onnipotenza.

Maurizio Blondet – 11 Aprile 2020

https://www.maurizioblondet.it

 

Standard
Attualità, Cronaca, Medicina, Psicologia, Salute, Scienza

ESISTONO I VIRUS? LA SENTENZA DELLA CORTE FEDERALE DI KARLSRUHE.

NewsCIGTAR

Nel “processo sul virus del morbillo” della durata di cinque anni, la Corte federale di giustizia di Karlsruhe del 1 ° dicembre 2016 ha confermato il giudizio sensazionale del Tribunale regionale superiore di Stoccarda il 16 febbraio 2016. A partire dal 1 ° dicembre 2016, la più alta giurisprudenza giudiziaria in Germania afferma che tutte le affermazioni riguardanti l’infezione del morbillo, le vaccinazioni contro il morbillo e il virus del morbillo non hanno basi scientifiche. La giustificazione per il verdetto confermato dal giudice include la chiara denominazione dei fatti che non solo confutano tutte le affermazioni riguardanti l’infezione del morbillo, le vaccinazioni contro il morbillo e il virus del morbillo, ma anche su tutti i cosiddetti “virus patogeni” e vaccinazioni. Ora il mondo sta aspettando un primo processo che porterà in questa sentenza della Corte Suprema che la vaccinazione obbligatoria, l’esclusione scolastica viene respinta un’interferenza con i diritti dei genitori o il diritto a una carriera gratuita, viene portato il riconoscimento del danno da vaccinazione o l’insostenibilità delle raccomandazioni statali sulla vaccinazione. Ciò può e dovrebbe – prima in Germania e poi a livello globale – portare all’ammissione di sviluppi indesiderabili in medicina e all’inizio di un’educazione scientifica, realmente scientifica, sulla salute pubblica. Le basi per tutto ciò sono state gettate.

Il 24 novembre 2011, avevo fissato un prezzo di € 100.000 per una pubblicazione scientifica in cui è dimostrata la presunta esistenza del “virus del morbillo”. Questa competizione ha innescato la “scommessa che non esiste un processo di virus del morbillo”. Il pregiudizio mediatico era enorme. Il tribunale “esigente”, il tribunale regionale (LG) di Ravensburg, è stato messo sotto pressione e il giudice che ha presieduto Matthias Schneider è andato nel panico.

Estendendo eccessivamente la legge e la legge e ignorando tutti i fatti presentati per iscritto, Richter Schneider ha emesso una cosiddetta sentenza del presidente il 12 marzo 2015, nella prima parte dell’audizione, prima che l’esperto fosse approvato e prima che la legalità richiedesse ulteriori passi in una procedura civile. Le sentenze del presidente sono sentenze senza il tempo necessario diversamente richiesto per la riflessione della corte e delle parti. Nel diritto civile, le sentenze del presidente possono essere emesse solo in questioni molto semplici e inequivocabili.

In questo modo, il tribunale del distretto di Ravensburg mi ha impedito di confutare tutte le dichiarazioni rese dall’esperto nominato dal tribunale nell’assunzione delle prove legalmente regolata in udienza, mediante la documentazione preparata, gli avvocati di cui il tribunale ha informato dell’introduzione. Questa confutazione fu quindi successiva e costosa solo nei procedimenti di appello dinanzi al Tribunale regionale superiore di Stoccarda. Se non fossi stato in grado di raccogliere e depositare le ingenti somme di denaro di oltre € 150.000 richieste per questo in un periodo di tempo molto breve, i procedimenti di appello e il caso dinanzi alla Corte federale di giustizia non sarebbero avvenuti. È difficile arrivare in Germania senza un sacco di soldi.

Con la “sentenza della sedia” simile a una rapina, l’LG Ravensburg ha impedito la possibilità: “Le parti stanno discutendo in modo controverso sul risultato delle prove”, come è erroneamente affermato nel verbale del processo, senza che siano state prese e concluse prove adeguate e senza che sia stata ascoltata la causa in giudizio è stato. L’avvocato ha asserito un insulto, motivo per cui dovrei pagargli 492,54 € più interessi senza che il presunto insulto venga determinato e processato dal tribunale. Con il panico, inammissibile sentenza del presidente – il valutatore e il relatore della corte hanno posto le domande decisive e confutanti durante l’indagine – il giudice Schneider ha impedito.

Per precauzione, il giudice Matthias Schneider, all’inizio del processo, mi ha vietato di poter porre domande all’esperto stesso. Il giudice sapeva che ho pubblicato scientificamente competenze nel campo della virologia da negoziare e che il giudice non specialista non ha competenze pubblicate scientificamente nel campo della virologia.

Il giudice mi ha ordinato di pagare il montepremi sospeso di € 100.000, insieme a interessi elevati, insieme a tutte le spese e gli alti costi di valutazione. Il giudice ha anche stabilito che l’avvocato può richiedere queste somme anche se faccio appello. L’avvocato lo ha fatto immediatamente e con il massimo sforzo possibile. Ha persino richiesto un mandato di arresto e ha dichiarato pubblicamente che avrebbe avuto effetto. L’avvocato stesso non ha fornito la sicurezza richiesta dalla legge per richiedere un giudizio provvisoriamente esecutivo.

Questo “grave errore di valutazione” del tribunale distrettuale di Ravensburg è stato annullato il 16 febbraio 2016 a causa del mio appello riuscito del Tribunale regionale superiore di Stoccarda. Ad oggi (28.2.2017: al momento della stampa) l’avvocato non ha rilasciato i 121.000 € da me pagati e non ha pagato le spese per l’avvocato, il tribunale e gli esperti, sebbene la sentenza dell’OLG (Oberlandesgericht Stuttgart) del 16.2.2016 con la decisione del BGH di L’1.12.2016 è diventato definitivo.

COMPITO DIFFICILE PER IL TRIBUNALE REGIONALE SUPERIORE DI STOCCARDA

Il Tribunale regionale superiore di Stoccarda, che ha “pienamente” accolto il mio appello, ha avuto un compito difficile. Con la mia assoluzione, come ha fatto l’OLG a migliorare la reputazione della magistratura, quella dei miei colleghi di Ravensburg, quella dell’esperto nominato dal tribunale, il Prof. Dr. Dr. Andreas Podbielski e soprattutto quello della prof. Annette Mankertz del Robert Koch Institute (RKI) Con il giudizio, l’OLG di Stoccarda ha cercato di proteggere tutti i soggetti coinvolti, tranne l’avvocato, il dottor Dr. Med. Bardens, che sentì il disagio concentrato della corte.

La corte ha provato l’atto di bilanciamento e ha scritto la storia del mondo. Smascherò elegantemente, ora legalmente efficace, l’incredulità nel “virus del morbillo”, la trasferibilità del “morbillo” e la possibilità e l’efficacia della cosiddetta “vaccinazione contro il morbillo”. Non tra le righe, ma nelle linee del giudizio leggi i fatti secondo cui tutte le affermazioni su tutti i virus patogeni sono state confutate.

Il Tribunale regionale superiore di Stoccarda ha avuto diversi problemi con i fatti presentati nel formulare la sentenza. Alcuni hanno provato a neutralizzarlo legalmente, altri lo hanno semplicemente messo nella stanza senza commenti, senza giudicarlo legalmente. Ad esempio, tutte le dichiarazioni scritte e orali fatte dal giudice, il Prof. Podbielski, su cui si basa l’intera procedura, sono evidentemente e dimostrabilmente errate. [1]

Nel mio appello, ho confutato tutte le dichiarazioni del giudice. La nomina comprendeva anche cinque pareri di esperti, ognuno dei quali confuta le dichiarazioni del Prof. Podbielski. Il quarto rapporto conferma che il Prof. Podbielski, in quanto mero batteriologo, non ha alcuna competenza pratica e pubblicata nel campo della virologia. Non avrebbe mai dovuto essere usato come perito.

Un altro problema per i giudici dell’OLG, che erano preparati in modo ottimale per la procedura ed erano ovviamente rilassati, era: la contro-prova scientifica delle affermazioni sull’esistenza del “virus del morbillo” sotto forma del quinto rapporto. Questa relazione smentisce chiaramente tutte le affermazioni esistenti sull’esistenza di un “virus del morbillo”. Per questo mi riferisco alla quinta relazione nell’impugnazione, alla relazione di contro-prova e alle mie spiegazioni in questo numero n. 2/2017 di WissenschaffePlus.

Un grosso problema che l’OLG Stuttgart ha cercato di risolvere invano rimarrà in tribunale in futuro. È il fatto che l’esperto pro-virus, il prof. Podbielski, si è smentito nel processo presso il tribunale distrettuale di Ravensburg. Nel fuoco incrociato delle domande del giudice segnalante Dr. Ha ammesso ad Anna-Maria Brutscher che le sue precedenti dichiarazioni scritte e centrali sul “virus del morbillo” sono sbagliate. Questa confutazione centrale e giudizialmente registrata dell’esperto da solo è stata soppressa dall’OLG Stuttgart nel giudizio, proprio come l’LG Ravensburg.

Questa importante e unica vera dichiarazione di fatto del Prof. Podbielski nel verbale dell’udienza del 12 marzo 2015 non è stata rimossa o modificata. L’OLG Stuttgart ha dovuto sopprimere questo fatto al fine di proteggere l’esperto e il tribunale distrettuale di Ravensburg da possibili conseguenze negative, sebbene questa “confutazione dell’esperto da solo” sia ripetutamente, esplicitamente e inequivocabilmente dichiarata nel ricorso “ammissibile”.

Una mossa brillante da parte della corte, tuttavia, è stata il modo in cui il Robert Koch Institute (RKI) ha gestito la confutazione più concreta delle affermazioni sull’esistenza del “virus del morbillo”. L’RKI, la più alta autorità statale e scientifica nel campo delle affermazioni sull’infezione, ha confutato tutte le affermazioni sul “virus del morbillo” con un documento introdotto nella procedura. L’RKI nella persona del Prof. Dr. Annette Mankertz, capo dell’Istituto nazionale di riferimento per il morbillo presso la RKI, ha anche confutato le precedenti dichiarazioni delle agenzie governative secondo cui le “vaccinazioni contro il morbillo” sono ben tollerate e non hanno effetti collaterali (vedi sotto).

L’esperto, il prof. Podbielski, ha confutato non solo le affermazioni sull’esistenza del “virus del morbillo”, ma anche le presunte prove “scientifiche” di tutti i “virus che causano malattie” (vedi sotto) con le sue dichiarazioni sul suddetto documento della RKI. L’OLG Stuttgart ha deciso di menzionare questi fatti, ma non di valutarli e di non usarli. La corte sperava che nessuno avrebbe letto il verdetto. Come distrazione, il tribunale ha accusato i media di blocchi legalmente irrilevanti e di dimensioni ridotte che sono stati ingoiati e riprodotti non digeriti dopo la fine del processo.

EVENTI DEL 16 FEBBRAIO 2016 DAVANTI ALL’OLG DI STOCCARDA

Cose interessanti sono accadute il 16 febbraio 2016 presso il Tribunale regionale superiore di Stoccarda, che i media non hanno riferito. All’inizio del processo, il giudice presiedente Karl-Heinz Oleschkewitz ha criticato l’avvocato per essere estremamente irresponsabile nel portare l’azione e mantenerla. Il tribunale ha ordinato l’avvocato, il dottor Dr. med. David Bardens di Homburg afferma di non aver letto le sei pubblicazioni che dovrebbero contenere la prova del “virus del morbillo” e che ha nominato davanti al tribunale distrettuale di Ravensburg come prova dell’esistenza del virus del morbillo. Bardens ha confessato.

Nella giustificazione scritta della sentenza, che l’OLG Stuttgart ha pubblicato sul suo sito Web su Internet, [2] la corte ha fatto un ulteriore passo avanti. Il punto 30 della sentenza afferma che l’avvocato non ha presentato le sei pubblicazioni al tribunale regionale di Ravensburg, che mi ha condannato. La motivazione per questo da parte del Dr. Bardens: il tribunale più esigente non avrebbe dovuto essere in grado di esaminare il laicato, di cui mi sono lamentato ed è interessato da chiunque sia interessato, che, se solo li guardi, estremamente poco scientifico e mancanza di contenuto nelle sei pubblicazioni “prove”.

Il Tribunale di primo grado, il tribunale distrettuale di Ravensburg, mi ha effettivamente condannato senza avere le prove a portata di mano nel procedimento. Il tribunale regionale di Ravensburg è stato in grado di condannarmi su questa base ignorando deliberatamente le sei pubblicazioni. Pertanto, contrariamente alle mie dichiarazioni fattuali fatte per iscritto, il tribunale è stato in grado di affermare che queste sei pubblicazioni, che possono essere riconosciute da qualsiasi laico estremamente estremamente scientifiche, sono “scientifiche” senza rilasciare dichiarazioni false. La corte lo lasciò all’esperto che aveva nominato, il prof. Podbielski. Questa squadra di tribunali ed esperti si sono valutati con i loro nomi in modo insolito nel traffico interno di posta elettronica, che mi sono imbattuto per caso.

Alla fine della mia udienza presso il tribunale regionale superiore di Stoccarda il 16 febbraio 2016, il giudice presidente Oleschkewitz ha dato all’avvocato Dr. Bardens un’altra cosa sulla strada: il tribunale aveva deciso con tre giudici 3: 0 contro di lui. Questa è una novità nella storia giuridica tedesca. Un tribunale non ha mai dimostrato pubblicamente se ha deciso 3: 0, 0: 3, 2: 1 o 1: 2. Questa emotività del giudice non sorprende quando si è letto l’argomento e si diventa consapevoli delle dimensioni degli sviluppi indesiderati medici. Da un punto di vista biologico, non sorprende che la voce del giudice che presiede non abbia letto il giudizio. È andato “in soluzione”.

IL GIUDICE È RIMASTO SCONVOLTO

Nonostante questa chiara indicazione da parte del giudice che presiede che il caso “chiaro” debba essere lasciato in piedi, nonostante l’ovvia natura della strategia dell’OLG per proteggere le parti coinvolte, l’avvocato ha preso di nuovo in mano decine di migliaia di euro e ha avuto uno studio legale esclusivo che ha esaminato se fosse in grado di giudicare del Tribunale regionale superiore di Stoccarda dalla Corte di giustizia federale (BGH).

Ha rischiato quello che il giudice alla presidenza dell’OLG ha cercato di impedirgli di fare, che sono stati discussi i “peccati” dei giudici della corte distrettuale di Ravensburg, l’esperto, il prof. Podbielski e forse anche quelli dei giudici dell’OLG di Stoccarda presso il BGH. Dr. Bardens, l’unico giovane medico al mondo con la propria voce su Wikipedia, conosceva tutte le confutazioni scientifiche, le confutazioni dei quattro contro-rapporti, la confutazione dello stesso revisore, la confutazione delle affermazioni del “virus del morbillo” da parte della RKI e la confutazione di tutte le affermazioni del “virus del morbillo” dalla convincente, reciprocamente ovvia contro-evidenza genetica del quinto rapporto. I “geni” del “virus del morbillo” sono in realtà i “geni” del normale.

Lo studio legale ha accettato volentieri i suoi soldi, formulato in modo apatico ma verbale, falso e vuoto di contenuti per ottenere nuovamente il processo “scommessa che il virus del morbillo non esiste” presso il BGH. L’avvocato Dr. Nella sua denuncia al BGH, Bardens ha affermato che ero un pericolo per la salute pubblica, che il Tribunale regionale superiore di Stoccarda aveva violato i suoi diritti fondamentali nell’udienza del 16 febbraio 2016 e che il caso era di fondamentale importanza per l’ulteriore formazione della legge.

La Corte Federale di Giustizia (BGH) ha respinto le dichiarazioni false del querelante il 1 ° Dicembre 2016 con parole chiare. Il BGH ha giustificato il rifiuto con le seguenti parole:

“Il 1 ° Senato Civile della Corte Federale di Giustizia il 1 ° dicembre 2016 dal giudice presiedente, Prof. Dr. Büscher, i giudici, Prof. Dr. Schaffert, Dr. Kirchoff, Prof. Dr. Koch e Feddersen hanno deciso: il reclamo del querelante contro la non ammissione della revisione nella sentenza del Tribunale regionale superiore di Stoccarda – 12 ° Senato civile – del 16 febbraio 2016 è stato respinto perché il caso non ha alcun significato fondamentale, e le denunce basate sulla violazione dei diritti procedurali fondamentali non lo sono applicare e l’ulteriore formazione della legge o la garanzia di una giurisprudenza uniforme non richiedono una decisione del tribunale di revisione per il resto (§ 543 paragrafo 2 frase 1 ZPO). Una giustificazione più dettagliata è esonerata in conformità con la Sezione 544 (4) frase 2 mezza frase 2 ZPO.

L’avvocato sostiene le spese della procedura di reclamo (§ 97 Abs. 1 ZPO). [3]

La sentenza dell’OLG di Stoccarda del 16 febbraio 2016 e le sue dichiarazioni dal 1 ° dicembre 2016 sono quindi diventate definitive e parte integrante della giurisprudenza tedesca confermata dalla Corte suprema.

IL CONTENUTO PRINCIPALE DELLA SENTENZA SCRITTA DELL’OLG DI STOCCARDA DEL 16 FEBBRAIO 2016

Ai sensi del punto 122 della sentenza, la Corte regionale superiore giunge alla conclusione che il mio appello ha avuto successo perché “il richiedente non ha dimostrato l’esistenza del virus del morbillo attraverso una pubblicazione scientifica” si è riferito all’esperto nominato dal tribunale, il prof. Podbielski, che ha testimoniato per iscritto al tribunale di primo grado e ha dichiarato verbalmente che nessuno dei sei del Dott. Le pubblicazioni presentate da Bardens contengono prove dell’esistenza del “virus del morbillo”.

L’esperto spiega l’esistenza del presunto “virus del morbillo” a pagina 27 della sua relazione degli esperti del 17 novembre 2014:

“Tuttavia, il valore informativo di un singolo dei 6 articoli non è sufficiente, ma le dichiarazioni dalle combinazioni dei 6 articoli sono necessarie per l’evidenza.” [4]

Per motivi legali, logici e scientifici, l’OLG di Stoccarda ha rifiutato e all’unanimità, 3: 0, che l’evidenza della presunta esistenza del virus del morbillo “richiede le dichiarazioni delle combinazioni dei 6 articoli per l’evidenza”.

Il costrutto del prof. Podbielski, di trasformare sei non-prove in prove scientifiche, che la corte regionale di Ravensburg ha seguito, è respinto dalla corte d’appello con motivazioni dettagliate ai punti 82, 85 e 86 della sentenza scritta. Pertanto, è stato stabilito dalla corte ed è ora la giurisprudenza tedesca, di cui non si può più dubitare che nessuna delle sei pubblicazioni contenga prove dell’esistenza del “virus del morbillo”.

DUE COSE CRUCIALI

È stata giurisprudenza tedesca che la prima pubblicazione nel processo del virus del morbillo, la pubblicazione del premio Nobel, John Franklin Enders e dei suoi colleghi del 1954, non è la prova della presunta esistenza del sospetto “virus del morbillo”.

Ciò che rende questo fatto così importante è, in primo luogo, che questa pubblicazione è l’unica ed esclusiva base per tutte le altre circa 30.000 pubblicazioni “scientifiche” sull’argomento “virus del morbillo”, “infezione” del morbillo e “vaccinazione” contro il morbillo , Tutte le dichiarazioni sul “virus del morbillo”, sulla trasferibilità della vaccinazione contro il morbillo e il morbillo si basano esclusivamente e solo su questa pubblicazione. Ora quella giurisprudenza è questa. Se la pubblicazione non contiene alcuna prova della presunta esistenza del presunto virus del morbillo, è certo che la base per tutte le 30.000 pubblicazioni specializzate su questi argomenti è stata ritirata.

In questa pubblicazione centrale, Enders afferma che le cellule nella provetta con o senza presunta “infezione” muoiono a causa di sospetti “virus del morbillo” nella saliva o nel sangue dei malati. In questo lavoro conclude che la morte delle cellule potrebbe essere la prova della presenza e della moltiplicazione del sospetto virus del morbillo o dell’azione di fattori sconosciuti o dell’azione di virus sconosciuti nelle cellule stesse. Enders ammette anche in questo lavoro che i suoi esperimenti con le cellule in una provetta non potevano avere nulla a che fare con il vero morbillo nell’uomo. [6]

Alla fine del 1954, Enders ricevette il premio Nobel per la medicina per tali speculazioni. Lui e i suoi colleghi dimenticarono le proprie confutazioni e dubbi – la fine di tutta la scienza – e affermarono che esattamente questa procedura del 1954 avrebbe aumentato il virus del morbillo e allo stesso tempo sarebbe stata la base di tutto il futuro sviluppo del vaccino. È rimasto così fino ad oggi. Il suo protocollo di questa pubblicazione del 1954 è ancora oggi utilizzato per presumibilmente moltiplicare il virus del morbillo e utilizzare le cellule morenti come vaccino.

In realtà, sotto l’influenza del Premio Nobel, Enders e i suoi colleghi, e di conseguenza tutti i virologi fino ad oggi, hanno trascurato il fatto che affamano e avvelenano le cellule inavvertitamente prima che inizi l’attuale “esperimento di infezione”. I componenti cellulari sono stati isolati dalla miscela di cellule morenti, mai un “virus”. Secondo un modello elaborato di come dovrebbe apparire un virus, i componenti cellulari trovati sono stati assegnati mentalmente – non di fatto – al modello del virus in un processo di costruzione del consenso lungo un anno. Questi “virus” non appaiono da nessuna parte nella realtà. I componenti cellulari tipici, come i piedini adesivi della cellula, chiamati Villi, sono stati erroneamente interpretati come “virus” nelle immagini trasversali.

Il vaccino contro il morbillo, che si dice sia costituito da “virus del morbillo vivo” indeboliti, è costituito esclusivamente da cellule affamate e avvelenate. Poiché le vaccinazioni hanno lo scopo di produrre reazioni contro le proteine ​​vaccinate, è stato chiarito il motivo per cui la vaccinazione contro il morbillo in particolare provoca un danno significativamente maggiore al vaccino sotto forma di reazioni allergiche da lievi a gravi e – nel migliore senso scientificamente provato – anche l’autismo. [7]

Enders non ha eseguito test di controllo per determinare facilmente se un virus o la fame e l’avvelenamento fossero la causa della morte cellulare. Fino ad ora, non sono stati realizzati dalla “scienza”. Abbiamo effettuato questi test di controllo nell’ambito del “processo del virus del morbillo”. I risultati dimostrano che le condizioni stabilite da Enders nel 1954, la fame e l’avvelenamento delle cellule, portano alla morte cellulare senza che si verifichi una “infezione”. Nel prossimo numero di WissenschaffePlus documenteremo questi tentativi di controllo e i risultati.

In secondo luogo, è importante nella giurisprudenza OLG / BGH sul “virus del morbillo” che oggi tutti i “virus patogeni” vengono “rilevati usando il metodo introdotto da Enders nel 1954”. Questo metodo, che Enders descrisse a metà del 1954 La speculazione da osservare con “estrema cautela” divenne, dal Premio Nobel di Enders il 10 dicembre 1954, il “fatto scientifico” e il modello e lo standard per tutti gli attuali metodi di rilevazione di “virus che causano malattie”.

Il 16 febbraio 2016, l’OLG Stuttgart non solo ha scritto la storia mondiale sul “virus del morbillo”, ma ha anche confutato la “natura scientifica” delle affermazioni sull’esistenza di tutti i “virus che causano malattie” e la significatività delle vaccinazioni “protettive”.

A partire dall’annuncio della validità legale della sentenza OLG di Stoccarda del 16 febbraio 2016 da parte della Corte Federale di Giustizia il 1 ° dicembre 2016, tutte le “vaccinazioni contro il morbillo” e le misure coercitive in questo senso sono illegali. Le vaccinazioni del morbillo di per sé e tutte le relative misure restrittive sono vietate dal 1 ° Dicembre 2016, poiché non possono più essere giustificate e possono essere perseguite per interferenza nei diritti fondamentali di integrità fisica e vita, istruzione, diritti dei genitori e libera scelta della professione. Per quanto riguarda tutti gli altri “virus che causano malattie” e le loro vaccinazioni, la validità giuridica di questi fatti deve essere determinata mediante un’ulteriore decisione o giudizio.

CONFUTAZIONE DEL “VIRUS DEL MORBILLO” E CONFUTAZIONE DELLA PRESUNTA INNOCUITÀ DELLA VACCINAZIONE CONTRO IL MORBILLO DA PARTE DEL PROF. DR. ANNETTE MANKERTZ DEL ROBERT KOCH INSTITUTE (RKI)

La competizione “scommessa che il virus del morbillo non esiste” [8] ha già ottenuto il successo desiderato nel 2012. Nel concorso, il fatto importantissimo che abbiamo elaborato dal 1995 e documentato nei nostri libri e nella rivista è chiamato: L’RKI, la massima autorità scientifica nominata dal governo federale nel campo delle teorie dell’infezione e della vaccinazione, e il più alto federale e Le autorità sanitarie statali fanno tutte le affermazioni su infezioni e vaccinazioni senza alcuna base scientificamente pubblicata.

Le indagini avviate dalla competizione e il corso della denuncia, che è stato anche mostrato nella competizione, hanno fornito le prove desiderate, previste e precedentemente fornite. I top manager responsabili nel sistema sanitario agiscono deliberatamente e contro una migliore conoscenza delle indicazioni di infezione e delle vaccinazioni. Prof. Dr. Annette Mankertz, capo del National Reference Institute presso la RKI, ha ammesso a seguito delle indagini relative al virus del morbillo, questo fatto essenziale, che abbiamo nominato e di cui ci siamo lamentati dal 1995: la RKI avrebbe condotto studi interni sul “virus del morbillo”, questo sarà fatto ma, contrariamente al chiaro obbligo dell’RKI di pubblicare tutte le indagini, non è stato rilasciato.

Il dipartimento legale della RKI, l’allora capo della RKI, il suo supervisore presso il Ministero federale della sanità, il ministro federale della Sanità e la commissione per le petizioni del Bundestag tedesco hanno rifiutato di agire in modo responsabile nonostante i reclami e le richieste, di obbedire alla legge e alla legge e di garantire che la RKI effettuasse studi scientifici e lo ha pubblicato.

Il motivo del rifiuto di eseguire e pubblicare studi sul “virus del morbillo” è emerso chiaramente dall’ammissione della RKI il 24 gennaio 2012. Questo documento smentisce l’esistenza del virus del morbillo e afferma che la vaccinazione contro il morbillo è sicura ed efficace. L’RKI scrive:

“I virus del morbillo, come altri Paramyxovirus, non hanno dimensioni precise, nessun diametro preciso: misurano da 120 a 400 nm di diametro e spesso contengono anche ribosomi all’interno”. [9]

I “ribosomi” sono le fabbriche della cellula che gli esseri umani, gli animali e le piante usano per produrre le loro proteine. Poiché il “virus del morbillo” è definito dal fatto che non contiene alcun “ribosoma”, questa ammissione da parte della RKI ha confutato tutte le affermazioni sull’esistenza del virus del morbillo! Ancora di più: l’RKI ha ammesso che funziona con normali componenti della vita e delle cellule invece di “virus del morbillo”. Inoltre, l’RKI ha fornito prove del perché in particolare la vaccinazione contro il morbillo, prima di tutte le altre vaccinazioni standard, produce il più alto tasso di danno da vaccino sotto forma di allergie e reazioni autoimmuni.

Le sostanze ausiliarie contenute in tutti i vaccini (i cosiddetti adiuvati, in effetti potenti neurotossine) hanno lo scopo di stimolare le reazioni immunitarie contro i presunti virus. In effetti, il corpo sviluppa reazioni immunitarie, ma invece delle presunte reazioni utili, reazioni immunitarie “auto” allergiche contro se stesso perché la vaccinazione contro il morbillo impianta proteine ​​tipiche del corpo anziché un corpo “estraneo”.

Nonostante questo fatto evidente, l’RKI è rimasto inattivo fino ad oggi e non ne ha informato il pubblico o il pubblico specializzato. L’RKI ha quindi violato i suoi obblighi legali di protezione della salute della popolazione e di tenere lontano i danni dalle persone.

Il tribunale regionale di Ravensburg e il tribunale regionale superiore di Stoccarda hanno ignorato le mie dichiarazioni scritte e orali di fatto al riguardo nel “processo del virus del morbillo”. Allo stesso modo, entrambi i tribunali hanno ignorato le mie richieste scritte di invitare il Prof. Mankertz dall’RKI come testimone senza rispondere per iscritto o oralmente. Ciò ha un grande peso, poiché l’RKI ha annunciato nel processo che le vaccinazioni contro il morbillo stanno mettendo in pericolo la salute della popolazione e, sulla base della mera raccomandazione per la vaccinazione contro il morbillo, sono scientificamente e legalmente inammissibili nel diritto fondamentale delle persone alla vita e all’integrità fisica ai sensi dell’articolo 2, la frase 2 della Legge fondamentale è interferita.

In relazione all’accertamento del virus ribosoma-in-morbillo della RKI, l’OLG sostiene al punto 117 della sentenza, che “non era stato chiarito se i ribosomi non fossero stati trovati nel virus del morbillo all’RKI e che ciò escludesse la proprietà come virus.”

La corte spera chiaramente che i lettori credano alla corte che la “tesi ribosoma” è stata risolta e invalidata dalla corte. In effetti, questa designazione fattuale della RKI non è stata chiarita e non è stata perseguita. La prova: anche dopo il 16 febbraio 2016 le vaccinazioni contro il morbillo “contro” vengono vaccinate decine di diverse malattie della pelle, ma vengono diagnosticate come morbillo solo se la persona colpita reagisce positivamente nel “test del virus del morbillo”. A seconda di come sono impostate queste diverse procedure di test del “virus del morbillo”, poche, molte o tutte le persone con questo test sono “positive”, indipendentemente dal fatto che siano sane o malate. [10]

Abbiamo raggiunto un piccolo obiettivo: attraverso il reclamo del dottore, il Dott. Med. Bardens e il “processo del virus del morbillo” iniziato a seguito di questo fatto sono diventati noti a un gran numero di cittadini e responsabili. Il processo ha ricevuto enormi rapporti nazionali e globali. Siamo certi di aver raggiunto un altro obiettivo: siamo il Dr. David Bardens è grato che questo successo congiunto abbia impedito ai politici di introdurre la vaccinazione obbligatoria per la vaccinazione contro il morbillo particolarmente rischiosa.

LA CONFUTAZIONE DELL’INTERA VIROLOGIA E DELL’ESPERTO PROF. DR. ANDREAS PODBIELSKI 

Nel paragrafo 117 della sentenza del 16 febbraio 2016, l’OLG Stuttgart menziona la confutazione dell’intera virologia da parte dell’esperto. L’esperto è citato:

“La comprensione concettuale del virus è davvero in evoluzione.” [11]

Se qualcosa è in evoluzione, non è scientificamente definito e non può essere rivendicato come un fatto in pubblico. Ho fatto domanda per iscritto e in udienza pubblica il 16 febbraio 2016, che se qualcosa non è scientificamente definito, non può essere definito legalmente e quindi il dott. Bardens deve essere licenziato. L’OLG ha ignorato questo punto per proteggere le persone coinvolte.

Ciò che il prof. Podbielski non ha menzionato è il fatto che noti “virologi”, come nel 1951 e nel 1952, sono di nuovo in procinto di rivoluzionare e ridefinire l’intera virologia. Hanno riconosciuto che le strutture che sono state interpretate erroneamente come “virus” vivono se stesse e che i nostri nuclei cellulari sono emersi da loro. Si impegnano a garantire che queste strutture siano riconosciute come il quarto regno della vita oltre ai “regni” della vita precedentemente scoperti (batteri e cellule). Da giovane studente, ho avuto la fortuna di essere il primo a isolare una struttura così innocua dal mare, a caratterizzarla appieno e, naturalmente, a pubblicarla scientificamente, dopo i test di controllo. [12]

Ciò che l’OLG Stuttgart ha anche tentato di nascondere con le sue osservazioni al punto 116 della sentenza del 16 febbraio 2016 è spiegato di seguito.

Nel 1997 la più grande frode scientifica del mondo è diventata pubblica. Tutti i dati relativi alle affermazioni del “virus dell’epatite B” e di un vaccino contro il cancro, in cui erano coinvolti centinaia e i più importanti scienziati di AIDS, geni, immunitari, di infezione e del cancro, non erano solo falsi, ma fittizi. Dozzine di pubblici ministeri, parlamentari e politici hanno quindi chiesto che le frodi scientifiche fossero punite. Gli atti sono punibili solo se sono stati definiti reati al momento dell’atto.

La Deutsche Forschungsgesellschaft (DFG), un’associazione che distribuisce miliardi di fondi per la ricerca per conto dei governi, ha esortato i politici a non introdurre il previsto paragrafo di reato “frode scientifica”. Il DFG ha affermato che la scienza può controllare solo se stessa. Nel 1997, il DFG ha nominato un comitato internazionale per convincere i politici che non hanno bisogno di controllare la scienza. Il compito del comitato era di scrivere le regole del lavoro scientifico che sono sempre state valide e che sono le stesse per tutte le discipline scientifiche, sotto forma di un insieme vincolante di regole, come la costituzione della scienza internazionale, e di renderle vincolanti a livello internazionale. Anche questo è successo.

In Germania, dal 1998 tutti gli scienziati e le istituzioni che ricevono finanziamenti statali per la ricerca sono stati obbligati a rispettare questo insieme geniale, logico e semplice di regole quando lavorano e preparano relazioni di esperti. Di seguito è fondamentale per ogni nuovo metodo che è quello di portare la conoscenza scientifica:

“Gli esperimenti di controllo con una divulgazione altrettanto completa della configurazione sperimentale sono una parte centrale della metodologia scientifica al fine di verificare i metodi utilizzati e di escludere i fattori di interferenza”.

Le pubblicazioni senza test di controllo documentati non possono essere pubblicate come scientifiche.

L’unica e unica base di tutta la virologia dal 1953 è l’assunto pubblicato dal Prof. Enders nel 1954 che la morte delle cellule nel reagente potrebbe essere la prova dell’attività di virus o di fattori sconosciuti. Fu solo attraverso il premio Nobel alla fine del 1954 che questa speculazione auto-contraddittoria divenne un fatto scientifico: “I virus ci sono quando le cellule muoiono”. [15]

Poiché non ha tentato di controllare nulla, Enders e tutti i suoi successori non hanno ancora notato che la fame e L’avvelenamento è la causa della morte cellulare nella provetta e non è un virus sospettato.

L’esperto nominato dal tribunale, il prof. Podbielski, afferma nella sua “dichiarazione integrativa” del 3 marzo 2015, a pagina 3, al punto 6, sulle sei pubblicazioni del processo del virus del morbillo: “Invece dei dati necessari e esperimenti di controllo per escludere artefatti specifici delle cellule del virus del morbillo sono contenuti negli articoli specialistici – vedi il mio rapporto. ” [16]

Questa è una falsa affermazione dimostrata con conseguenze di vasta portata.

Il 12 marzo 2015, nel fuoco incrociato, ha ammesso le domande poste dal valutatore e dal relatore all’udienza dinanzi al tribunale regionale di Ravensburg: “Non posso dire ora se esiste un articolo che rappresenti in modo esaustivo le stesse cose degli articoli originali citati, senza le loro caratteristiche metodologiche Mostrare debolezze, ad esempio con i controlli negativi che in realtà mancano. ”[17]

Nel fare ciò, ha smentito la sua dichiarazione scritta del 3 marzo 2015. Con questo ha tutte le sue dichiarazioni che le sei pubblicazioni presentate sono scientifiche e utilizzabili nel processo del virus del morbillo e che è stato dimostrato che esiste un virus del morbillo, ecc. Confutato.

Anche se ho dimostrato e dimostrato il fatto della mancanza di tentativi di controllo e della confutazione registrata dell’esperto da me stesso nel ricorso, la corte d’appello ha soppresso questo fatto. Il tribunale distrettuale di Ravensburg mi aveva condannato sopprimendo questa designazione fattuale documentata della mancanza di tutti i tentativi di controllo quando fu pronunciata la sentenza del presidente e nella giustificazione scritta della sentenza. Oppure il giudice Matthias Schneider del tribunale distrettuale di Ravensburg – non avendo adottato le procedure legalmente prescritte di una procedura – ha emesso la sentenza del presidente perché le chiare domande poste dal suo valutatore Dr. Anna-Maria Brutscher, l’esperta, il prof. Podbielski, si è smentita?

L’OLG Stuttgart scrive nella sua sentenza ai sensi del paragrafo 116:

“Nella misura in cui il convenuto dimostra che la sentenza si basa su falsi prerequisiti in quanto l’esperto non ha dichiarato che le pubblicazioni contengono esperimenti di controllo per escludere artefatti specifici delle cellule (p. 23 La sentenza alla lettera b., Paragrafo 2) non può essere seguita. L’esperto si occupa di questo nella sua dichiarazione integrativa del 03.03.2015, p. 3 (p. 134 d. A.) al punto 6. e spiega che i dati e gli esperimenti di controllo necessari per escludere artefatti specifici delle cellule invece del virus del morbillo nel Sono inclusi articoli tecnici, per cui si riferisce al suo rapporto. ” [18]

Nella sua sentenza del 16 febbraio 2016, il Tribunale regionale superiore di Stoccarda ha anche soppresso il fatto che l’arbitro abbia confutato da solo il 12 marzo 2015. Ciò dimostra che il Tribunale regionale superiore di Stoccarda ha citato la mancanza di qualsiasi tentativo di controllo nel ricorso, come affermato nel ricorso Le false dichiarazioni dell’esperto del giudice e anche la confutazione dell’esperto del giudice, il Prof. Podbielski, registrata il 12 marzo 2015, vengono soppresse per proteggere l’esperto.

COME IL TRIBUNALE REGIONALE SUPERIORE DI STOCCARDA HA TENTATO SENZA SUCCESSO DI RITIRARSI DALLA VICENDA

Il Tribunale regionale superiore di Stoccarda, nella riga 121 della sentenza sul virus del morbillo, scrive che le opinioni che ho introdotto nella procedura non sono state prese in considerazione nella sentenza, “perché non sono rilevanti per la decisione” [19]

La corte ha quindi soppresso quelle nella relazione del 10 febbraio 2016 Il fatto che i confronti di sequenze genetiche hanno chiaramente smentito tutte le affermazioni del virus del morbillo (vedi il contributo in questo numero di WissenschaffePlus n. 2/2017).

La vaccinazione è, tuttavia, legalmente “un’interferenza effettivamente esistente, punibile nel diritto alla vita e all’integrità fisica”, che è punibile solo con il consenso documentato, giuridicamente efficace, della persona vaccinata o del depositario. Poiché il tribunale regionale superiore di Stoccarda è venuto a conoscenza di fatti che fondamentalmente confutano la validità legale delle vaccinazioni, il tentativo del tribunale regionale superiore di Stoccarda descritto qui di “ritirarsi dalla vicenda” non può essere giustificato.

Tutti i cittadini sono chiamati e in particolare i dipendenti pubblici sono tenuti ad agire in modo indipendente e ad impegnare le autorità responsabili della sicurezza e dell’applicazione della legge se i beni costituzionali più elevati vengono interferiti senza giustificazione e senza essere legalmente legittimati. I giudici non sono esenti da questo. Nel mio interrogatorio durante l’udienza pubblica del 16 febbraio 2016, ha sufficientemente dimostrato che il giudice che presiede l’OLG era ben informato su tutti i dettagli cruciali e l’importanza della scienza e della scienza.

IMITATORI DI CELEBRITÀ E CATTIVI PERDENTI

Il noto avvocato Robert De Niro e il nipote dell’ex presidente degli Stati Uniti Kennedy, Robert F. Kennedy Jr, hanno anche ricevuto $ 100.000 in premi in denaro per prove scientifiche della vaccinazione. Lo danno a coloro che presentano una pubblicazione scientifica che dimostra che il mercurio è innocuo nei vaccini. Entrambi presumono che le vaccinazioni siano particolarmente dannose perché contengono sostanze estremamente tossiche. Il figlio di Robert De Niro divenne autistico al momento della vaccinazione. Ciò dimostra da un punto di vista biologico che le vaccinazioni possono scatenare l’autismo.

L’avvocato, il dottore di Homburg Dr. med. Bardens, fuori, che ora lavora in Svezia. Come spiegazione di aver perso il processo che aveva processato presso il Tribunale regionale superiore di Stoccarda e presso la Corte federale di giustizia di Karlsruhe, presentò una dichiarazione che aveva liberamente inventato nei media. Afferma di aver perso a causa di un errore formale. Dr. Bardens afferma di aver perso perché ha presentato sei pubblicazioni anziché una.

Nulla del genere si trova nell’audizione dinanzi al Tribunale regionale superiore di Stoccarda e nella giustificazione scritta della sentenza. Al contrario. Dr. Bardens ha perso il processo perché il revisore nominato dal tribunale ha riscontrato che nessuna delle sei pubblicazioni presentate ha fornito prove dell’esistenza di un virus. Questa era anche l’unica vera affermazione dell’esperto, il prof. Podbielski. L’argomento del Prof. Podbielski, “Le dichiarazioni di combinazioni delle 6 pubblicazioni sono necessarie per l’evidenza [del virus del morbillo]”, l’OLG Stuttgart, come documentato sopra, è stato espressamente respinto.

Stefan Thomas Josef Lanka, ricercatore indipendente

[1] Vedi: L’avviso del 7 luglio 2015 è stato pubblicato nei numeri 5 e 6/2015 della rivista WissenschaffePlus. La mia dichiarazione al Tribunale regionale superiore di Stoccarda del 10 dicembre 2015, che fa parte dell’appello, è stata pubblicata in cinque episodi nei numeri dal n. 1/2016 al n. 5/2016 della rivista WissenschaffePlus. Il rapporto di un professore del 10 dicembre 2015 nel campo della virologia è stato pubblicato nei numeri n. 6/2016 e n. 1/2017 della rivista WissenschaffePlus. Per ordinare nel negozio di http://www.food-or.de o tramite il link  http://www.food-or.de/shop/c/de/abonnement 

 

[2] Sentenza della Corte regionale superiore di Stoccarda il 16 febbraio 2016, numero di fascicolo: 12 U 63/15, vedi: http://lrbw.juris.de/cgi-bin/laender_rechtsprechen/document.py?Court=bw&courtselection=Superitribunaliregionali&Art=en&sid=46bf3d-b2df690aba6e4874acafaf45b6&nr=20705&pos=0&anz=1

 

[3] Questa decisione del BGH, numero del file: I ZR 62/16, può essere trovata sulla nostra homepage www.wissenschaffeplus.de sotto “Notizie” e “Processo del virus del morbillo”.
[4] Il rapporto del Prof. Podbielski del 17 novembre 2014 è disponibile sul sito Web http://www.wissenschaffePlus.de alla voce “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 26 marzo 2015 o al link http://www.conoscenza-creaplus.de/blog/de
[6] Vedi: Enders JF, Peebles TC. Propagazione nelle colture tissutali di agenti citopatogeni da pazienti con morbillo. Proc Soc Exp Biol Med. 1954 Jun; 86 (2): 277-286.
Come tutte e sei le pubblicazioni del “processo del virus del morbillo”, questo articolo può anche essere trovato su Internet: https://archive.org/details/EndersPeebles1954
[7] Vedi le spiegazioni sull’autismo e il danno da vaccino nella rivista WissenschaffePlus no 3/2016 per ordinare nel negozio http://www.food-or.de o sotto il collegamento http://www.food-or.de/shop/c/de/abonnement

[8] Vedi: “Scommetti che il virus del morbillo dichiarato non esiste!” Nella rivista WissenschaffePlus n. 3 +/2014. Questo articolo è anche gratuito su Internet sulla nostra homepage http://www.wissenschaffePlus.de sotto “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce datata 14 settembre 2014 o sotto il link http://www.wissenschaffeplus.de/uploads/article/measles_process.pdf

[9] Vedi: lettera della RKI del 24 gennaio 2012, che è stata sollevata a mia difesa nel processo del virus del morbillo e portata in atto dal tribunale distrettuale di Ravensburg. Entrambi i tribunali, il tribunale distrettuale di Ravensburg e il tribunale regionale superiore, ignorano il contenuto della lettera nelle sentenze, sebbene sia compito fondamentale e coerente di ogni dipendente pubblico evitare i pericoli per la vita e gli arti di tutti i cittadini diventando ATTIVO. La scritta è sul nostro sito web http://www.wissenschaffePlus.de sotto “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 26 marzo 2015

[10] Attualmente stiamo preparando i test che dimostreranno in pratica che i “metodi di test del virus del morbillo” attualmente utilizzati dal Robert Koch Institute (RKI) sono istituiti in modo tale che non solo i malati, ma le persone sane sono testate “virus del morbillo positivo”. Tutti positivi al 20% (senza epidemia di morbillo) o positivi all’80% (con un’epidemia di morbillo dichiarata dalla RKI).

[11] Vedi 2.

[12] Vedi articolo “I virus giganti e l’origine della vita” nella rivista WissenschaffePlus n. 1/2014. Per ordinare nel negozio http://www.food-or.de o sotto il collegamento http://www.food-or.de/shop/c/de/abonnement

[13] Vedi: https://de.wikipedia.org/wiki/Friedhelm_Herrmann

[14] Vedi: pagina 3-6 della mia dichiarazione del 2 febbraio 2015 sul rapporto giudiziario del Prof. Podbielski. Si trova in “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 26 marzo 2015 o nel link http://www.wissen-affeplus.de/uploads/article/Stellungnahme_zum_Gutachten_von_Prof_Podbielski_2-2-2015.pdf

[15] Vedi le spiegazioni al riguardo nella rivista Knowledge-Creativity Plus n. 2/2016

[16] Vedi “Dichiarazione aggiuntiva del Prof. Podbielski del 3 marzo 2015. Puoi trovarlo in “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 14 ottobre 2015 o nel link http://www.wissenschaffeplus.de/uploads/article/Schreib_von_Prof_Podbielski_3-3-2015.pdf

[17] Vedi pagina 7, sopra, i verbali del processo al tribunale regionale di Ravensburg. Puoi trovarlo in “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 16 settembre 2015 o nel link http://www.wissenschaffeplus.de/uploads/article /Protokoll_13_4_20150001.pdf

[18] Vedi 2.
[19] Vedi 2.
ARTICOLO ORIGINALE

https://quantisana.ch/gesundheit-neu-denken/expertenberichte/der-bundesgerichtshof-laesst-den-glauben-an-die-viren-untergehen/ 

ALTRI LINK SULL’ARGOMENTO

Tribunale regionale superiore di Stoccarda, sentenza del 16.02.2016 – 12 U 63/15

https://openjur.de/u/892340.html

Il virus del morbillo “non esiste”: Dr. Lanka vince il processo prima del BGH.

https://www.neopresse.com/gesundheit/masern-virus-existiert-nicht-dr-lanka-gewinnt-prozess-vor-dem-bgh/?utm_source=Nachrichten-Fabrik.de&utm_content=link

La giurisprudenza tedesca sul virus del morbillo e la virologia in generale.

https://www.researchgate.net/publication/316280648_Die_deutsche_Rechtsprechnung_zum_Masern-Virus_und_zur_Virology_generell

Stefan Lanka e il virus del morbillo che non esiste. Nuovi scenari in biologia?

https://magazine.5lb.eu/2017/03/stefan-lanka-virus-morbillo-esiste-5205.html

Standard
Abductions, Creazionismo, Esoterismo, Extraterrestri, Psicologia, Sciamanesimo, Scienza

LA DMT E GLI ALIENI

Cattura

Pietre di giada ritrovate nel 2017 in un complesso sotterraneo di grotte in Messico, vicino al confine tra gli Stati Veracruz e Puebla.

A determinate condizioni di carattere endocrino e a seconda del soggetto, durante la fase notturna è possibile rinvenire tracce di DMT nel fluido cerebrospinale di un essere umano per pochissimi minuti, dopo che questa è stata sintetizzata qualche istante prima dalla ghiandola pineale situata al centro del nostro cervello. Avete capito bene: durante i sogni, e parlo di quelli più lucidi, vividi e coscienti, ossia in una profonda fase REM, siamo praticamente sotto l’effetto di una tra le sostanze psichedeliche più potenti al mondo. Per comprendere al meglio le ragioni per le quali ciò accade durante le nostre notti più “movimentate”, mediamente tra le 3 e le 4 del mattino, occorre spiegare che la sua sintesi avviene mediante l’assunzione quotidiana di un amminoacido essenziale, il triptofano, il quale è presente in quantità più o meno grande in tutti i cibi di uso comune, come ad esempio la carne bianca, il formaggio, frutti e semi, uova. Il triptofano interagisce con la serotonina, e dall’unione di questa interazione vi è una sintesi maggiore di melatonina, la quale a sua volta, a determinate condizioni, muta in una molecola dalla forma assai più caratteristica, la pinolina, e dalla pinolina si passa alla DMT.

La DMT sembra agire come una sorta di “chiavistello” attraverso una specifica interazione con la nostra biologia, mostrandosi in grado di aprire “porte” percettive della coscienza individuale e proiettarla verso altre dimensioni della psiche a noi ignote.

In seguito alla somministrazione di una normale dose di dimetiltriptamina, iniettata per via endovenosa, svariati soggetti descrivono un rapporto che definiscono “amorevole” con un alieno gentile, che li abbraccia e dice di amarli come figli; loro si sentono benissimo in quello stato, e si trovano in perfetta sintonia con lui. Quando invece agli stessi soggetti venivano somministrate dosi di DMT maggiorate, quindi più cariche rispetto al loro range di sopportazione biochimica, lo stesso alieno diventava aggressivo nei loro confronti, generando tutto quell’insieme di esperienze traumatiche vissute dai soggetti durante un classico rapimento. Come poteva essere possibile, dunque, che l’alieno mostrasse una dicotomia così estrema, rispondendo addirittura emotivamente a una precisa intossicazione – seppur sotto controllo medico – del sistema nervoso del soggetto? È possibile dunque che vi siano persone che per chissà quali condizioni psicofìsiche siano in grado di sintetizzare questa molecola in maggiori quantità rispetto ad altri, tanto da procurarsi delle piccole overdose notturne, al punto da scatenare un dramma interiore? Ma soprattutto, se è verosimile la possibilità che l’alieno possegga comportamenti differenti a seconda del nostro stato nervoso, è dunque parte di una realtà “esterna” a noi, oppure è una parte integrante e indissolubile della nostra psiche?

Andrea Doria – Introduzione di “DMT: La molecola dello spirito”

© 2001 Rick Strassman

© 2014 Edizioni Spazio Interiore

Standard
Esoterismo, Gnosticismo, Psicologia, Sciamanesimo, Scienza, Spiritualità

IL BYPASS SPIRITUALE E LA SPIRITUALITA’ CONTRAFFATTA

testa-nella-sabbia

“Lo yoga è fuoco” scriveva Satprem. “La guerra è madre” ci ricorda Eraclito. Dove ci conducono veramente tutti i vari aforismi motivazionali un po’ troppo di facile consumo che ci presentano una realtà “confezionata” che non ci permette di lavorare davvero sui nostri limiti e sulla nostra coscienza profonda?

di GIACOMO COLOMBA

Forse il nome sarà sconosciuto ai più, ma purtroppo la tendenza conosciuta come bypass spirituale è più diffusa di quanto si creda.

Che cos’è esattamente il bypass spirituale? Il termine è stato coniato da una figura di spicco della psicologia transpersonale, John Welwood, tra l’altro esperto di buddhismo e discipline orientali.

Viene definita come tendenza a utilizzare idee e pratiche comunemente ritenute spirituali per evitare di affrontare blocchi emotivi irrisolti e ferite psicologiche.

Molti libri che oggi vengono ritenuti spirituali, specie gran parte dei libri motivazionali, sarebbero in realtà basati sul bypass spirituale, e rappresentano paradossalmente una sorta di autosabotaggio psicologico per evitare di dover accettare i propri limiti e le proprie manchevolezze, nascondendo il tutto dietro di un comodo velo di misticismo che, molto comodamente, ci impedisce di affrontare un vero progresso. Vediamo qualche esempio concreto.

Bypass spirituale: un distacco esagerato e innaturale

Il distacco, l’equanimità, è considerato una qualità spirituale in diverse religioni e tradizioni. Ciò nonostante una disconnessione innaturale dalla realtà esterna e dalle proprie emozioni dolorose provoca solo repressione e distacco dalla realtà.

Il vero distacco interiore ci avvicina alle persone, crea empatia, sa accogliere pensieri scomodi e sensazioni disagevoli senza per questo alterare lo stato di coscienza di base.

La Bhagavad Gita ci descrive questo stato come un oceano che riceve le acque dei fiumi senza alzarsi di livello. Ma spesso, quando questo distacco è innaturale e forzato, le cattive emozioni e i cattivi pensieri sono solo ricacciati sotto il tappeto di uno stato di coscienza più profondo, dove generalmente attecchiscono e influenzano lo stato di veglia.

Bypass spirituale: un’eccessiva enfasi sugli aspetti positivi

Niente è completamente bello e positivo e il segreto della felicità è saper riconoscere ed accettare l’imperfezione. Le imperfezioni esistono per farci progredire, ma non è possibile trasformarle se non vengono riconosciute ed accettare.

Il che non vuol dire indulgere in eccessivi mea culpa. Difatti l’eccessiva enfasi sugli aspetti positivi di sè e degli altri è solo l’altro lato di una malsana tendenza a colpevolizzare e colpevolizzarsi.

Una corretta valutazione di sè, sincera, porta sempre ad umiltà e senso di gratitudine, il che vuol dire riconoscere il positivo senza per questo eccedere nelle celebrazioni.

Bypass spirituale: fobia della rabbia

Diffidare delle persone che non si arrabbiano mai. Gesù rovesciò i banchi dei cambiavalute nel tempio e Ramakrishna ci dice che anche chi realizza il Divino e si libera dell’ego può conservare ancora una forma di rabbia.

Ma tornando più terra terra, la rabbia va riconosciuta come una reazione naturale, un istinto umano che richiede molto tempo per essere padroneggiato.

Ancora una volta, la fobia dà il lato oscuro dell’indulgenza e le due vanno a braccetto. Una vera attitudine spirituale è quella di riconoscere i propri limiti caratteriali e di lavorarci sopra.

La rabbia viene a dirci qualcosa di noi, di ciò che avviene nel nostro profondo e spesso ci mostra ferite antiche non ben rimarginate. E’ bene non essere troppo pudici e sentire cosa ha da dirci.

Bypass spirituale: compassione e tolleranza indiscriminate

Vale quello che abbiamo detto per l’eccesso di distacco: deve essere naturale, non forzato. La capacità di discriminare, in sanscrito viveka, e il discernimento, vicara, sono due qualità essenziali nel vero cammino spirituale.

Durante il progresso si deve essere capaci di intendere e scegliere cosa accettare e cosa non accettare. Solo una volta realizzati e maturati spiritualmente si sarà in grado di accettare tutti i contatti della vita senza rischi.

Ma cominciare il cammino escludendo questi due strumenti e tollerando di tutto è una scelta infelice dal punto di vista spirituale. Un antico yogi bengalese usava dire: un piccolo albero verrà mangiato dalle vacche se non protetto, ma una volta cresciuto forte, neanche un elefante potrà abbatterlo. Certo procedere discriminando costa fatica e comporta degli errori, ma è poi così importante non commettere errori?

Bypass spirituale: giustificare la mancata assunzione di responsabilità

Frasi come “L’universo ha voluto cosi’”, “Tutto accade per una ragione”, “Succederà quello che deve succedere”, per quanto vere, sono nella maggior parte dei casi delle tipiche ego-trap per evitare di riconoscere di aver sbagliato o mancato una giusta azione.

Si potrebbe definire il bypass spirituale come una forma pervertita di spiritualità usata come meccanismo di difesa del proprio lato in ombra.

Vergogna, rabbia, solitudine, sono parte della nostra natura di base, che va accettata per essere trasformata. Non è bene nascondere quando gli altri ci feriscono e non nascondersi quando siamo noi a ferire gli altri.

Giustificarsi significa non assumersi le proprie responsabilità. Quello che chiamiamo oggi bypass spirituale è ben conosciuto da tempo: nell’escatologia sufi esiste il barzakh, una zona intermedia tra la coscienza superficiale e quella spirituale in cui la psiche può venire deviata da idee distorte, ingigantite o minimalizzate.

 

FONTE

https://it.quora.com/

Standard
Antropologia, Esoterismo, Gnosticismo, Isoterismo, Magia, Occultismo, Psicologia, Spiritualità

I SETTE SPECCHI ESSENI

moe-balinger-atreyu-and-the-magic-mirror-gate

Gli antichi Esseni identificarono, forse meglio di chiunque altro, il ruolo dei rapporti umani definendoli in sette categorie: sette misteri corrispondenti ai vari tipi di rapporto che ciascun essere umano avrebbe sperimentato nel corso della propria vita di relazione. Gli esseni hanno definito queste categorie “specchi“, ricordandoci che, in ogni momento della vita, la nostra realtà interiore ci viene rispecchiata dalle azioni, dalle scelte e dal linguaggio di coloro che ci circondano.

Il primo Specchio Esseno 
riguarda la nostra presenza nel momento presente. Il mistero è incentrato su cosa noi inviamo, nel presente, alle persone che ci stanno accanto. Quando ci troviamo circondati da individui e modelli di comportamento in cui dominano la rabbia o la paura, lo specchio funziona in entrambi i sensi. Potrebbe invece trattarsi di gioia, estasi e felicità perché ciò che vediamo nel primo specchio è l’immagine di quello che noi siamo nel presente. Chi ci è vicino ce lo rimanda, rispecchiandoci.

Il secondo Specchio Esseno 
ha una qualità simile alla precedente, ma è un po’ più sottile, anziché riflettere ciò che siamo, ci rimanda ciò che noi giudichiamo nel presente. Se siete circondati da persone, i cui modelli di comportamento vi provocano frustrazione o scatenano la vostra rabbia e se percepite che quei modelli non sono vostri in quel momento, allora chiedetevi: “Mi stanno mostrando me stesso nel presente?”. Se potete onestamente rispondervi con un no, c’è una buona probabilità che vi stiano invece mostrando ciò che voi giudicate nel momento presente. La rabbia, l’astio o la gioia che voi state giudicando.

Il terzo Specchio Esseno 
è uno degli specchi più facili da riconoscere, perché è percepibile ogni volta che ci troviamo alla presenza di un’altra persona, quando la guardiamo negli occhi e, in quel momento, sentiamo che accade qualcosa di magico. Alla presenza di questa persona, che forse non conosciamo nemmeno, sentiamo come una scossa elettrica, la pelle d’oca sulla nuca o sulle braccia. Che cosa è successo in quell’attimo? Attraverso la saggezza del terzo specchio ci viene chiesto di ammettere la possibilità che, nella nostra innocenza, rinunciamo a delle grosse parti di noi stessi per poter sopravvivere alle esperienze della vita. Queste “parti di noi” possono venir perse più o meno consapevolmente, o portate via da coloro che esercitano un potere su di noi. Se vi trovate in presenza di qualcuno e, per qualche motivo inspiegabile, sentite l’esigenza di passare del tempo con lui, ponetevi una domanda: che cos’ha questa persona che io ho perduto, ho ceduto, o mi è stato portato via? La risposta potrebbe sorprendervi molto, perché in realtà riconoscerete questa “sensazione di familiarità” quasi verso chiunque incontriate. Vedrete cioè delle parti di voi stessi in tutti. Questo è il terzo mistero dei rapporti umani.

Il quarto Specchio Esseno
è una qualità un po’ diversa. Spesso nel corso degli anni ci accade di adottare dei modelli di comportamento che poi diventano tanto importanti da farci riorganizzare il resto della nostra vita per accoglierli. Sovente tali comportamenti sono compulsivi e creano dipendenza. Il quarto mistero dei rapporti umani ci permette di osservare noi stessi in uno stato di dipendenza e compulsione. Attraverso esse rinunciamo lentamente proprio alle cose cui teniamo di più, le cediamo, le lasciamo. Ad esempio, quando parliamo di dipendenza e compulsione, molte persone pensano all’alcol e alla nicotina. Ma ci sono altri modelli di comportamento più sottili; si pensi all’esercizio di controllo in ambito aziendale e in famiglia, alla dipendenza dal sesso e dal possedere o generare denaro e abbondanza. Quando una persona incarna un simile modello di comportamento, può star certa che il modello, che pur è bello di per sé, si è creato lentamente nel tempo. Se riorganizziamo le nostre vite per far posto al modello dell’alcolismo o all’abuso di sostanze, forse stiamo rinunciando a porzioni della nostra vita rappresentate dalle persone che amiamo, dalla famiglia, dal lavoro, dalla nostra stessa sopravvivenza. Il tratto positivo di questo modello è che può essere riconosciuto ad ogni stadio, senza dover arrivare agli estremi e perdendo tutto. Possiamo riconoscerlo, guarirlo e ritrovare la nostra interezza ad ogni step.

Il quinto Specchio Esseno 
è forse il più potente in assoluto, perché ci permette di vedere meglio e con maggiore profondità degli altri, la ragione per cui abbiamo vissuto la nostra vita in un dato modo. Esso rappresenta lo specchio che ci mostra i nostri genitori e l’interazione che intratteniamo con loro. Attraverso esso ci viene chiesto di ammettere la possibilità che le azioni dei nostri genitori verso di noi riflettano le credenze e le aspettative che nutriamo nei confronti del rapporto più sacro che ci sia dato di conoscere sulla Terra: il rapporto che intercorre fra noi, la nostra Madre e il nostro Padre Celeste, vale a dire con l’aspetto maschile e femminile del nostro creatore, in qualunque modo lo concepiamo. La relazione con i nostri genitori può quindi svelarci il nostro rapporto con il divino. Per esempio, se ci sentiamo continuamente giudicati o se viviamo in una condizione per cui “non è mai abbastanza”, è altamente probabile che il rapporto con i nostri genitori rifletta la seguente verità: siamo noi che, grazie alla percezione che abbiamo della nostra persona e del Creatore, crediamo di non essere all’altezza e che forse non abbiamo realizzato quello che da noi ci si aspettava.

Il sesto Specchio Esseno
ha un nome abbastanza infausto; gli antichi lo chiamarono infatti l’oscura notte dell’anima. Ma attenzione, lo specchio in sé non è necessariamente sinistro come il nome che porta. Attraverso un’oscura notte dell’anima ci viene infatti ricordato che la vita e la natura tendono verso l’equilibrio e che ci vuole un essere magistrale per bilanciare quell’equilibrio. Nel momento in cui affrontiamo le più grandi sfide della vita, possiamo star certi che esse divengono possibili solo dopo aver accumulato gli strumenti necessari per superarle con grazia e facilità; perché è quello il solo modo per superarle. Fino a che non abbiamo fatto nostri quegli strumenti, non ci troveremo mai nelle situazioni che ci richiedono di dimostrare determinati livelli di abilità. Quindi, da questa prospettiva, le sfide più alte della vita, quelle che ci vengono imposte dai rapporti umani e forse dalla nostra stessa sopravvivenza, possono essere concepite come delle grandi opportunità, che ci consentono di saggiare la nostra abilità, anziché come dei test da superare o fallire. E’ proprio attraverso lo specchio della notte oscura dell’anima che vediamo noi stessi nudi, forse per la prima volta, senza l’emozione, il sentimento ed il pensiero, senza tutte le architetture che ci siamo creati intorno per proteggerci. Attraverso questo specchio possiamo anche provare a noi stessi che il processo vitale è degno di fiducia e che tale fiducia può essere accordata anche a noi, mentre stiamo vivendo la vita. La notte oscura dell’anima rappresenta l’opportunità di perdere tutto ciò che ci è sempre stato caro nella vita. Confrontandoci con la nudità di quel niente, mentre ci arrampichiamo fuori dall’abisso di ciò che abbiamo perso e percepiamo noi stessi in una nuova luce, possiamo però esprimere i nostri più alti livelli di maestria.

Il settimo Specchio Esseno 
dalla prospettiva degli antichi era il più sottile e, per alcuni versi, anche il più difficile. E’ quello che ci chiede di ammettere la possibilità che ciascuna esperienza di vita, a prescindere dai suoi risultati, è di per sé perfetta e naturale. A parte il fatto che si riesca o meno a raggiungere gli alti traguardi che sono stati stabiliti per noi da altri, siamo invitati a guardare i nostri successi nella vita senza paragonarli a niente. Senza usare riferimenti esterni di nessun genere. Il solo modo in cui riusciamo a vederci sotto la luce del successo o del fallimento è quando misuriamo i nostri risultati facendo uso di un metro esterno. Ma a quel punto sorge la seguente domanda: “A quale modello ci stiamo rifacendo per misurare i nostri risultati? Quale metro usiamo?” Nella prospettiva di questo specchio ci viene chiesto di ammettere la possibilità che ogni aspetto della nostra vita personale – qualsiasi aspetto – sia perfetto così com’é. Dalla forma e peso del nostro corpo, ai risultati personali in ambito accademico, aziendale o sportivo. Ci renderemo conto insieme che, in effetti, questo è vero e che un risultato può essere sottoposto a giudizio solo quando viene paragonato ad un riferimento esterno. Il settimo specchio ci invita quindi a permetterci di essere il solo punto di riferimento per i risultati che raggiungiamo.

Nel passare attraverso gli specchi, noi procediamo attraverso la nostra vita, forse senza nemmeno renderci conto del perché facciamo queste cose. Sarebbe bello se ogni mattina si accendesse una bella luce al neon che ci dicesse:

“Oggi, dopo aver fatto colazione, dopo che i tuoi familiari sono usciti, puoi cominciare il tuo lavoro sull’oscura notte dell’anima.”

La vita non funziona così. Siamo invitati a conoscere noi stessi in presenza di altri, attraverso i nostri rapporti umani e quando quei rapporti sono sanati, noi diventiamo il beneficio di quella guarigione e lo portiamo in noi nel sogno ad occhi aperti della vita, camminando fra i due mondi del cielo e della terra.

Gregg Braden

tratto dalla trascrizione della videoconferenza “Camminare tra i mondi”

FONTE

Visionealchemica.com

 

Standard
Psicologia, Salute, Scienza

LA MACCHINA BIOLOGICA

5LB-OS2

Un sistema operativo è un software che aggrega le istruzioni di base affinché la macchina (hardware) possa gestire le proprie risorse, i componenti (ad esempio in un computer il suo monitor, i dischi di memoria…) e le applicazioni che vi vengono installate. In pratica si tratta di una struttura di librerie e programmi che creano un ambiente a fondamenta del sistema.

L’analogia informatica che sto esponendo non è affatto casuale: lo stesso dottor Hamer, scopritore delle 5 Leggi Biologiche, ha battezzato con il nome di “programmi biologici” quei set di istruzioni che sono elaborati dalla psiche e consentono di gestire le specifiche funzionalità degli organi del nostro corpo.

Il funzionamento della struttura hardware/corpo – software/psiche si rivela in quel processo primario e basilare che ci è tanto familiare nel mondo dell’informazione automatica:

IF THIS THEN THAT, ELSE…

  • Se succede un X previsto in memoria, esegui il programma A, altrimenti B.
  • Se accade un evento DHS, allora esegui l’SBS (programma biologico speciale), altrimenti esegui la fisiologia normale.
  • Se la percezione sensoriale di un evento corrisponde ad una esperienza DHS in memoria, allora esegui l’SBS degli organi necessari a dare una risposta, altrimenti esegui la fisiologia normale.

Nello schema iniziale l’ambiente Events è percepito attraverso i sensi (che sono anch’essi componenti dell’hardware) e le informazioni ricevute sono elaborate dal software PsycheSe l’evento percepito assomiglia ad una esperienza registrata nella memoria (sia quella genetica e arcaica, sia quella epi-genetica più recente), allora viene attivato l’interruttore neurologico nel cervello (processore) che avvia il programma speciale dell’organo (componente) che serve ad eseguire la risposta.
Generalmente i programmi più notevoli riguardano percezioni di emergenza e pericolo per il sistema (DHS).
Esempi biologici

Se la percezione sensoriale del fatto che il mare è mosso corrisponde all’esperienza DHS di quando da bimbo ho rischiato di affogare, allora esegui l’SBS d’emergenza della laringe e dei bronchioli. Altrimenti: fisiologia normale del sistema respiratorio.

Se la percezione sensoriale di un diverbio corrisponde alla memoria di quando i miei genitori litigavano violentemente, allora esegui l’SBS d’emergenza della laringe e quello delle vie biliari, manifestando un comportamento di chiusura, che lascia “senza parole” e di impotenza.

Esempi informatici

Se il sensore di luminosità ambientale dello smartphone registra molta luce, e questo evento corrisponde ad una impostazione salvata in memoria, allora aumenta l’intensità della retro-illuminazione. Altrimenti non intervenire.

Se un carico di lavoro satura la memoria RAM, allora sposta provvisoriamente le istruzioni in eccesso sul disco fisso per una quantità stabilita in precedenza.

Altrimenti lascia le istruzioni nella RAM.
[In effetti il grave rallentamento del sistema dovuto a questo processo è spesso considerato una “malattia” del dispositivo da chi non conosce il senso di tale programma].

I RUOLI E LE FUNZIONI

Il cervello si configura così come il processore che concretamente elabora i dati e smista le istruzioni. La memoria di tutte le funzioni fisiologiche del corpo, normali e speciali, si suppone sia immagazzinata in modo genetico ed epigenetico in ogni singola cellula di tutto il sistema. Restando in metafora, si tratterebbe quindi non di una memoria a “Disco fisso” come la conosciamo oggi, bensì secondo uno schema distribuito analogo alle blockchain, tecnologia ancora agli albori ma in questi anni in grande sviluppo. Mentre il cervello e tutti gli altri organi corrispondono alle componenti tangibili del sistema, la psiche corrisponde all’intangibile Sistema Operativo che coordina il modo in cui circolano le istruzioni nel continuo scambio tra il mondo degli eventi e la memoria cellulare distribuita, in perpetua evoluzione.

SIAMO O NON SIAMO UNA MACCHINA?

Forse non a tutti suonerà familiare questo esercizio metaforico, ad alcuni sembrerà ridicolo e ad altri oltraggioso: non vorremmo ridurre l’essere vivente ad una macchina digitale, lo capisco.

Eppure questa la chiamo “tecnologia biologica” non per ridurre la vita ad un aggeggio meccanico, ma per renderci conto che la massima tecnologia possibile, cioè quella perizia accumulata in milioni di anni di evoluzione, è proprio la vita.

Lo dico per accorgerci che la tecnologia che noi esseri umani sviluppiamo sempre più rapidamente e ossessivamente non è altro che un tentativo di imitazione della complessità biologica e dei suoi meccanismi, a cui ci ispiriamo più o meno coscientemente.

Allora, poiché oggi i giocattoli tecnologici che abbiamo creato pervadono la nostra vita e li conosciamo bene o male tutti quanti, sono certo che non c’è epoca migliore per rappresentare le cose in questo modo.
Io spero che aiuterà qualcuno, che magari finora aveva trascurato argomenti “immateriali” come la psiche e le scienze umane, a scoprirli in questa forma con occhi nuovi.

FONTE

5LB Magazine – La rivista sulle 5 Leggi Biologiche

Standard
Attualità, Psicologia, Ritualità, Salute, Sciamanesimo, Scienza, Spiritualità

LA CONFERENZA MONDIALE SULL’AYAHUASCA

AYA_Facebook_Event

Nel Settembre del 2014 all’incirca 650 persone, provenienti da più di 60 Paesi, hanno assistito alla Conferenza Mondiale sull’Ayahuasca celebrata in Santa Eulalia del Río, Ibiza, Spagna. In questa Conferenza, un gruppo composto da 40 esperti in scienze, legge e politiche pubbliche, si sono riuniti per discutere su come migliorare la comprensione, il rispetto e la protezione dell’utilizzo dell’Ayahuasca nel XXI secolo. Durante la Conferenza si è costituito il Comitato di Esperti per la Regolarizzazione degli Etnobotanici Psicoattivi. Il presente documento è una dichiarazione consensuale di quel gruppo: una chiamata ai governi per avanzare verso la creazione di un ambito legale costruttivo e basato sui diritti umani per l’uso dell’Ayahuasca. Tutti gli esseri umani dovrebbero essere liberi di scegliere le forme e gli strumenti diretti a facilitare la propria crescita personale, a superare la malattia tanto fisica quanto mentale e a nutrire i propri legami sociali e familiari, così come a coltivare il proprio sviluppo spirituale. D’altra parte, in un momento in cui buona parte dell’umanità vive sull’orlo di una crisi sociale, economica e ambientale, è vitale che il dialogo interculturale e le politiche integrate promuovano un’esistenza sostenibile per la nostra specie, abbracciando la diversità in un mondo di società interconnesse, in armonia con il pianeta e tutti i suoi abitanti. E’ intrinseco all’evoluzione della condizione umana ricercare nuovi metodi e migliorare quelli che già sono a disposizione, per raggiungere questi obiettivi in maniera efficace. Sfortunatamente, questo sembra non applicarsi a certi strumenti di origine etnobotanica, utilizzati per secoli da società indigene e premoderne in pratiche cerimoniali, e trasmessi oralmente di generazione in generazione. Uno di questi, l’Ayahuasca (un decotto ottenuto dai fusti della liana Banisteriopsis Caapi e le foglie dell’arbusto Psycotria Viridis), ha giocato un ruolo cruciale nelle tradizioni spirituali, mediche e culturali dei popoli che hanno abitato la parte alta del bacino del Rio delle Amazzoni. Negli ultimi decenni, diverse tradizioni e nuove modalità di uso dell’Ayahuasca sono state portate fuori dai confini dell’Amazzonia, intraprendendo nuove vie di simbiosi culturale. Durante secoli, le società industrializzate sono state, in generale, repressive e intolleranti verso le piante con proprietà psicoattive, interpretando erroneamente il loro uso come diabolico, distruttivo e assuefacente. Senza dubbio l’evidenza scientifica recente, sia biomedica che psicosociale, mostra che questo pregiudizio culturale tanto radicato è sbagliato, e che piante come l’Ayahuasca stanno guadagnando un sempre maggiore riconoscimento per il loro potenziale ruolo in processi psicoterapeutici, di crescita spirituale e di miglioramento delle relazioni interpersonali. Le diverse pratiche di consumo di Ayahuasca non ricadono nelle concettualizzazioni e categorizzazioni tradizionali di “droghe illegali di abuso”, così come definite dal regime internazionale di controllo vigente. Equiparare gli usi rituali, religiosi e terapeutici dell’Ayahuasca agli usi problematici delle droghe controllate come gli oppiacei, la cocaina o le anfetamine -o trattare le persone che conducono cerimonie di Ayahuasca come “narcotrafficanti” coinvolti nel mercato nero- riflette una profonda ignoranza: non si basa sull’evidenza e contribuisce alla confusione circa la legittimità, basata sui diritti umani, di queste pratiche. Oltretutto, l’evidenza scientifica mostra che l’Ayahuasca non dà luogo a modelli di uso cronico e problematico (ad esempio, la dipendenza), che il suo uso non genera tolleranza farmacologica e che i suoi profili di sicurezza, tanto fisiologici quanto psicologici, sono accettabili all’interno di contesti controllati. Inoltre i suoi effetti emetici -tradizionalmente considerati un aspetto cruciale delle sue proprietà spirituali e curative-, insieme alle profonde esperienze introspettive che frequentemente induce, hanno generalmente un impatto positivo sulla salute e sul comportamento delle persone che la utilizzano regolarmente. Per una parte significativa e crescente della popolazione in diverse parti del mondo, il consumo di Ayahuasca è la forma scelta per favorire lo sviluppo spirituale e personale, superare la sofferenza e approfondire la relazione con se stessi, con i propri familiari, con l’ambiente circostante e con il pianeta Terra. Senza dubbio, per molti organismi di controllo sulle droghe, come l’Organo Internazionale per il Controllo degli Stupefacenti (INCB), così come per molti funzionari di polizia, procuratori legali e giudici dei singoli Paesi, bere Ayahuasca è frequentemente erroneamente considerato come un nuovo modo di ‘sballarsi’, una pratica spirituale poco autentica, una dipendenza distruttiva e una minaccia per la salute pubblica e per l’ordine morale, che richiede misure repressive. Nel 2010, l’INCB ha affermato che “nessuna pianta o decotto che contenga DMT, inclusa l’Ayahuasca, si trova attualmente soggetta a controllo internazionale”. Ciò nonostante, l’ organo di Controllo ha aggiunto che “alcuni paesi potranno decidere di applicare misure di controllo per l’uso e il commercio dell’Ayahuasca, a causa dei gravi rischi per la salute che l’uso di questo preparato comporta”. In coincidenza con l’allarme politico generato dal INCB in relazione con l’Ayahuasca e altre piante psicoattive nella sua Informativa Annuale del 2010 e del 2012, e seguendo una tendenza cominciata nella metà degli anni ’90, si sono verificati una serie di arresti in tutta Europa e in altre parti del mondo, come segnale di intolleranza verso le pratiche cerimoniali che prevedono ingestione di Ayahuasca. Pertanto, sembra realistico affermare che una proibizione dell’Ayahuasca a livello nazionale (nei differenti Stati), o anche a livello internazionale, risulta una effettiva probabilità in un futuro prossimo. Noi abbiamo seguito da vicino alcuni casi legali e giudiziari che hanno colpito molte delle differenti comunità che utilizzano Ayahuasca, testimoniando quanto tragica e dannosa può essere questa oppressione per le persone coinvolte. Di conseguenza, chiediamo ai governi, ai legislatori, ai procuratori legali, ai giudici e ai funzionari incaricati di far rispettare la legge, di tenere in considerazione il valore tradizionale e culturale delle pratiche di consumo di Ayahuasca in tutto il mondo, e di basare le proprie politiche e decisioni sulle evidenze scientifiche descritte precedentemente e sui diritti umani. Chiediamo che si ponga fine a questa persecuzione legale e che, al suo posto, i governi collaborino con i rappresentanti delle comunità in cui si utilizza Ayahuasca, favorendo modelli di autoregolamentazione efficaci, la promozione della salute e la riduzione del danno, così come iniziative educative pubbliche. Chiediamo ai giudici dei procedimenti relazionati con l’Ayahuasca di prendere in considerazione la dichiarazione dell’INCB sullo stato legale dell’Ayahuasca: In questo caso la DMT contenuta nel decotto Ayahuasca è presente in maniera naturale e quindi, in accordo con l’interpretazione ufficiale del Convegno sulle Sostanze Psicotrope del 1971, non è soggetta a controllo internazionale. E’ ugualmente importante considerare che i benefici potenziali delle piante come l’Ayahuasca possono convertirsi in rischi se queste non vengono utilizzate in modo responsabile. Raccomandiamo alle persone che prendono Ayahuasca, e specialmente a chi conduce le cerimonie, di assumersi la responsabilità di farlo con la conoscenza adeguata, con buone intenzioni e in forma diligente, per massimizzare i benefici e minimizzare i rischi. I comportamenti poco etici e le pratiche fraudolente non devono essere tollerati e devono sempre essere denunciati, cosicché la comunità Ayahuasquera, collettivamente, possa continuare a favorire lo sviluppo di un’autoregolamentazione e a preservare l’integrità delle proprie pratiche. In conclusione, e seguendo una precedente dichiarazione sull’Ayahuasca realizzata nel 2012 da accademici di indubbio prestigio, sollecitiamo le autorità affinché si mostrino tolleranti verso queste pratiche, basandosi sul rispetto del diritto fondamentale alla libertà di religione e di coscienza, insieme al diritto alla libertà di scelta dei mezzi e strumenti per favorire il proprio benessere fisico e psicologico. Da ciò deriva che concedano alle comunità Ayahuasquere il grado di libertà legale e il rispetto necessari affinché possano continuare a sviluppare in maniera responsabile e sicura il loro contributo alla società multiculturale e globalizzata di oggi.

Dichiarazione rilasciata il 20 Gennaio 2015 Initiativa promossa da Fondazione ICEERS

www.aya2014.com/en/aya2014-declaration

Dichiarazione appoggiata da: Constanza Sánchez Avilés, PhD Coordinatrice Legge, Politiche e Diritti Umani, Fondazione ICEERS, Barcellona, Spagna Benjamin De Loenen, MA Fondatore e Direttore Esecutivo, Fondazione ICEERS, Barcellona, Spagna Beatriz Labate, PhD Nucleus for Interdisciplinary Studies of Psychoactives (NEIP), San Paolo, Brasile Kenneth W. Tupper, PhD School of Population and Public Health University of British Columbia, Victoria, Canada Jeffrey Bronfman Santa Fe, Nuevo México (EEUU), Miembro del Cadre Of Mestres O Centro Espírita Benficente União Do Vegetal, Brasilia, Brasile Amanda Feilding Fondatrice e Direttrice, The Beckley Foundation, Regno Unito David R. Bewley-Taylor, PhD Direttore, Global Drug Policy Observatory, Swansea, Regno Unito Ethan Nadelmann, PhD Direttore Esecutivo, Drug Policy Alliance, Stati Uniti Kasia Malinowska-Sempruch, Dr PH Direttrice del Programma Globale di Politiche sulle Droghe della Open Society Foundations, New York, NY, Stati Uniti Pien Metaal, MA Coordinatrice del Programma di Riforma delle Leggi sulle Droghe in America Latina, Transnational Institute, Amsterdam, Paesi Bassi Raquel Peyraube, MD Direttrice Clinica, Fondazione ICEERS Uruguay Rick Doblin, PhD Fondatore e Direttore Esecutivo Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies, Belmont, MA, Stati Uniti Virginia Montañés Esperta in Politiche di Droga (CERCA), Spagna Aleix VilaMaria Avvocato, Barcellona, Spagna Alexis Kaiser Avvocato, Zurigo, Svizzera Charlotte Walsh, MPhil Professoressa di Diritto, School of Law, University of Leicester, Regno Unito Diego de las Casas Avvocato, Madrid, Spagna Francisco J. Esteban, PhD Università C.J. Cela, Madrid, Spagna Pedro Caldentey Marí Avvocato, Barcellona, Spagna Roberto Castro Rodríguez Avvocato, Barcellona, Spagna Rodrigo A. González Soto Avvocato, Santiago, Chile Anton J. G. Bilton, BSc Hons Regno Unito Ben Christie Consultente in Comunicazione, Londra Regno Unito Hélène Pelosse, MA Alto Funzionario, Francia Armando Loizaga Psicologo, Asociación Nierika, Messico Joan Obiols-Llandrich, MD, PhD Presidente, Fondazione ICEERS, Barcellona, Spagna Pep Cura Oliveras, MA Coordinatore AYA2014, Fondazione ICEERS, Barcellona, Spagna Marc Aixalà Coordinatore Help Center, Fondazione ICEERS, Barcellona, Spagna Maria Carmo Carvalho, MSc Vicepresidenta, Fondazione ICEERS, Oporto, Portogallo Jerónimo Mazarrasa Segretario, Fondazione ICEERS, Ibiza, Spagna Margot Honselaar Tesoriera, Fondazione ICEERS, Halsteren, Pesi Bassi Òscar Parés, MA Vice direttore Fondazione ICEERS, Barcellona, Spagna José Carlos Bouso, PhD Direttore Scientifico, Fondazione ICEERS, Barcellona, Spagna

 

Standard