Archivi categoria: Disclosure

L’AGENDA PEDOFILA – di Cathy O’ Brien

I pedofili prosperano grazie all’adrenalina dei bambini torturati, mentre noi siamo socialmente progettati per accettare la loro idea che “i bambini vogliono essere violentati”. Questo concetto disumano è deliberatamente promosso nel nostro sistema scolastico e nei media mentre la giustizia è usurpata da giudici complici che riducono le pene per crimini pedofili contro l’umanità.

Ho acquisito molte informazioni sull’agenda dei pedofili mentre ero costretta nella palude con i perpetratori sotto il loro controllo mentale MK Ultra. L’abuso prima dei 5 anni mentre il cervello si sta ancora formando è considerato la base principale per il controllo mentale, che è una componente importante della loro agenda del Nuovo Ordine Mondiale. A sua volta, il controllo mentale è coerente con il traffico di esseri umani, che è il loro principale meccanismo di finanziamento per l’implementazione di quello che Adolph Hitler chiamò per la prima volta Nuovo Ordine Mondiale. Spetta a te armarti di conoscenza contro il programma pedofilo piuttosto che liquidarlo semplicemente come “cospirazione”, come suggeriscono gli autori. Quando le radici profonde della corruzione sono strategicamente piantate per generazioni, dobbiamo pensare oltre la semantica e l’ingegneria sociale per fare la nostra parte in #SaveTheChildren e #DrainTheSwamp. 

Nascondersi in piena vista

La conoscenza è la nostra difesa contro il controllo mentale, motivo per cui la verità è censurata dai media che sono totalmente controllati per perpetuare questa orribile agenda del Nuovo Ordine Mondiale. Ricerca per te stesso. Scava in profondità alla ricerca di fatti che sono sepolti sotto illusioni mentre i nostri figli continuano a scomparire a ritmi allarmanti per nutrire i drogati di adrenalina pedofili. Il mio proprietario in MK Ultra tortuoso controllo mentale era il senatore statunitense Robert C. Byrd, che ha piantato le sue radici corrotte nel profondo della politica statunitense per oltre 50 anni. Aveva persino un ufficio nell’edificio dell’FBI per utilizzare l’agenzia come rete di cattura per il traffico di esseri umani “schiavi in ​​fuga”. Byrd avrebbe assicurato ai suoi compagni di pedofilia, controllo mentale e traffico di esseri umani: “Le brave persone non pensano di cercare questo tipo di attività criminale“. Questa attività criminale si è nascosta in bella vista da quando Project Paperclip ha importato scienziati nazisti negli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale. Quando George Bush, Sr. entrò in carica come presidente, ci disse sfacciatamente che stava implementando quello che Hitler e lui chiamava il Nuovo Ordine Mondiale.

Pedofilia: una base per il controllo mentale 

La ricerca di Adolph Hitler e di Heinrich Himmler e aveva dimostrato che la pedofilia, in particolare quella basata sull’incesto, produceva il candidato principale per il controllo mentale a causa del modo in cui il nostro cervello risponde a traumi incomprensibili. Un bambino non può comprendere un’aggressione sessuale tortuosa. Pertanto, la suggestionabilità aumenta quando la mente cosciente prende il volo dal trauma. In termini scientifici, il cervello interrompe automaticamente le vie neuronali che circondano il trauma per compartimentalizzare la memoria dell’evento in modo che il resto della mente possa funzionare normalmente come se nulla fosse accaduto. Questa risposta cerebrale è definita professionalmente come “la sana difesa della mente da un trauma troppo orribile da comprendere”. Indipendentemente da ciò che sei stato condizionato a credere sulla pedofilia, il nostro design innato dice che è sbagliato e risponde di conseguenza. Questa risposta autogena del cervello raggiunge il picco prima dei 5 anni – prima ancora che ci sia la capacità di giudicare la pedofilia è sbagliata – con conseguenti disturbi dissociativi dell’identità che possono durare tutta la vita. Quello che dobbiamo sapere è che i disturbi dissociativi dell’identità sono la base principale del controllo mentale per introdurre strategicamente il Nuovo Ordine Mondiale. Pensa alla giovinezza di Hitler. Componi la realtà della loro conformità robotica con multi-generazioni di applicazioni e tecnologie avanzate e inizi a vedere cosa sta accadendo oggi alla nostra sovranità come nazione e come individui. La pedofilia va intesa nella sua interezza. Non è una “preferenza sessuale” come siamo condizionati a credere. La pedofilia è un’aggressione violenta dei bambini che altera la formazione del cervello. Quando i cervelli compartimentalizzano l’abuso sessuale prima dei 5 anni, quella parte del cervello sezionata dalle vie neuronali che si interrompono contiene il ricordo di quell’abuso sessuale. Quando l’abuso si verifica di nuovo, quei percorsi neuronali si riaprono ancora e ancora, se necessario. Negli anni successivi, se il problema non è stato affrontato consapevolmente, quello stesso compartimento cerebrale è vulnerabile ad essere attivato come un interruttore. Potrebbe verificarsi un comportamento sessuale deviante, inclusa la pedofilia. Spesso la pedofilia si perpetua, motivo per cui l’incesto multi-generazionale è mirato al controllo mentale. È imperativo che i problemi di abuso sessuale infantile siano affrontati consapevolmente al fine di interrompere il ciclo. Le informazioni su pedofilia, controllo mentale e guarigione da esso sono state deliberatamente omesse dalla formazione sulla salute mentale. Il dottor Ewing Cameron, fondatore dell’Associazione Americana di Psichiatria e Psichiatria Mondiale, è stato notoriamente coinvolto in progetti di controllo mentale Top Secret MK Ultra. La conoscenza segreta è uguale al potere per cui censurare le informazioni scientifiche sulla funzione mente-cervello per il controllo è così intollerabile che l’insider di Intel Mark Phillips e io lo abbiamo rilasciato in PTSD: Time to Heal

Ostacolare la verità

Oggi i nostri ragazzi vengono condizionati attraverso l’educazione tradizionale globale a credere che la loro “confusione di genere” sia qualcosa con cui sono nati, distogliendoli ulteriormente dal ricordare consapevolmente gli abusi e rivendicare l’autocontrollo. Mio padre (pedofilo) ha ricevuto l’immunità dall’accusa per aver fabbricato pornografia infantile vendendomi al programma CIA MK Ultra Mind Control. All’inizio degli anni ’60 il nostro sistema giudiziario era già stato corrotto per perpetuare la pedofilia! Allora il politico locale Gerald Ford è stato responsabile per avermi spinto in MK Ultra, dove la mia vittimizzazione è aumentata proporzionalmente alla sua carriera politica. Sono diventata un “modello presidenziale” usato nelle operazioni nere ai livelli della Casa Bianca / Pentagono, come descritto in TRANCE Formation of America. Poiché il trauma estremo crea una memoria a compartimenti stagni usata per la programmazione del controllo mentale MK Ultra, sono stata sottoposto a torture e orrori che nessuno dovrebbe mai sopportare, il peggiore dei quali è stato il loro tortuoso assalto pedofilo a mio figlio. Il mio controllo mentale era assoluto e robotico per cui non riuscivo a pensare di salvare me o lei.

Una dipendenza ingiusta

Ho assistito e sperimentato una fazione criminale del nostro governo che ha implementato il suo Nuovo Ordine Mondiale attraverso un colpo di stato silenzioso che finalmente viene smascherato oggi. Crimini contro l’umanità perpetrati da Bush, Byrd, Clinton, e in modo più strategico traumatizzati nostra nazione in conformità e compiacimento. Agenti dell’intelligence, capi di governo e giudici sono spesso compromessi, indottrinati dalla pedofilia e ricattati. Le prove video di orribili atti sessuali venivano conservate nelle casseforti quando ero sotto il controllo mentale, proprio come i file dei video e dei laptop di Epstein vengono conservati oggi per scopi di ricatto. I PerpeTraitor non hanno motivo di fidarsi l’uno dell’altro senza ricatti. Ovviamente, sanno che la pedofilia e il traffico di esseri umani sono sbagliati, ma la loro dipendenza dall’adrenalina dei nostri bambini torturati e traumatizzati li unisce nel perpetuare a tutti i costi il ​​loro programma della società schiavista del Nuovo Ordine Mondiale.

Proteggi i nostri figli

Pensa cosa c’è al di là delle giustificazioni pubbliche dei perpetratori per la pedofilia. La pedofilia non è la nostra “nuova normalità”: non c’è nulla di “normale”, come dimostra la difesa autogena del nostro cervello contro di essa. Ricerca tu stesso gli effetti del trauma sulla mente umana e come la pedofilia altera la funzione cerebrale nei bambini. I nostri figli e le generazioni future dipendono dalle nostre azioni informate oggi per fermare efficacemente questa pervasiva agenda pedofila. Il pensiero libero è sacro! Proteggi i nostri figli!

ARTICOLO ORIGINALE

https://trance-formation.com/pedophile-agenda

TRADUZIONE

Marco Isella

LE MASCHERINE SONO UN DISPOSITIVO DI CONTROLLO MENTALE – di Cathy O’Brien

“Mia figlia è stata costretta a indossarne uno da due anni per controllare il suo respiro e la sua percezione”. 

Se tu ed i tuoi figli indossate maschere, questo articolo è un MUST-READ.

Cathy O’Brien afferma: “Le maschere sono un evidente dispositivo di controllo mentale e sono disturbata dal fatto che così tante persone si adeguino su scala globale. Negli anni in cui ho visto immagini di persone in Cina che indossavano maschere che controllano l’aria che respirano (ufficialmente a causa dell’inquinamento).

Sapevo che era un meccanismo di spersonalizzazione per il controllo della popolazione al pari dei Burka.

Le maschere de-personalizzano e fanno sentire una persona come se non avesse voce.

È una barriera per gli altri.

In MK ULTRA PROJECT – MONARCH MIND, Michael Jackson ha dovuto indossare una maschera per mettere a tacere la sua voce in modo da non poter chiedere aiuto.

Ricordi come ha sviluppato quella voce sussurrata quando non cantava? Le maschere controllano la mente dall’esterno all’interno, come sta facendo la ridefinizione delle parole. Controllando ciò che possiamo e non possiamo dire per paura di essere etichettati come razzisti o picchiati, ad esempio, controlla in ultima analisi il pensiero che guida le nostre parole e, in definitiva, le azioni (o la loro mancanza). Allo stesso modo, una maschera attutisce il nostro discorso in modo che non veniamo ascoltati. Controlla la voce, le parole, la mente.

Questo è esattamente il controllo mentale.

Le persone che non sceglierebbero mai di obbedire ma sono costrette a indossare una maschera per mantenere il loro lavoro, e alla fine la loro famiglia nutrita, sono compromesse. Spesso provano vergogna e si sentono sottomessi. Le persone hanno smesso di parlare tra loro mentre i media controllano la narrazione.”

I MANDANTI DEL CONTROLLO

Considerate anche come l’educazione globale abbia introdotto il concetto di “siamo tutti vincitori” nello sport, nelle aule, nella ricreazione, ecc. La concorrenza è stata disinnescata e, a sua volta, ha disinnescato il senso di contrattacco. È come se gli insorti potessero fare qualsiasi cosa violenta vogliono perché “siamo tutti dentro insieme” indossando maschere. Naturalmente, questo funziona bene per mascherare le identità di coloro che infrangono la legge, sottomettendo ulteriormente coloro che sono condizionati a non reagire.

Ancora più importante, quelle maschere obbligatorie stanno letteralmente controllando l’aria che respiriamo. Ecco perché mia figlia Kelly ha dovuto indossare maschere dall’età di 2 anni. 

Lei e io eravamo stati condizionati dal fatto che i nostri aggressori avessero il potere della vita e della morte su di noi. Eravamo stati programmati su livelli che controllano il battito cardiaco, il battito delle palpebre e la respirazione come sopportano le forze speciali militari. 

Anche il “gruppo musicale preferito” di Reagan era Air Supply, che è stato usato come un deliberato innesco DO-OR-DIE. Gli esperti di MK Ultra hanno riconosciuto la maschera come un significante della programmazione robotica che credevano vietasse alla vittima di avere la capacità di  pensare  per parlare.

IL CONTROLLO DELL’ARIA CHE RESPIRIAMO È UN’ESTREMA FORZA DI POTERE CHE CONTROLLA LA VITA E LA MORTE.

Vedere la raffica costante di aggressioni, omicidi o arresti da parte dei media di coloro che non si conformano, aggrava ulteriormente il controllo.

I detrattori del Nuovo Ordine Mondiale sanno esattamente cosa stanno facendo e lo so anch’io. Pertanto, resto fiducioso nel non indossare una maschera mentre capisco compassionevolmente perché le persone hanno così difficoltà a togliersi le maschere! 

La paura sostenuta dai media che suggerisce che chiunque non indossi una maschera “non si preoccupi degli altri” è esattamente l’opposto di quanto i ribelli violenti sono etichettati come “manifestanti pacifici”. 

Le persone sono incoraggiate quando vedono il mio viso sorridente e trovano la speranza che questa “nuova normalità” di indossare maschere sia una nostra scelta di adeguarci o meno. Dipende davvero da noi.

Come sempre, più sai più vedi e ho motivo di vedere l’implementazione della realtà del controllo mentale globale. Il controllo mentale è stato ed è il programma definitivo del NUOVO ORDINE MONDIALE per creare la loro società di schiavi come da mia testimonianza nel libro “TRANCE-FORMATION Of AMERICA”.

Ordine del giorno: controllo più forte sulle popolazioni attraverso vaccini contaminati da nano-particelle. 

FAI SENTIRE LA TUA VOCE

La buona notizia è che questi criminali che hanno perso il controllo del nostro globo nel 2016, sono arroganti e non riescono a considerare la forza dello spirito umano, che è proprio la ragione per cui sono sopravvissuta. Stiamo ora assistendo e sperimentando un grande risveglio di proporzioni globali mentre le persone si svegliano da anni di controllo mentale perché, come sempre, i detrattori hanno esagerato e hanno calcato troppo la mano. 

E l’umanità ha la carta vincente: la forza dello spirito!

Ora, le persone devono raccogliere la loro forza di spirito, togliersi le maschere mentre protestano legittimamente pacificamente contro i “Vaccini” del NUOVO ORDINE MONDIALE e far sentire la loro voce!

ARTICOLO ORIGINALEhttp://www.99thmonkey.co.uk/crossroads-blog/mkultra-mind-control-survivor-cathy-obrien-on-the-ciamilitary-use-of-masks-in-controlling-the-mind

TRADUZIONE – Marco Isella

FONTE – Trance Formation of America

DAVID ICKE E LA GENETICA UMANA

REPTILIANS

ILLUSTRAZIONE DI NEIL HAGUE – Il rapporto tra i Rettiliani e le stirpi ibride può essere simboleggiato come uno scienziato che opera dentro un contenitore (la nostra realtà) rimanendo al di fuori di esso (la loro realtà) ed utilizzando dei guanti (le stirpi ibride) per penetrare in questo contenitore.

Stiamo per addentrarci in un territorio dove solo le menti veramente aperte possono entrare. In realtà ci siamo già stati quando abbiamo parlato della catastrofe cosmica, ma se pensate che tutto ciò sia strano e difficile da credere, beh… «Allacciati la cintura, Alice, che da adesso di meraviglie ne vedrai un bel po’», come dice Cypher in Matrix.

La Terra era una scena di devastazione; la maggior parte dell’umanità non esisteva più e si dovette ricominciare tutto da capo. La cosiddetta “evoluzione” implica un costante avanzamento delle specie, che le porti dall’ignoranza ad una conoscenza e ad un potenziale sempre più grandi. Ma nella nostra realtà le cose non vanno in questo modo. La Terra ha ospitato innumerevoli civiltà che si sono avvicendate per periodi di “tempo” (così come lo decodifichiamo noi) assai più lunghi rispetto alla percezione della scienza convenzionale. L’autore e ricercatore americano Michael Cremo ha studiato per anni e anni le prove secondo cui gli esseri umani sarebbero apparsi ben prima di quanto la versione ufficiale sostenga. Cremo dice di aver intrapreso queste ricerche dopo aver letto dozzine di relazioni scientifiche originali che descrivono ossa umane e manufatti antichi di milioni di anni, mai citati nei libri di testo. Alcune di queste civiltà terrestri erano assai più progredite di quanto lo siamo noi oggi, mentre altre erano estremamente primitive. «L’acceleratore si muove in entrambe le direzioni», dicono nelle gare motociclistiche, e lo stesso principio si applica anche alla ’“evoluzione”. Un popolo progredito può diventare primitivo nel giro di pochi minuti se il pianeta viene colpito dal genere di eventi di cui ho parlato. Guardate cos’è successo all’indomani di grandi terremoti o disastri come l’uragano Katrina. Il “mondo moderno” finisce in un baleno finché non arrivano le squadre di soccorso e non si dà inizio alla ricostruzione. Ma… cosa accadrebbe se non ci fossero soccorritori o ricostruzioni perché la stessa catastrofe sta avvenendo in tutto il mondo? Come ho spiegato ne “Il Risveglio del Leone”, tra i sopravvissuti immediatamente si scatenerebbe un caos totale alla “cane-mangia-cane”, “ciascun-per-sé”, “trovati-da-te cibo e riparo” e così via. Nei millenni a seguire il ricordo del mondo tecnologico che abbiamo oggi svanirebbe sempre più rapidamente e rimarrebbe soltanto in racconti e leggende che via via verrebbero considerati folli favolette e creazioni della fantasia. La maggior parte delle persone arriverebbe addirittura a negare che un mondo così sia mai esistito. Avremmo la stessa mentalità da “non sappiamo-farlo-quindi-non-può-essere-fatto” di coloro che un tempo ridevano anche soltanto all’idea che si potesse volare nello spazio. Questo è esattamente lo scenario che fece seguito alla line cataclismatica dell’Età dell’Oro e che vide l’incrinarsi di miti e leggende che narrano della sua esistenza e della sua scomparsa. Secondo la mia opinione, la vera epoca d’oro caratterizzata dall’espansione della coscienza umana ebbe fine più di 200.000 anni fa. E’ questo ciò di cui parlano realmente alcuni miti legati all’Epoca d’Oro, mentre altri si riferiscono ad un Epoca assai più recente, che appariva come tale solo se paragonata al mondo distrutto da quelle colossali catastrofi geologiche. Per specificare bene cosa intendo dire definirò quel periodo assai più antico la “Vera Epoca d’Oro”.

Okay, se questa è la prima volta che leggete un mio libro, ora fate un bel respiro profondo Pronti? Per un lungo periodo di tempo prima della catastrofe, l’umanità interagì con razze non umane. Alcune erano benevole, altre no, e alla fine queste ultime presero il sopravvento Secondo alcuni resoconti, in qualche modo furono questi “Dèi” a provocare i cataclismi; è il tema che ritroviamo nei racconti sul Diluvio Universale, quando gli Dèi (o, nel caso delle religioni monoteistiche, un solo “dio”) decisero di spazzare via l’umanità e ricominciare tutto da capo. Ho già citato la versione sumera in cui si narra che furono gli Anunna, o Anunnaki a decidere di distruggere l’umanità; ma uno di essi, Enki, mise in guardia il re-sacerdote Ziusu-Dra dell’imminente diluvio e gli disse di costruire alla svelta un’imbarcazione. Nella versione della Genesi, Dio dice a Noè: «Ed ecco, io sto per far venire il diluvio delle acque sulla terra, per distruggere di sotto i cieli ogni carne in cui è alito di vita; tutto quello che vi è sopra la terra morra». Bel tizio, questo “Dio”. Dai racconti sumeri sugli Anunnaki si evincerebbe che l’umanità venne presa di mira dopo essersi ribellata agli “Dèi”, che a quel punto vollero controllarla e schiavizzarla. Secondo me, gli “Dèi” erano un’alleanza di razze non umane dominate da un gruppo di sembianze rettiliane, ma che comprendeva anche alcuni “Grigi” (quelli che somigliano alle formiche) e altre creature dall’aspetto praticamente umano. Ovviamente potrebbero esistere anche altre razze, quindi qui utilizzerò la definizione “Alleanza rettiliana”, che vede in prima linea i tizi a “squame”. Suona fantascientifico, lo so, ma praticamente tutto ciò che è al eh fuori della “normalità” quotidiana sembra “fantascientifico”, “ridicolo” e “impossibile” all’emisfero sinistro solidificato, che percepisce le possibilità solo attraverso un microscopio – quindi, naturalmente, tali possibilità sembrano difficili da concepire. Ma tutto questo è davvero cosi fantascientifico”? Osservate la straordinaria varietà di forme tra gli animali, gli insetti la vita marina e la natura in generale. E ora osservate la varietà delle forme umane, nere, mulatte bianche e così via; e notate la differenza di aspetto tra un individuo dell’Estremo Oriente e uno di razza caucasica o afroamericana. Poi ricordate che tutto ciò esiste solo su questo pianeta nell’ambito di una gamma di frequenze incredibilmente ristretta che ci è possibile “vedere”: la luce visibile. E allora pensate a quante forme diverse devono esistere nell’infinito che va oltre quell’ambito. Considerando le cose da questa prospettiva, sarebbe più “fantascientifico” se la vita intelligente espressa attraverso la genetica rettiliana non esistesse. Le antiche tavolette mesopotamiche riportano che gli Anunnaki giunsero centinaia di migliaia di anni fa. Posero fine a quella che io chiamo la Vera Epoca d’Oro e ridussero in schiavitù il popolo terrestre.

Da allora l’alleanza rettiliana ha periodicamente causato catastrofi globali per cancellare il programma genetico degli umani quando questi cessano di comportarsi da schiavi acquiescenti. Ciò permette ai dominatori, se necessario, di ripartire nuovamente con un corpo umano (sistema informatico) upgradato, aggiornato. Con questo termine in realtà intendo dire “più controllabile”. Ancora non so quando i Rettiliani giunsero qui di preciso, ma senza ombra di dubbio nell’arco di tempo che va dai 200.000 ai 35.000 anni fa si verificarono massicci e improvvisi cambiamento nella genetica umana. Ora i dominatori stanno pianificando di rifare la stessa cosa ed è più che mai necessario aprire la nostra mente per renderci conto di ciò che sta accadendo. 

C’è chi sostiene che i Rettiliani siano qui soltanto da qualche migliaio di anni, ma io credo che lo siano da molto, molto di più, sebbene la natura della manipolazione sia cambiata proprio in quel periodo. Sembra che siano collegati alle costellazioni di Orione e del Drago, ma non necessariamente come le percepiamo noi o nella gamma di frequenza della luce visibile.

I pianeti e le stelle sono multidimensionali come ogni altra cosa, ed esistono dimensioni di corpi celesti, costellazioni e galassie molto differenti rispetto alla gamma di frequenza che noi siamo in grado di “vedere”. Le informazioni sul sabotaggio della Terra ad opera dei Rettiliani iniziarono ad entrare nella mia vita subito dopo la metà degli anni Novanta; con perfetto sincronismo capitò di incontrare in tutto il mondo persone che mi raccontavano le loro esperienze con entità rettiliane. Nei primi anni mi imbattei in varie informazioni su questo argomento, ma decisi di  lasciarle momentaneamente in secondo piano per vedere dove mi avrebbero portato. Non sono  il tipo che sente dire qualcosa e lo urla ai quattro venti. Ovviamente queste informazioni erano molto bizzarre, quindi avevo bisogno di saperne di più prima di seguirle. Le informazioni iniziarono  a giungermi a raffica nel 1997, quando feci un viaggio ili 15 giorni per tenere una serie di conferenze. Beh, più o meno, perché non molti vennero ad ascoltarmi. Ma in quei 15 giorni incontrai 12 persone che non avevano alcun legame tra loro e che mi raccontarono la medesima storia sull’esistenza di una razza rettiliana. Parecchie di queste persone dissero di aver visto individui (che spesso, sebbene non sempre, occupavano posizioni di potere) “mutare forma” improvvisamente, passando da quella umana a una rettiliana, per poi tornare di nuovo umani. Ricordate che non si tratta di una mutazione “fisica”. Non esiste alcunché di “fisico”. È una mutazione energetica in forma d’onda che sembra una “mutazione fisica” solo per via del processo di decodificazione che avviene nella mente dell’osservatore. Quando i due campi informazionali mutano e un ologramma differente viene decodificato dall’osservatore, si ha l’illusione che qualcuno cambi forma fisica.

FONTE

David Icke – Ricordati chi sei, dove vivi e da dove provieni (pag. 87-89)

KAUFMAN, LE VACCINAZIONI E LA TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE

Dr.-Andrew-Kaufman

IL FACT CHECKING di Reuters

Affermazioni ampiamente condivise sui social media collegano a un video che afferma che un futuro vaccino contro COVID-19 modificherebbe geneticamente gli esseri umani.

La maggior parte delle affermazioni si riferisce a una versione di un video YouTube ora cancellato e ampiamente condiviso del dottor Andrew Kaufman, in un’intervista con Spiro Skouras, un ricercatore indipendente con un popolarissimo canale YouTube. Nel video, Kaufman parla di come un futuro vaccino COVID-19 fornirebbe una chiave per iniettare geni negli esseri umani, prima con una procedura nota come Elettroporazione – in cui una corrente elettrica crea piccoli buchi nel nostro cellule che permettono al DNA di entrare nelle nostre cellule – e poi attraverso l’inserimento di proteine ​​estranee che presumibilmente generano immunità “.

Kaufman conclude che il vaccino, come i risultati della biotecnologia in agricoltura, renderà gli esseri umani organismi geneticamente modificati. Ci sono più affermazioni nel video di quasi un’ora. Mentre la maggior parte degli articoli non menziona i vaccini a base di DNA, il dottor Kaufman ne parla nel video.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), un vaccino a DNA comporta l’introduzione diretta in tessuti appropriati di un plasmide contenente la sequenza di DNA che codifica l’antigene contro cui si cerca una risposta immunitaria

www.who.int/biologicals/areas/vaccines/dna/en/

Ciò significa che, a differenza dei più diffusi vaccini “convenzionali” che utilizzano un intero patogeno o un frammento

https://www.cdc.gov/vaccines/hcp/conversations/downloads/vacsafe-understand-color-office.pdf

un vaccino a DNA prevede l’iniezione di una parte del codice genetico del virus (DNA o RNA) per stimolare la risposta immunitaria in un paziente senza un’infezione

https://weekly.biotechprimer.com/dna-vaccines-explained/

L’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) definisce OGM un organismo in cui uno o più geni (chiamati Transgeni) sono stati introdotti nel suo materiale genetico da un altro organismo utilizzando la tecnologia del DNA “Ricombinante“.

www.fao.org/fileadmin/user_upload/biotech/docs/faqsen.pdf

Attualmente vi sono molti studi attualmente in corso per un vaccino COVID-19 in tutto il mondo, con alcuni che esplorano la possibilità di un vaccino a DNA

www.technologynetworks.com/biopharma/product-news/phase-1-us-trial-of-covid-19-dna-vaccine-enrollment-complete-334373

Secondo la rivista “Nature” il ventunesimo secolo è arrivato con una nuova era nella “Vaccinologia”, in cui la tecnologia genetica ricombinante ha contribuito a stabilire un ritmo veloce senza precedenti nello sviluppo del vaccino, chiaramente dimostrato durante la recente pandemia.

www.nature.com/articles/s41541-020-0188-3

Tuttavia, secondo Mark Lynas – un simpatizzante del gruppo “Alliance for Science” – della Cornell University, i vaccini non integrano il DNA del Virus nel nucleo cellulare del suo ricevente.

L’ELETTROPORAZIONE – da Wikipedia, l’enciclopedia “libera”

L’Elettroporazione è una tecnica microbiologica in cui un campo elettrico viene applicato alle cellule per aumentare la permeabilità della membrana cellulare, consentendo l’ introduzione di sostanze chimiche, farmaci o DNA nella cellula (chiamato anche elettrotrasferimento). In microbiologia, il processo di elettroporazione viene spesso utilizzato per trasformare batterilieviti o protoplasti vegetali introducendo nuovo DNA codificante. Se batteri e plasmidi vengono mescolati insieme, i plasmidi possono essere trasferiti nei batteri dopo l’elettroporazione, sebbene a seconda di ciò che viene trasferito si potrebbero usare anche peptidi penetranti o CELL SQUEEZE. L’elettroporazione funziona facendo passare migliaia di volt su una distanza da uno a due millimetri di celle sospese in una cuvetta di elettroporazione (1,0 – 1,5 kV, 250 – 750 V / cm). Successivamente, le cellule devono essere maneggiate con cura fino a quando non hanno avuto la possibilità di dividersi, producendo nuove cellule che contengono plasmidi riprodotti. Questo processo è circa dieci volte più efficace della trasformazione chimica.

L’elettroporazione è anche altamente efficiente per l’introduzione di geni estranei nelle cellule di coltura tissutale, in particolare nelle cellule di mammifero. Ad esempio, viene utilizzato nel processo di produzione di topi knockout , così come nel trattamento del tumore, nella terapia genica e nella terapia basata sulle cellule. Il processo di introduzione di DNA estraneo nelle cellule eucariotiche è noto come trasfezione.

Utilizzando campi elettrici pulsati ultra corti ma molto forti, micropori e nanopori vengono indotti nei doppi strati fosfolipidici che formano le membrane cellulari esterne. Possono verificarsi due tipi di elettroporazione:

  1. ELETTROPORAZIONE REVERSIBILE (RE): si formano percorsi temporanei e limitati per il trasporto molecolare tramite nanopori, ma dopo la fine dell’impulso elettrico, il trasporto cessa e le cellule rimangono vitali. Le applicazioni mediche sono, ad esempio, l’introduzione locale di farmaci citotossici intracellulari come la bleomicina (elettroporazione ed elettrochemioterapia).
  2. ELETTROPORAZIONE IRREVERSIBILE (IRE): dopo un certo grado di danno alle membrane cellulari per elettroporazione, la fuoriuscita del contenuto intracellulare è troppo grave o la risigillatura della membrana cellulare è troppo lenta, lasciando le cellule sane e / o cancerose irreversibilmente danneggiate. Muoiono per apoptosi o per vie necrotiche indotte internamente alle cellule, che è unica per questa tecnica di ablazione.

CHI E’ ANDREW KAUFMAN?

MEDICAMENTUM AUTHENTICA

Andy Kaufman è un consulente di guarigione naturale, inventore, oratore pubblico, psichiatra forense e testimone esperto. Ha completato la sua formazione psichiatrica presso il Duke University Medical Center dopo la laurea presso la Medical University of South Carolina e ha conseguito una laurea in Biologia Molecolare presso il MIT.

Ha condotto e pubblicato ricerche originali e tenuto conferenze, supervisionato e tutorato studenti di medicina, residenti e colleghi in tutte le specialità psichiatriche. È stato qualificato come testimone esperto in tribunali locali, statali e federali. Ha ricoperto posizioni di leadership nella medicina accademica e nelle organizzazioni professionali. Gestiva una start-up per sviluppare un dispositivo medico da lui inventato e brevettato.

Posizioni della Facoltà

  • Professore assistente clinico di psichiatria, SUNY Upstate Medical University
  • Vicepresidente, Psychiatry Faculty Practice Corporation, SUNY Upstate Medical University
  • Direttore medico della pratica della facoltà, SUNY Upstate Medical University
  • Assistant Director, Forensic Psychiatry Fellowship, SUNY Upstate Medical University
  • Consulting Expert Witness, Syracuse University Law School

Formazione scolastica

  • Medical University of South Carolina, Dottore in Medicina
  • Massachusetts Institute of Technology, laurea in biologia

Formazione

  • Certificazione dell’American Board of Psychiatry and Neurology Board in Psychiatry and Forensic Psychiatry (2011)
  • SUNY Upstate Medical University, Fellowship in Forensic Psychiatry
  • Duke University School of Medicine, Resident in Psychiatry

Pubblicazioni

  • Knoll JL e Kaufman AR. Suicidio in ambienti correttivi: epidemiologia, valutazione del rischio e prevenzione. Principles and Practice of Forensic Psychiatry a cura di Richard Rosner, 3a edizione, 2017.
  • Way BB, Kaufman AR, Knoll JL, Chlebowski, S: Ideazione suicidaria tra i pazienti detenuti nella prigione statale: prevalenza, riluttanza a riferire e preferenze di trattamento. Behavioral Science and the Law, 31 (2): 230-8, 2013.
  • Kaufman AR, Way BB, Suardi E: Quarant’anni dopo Jackson v. Indiana. Conformità degli Stati alla sentenza “Periodo di tempo ragionevole”. Journal of the American Academy of Psychiatry and the Law, 40: 261-5, 2012.
  • Kaufman AR, Knoll JL, Way BB, Leonard C, Widroff J: Survey of Forensic Mental Health Experts on Pro Se Competence After Indiana v. Edwards: Towards an Evidence-Based Pro Se Competency Standard. Journal of the American Academy of Psychiatry and the Law, 39: 565-70, 2011.
  • Knoll JL, Leonard C, Kaufman AR, Way BB: un’indagine pilota delle opinioni dei giudici della corte di prova sulla competenza professionale dopo Indiana v. Edwards. Journal of the American Academy of Psychiatry and the Law, 38: 536-9, 2010.
  • Kaufman AR, Way B: Psichiatri residenti nella Carolina del Nord Conoscenza degli statuti sull’impegno: si allontanano dallo standard legale nell’applicazione ipotetica dei criteri di impegno involontario? Psychiatric Quarterly, 2010; 81 (4): p.363.
  • Kaufman, AR: Altro su DSM-5: Will “Cross-Cutting” Butcher Clinical Psychiatry. Correctional Mental Health Report, 2010; 12 (2): p. 21.
  • Kaufman AR: Gli psichiatri sono professionisti Lexa? Correctional Mental Health Report, 2010; 11 (5): p. 71
  • Kaufman AR: dovremmo usare le forze dell’ordine per il trasporto di emergenza di persone con malattie mentali? American Journal of Psychiatry 2007; 164 (3): Residenti ‘Journal p. 3

“VOGLIONO MODIFICARCI GENETICAMENTE CON IL VACCINO” – KAUFMAN PERDE IL LAVORO E RISCHIA LA PRIGIONE

“Questa è l’unica cosa importante per me ora, è far uscire queste informazioni, in modo da impedirci di vivere in un orribile, orribile futuro. Ho due bambini piccoli, e sono il mio principale fattore motivante, non voglio che vivano in un mondo in cui non hanno libertà. Ed è lì che stiamo andando in questo momento.

E quindi qualunque rischio ci siano, sono rischi che devo semplicemente correre. Ecco perché sto facendo quello che sto facendo. Ci sono state cose che sono successe. Ho avuto delle conseguenze. Sono stato licenziato dal mio normale lavoro di psichiatria perché mi rifiutavo di indossare una maschera.

Ho avuto diversi amici che sono medici o altri professionisti sanitari che sono stati molto arrabbiati con me. Sono delusi e non mi parleranno più. Sapevo che quei rischi facevano parte di questo. Ma non è questo ciò che è importante. Ti dirò che sarei felice di rischiare anche di essere portato in prigione, perché non ho intenzione di partecipare a nessuna di queste misure.

Non indosso una maschera. Non resto a casa.

Rispetto i diritti degli altri di fare le proprie scelte. 

Ma se qualcuno è disposto a stabilire un contatto visivo e interagire con me, non osservo alcun allontanamento sociale, quindi opportunità di abbracciare qualcuno, soprattutto in pubblico, ne approfitto sempre, perché voglio mostrare alle persone che in realtà tutte queste misure sono volontarie. Anche il Governatore Cuomo ha dichiarato pubblicamente che non c’è nulla che possano fare per far rispettare nessuna di queste misure e che sono volontarie. E vorrei incoraggiare altre persone a prendere questa decisione, perché se ci affidiamo all’autorità per darci l’approvazione di come esercitare la nostra libertà, ci toglieranno più libertà, come hanno fatto. Le persone che per andare a protestare presso il municipio o la capitale, chiedono all’autorità di dare loro il permesso. Ma hanno già il permesso, perché possiedono diritti inalienabili. Non ci sono alternative per me. È proprio quello che sento di dover fare per preservare il modo di vivere che voglio vivere per me e per i miei figli. “

Il dottor Andrew Kaufman potrebbe essere il medico più censurato negli Stati Uniti in questo momento. I suoi video vengono rimossi e censurati da YouTube molto rapidamente. Il dottor Kaufman è così intelligente e così articolato che i media “tradizionali” e le autorità mediche ovviamente temono lui e il suo messaggio, e stanno facendo tutto ciò che è in loro potere per sopprimerlo. Il video che ha fatto con Spiro Skouras, ad esempio, è stato immediatamente rimosso da YouTube, sebbene gli altri video di Spiro siano ancora intatti.

Secondo Kaufman tutto questo è stato pianificato e non riguarda affatto un virus pericoloso, ma un modo per controllare la vita delle persone. Il dottor Kaufman ha già pagato un prezzo altissimo per informare le persone e si aspetta solo che le cose peggiorino.

UN ACCOSTAMENTO TARGATO “GATES FOUNDATION”

In questo salotto con Bill & Melinda Gates

https://www.euractiv.com/section/agriculture-food/video/bill-melinda-gates-advocate-gmos-to-a-brussels-audience/

lui, arcinoto per la sua “filantropia” e la sua ossessione per i vaccini

https://las0rgente.net/2020/04/15/lossessione-vaccinista-di-gates-e-la-sete-di-controllo-sulla-politica-sanitaria-globale/

paragona l’ingegnerizzazione dei prodotti agricoli a quella degli esseri umani.

“Prendiamo organismi geneticamente modificati e le iniettiamo nel braccio dei bambini piccoli, direttamente nelle loro vene!” 

www.youtube.com/watch?v=_jYqMgyFvm0

TELEMEDICINA

La compagnia statunitense MicroCHIPS, specializzata nello sviluppo di dispositivi elettronici per il mondo medicale, ha annunciato i risultati di un trial clinico incentrato sulla sperimentazione di un microchip impiantabile nell’organismo umano per la somministrazione di farmaci controllabile via wireless da remoto.

https://darebioscience.com/microchips-biotech/

L’innovativa tecnologia di somministrazione dei farmaci di Microchips è progettata per memorizzare e somministrare con precisione centinaia di dosi terapeutiche per mesi o anni in un singolo impianto. L’impianto è concepito per essere azionato dal paziente per somministrare farmaci su richiesta o secondo un programma predeterminato che può essere attivato o disattivato in modalità wireless, come richiesto.

Con il supporto della The Bill & Melinda Gates Foundation sotto forma di circa 17,9 milioni di dollari in sovvenzioni fino ad oggi e il potenziale per un massimo di altri 2,5 milioni di dollari in sovvenzioni nel 2020, Microchips ha sviluppato un impianto impiantabile a lunga durata d’azione, applicazione contraccettiva reversibile della tecnologia.

VIRUS, VACCINO E 5G

117163962_750948449074077_1464641689036623726_n

Come ha dimostrato Stephan Lanka (di cui abbiamo già parlato qui e qui) non c’è il Virus – ma ci sarà il vaccino. Quali e quante modifiche sono previste al DNA umano?

Solo la percezione di una pandemia globale poteva giustificare una tale operazione – anche se, come sottolinea lo stesso Kaufman, in realtà non c’è un significativo aumento dei decessi (potete visualizzare le statistiche in tempo reale sul sito del John Hopkins CoronaVirus Resource Center).

Ad Aprile, in un’intervista di 80 minuti ad opera di Brian Rose, David Icke non si è solamente limitato a riportare le tesi di Kaufman (ovvero che quanto viene rilevato nei test per rilevare il CoronaVirus corrisponde invece a degli Esosomi) ma ha anche teorizzato che i livelli anonimi di questi ultimi fossero legati alla prolungata esposizione alla radiazione 5G.

OFCOM – autorità competente e regolatrice indipendente per le società di comunicazione nel Regno Unito – ha censurato il canale televisivo che aveva trasmesso l’intervista (London Live).

A Luglio, la Biblioteca Nazionale di Medicina degli Stati Uniti ha pubblicato uno studio secondo il quale le onde millimetriche (5G) possono creare strutture simili al CoronaVirus all’interno delle cellule umane.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32668870/

Pochi giorno dopo lo studio è stato ritirato.

E’ rimasto solamente Vittorio Colao, su YouTube, ad illuminarci sull’argomento: il 5G sarà una “trasformazione profonda”. Sarà possibile monitorare in tempo reale lo stato di salute di una persona ed eventualmente rilasciare da remoto sostanze necessarie al mantenimento delle condizioni di salute.

https://www.youtube.com/watch?v=Sz8_CUbobvg

E, sempre come dice Colao, col riconoscimento facciale, chi deve entrare, entra, chi non deve entrare, non entra…

P.S.     ma il nostro codice genetico è già predisposto?

Marco Isella

FONTI PRINCIPALI 

http://www.reuters.com/article/uk-factcheck-covid-19-vaccine-modify/false-claim-a-covid-19-vaccine-will-genetically-modify-humans-idUSKBN22U2BZ

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL MALINTESO CHIAMATO VIRUS

Makia Freeman, 24 Luglio 2020

Stefan Lanka parla ai giornalisti nel tribunale distrettuale di Ravensburg. Il biologo del Lago di Costanza aveva messo in dubbio l’esistenza del virus del morbillo.

L’idea sbagliata del virus è al centro dell’operazione Coronavirus, perché senza il concetto di teoria dei germi e senza la storia dell’orrore del virus killer, la maggior parte delle persone non acquisterebbe la narrativa ufficiale diretta dal NWO  sulla propaganda COVID. In un precedente articolo sulla natura del virus, ho discusso degli eroici sforzi del virologo tedesco  Dr. Stefan Lanka, che nel 2017 ha vinto un caso emblematico che è andato fino alla Corte suprema tedesca. Lanka ha dimostrato alla corte suprema del paese che il morbillo non era causato da un virus e che in realtà non esisteva un virus del morbillo. Lanka è ancora impegnato a lavorare, e ha scritto questo articolo all’inizio di quest’anno (tradotto qui in inglese) intitolato ” L’idea sbagliata chiamata virus “ in cui spiega la storia di come la scienza tradizionale sia andata terribilmente fuori strada con le sue conclusioni (pure ipotesi) per demonizzare l’umile virus e attribuirgli falsamente la patogenicità che non ce n’è.

Il malinteso sui virus: la leggenda di Virus Killer contro carenza e tossicità

Il punto principale di Lanka in tutto l’articolo è questo: quando gli scienziati moderni stanno lavorando con il tessuto malato, pensano che la presenza di un virus stia causando la malattia, invece di rendersi conto che il tessuto in questione è stato tagliato e isolato dal suo ospite, quindi fatto con antibiotici e che siano proprio questa separazione e questo avvelenamento a renderlo malato e ad ucciderlo, piuttosto che qualsiasi virus. Lanka scrive:

“Tutte le affermazioni sui virus come agenti patogeni sono errate e si basano su interpretazioni errate facilmente riconoscibili, comprensibili e verificabili … Tutti gli scienziati che pensano di lavorare con i virus nei laboratori in realtà lavorano con particelle tipiche di specifici tessuti o cellule morenti che sono state preparate in uno speciale modo. Credono che quei tessuti e quelle cellule stiano morendo perché sono stati infettati da un virus. In realtà, le cellule e i tessuti infetti stavano morendo perché erano affamati e avvelenati a seguito degli esperimenti in laboratorio. “

“… la morte del tessuto e delle cellule avviene nello stesso identico modo quando non viene aggiunto alcun materiale genetico infetto” ” Apparentemente i virologi non hanno notato questo fatto. Secondo … la logica scientifica e le regole della condotta scientifica, avrebbero dovuto essere condotti esperimenti di controllo. Al fine di confermare il metodo recentemente scoperto della cosiddetta “propagazione del virus” … gli scienziati avrebbero dovuto eseguire ulteriori esperimenti, chiamati esperimenti di controllo negativo, in cui avrebbero aggiunto sostanze sterili alla coltura cellulare “.

“Questi esperimenti di controllo non sono mai stati condotti dalla” scienza “ufficiale fino ad oggi. Durante la sperimentazione del virus del morbillo, ho incaricato un laboratorio indipendente di eseguire questo esperimento di controllo e il risultato è stato che i tessuti e le cellule muoiono a causa delle condizioni di laboratorio esattamente come quando entrano in contatto con materiale presunto “infetto”. “

In altre parole, le cellule e i tessuti studiati muoiono con o senza la presenza di un virus esattamente nello stesso modo; pertanto,  il virus non può essere la causa della morbilità e della mortalità.  È interessante notare che questo è esattamente ciò che hanno affermato molti esperti di salute, vale a dire che ci sono solo due cause di malattia:  carenza e tossicità. Ad esempio, Charlotte Gerson (che ha assunto la direzione della Gerson Clinic dal suo geniale padre Max) ha detto questo su Malattie e Cancro. La rimozione di cellule o tessuti dal corpo e quindi la loro interruzione dal loro apporto di energia porterà rapidamente ad una carenza; iniettare antibiotici nella miscela è tossicità, pertanto non esiste una prova concreta che un virus stia causando malattie quando sono già presenti carenze e tossicità. Questo è il punto chiave dell’idea sbagliata del virus.

Il malinteso sui virus appoggia le sue radici nellOttocento

Lanka fa risalire lo sviluppo del malinteso sui virus al 1858 e alla “teoria cellulare” di Rudolf Virchow, che ha proposto una teoria secondo cui tutte le malattie e tutta la vita provengono da una singola cellula, che è in qualche modo dirottata da un virus che la indebolisce e si propaga si. Lanka sottolinea due incongruenze in proposito: Viroma umano normale: uno studio del 2017 rileva l’HIV, l’epatite e molti altri virus presenti nelle persone

“La teoria cellulare è stata originata solo perché Rudolf Virchow ha soppresso scoperte cruciali sui tessuti. I risultati e le intuizioni riguardo alla struttura, alla funzione e all’importanza centrale dei tessuti nella creazione della vita, che erano già noti nel 1858, confutano in modo completo la teoria cellulare e le terapie genetiche, immunitarie e tumorali successivamente derivate.

“Le teorie dell’infezione sono state stabilite come dogma globale solo attraverso la propaganda politica e e l’eugenetica del Terzo Reich. Prima del 1933, gli scienziati hanno osato contraddire questa teoria; dopo il 1933, questi scienziati critici furono messi a tacere. “

Per “teorie dell’infezione” Lanka significa teoria dei germi, la teoria prevalente della moderna medicina occidentale. Lanka descrive quindi come si è verificato un cambio di paradigma nella percezione del virus nel periodo 1952-1954:

“Fino al 1952, un virus era definito come un veleno patogeno sotto forma di una proteina, un enzima che causava danni in modo sconosciuto. Dopo il 1953, l’anno in cui fu annunciato pubblicamente il presunto DNA nella forma di una presunta elica alfa, l’idea di un virus divenne un genotipo maligno avvolto in proteine. Pertanto, tra il 1952 e il 1954 ebbe luogo un cambio di paradigma riguardo all’immagine di un virus. “

Parla di come la teoria diventa dogma nella Chiesa del Mainstream Scientifoc, o Scientismo.

“Questo approccio completamente non scientifico ebbe origine nel giugno del 1954, quando fu pubblicato un articolo speculativo non scientifico e confutabile, secondo il quale la morte del tessuto in una provetta era considerata … possibili prove della presenza di un virus. Sei mesi dopo, il 10 dicembre 1954, l’autore principale di questa opinione ricevette il premio Nobel per la medicina per un’altra teoria ugualmente speculativa. La speculazione del giugno 1954 fu poi sollevata a fatto scientifico e divenne un dogma che non è mai stato sfidato. Dal giugno 1954, la morte di tessuti e cellule in una provetta è stata considerata la prova dell’esistenza di un virus. “

Ritornando ai postulati di Koch: nessun isolamento, nessuna purificazione

Come ho spiegato in COVID-19 Termine generale per operare una pandemia finta: non una malattia, non una causa , gli scienziati mainstream di oggi stanno saltando l’importante secondo passo dei postulati di Koch: l’isolamento e la purificazione del virus. Questo non è qualcosa che puoi semplicemente sorvolare o dimenticare di fare, come dimenticare accidentalmente l’ombrello in una giornata piovosa e bagnarti un po ‘. Questa è la parte assolutamente essenziale per determinare se esiste un nuovo virus e se causa la malattia. È la cosiddetta “Condicio sine qua non”. Se non riesci a isolarlo, hai fallito nel provare qualcosa, perché il germoglio in erba che ritieni sia un virus invasore potrebbe facilmente essere un’esosoma o una particella prodotta dal corpo stesso. Questo è il motivo per cui tutta la propaganda COVID ha opportunamente chiarito il fatto che non ci sono immagini al microscopio elettronico di SARS-CoV-2, poiché il microscopio elettronico è uno strumento estremamente importante nella prima fase dei postulati di Koch, l’identificazione. Lanka continua:

“… Un virus non è mai stato isolato in base al significato della parola isolamento, e non è mai stato fotografato e caratterizzato biochimicamente come una struttura unica e unica. Le microfotografie elettroniche dei presunti virus mostrano in realtà particelle cellulari abbastanza normali da tessuti e cellule in via di estinzione, e la maggior parte delle foto mostra solo un modello computerizzato (CGI – immagini generate al computer) “.

Quindi cosa c’entra tutto questo con COVID?

Quindi, per riportare questo alla pandemia attuale, tutte le stesse ipotesi e la mancanza di prove sono in gioco quando si tratta di COVID:

“Le singole molecole vengono estratte dalle particelle di tessuto e cellule morte, vengono interpretate erroneamente come parti di un virus e teoricamente messe insieme in un modello di virus. Il processo di ricerca del consenso per il” virus “del morbillo, in cui i partecipanti hanno discusso per determinare cosa apparteneva al virus e cosa no, è durato per decenni. Con l’apparentemente nuovo China Coronavirus 2019 (nel frattempo rinominato 2019-nCoV), questo processo di ricerca del consenso dura solo pochi clic del mouse.

Con solo pochi clic del mouse, un programma può creare qualsiasi virus riunendo molecole di brevi parti di acidi nucleici da tessuti morti e cellule con una determinata composizione biochimica, disponendole così come desiderato in un genotipo più lungo che viene poi dichiarato essere il genoma completo del nuovo virus. in questo processo di costruzione teorica del “DNA virale”, quelle sequenze che non si adattano vengono “levigate” e vengono aggiunte quelle mancanti. Pertanto, viene inventata una sequenza di DNA che non esiste nella realtà e che non è mai stata scoperta e scientificamente dimostrata nel suo insieme. “

Quindi, fondamentalmente, gli scienziati cinesi tradizionali che lavorano secondo la stessa teoria degli scienziati occidentali tradizionali hanno inventato un nuovo modello teorico per SARS-CoV-2, e hanno proclamato un nuovo coronavirus, ma tutti senza le micrografie elettroniche per sostenerlo.

L’intero processo ha parallelismi estremamente interessanti con il tema della simulazione di spazio, sia esso propagandato dalla NASA o dalle agenzie spaziali di altre nazioni. Non abbiamo immagini verificabili di virus; non abbiamo immagini intere (non composite) verificabili della Terra, o molti altri corpi spaziali come lune, pianeti, ecc. Ci viene solamente detto di non mettere in discussione l’autorità. Questa è scienza o questo scientismo basato sulla fede? Fino a che punto veniamo manipolati quando ci vengono negate vere e proprie fotografie del mondo che ci circonda, sia a livello micro che macro? 

Lanka sul pericolo dei Vaccini

La nostra scarsa comprensione di virus, malattie, sistema immunitario, teoria del terreno e molto altro è sfruttata da Big Pharma per spingere pericolosi interventi medici come i vaccini . Ecco cosa dice Lanka riguardo al pericolo e all’inefficacia dei vaccini:

“Un miscuglio costituito da tessuti e cellule in via di morte da scimmie, feti di bovini e antibiotici tossici … viene utilizzato come vaccino” vivo “, perché si suppone che sia costituito dai cosiddetti virus” attenuati “… questa miscela tossica pieno di proteine ​​estranee, acidi nucleici estranei (DNA / RNA), antibiotici citotossici, microbi e spore di tutti i tipi viene etichettato come “vaccino vivo”. Viene impiantato nei bambini attraverso la vaccinazione principalmente nei muscoli, in una quantità che se iniettato nelle vene porterebbe immediatamente a morte certa … I fatti verificabili dimostrano il pericolo e la negligenza di questi scienziati e politici, che affermano che i vaccini sono sicuri, hanno effetti collaterali minimi o nulli e proteggono da una malattia. Nessuna di queste affermazioni è vera.

Conclusioni

L’idea sbagliata del virus è stata con noi per molto tempo. Per quanto folle sia l’attuale sottomissione basata sulla paura, chi indossa la mascherina e che adotta il distanziamento, ci sono persone che sfruttano l’Operazione Coronavirus come possibile presa di Coscienza. Mentre alcuni approfondiscono l’incoscienza e guardano a nuovi prodotti protettivi (“aggiorna la tua maschera per il nostro scudo protettivo di filtrazione dell’aria alimentato in attesa di brevetto N95”), altri hanno visto il coronavirus per quello che è veramente: un’opportunità di rotolare fuori da tutti i tipi di architettura di controllo, mentre le persone comuni continuano a vivere nella paura. È sempre una buona idea mettere in discussione le assunzioni di base di qualsiasi istituzione governativa, perché quasi sempre può aprire un portale verso la verità.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Freedom Articles .

Makia Freeman è la redazione di media alternativi The Freedom Articles e ricercatrice senior presso ToolsForFreedom.com.

Global ResearchCopyright © Makia Freeman, GLOBAL RESEARCH, 2020

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.globalresearch.ca/dr-stefan-lanka-2020-article-busts-virus-misconception/5719146

FONTE DELL’ARTICOLO ORIGINALE

https://davidicke.com/wp-content/uploads/2020/07/Paper-Virus-Lanka-002.pdf

TRADUZIONE

Traduzione ed impaginazione a cura di Marco Isella (las0rgente.net)

NOTE

Nota di Enrique Suarez: questo articolo è finora il miglior articolo che abbia mai letto sul cosiddetto “Coronavirus”

LA COSCIENZA DELL’ACQUA

acqua-700x432

INTERVISTA A MASARU EMOTO

Sempai Emoto mi è apparso essere un’anima semplice ed aperta, anche se nascosta da un’apparente impassibilità Zen, tutta giapponese. Ho avuto la fortuna di sedergli accanto per pranzo (dove ho scoperto che oltre ad essere esperto di acqua è anche un grande estimatore del vino!) e di parlare con lui della sua vita e delle sue esperienze. E’ apparso molto soddisfatto dell’accoglienza da parte del mondo del messaggio che porta col suo lavoro e per questo si sente fiducioso per il futuro. Uno dei progetti che ha più a cuore infatti è quello di stampare diversi milioni di copie di libri per bambini sul tema dell’acqua (e della pace) da distribuire gratuitamente in tutto il mondo. Così che le nuove generazioni possano avere la possibilità di un approccio differente all’acqua e alla vita e siano in grado di dar corpo e vita a quei cambiamenti sperati che le generazioni passate non sono state in grado di realizzare.

Il nostro incontro è terminato con una benedizione alle acque di una fonte delle montagne venete e con l’intervista che segue.

S&C: Dott. Emoto la ringrazio per questa intervista e le do il “bentornato” in Italia. Vorrei iniziare chiedendole che cosa l’ha spinta ad iniziare il suo studio sulle acque.

M.E.: Inizialmente ho cominciato ad occuparmi di acqua per lavoro, avevo una piccola compagnia commerciale che trattava acqua.

Ma dopo poco sono rimasto “stregato” dall’acqua, dal suo fascino e dalle sue caratteristiche; così ho cambiato la mia impostazione ed anziché proseguire con l’attività commerciale ho deciso che l’acqua sarebbe stato il tema dei miei studi e della mia vita.

Si è mai interessato agli studi di altri ricercatori a riguardo? Qualcuno è stato fonte d’ispirazione per lei?

No, non ho avuto nessun riferimento specifico nel campo scientifico, in quanto io non vengo da questo settore. Ho iniziato da solo.

Una cosa che si apprende dai suoi studi e che mi ha affascinato molto è come l’acqua abbia una forte “ricettività”. E’ corretto secondo lei dire che l’acqua ha una natura magnetica?

Sì, penso sia una giusta definizione. L’acqua è molto sensibile, impressionabile da ogni cosa e da tutti.

Ma l’acqua, a livello vibrazionale, ha una propria “impronta” o è semplicemente un veicolo che si carica di vibrazioni da altre fonti?

Io penso, noi pensiamo, che l’acqua sia il mezzo per eccellenza per trasmettere quella che noi chiamiamo Hado, ovvero la vibrazione.

Dai suoi studi si vede come l’acqua si cristallizzi in modo differente a seconda della fonte a cui viene esposta, ad esempio un brano musicale. Lei pensa che un brano musicale possa avere una sua natura oggettiva, ovvero che produca la stessa risposta vibratoria in chiunque l’ascolti, o che dipenda dallo stato di coscienza dell’ascoltatore o di chi fa, come in questo caso, l’esperimento di cristallizzazione?

E’ una buona osservazione. Infatti abbiamo notato che la condizione dell’operatore che esegue la cristallizzazione influisce sul risultato dell’esperimento. Ad esempio la sinfonia numero 40 di Beethoven a me piace tantissimo mentre ad altri operatori può piacere meno. Quindi i cristalli non saranno mai identici, cambiano a seconda della risposta al brano da parte di chi fa l’esperimento.

Nel suo libro parla anche del potere delle parole. Ad esempio riferisce di come alcuni idiomi nascano da suoni onomatopeici, come accade con il giapponese. Shakespeare scrisse che la Rosa avrebbe avuto lo stesso colore e lo stesso profumo anche se noi le avessimo dato un nome differente. Le parole quindi hanno un valore oggettivo o dipende dall’intenzione con cui le pronunciamo? Grazie, per esempio, lo si può dire per convenienza, anche sentendo l’opposto nel cuore, non crede?

Si, credo infatti che l’acqua sia intelligente e capisca l’intenzione con cui si dicono le parole come “grazie” o “amore”. E’ per questo che noi scriviamo su dei fogli queste parole, per poter comunicare esattamente il messaggio che trasporta una parola all’acqua.

Un’altra cosa che mi ha colpito dei suoi esperimenti è come l’acqua si cristallizzi in modo differente anche se esposta a fotografie. Non si potrebbe allora pensare che anche la pellicola fotografica, la carta su cui si stampano le foto, tutte queste cose possano caricarsi vibrazionalmente come l’acqua? Che differenza c’è allora tra l’acqua e queste cose? Qual’è la particolarità dell’acqua?

E’ chiaro che esponendo l’acqua ad una fonte come una fotografia che, a differenza di una parola scritta, è più elaborata, questa riceva una gamma più vasta di informazione e di emozione. Per questo il cristallo che ne risulterà sarà più particolare e sicuramente più complesso.

Personalmente ragionando su questa cosa ho pensato che tutto sia in realtà un’unica “cosa”, un unico “spirito”, che assume stati e forme differenti. Lei nel suo libro mette in relazione i 108 elementi chimici conosciuti con le 108 emozioni che prova l’uomo, secondo la dottrina buddista. Si può supporre che l’acqua sia l’elemento principe che mette tutti gli elementi in relazione gli uni con gli altri?

Io penso che l’acqua “rappresenti” tutti questi 108 elementi, di questo sono sicuro. E quindi penso anche che senza acqua non possa esserci niente, nessuna vita. Sì, l’acqua ha a che fare con tutti gli elementi esistenti, e li può “contenere” tutti.

Infatti credo, ad esempio, che anche un diamante “contenga” l’acqua.

Mi ha anticipato, infatti volevo proprio parlarle di questo. Conosciamo oggi il potere vibrazionale, o meglio radioattivo di alcuni elementi, come i minerali. Tradizionalmente si è sempre conosciuto il potere dei vari elementi, ad esempio delle pietre che possono portare un messaggio proprio, ma possono anche caricarsi di vibrazioni, come fa l’acqua. Lei cosa ne pensa? Possono esistere altri elementi che hanno caratteristiche simili a quelle dell’acqua?

Sì, credo proprio che le pietre, in special modo quelle che chiamiamo preziose, possano essere un ottimo elemento di trasmissione della Hado (vibrazione) ed anche dei sentimenti. Infatti l’acqua è molto influenzata dall’ambiente, dalle rocce in cui scorre. Penso che la differenza stia nel fatto che l’acqua, essendo un liquido possa essere molto più influenzabile, mentre le pietre come solidi siano più portatrici di un messaggio proprio, una propria Hado.

Una cosa interessante che lei cita nel suo libro è uno studio della Nasa riguardante l’origine dell’acqua sulla terra. Dott. Emoto, da dove proviene l’acqua secondo lei e questo che cosa ci dovrebbe far comprendere?

Si tratta, se ben ricordo, degli studi risalenti al 1998, del professor Franck dell’università dell’Iowa ed i suoi collaboratori. Una notte osservarono un gran numero di meteoriti neri che si dirigevano verso il pianeta. Il fatto li mise in allarme, poi si accorsero come questi si distruggevano a contatto con l’atmosfera. Scoprirono infatti che si trattava di grandi masse di ghiaccio. All’incirca 10 milioni di meteoriti, alcuni dei quali di oltre 100 tonnellate. Questo diede il via all’ipotesi che l’acqua provenga, in realtà, dallo spazio, vista la frequenza con cui questo fenomeno accade e calcolandolo su i quattro miliardi e mezzo di anni della terra. Questa stessa scoperta ed affermazioni sono state fatte anche dall’università delle Hawaii, ma ancora oggi l’ambiente scientifico stenta ad accettarlo. Per me è una scoperta grandiosa. Io concordo sul fatto che all’inizio, sul pianeta Terra non c’era acqua e che è arrivata dallo spazio. E’ chiaro che non si vuole accettare questo nell’ambiente scientifico, se così fosse si dovrebbero ripensare il 95% delle scoperte e delle teorie precedenti, diventeremmo come gli odierni Galileo o Copernico!

 

Coi suoi studi ha mostrato quanto l’acqua sia sensibile a stimoli di natura sottile, come la consapevolezza umana. Infatti lei invita le persone a pregare e ringraziare l’acqua. Dott. Emoto, se la sente di darci una sua definizione di quell’”arcano” che è la consapevolezza umana?

E’ molto semplice: non dobbiamo fare all’acqua quello che non vorremmo fosse fatto a noi. Tutto qui, è molto semplice.

Dobbiamo considerare l’acqua come parte di noi. Anche quando le facciamo fare compiti meno nobili, come quando andiamo al bagno. Dovremmo pensare “Mi dispiace farti fare questo ma è necessario”. Dovremmo rispettare profondamente l’acqua.

In alcune tradizioni e nella floriterapia odierna, secondo le indicazioni di Edward Bach, si espongono i fiori di diverse piante immersi in acqua alla luce del sole o della luna per preparazioni curative. Secondo lei che differenza c’è tra il messaggio vibratorio che può trasmettere una pianta, il sole o la terra stessa e quello di un essere umano? Secondo lei anche il sole potrebbe avere una forma di coscienza che comunica all’acqua e da questa a noi?

Sono convinto che ogni cosa nel creato abbia una propria Hado e sicuramente una propria forma di emozione o sentimento. Certo, anche una pianta o una pietra. Pensiamo alle piante in particolare. Il polline delle piante ad esempio trasporta una certa Hado che può essere in risonanza con l’ansia tipica di alcune persone. Per questo quando entra in contatto con certi individui questa vibrazione innesca una reazione allergica.

Secondo lei è giusto allora rivalutare la concezione contemporanea di vita? Non è la vita una cosa molto più vasta di quello che noi oggi pensiamo?

Sicuramente, la vita è ovunque, nel mondo organico e non. Noi in Giappone abbiamo una Dea che si chiama Cannon, questa parola in ideogrammi significa “Vedere il Suono”. Sta a significare il sentire la vibrazione ovunque, anche in un sasso che troviamo per strada. E voglio ora aggiungere una cosa: pensate alla macchina fotografica Canon, viene da Can-non, ovvero la divinità che “Vede” il suono – o Hado della vita – ovunque.

Cito il suo libro “I cristalli che l’acqua ci mostra sono le porte d’accesso per altre dimensioni”. Come intende lei il concetto di dimensioni sottili, oggi contemplato dagli studi d’avanguardia, e che le più svariate tradizioni spirituali hanno sempre affermato? 

Scrivendo così intendevo che esistono più dimensioni, ad esempio si può pensare che dopo la morte si acceda alla quarta dimensione, o alla quinta, non so con precisione. Questa è una cosa che non posso spiegare, ma che sento istintivamente.

Ad esempio, sono convinto che quando osserviamo un cristallo esagonale questo ci parli della terza dimensione, mentre uno ottagonale sia tra la terza e la quarta o forse già la quarta, spero mi possiate comprendere. Io penso che la forma cristallina perfetta sia un cerchio (non per niente il cerchio in molte tradizioni è simbolo del “Cielo-Spirito”), chissà, sarà dopo la trentesima dimensione!

E in che caso ha visto un cristallo che si avvicinava a questa forma?

Ho avuto modo di osservarlo nell’Acqua Santa.

Benissimo, volevo giusto parlarle di questo. Secondo alcuni studi, come quelli di Samuel Goldsmith o George Ullembek che nel diciannovesimo secolo si occuparono di acque Mariane, ovvero dove avvennero apparizioni della Madonna, la particolarità di queste acque sta nel fatto che gli elettroni in esse presenti stranamente presentano uno spin che consente di ricevere un messaggio particolare. Al di là di questo, lei cosa pensa? Da dove ricevono la loro singolare Hado le acque che in tutto il mondo sono considerate sacre? E perché queste hanno capacità curative così grandi, miracolose in alcuni casi?

Credo che queste acque, ad esempio quelle Mariane, siano così potenti perché hanno una continua benedizione, anche da tutti i pellegrini che le vanno a visitare e quindi portano tutti i loro ringraziamenti. Ma ci si dovrebbe anche chiedere come mai una persona si ammala. Le persone sviluppano una predisposizione alla malattia dovuta ai pensieri o sentimenti che hanno, alle proprie intenzioni. Molte persone così diventano più “sporche” o “cattive”. Per questo poi si ammalano. Quindi bevendo queste acque che durante i secoli si sono caricate, questi possono guarire prima di tutto il proprio spirito e quindi di conseguenza il corpo.

Dott. Emoto crede che possa esistere un aspetto della realtà che è divino? Una sorta di consapevolezza che abbraccia tutte le altre? Oggi in conferenza stampa le ho sentito dire che prima di iniziare questo lavoro era ateo. Poi, successivamente, grazie ai cristalli, si è avvicinato al concetto di Dio o Divino. Come dovremmo porci rispetto a questo e che cosa ci insegna l’acqua a riguardo?

Dio esiste in ogni cosa. Forse la parola ateo non era corretta. Credevo in Dio, ma non mi sentivo molto vicino al divino.

Dopo questi studi però l’ho sentito molto vicino, parte di me e di tutto. Questo tipo di coscienza dovremmo essere capaci di vederla in tutte le cose, organiche e non. Questa è una cosa fondamentale.

Che cosa si aspetta per il futuro? Si augura che le persone prendano il suo messaggio più con il cuore o con la mente? Quali sono i cambiamenti che spera di vedere nel mondo e come crede verrà visto il suo lavoro dal mondo scientifico?

Non vorrei essere presuntuoso, ma desidererei diventare una guida per le future generazioni affinché queste possano più di noi godere della vita e saper scambiare energia positiva col mondo e con l’acqua. Infatti voglio portare avanti il mio lavoro e studio con la stampa di un libro per bambini, di cui oggi ho parlato in conferenza. Così le future generazioni potranno capire meglio e godere in tutto e per tutto della loro vita. Noi usiamo solo il tre percento del nostro DNA, questo significa che il novantasette percento di noi stessi è ancora da scoprire, o meglio, da ricordare. Forse un giorno potremmo viaggiare nel tempo grazie all’acqua, viaggiare in altre dimensioni o scoprire cosa c’è dopo la morte. Lo so che tutto questo, oggi, ci appare come utopia, ma io desidero gettare un ponte per le generazioni future.

La ringrazio moltissimo e spero che torni presto in Italia.

Grazie a voi.

Spero che in futuro mi sia possibile sviluppare la questione in modo più approfondito. Spero inoltre che i lettori di S&C possano a loro volta portare avanti studi personali su ciò che è uscito fuori da questa intervista, e soprattutto che il mondo accademico la smetta di comportarsi come San Tommaso e voglia poter prendere in esame le antiche conoscenze e le nuove scoperte. Grazie.

Vincent Gambino

FONTE

Scienzaeconoscenza.it 

IL BOHEMIAN GROVE ED IL CULTO DI MOLOCH

Bohemian Club 2

La società moderna, nella sua decisa complessità e rapidità di cambiamento, conserva ancora oggi rituali appartenenti ad un passato remoto rivestendoli di nuove caratteristiche, in linea con i forti sviluppi che la storia e la morale comune hanno conosciuto negli ultimi due millenni.
Questo ancestrale attaccamento a determinate usanze, contrariamente a quanto suggerirebbe la casistica, non è esclusivamente proprio delle classi sociali meno favorite ma tende a riguardare anche – e soprattutto, per certi aspetti – le categorie più istruite e con maggiori disponibilità economiche.
E sarà proprio il mistero che andremmo a raccontare, un mistero assai complesso che dura da più di un secolo, a dimostrarci di come occultismo, idolatria e magia possano riguardare da vicino anche le personalità di spicco dello scenario politico ed economico mondiale.

Siamo nel 1872. Già da diversi anni i giovani giornalisti americani di famiglia alto-borghese erano soliti definirsi «bohemians» (con caratteristiche simili ai bohemians europei), un termine che ben presto divenne direttamente sinonimo di «scrittore d’articoli». Un discreto gruppo di questi presenti nello stato della California decise di fondare un circolo culturale con lo scopo di riunire gentlemenaccomunati dall’amore per le arti liberali: il Bohemian Club.
All’epoca erano ammessi solo giornalisti, con alcune eccezioni riservate a musicisti ed artisti di vario genere. L’organizzazione era strettamente gerarchica; i personaggi delle più alte cerchie si contraddistinguevano per i propri abiti eleganti ed eccentrici (Oscar Wilde di loro scriverà: «Non ho mai visto dei bohemians così ben vestiti in tutta la mia vita.»)

Le riunioni del gruppo, nel frattempo aperte anche a diversi esponenti del mondo politico, vennero spostate nel 1891 in un ampio bosco di sequoie ribattezzato successivamente «Bohemian Grove»: da allora il club si riunisce per ben due settimane della stagione estiva, tra luglio ed agosto, nella più assoluta segretezza.

Sebbene in principio queste «assemblee» erano perlopiù momenti di svago e di confronto culturale, in linea con la voluta estraniazione e disgusto della società di massa che si andava formando tipica dei bohemians europei, ben presto degenerarono in pratiche occulte e grottesche (con buona probabilità al tempo in questo vi fu una forte influenza delle dottrine teosofiche e dell’esoteristaAilester Crowley, in rapida ascesa tra i giovani dell’epoca).

Il motto del club, presente ancora oggi in un segnale all’ingresso di questo bosco, fu scelto dal secondo atto di «Sogno di una notte di mezza estate» di Shakespeare: «Weaving Spiders Come Not Here», che tradotto sarebbe: «I ragni tessitori non vengono qui», una sorta di monito rivolto agli invitati a lasciar perdere le “trame” della politica in quelle due settimane, ammonimento di solito ignorato.

Interessante notare come la stessa simbologia del gruppo non sia affidata al caso: il gufo, animale considerato “magico” secondo alcune credenze, da secoli simboleggia conoscenza (occulta), le tenebre, la morte. Nei geroglifici egiziani il gufo significa «morte» o «notte».
Questo probabilmente è uno dei numerosi inviti alla segretezza in quanto l’animale notturno agisce tra le tenebre, tenebre che celano molte cose all’occhio umano.

Altro più chiaro invito alla segretezza viene dalla statua di Giovanni (Jan) Nepomuceno presente nelle vicinanze della riva del lago all’interno del bosco, santo patrono della Boemia vestito con abiti di frate e con il dito poggiato sulle labbra in segno di silenzio.

Lo stesso terreno dove risiede il bosco dei bohemians viene considerato «sacro» da alcune popolazioni indiane, per le quali un tempo era luogo di sepoltura e rituali divinatori.

Com’è possibile immaginare questo alone di segretezza e misticismo che avvolge le riunioni del club ha destato nel tempo non pochi sospetti e dubbi, in particolar modo dopo la diffusione all’inizio del XX secolo d’alcune controverse foto scattate proprio durante diversi “rituali” effettuati dai partecipanti.

Queste bizarre rappresentazioni, dopo l’iniziale sconcerto dell’opinione pubblica, vennero celermente definite «teatrali», ovvero facenti parte di un più ampio corpus d’opere messe in scena dai presenti per puro svago estivo.
Tuttavia questa giustificazione sembra essere appropriata solo in piccola parte visto l’infinito numero di riferimenti espliciti a culti misterici, esoterismo e idolatria, per non citare l’imperativo della segretezza alquanto sospetto.

Nei decenni la routine riservata ai pochi invitati (divennero nel tempo solo politici di spicco) si è andata man mano definendo sempre più arrivando ad essere un vero e proprio programma curato nei minimi dettagli, programma che vi andremo a descrivere grazie alla coraggio di giornalisti infiltrati con lo scopo di documentare i «misteri» del posto.

La prima notte del campo estivo si esegue il rituale del “Cremation of care” (tradotto “Cremazione dell’intento“), una pratica d’esplicita origine occulta: la cerimonia prevede il sacrificio d’un fantoccio da parte di alcuni «sacerdoti» che indossano lunghe vesti nere previste di cappuccio. Questo fantoccio viene quindi bruciato ai piedi d’una statua con sembianze di gufo chiamata Moloch.

Moloch (anche detto MolechMolok o Molekh) in antichità era la divinità degli Ammoniti, popolo che risiedeva al tempo nell’attuale Giordania, alla quale si era soliti sacrificare i propri figli o gli infanti comprati al mercato degli schiavi. Questo culto, proprio di molte popolazioni del Mediterraneo, sopravvisse sino al II secolo d.C. sotto diverse forme; il biografo Plutarco (46-127 d.C.) così scriveva a riguardo:

«I Cartaginesi sgozzavano i propri figli ai piedi degli altari. Coloro che non avevano figli, li acquistavano dai poveri. Li sgozzavano come si faceva con gli agnelli e gli uccelli. La madre assisteva al sacrificio senza versare una lacrima, senza emettere un lamento. Inoltre, ai piedi della statua, tutto il recinto era pieno di suonatori di flauto e di tamburi, affinché non si udissero le urla e i gemiti delle vittime.»

Questo idolo aveva “le mani stese, il palmo rivolto verso l’alto, e inclinate verso il suolo, in modo tale che il bambino ivi posato, rotolasse e cadesse in una fossa piena di fuoco.” (descrizione dello storico greco Diodoro Siculo)

Il terrificante riferimento a Moloch voluto dai bohemians desta quindi numerosi sospetti sull’effettivo scopo della cerimonia: il «care» rappresentato dal fantoccio sembrerebbe dunque essere piuttosto una sorta sostituto per il sacrificio umano (da notare che i partecipanti tendono a minimizzare questo evento, descrivendolo come «il voler bruciare le preoccupazioni»).
Alcuni giornalisti hanno avanzato l’ipotesi che in tempi meno recenti fossero stati sacrificati dei bambini orfani, seppur la cosa non è ovviamente dimostrabile per mancanza di fonti.
Ad aumentare i sospetti sugli intenti viene in aggiunta la simulazione della voce del gufo-idolo, diffusa tramite apparecchi situati nel bosco, come a voler rappresentare una vera e propria divinità intenta a rispondere ai fedeli.
Da notare: in questa rappresentazione vi sono dei momenti di buio totale ove i presenti si dilettano nello scimmiottare versi d’animali d’ogni tipo.

Le successive giornate, oltre a contenere momenti di relax e svago, ad oggi conservano molte di quelle pratiche ed usanze delle riunioni d’inizio secolo tra le quali troviamo simulazioni dinecromanzia, divinazione e, secondo diverse testimonianze, orgie omosessuali e non.

Un primo indizio potrebbe venire da questa foto (sempre d’inizio ‘900) raffigurante un bohemian vestito da Pan, il satiro della sessualità e delle orgie presente nella mitologia greco-romana. A tal proposito non vi è mai stata una completa negazione da parte dei partecipanti passati e presenti; allo stesso modo il reporter americano Alex Jones afferma d’aver addirittura assistito ad episodi di questo tipo.

La mente ci riporta inevitabilmente alle orgie dionisiache volute da certi imperatori romani descritte nel romanzo Quo Vadis? e dallo storico antico Svetonio.

Le pratiche occulte e sessualmente deviate appena descritte in realtà destano ancora più scalpore nel momento in cui si viene a conoscenza della lista dei membri illustri del club:  Dwight Eisenhower, Richard Nixon, Gerald Ford, Ronald Reagan, Bill Clinton, George Bush Senior, George Bush Junior, Al Gore, Tony Blair, Shimon Peres, Helmut Schmidt, Rupert Murdoch, Arnold Schwarzenegger, e Bono (cantante degli U2).

Negli anni, come prevedibile, le manifestazioni organizzate da alcuni attivisti contro queste «riunioni» segrete si sono susseguite dando risalto mediatico alla strana questione del Bohemian Club, sensibilizzando la società americana a riguardo.

Tuttavia gli interrogativi erano e rimangono molteplici in virtù del fatto che nel mezzo di queste rappresentazioni esoteriche si possano decidere i destini dell’economia e della politica mondiale, una preoccupazione del tutto legittima che va ben oltre il tentativo di minimizzazione messo in atto dagli ospiti.

Ancora oggi il Bohemian Grove, tra le sue sequoie secolari e rami talmente intricati quasi a voler celare anche al sole certi avvenimenti, nasconde nel silenzio i più profondi misteri d’un luogo ove occultismo, antichità, misticismo e idolatria danzano insieme in una grottesca rappresentazione degli ancestrali vizi umani.

FONTE

Lorenzo Tacchio

http://www.misteridellastoria.com/

SCIE CHIMICHE

chemtrail92373983933-1

Secondo una prassi documentata in vigore in Russia e in Cina, succede che i politici, dovendo effettuare per esempio una parata o una celebrazione in giornate per cui è prevista pioggia, facciano rilasciare da aerei militari i vapori capaci di dissolvere le nubi e produrre “come per incanto” meravigliose quanto innaturali giornate di sole nelle località desiderate. Il tutto, però, senza curarsi degli effetti anche estremi – come violentissime grandinate o Tornado – dell’ovvia reazione meteorologica di condensazione sulle zone limitrofe. Di fatto, si tratta di una oologia ufficialmente riconosciuta e chiamata “cloud seeding”. In sostanza si irrorano le nubi di ioduro d’argento, e si ottiene la pioggia. Ma le “chemtrails”, come gli inglesi chiamano le scie chimiche, hanno effetti e scopi diversi. Inoltre, il fenomeno è presente esclusivamente nei cieli delle nazioni che aderiscono alla NATO, paradossalmente in Cina, la nazione che ha ammesso di servirsene, ma solo in determinate occasioni, esse non sono presenti.

Come avrete sicuramente notato, nei cieli compaiono esso delle scie persistenti di colore bianco, che però n si dissolvono rapidamente come le normali scie di condensazione, ma restano fisse anche per ore, espandendosi a formare una sorta di nebbiolina che vela il sole e che poi ricade sul terreno, sulle acque, sulle piante, sugli animali, sulle persone.

Gli aerei che rilasciano le scie chimiche vengono accompagnati da droni di forma sferica dotati di un sistema di occultamento ottico, un tempo costituito da un rivestimento di microcamere e oggi da un dispositivo elettromagnetico in grado di deviare la luce. In un famoso video si vede uno di questi droni volare intorno a un concorde. I droni sono dotati anche di congegni elettromagnetici in grado di sparare proiettili a microonde, che hanno principalmente lo scopo di proteggere l’aereo destinato all’emissione delle scie chimiche, sia producendo ologrammi che ne camuffano il vero aspetto sia abbattendo eventuali velivoli che cerchino di intercettarlo o di indagare sull’attività svolta. In questo caso, il drone emette un forte impulso elettromagnetico che abbatte l’intruso fulminandogli il sistema elettrico di bordo e facendolo precipitare. Alle successive perizie sembrerà un semplice incidente per guasto elettrico.

Ai piloti degli aerei incaricati di irrorare il cielo viene detto che si tratta di sostanze chimiche utili ad attenuare gli altrimenti devastanti cambiamenti climatici. La congiura del silenzio che essi ricevono viene motivata con la necessità di evitare che si scateni il panico o che i tribunali vengano ingolfati di denunce contro le istituzioni politiche o militari per i danni prodotti da maltempo, allergie e malattie dovute alle sostanze immesse nell’atmosfera. Ciò che non viene detto ai piloti, o almeno alla maggior parte di loro, è che alcuni degli aerei rilasciano una miscela di elementi chimici atti a trasformare la ionosfera in una sorta di specchio capace di riflettere le onde elettromagnetiche di tipo ELF (Extremely Low Frequency – “a frequenza estremamente bassa”) e VLF (Very Low Frequency – “a frequenza molto bassa”). Si tratta delle stesse onde emesse dalle antenne che trovate disseminate ovunque per consentire il funzionamento dei telefonini. Ed esiste da decenni una folta letteratura scientifica sulla possibilità teorica e pratica di produrre malattie tramite onde elettromagnetiche tarate su una frequenza che il cervello umano scambia per la propria…

Le scie in grado di schermare le onde elettromagnetiche verrebbero utilizzate anche per scopi più nobili, e cioè; per proteggere il pianeta dalle violente tempeste magnetiche solari. In assenza di schermatura, infatti, ogni impianto elettronico ed elettrico si brucerebbe, proiettando l’umanità ad un livello tecnologico pari a quello medioevale, con tutte le conseguenze facilmente immaginabili. Computer, internet, automobili, aerei, conti in banca, luce, riscaldamento, Smaltimento di acque fognarie: tutto si fermerebbe. Sarebbe il caos.

Ma le scie chimiche possono essere usate soprattutto per produrre alterazioni climatiche. Fra gli elementi rilasciati a questo scopo vi sono l’alluminio, il bario e il nitrato l’argento, che agisce sulle particelle di acqua dell’atmosfera. Per verificarne il contenuto basterebbe effettuare delle analisi direttamente da terra, eppure sembra che luna cosa del genere non sia mai stata fatta in modo ufficiale. E questo è abbastanza sospetto, visto l’alto numero |di indagini che sono state condotte in merito, ogni volta apparentemente senza risultato. Anche in Italia ci sono lutate molte interrogazioni parlamentari in proposito, ma non hanno mai ricevuto una risposta chiara.

In sostanza, dunque, benché le scie chimiche siano o siano state occasionalmente usate anche per salvaguardare la sicurezza dell’umanità, diversi fatti inducono il sospetto che certi poteri occulti se ne stiano servendo per scopi tuttaltro che umanitari, come strumenti di una più generale strategia di guerra meteorologica.

 

FONTE : Adam Kadmon – Illuminati, viaggio nel cuore nero della cospirazione mondiale

IL CONTROLLO MENTALE MONARCH

monlogo

La programmazione Monarch è un metodo per il controllo mentale utilizzato da numerose organizzazioni per scopi segreti. Si tratta della prosecuzione del progetto MK-ULTRA, un programma di controllo mentale sviluppato dalla CIA, e testato su militari e civili. I metodi sono incredibilmente sadici (lo scopo principale è quello di traumatizzare la vittima), ed i risultati sono raccapriccianti: la creazione di uno schiavo mentalmente controllato, che può essere attivato in qualsiasi momento per eseguire qualsiasi azione richiesta dal gestore (handler).
Mentre i mass media ignorano il problema, oltre 2 milioni di americani hanno subito gli orrori di questa programmazione. Questo articolo esamina le origini della programmazione Monarch, alcuni dei suoi metodi e il simbolismo.

La programmazione Monarch è una tecnica di controllo mentale che comprende elementi del “Satanic Ritual Abuse” (SRA) e del disturbo di personalità multipla (MPD). Si utilizza una combinazione di psicologia, neuroscienze e rituali occulti per creare all’interno degli schiavi un alter ego che può essere attivato e programmato dai gestori. Gli schiavi della programmazione Monarch vengono utilizzati da varie organizzazioni collegate con l’elite mondiale in settori come: l’esercito, la schiavitù sessuale e l’industria dell’intrattenimento. In questo articolo daremo un occhio alle origini della programmazione Monarch, alle sue tecniche e al suo simbolismo.

ORIGINI

Durante il corso della storia, sono stati registrati molteplici resoconti che descrivevano rituali e pratiche simili al controllo mentale. Uno dei primi scritti che si riferisce all’uso dell’occultismo per manipolare la mente, può essere trovato nel Libro dei Morti egiziano. Si tratta di una raccolta di rituali, molto studiato dalle società segrete di oggi, che descrive i metodi di tortura e di intimidazione (per creare un trauma), l’uso di pozioni (farmaci) e il “lancio” di incantesimi (ipnotismo), che si traduce nel totale asservimento dell’iniziato. Altri eventi attribuiti alla magia nera, alla stregoneria e alla possessione demoniaca (dove la vittima è animata da una forza esterna) sono anche essi antenati della programmazione Monarch.

Tuttavia è durante il 20° secolo che il controllo mentale diviene una scienza in senso moderno del termine, dove migliaia di soggetti sono stati sistematicamente osservati, documentati e sperimentati.

Uno dei primi studi sulla metodica del controllo mentale basato sul trauma è stato condotto da Josef Mengele, medico che lavorava in campi di concentramento nazisti. Inizialmente acquisì notorietà per essere stato uno dei medici delle SS che curò la selezione dei prigionieri in arrivo, determinando chi doveva essere ucciso e chi sarebbe diventato un operaio per i lavori forzati. Tuttavia, egli è noto soprattutto per aver condotto degli esperimenti macabri sugli esseri umani all’interno dei campi di concentramento. Mengele conduceva esperimenti pure sui bambini, motivo per il quale venne chiamato “L’angelo della Morte”.

Mengele non gode di stima per i suoi sordidi esperimenti sui prigionieri dei campi di concentramento, in particolare sui gemelli. Una parte del suo lavoro, menzionata raramente, è la ricerca sul controllo della mente. Gran parte di essa è stata confiscata dagli Alleati ed è ancora classificata ai nostri giorni.

”DR. GREEN (Dr. Joseph Mengele): Il miglior programmatore, si potrebbe forse conferire a lui il titolo di padre della programmazione Monarch, un ex-medico del campo di concentramento nazista. Migliaia di schiavi Monarch controllati mentalmente negli Stati Uniti avevano il “Dr. Green” come loro programmatore capo“

”Il Dr. Joseph Mengele, conosciuto ad Auschwitz, fu il principale promotore del Progetto Monarch, basato sul trauma, e dei programmi MkUltra della CIA. Mengele e circa 5,000 altri nazisti di alto rango sono stati segretamente trasferiti negli Stati Uniti e nel Sud America all’indomani della seconda guerra mondiale in una Operazione progettata dalla Paperclip. I nazisti hanno continuato la loro opera nello sviluppo di tecnologie di controllo mentale e missilistica in segreto nelle basi sotterranee militari. L’unica cosa che c’è stata detta era che il lavoro di progettazione missilistica era portato avanti in collaborazione con l’ex celebrità nazista Warner Von Braun. Gli assassini, i torturatori, i mutilatori che hanno spezzato migliaia di vite sono stati discretamente tenuti da parte, occupando comunque le basi sotteranee militari degli Stati Uniti che a poco a poco sono diventate la dimora di migliaia e migliaia di bambini americani rapiti dalle strade (circa un milione l’anno) e messi in gabbie di ferro impilate dal pavimento al soffitto come parte della “rieducazione”. Questi bambini sarebbero stati utilizzati per affinare e perfezionare ulteriormente le tecnologie sul controllo mentale di Mengele. Alcuni bambini selezionati (almeno quelli che sopravvivevano alla ‘rieducazione’), sarebbero diventati gli schiavi controllati mentalmente del futuro che sarebbero poi stati utilizzati in migliaia di lavori diversi che vanno dalla schiavitù sessuale agli omicidi. Una parte consistente di questi bambini, che erano considerati materiali di consumo, sono stati abbattuti intenzionalmente di fronte (e da) altri bambini, al fine di traumatizzare il tirocinante selezionato in totale rispetto e sottomissione.

Le ricerche di Mengele servirono come base per l’illegale e segreto programma di ricerca CIA chiamato MK-ULTRA.

MK-ULTRA

Il progetto MK-ULTRA è andato avanti dagli inizi degli anni 50 fino alla fine degli anni 60, utilizzando i cittadini americani e canadesi come soggetti di prova. Le prove pubblicate sul Progetto MK-ULTRA indicano l’utilizzo di metodologie che miravano a manipolare i singoli stati mentali e alterare le funzioni cerebrali, compresa la somministrazione di farmaci surrettizia e di altre sostanze chimiche, la deprivazione sensoriale, l’isolamento e abusi verbali e sessuali.

Gli esperimenti MK-ULTRA più pubblicizzati indicano la somministrazione di LSD su soggetti umani inconsapevoli, compresi i dipendenti della CIA, i militari, i medici, gli agenti governativi, le prostitute, i malati di mente, e i membri del pubblico in generale, al fine di studiare le loro reazioni.

Tuttavia, la portata dell’MK-ULTRA, non si ferma qui. Vennero sistematicamente utilizzate sedute di elettroshock, torture fisiche/mentali e abusi sessuali su molti soggetti, compresi i bambini.

Anche se gli obiettivi ammessi dei progetti erano quelli di sviluppare metodi di tortura e interrogatorio da usare contro i nemici del paese, alcuni storici hanno affermato che il progetto mirò a creare il “candidato della Manciuria”, programmato per compiere atti diversi, quali omicidi e altre missioni segrete.

L’MK-ULTRA venne portato davanti alla luce dei riflettori da varie commissioni nel 1970, compresa quella della Rockefeller del 1975. Anche se si sostiene che la CIA abbia interrotto tali esperimenti, dopo l’intervento di queste commissioni, alcuni “whistle-blowers” (Con il termine inglese whistleblower viene definito un individuo che denuncia pubblicamente o riferisce alle autorità attività illecite o fraudolente all’interno del governo, di un’organizzazione pubblica o privata o di un’azienda.) affermano che il progetto ha assunto un basso profilo e il programma Monarch sia diventato il suo successore “classificato”.

L’affermazione più incriminate finora fatta da un funzionario del governo per quanto riguarda la possibile esistenza di un progetto MONARCH venne estratta da Anton Chaitkin, uno scrittore per il Taurillon. Quando venne chiesto direttamente all’ex direttore della CIA William Colby: “Cosa ne pensa del progetto Monarch?”, rispose con rabbia e con ambiguità, “Ci siamo fermati tra la fine del 1960 e i primi anni del 1970”.

PROGRAMMAZIONE MONARCH

Anche se non c’è mai stata alcuna ammissione ufficiale dell’esistenza della programmazione Monarch, eminenti ricercatori hanno documentato l’uso sistematico del trauma in soggetti per scopi di controllo mentale. Alcuni sopravvissuti, con l’aiuto di terapisti dedicati, sono stati in grado di “deprogrammare” se stessi per andare poi a registrare e divulgare i dettagli raccapriccianti delle loro traversie.

Gli schiavi Monarch sono principalmente utilizzati dalle organizzazioni per effettuare operazioni mediante capri espiatori addestrati a svolgere compiti specifici, che non contestino gli ordini, che non ricordino le loro azioni e che, se scoperti, si suicidino automaticamente. Sono il capro espiatorio perfetto per gli omicidi di alto profilo (vedi Sirhan Sirhan), candidate ideali per la prostituzione, per la schiavitù sessuale e della pornografia snuff. Sono anche perfette marionette per l’industria dell’intrattenimento che fa di loro delle star.

”Quello che posso dire è che oggi la programmazione rituale basata sull’abuso è molto diffusa, è sistematica, si organizza attraverso le conoscenze esoteriche che non sono scritte, o pubblicate su qualsiasi libro o dette in un talk show, ma che vediamo costantemente aggirarsi in tutto il paese.

La gente dice: “A quale scopo?” La mia ipotesi migliore è quella che vogliono un esercito di candidati della Manciuria, decine di migliaia di robot mentali che si prostituiranno, agiranno nella pornografia infantile, nel contrabbando della droga, nel contrabbando internazionale di armi, faranno snuff-film, ogni sorta di cosa che porti un forte guadagno economico, ci tenteranno insomma, alla fine i megalomani al vertice della piramide penseranno di aver creato un ordine satanico che comanderà il mondo”.

I programmatori Monarch causano traumi intensi ai soggetti, attraverso l’uso di elettroshock, torture, abusi sessuali e giochi mentali, al fine di costringerli a dissociarsi dalla realtà – una risposta naturale in alcune persone, quando si trovano a fronteggiare un dolore insopportabile. La capacità del soggetto di dissociarsi è un requisito importante ed è, più facilmente riscontrabile nei bambini che provengono da famiglie che hanno subito abusi anche nelle generazioni precedenti. La dissociazione mentale permette ai gestori di creare diversi alter ego in compartimenti a tenuta stagna nella psiche del soggetto, che possono essere quindi programmati e attivati a piacimento.

La programmazione basata sul trauma può essere definita come la tortura sistematica che blocca la capacità di elaborazione cosciente della vittima (attraverso il dolore, il terrore, la droga, l’illusione, la privazione sensoriale o l’eccesso di stimolazione sensoriale, la diminuzione dell’ossigeno, il freddo, il caldo, la stimolazione cerebrale e, spesso, con esperienze di pre-morte), e che impiega poi suggerimenti e/o condizionamenti classici e operanti (in coerenza con i principi consolidati della modificazione comportamentale) per impiantare i pensieri, le direttive e le percezioni nella mente inconscia, nelle nuove identità, che forzano la vittima a fare, sentire, pensare o percepire le cose, agli scopi del programmatore. L’obiettivo è che la vittima segua le direttive senza consapevolezza, compresi gli atti che sono in palese violazione con la morale o i principi del soggetto.

L’installazione della programmazione per il controllo mentale si basa sulla capacità della vittima di dissociarsi, che consente la creazione di nuovi personaggi indipendenti l’un l’altro che sono i veicoli con cui la programmazione si attua in maniera segreta. I bambini dissociati sono i primi “candidati” per questo genere di programmazione.

Il controllo mentale Monarch è segretamente utilizzato da vari gruppi e organizzazioni per vari scopi. Secondo Fritz Springmeier, questi gruppi sono conosciuti come il “Network” e formano la struttura portante del Nuovo Ordine Mondiale.

ORIGINE DEL NOME

Il controllo mentale Monarch è chiamato in questo modo in riferimento alla farfalla Monarca – un insetto che comincia la sua vita come un verme (che rappresenta il potenziale non sviluppato) e, dopo un periodo nel bozzolo (programmazione) rinasce come splendida farfalla (lo schiavo Monarch). Alcune caratteristiche specifiche per la farfalla monarca, sono applicabili anche al controllo mentale.

“Uno dei motivi principali per cui la programmazione Monarch ha assunto questo nome fù la farfalla monarca. La farfalla monarca impara dove è nata (radici) e passa questa conoscenza genetica ai suoi discendenti (di generazione in generazione). Questo è stato uno degli animali che ha fatto tacere gli scienziati, rendendo scientifico il fatto che il sapere possa essere trasmesso geneticamente.

Il programma Monarch si basa sugli obiettivi Nazisti/Illuminati di creare una razza superiore, in parte attraverso la genetica. Se la conoscenza può essere trasmessa geneticamente (ed è così), allora è importante che vengano trovati i corretti genitori che possano passare la corretta conoscenza a quelle vittime selezionate per il controllo mentale Monarch”.

”Quando una persona sta subendo traumi indotti da elettroshock, è provato che essa subisce una sensazione di leggera vertigine, come se si sentisse sospeso o fluttuante come una farfalla. Vi è anche una rappresentazione simbolica relativa alla trasformazione o alla metamorfosi di questo bell’insetto: da un bruco in un bozzolo (dormienza, inattività), ad una farfalla (nuova creazione), che ritorna al suo punto di origine. Tale è il modello migratorio che rende questa specie unica.”

METODO

La vittima viene chiamata “schiavo” da parte del programmatore/gestore, che a sua volta è percepito come un “maestro” o “Dio”. Circa il 75% è di sesso femminile, in quanto in possesso di una maggiore tolleranza al dolore e perchè tendono a dissociarsi più facilmente rispetto ai maschi. Gli Handler della programmazione Monarch cercano di dividere in comparti la psiche del soggetto, creando personalità multiple usando il condizionamento basato sul trauma.

”La base per il successo della programmazione Monarch è che possono essere create differenti personalità o parti di personalità, che non si conoscono tra loro, ma che possono prendere il controllo del corpo in momenti diversi. Le pareti di amnesia costruite grazie ai traumi, formano uno scudo protettivo di segretezza che protegge i colpevoli dall’essere scoperti, e impedisce alla personalità principale di sapere quando il sistema di cambio personalità è attivo. Lo scudo del segreto permette ai membri del culto di vivere e di lavorare assieme agli altri e di rimanere totalmente inosservati.

La personalità dominante potrebbe essere un buonissimo cristiano, ma la personalità che nasce sotto di essa potrebbe essere più satanica di quella di Mr. Hyde (Guardatevi BTK Bind Torture Kill). Si cerca di fare molto sotto il profilo del mantenimento della segretezza della agenzia di intelligence o del gruppo occulto che sta controllando lo schiavo. Il tasso di successo di questo tipo di programmazione è alto, ma quando fallisce, i fallimenti vengono eliminati attraverso la morte.

Ogni trauma e tortura serve a uno scopo. Una grande quantità di sperimentazioni e ricerca furono condotti per sapere cosa poteva essere fatto e cosa no. Vennero elaborati grafici con i dati statistici su quanto si potesse torturare un corpo di un dato peso e di una data età senza che tale individuo morisse.“

”A causa del grave trauma indotto dalla terapia elettroconvulsiva, dagli abusi sessuali e da altri metodi, la mente si divide in personaggi differenti dal principale. Precedentemente indicato come Disturbo di Personalità Multipla, è attualmente riconosciuto come Disturbo dissociativo di identità ed è la base per la programmazione Monarch. Il condizionamento della mente della vittima viene ulteriormente rafforzato attraverso l’ipnosi, la coercizione a doppio legame, inversioni tra piacere e dolore, privazioni di cibo, acqua, sonno e sensoriale, insieme a vari farmaci che modificano alcune funzioni cerebrali“.

La dissociazione viene quindi ottenuta traumatizzando il soggetto, utilizzando l’abuso sistematico e rituali occulti terrificanti. Una volta che la scissione della personalità di base si verifica, un “mondo interno” può essere creato e nuovi alterego possono essere programmati utilizzando strumenti quali la musica, i film (soprattutto le produzioni Disney) e le fiabe. Questi ausili visivi e audio rafforzano il processo di programmazione con immagini, simboli, significati e concetti.

Gli alterego appena creati possono essere attivati con le parole di attivazione o con dei simboli con cui è stata programmata la psiche del soggetto dal gestore. Alcune delle immagini più comuni interne viste dagli schiavi del controllo mentale sono gli alberi, l’Albero Cabalistico della Vita, loop infiniti, antichi simboli e lettere, ragnatele, specchi, vetri rotti, maschere, castelli, labirinti, demoni, farfalle, clessidre, orologi e robot.

Questi simboli sono comunemente inseriti nei film della cultura popolare e nei video per due motivi: per desensibilizzare la maggioranza della popolazione, utilizzando i messaggi subliminali e la programmazione neuro-linguistica e di costruire deliberatamente specifici trigger e chiavi per la programmazione di base per i bambini “monarch” altamente impressionabili. Alcuni dei film utilizzati per la programmazione Monarch includono Il mago di Oz, Alice nel paese delle meraviglie, Pinocchio e la Bella Addormentata.

Il film “Il mago di Oz” è utilizzato dai gestori del programma Monarch per i loro schiavi. Simboli e significati nel film diventano attivatori nella mente della vittima che consentono un facile accesso alla mente dello schiavo da parte del gestore. Nella cultura popolare, velati riferimenti alla programmazione Monarch usano spesso analogie con Il mago di Oz e Alice nel paese delle meraviglie.

In ogni caso, allo schiavo viene fornita una particolare interpretazione della trama del film, al fine di migliorare la programmazione. Ad esempio, ad uno schiavo che guarda Il mago di Oz viene insegnato che “Somewhere Over The Rainbow” è il “luogo felice” dove le vittime del controllo Monarch devono andare per sfuggire al dolore insopportabile che li affligge. Utilizzando il film, i programmatori incoraggiano gli schiavi ad andare “oltre all’arcobaleno” dissociandosi, separando in modo efficace le loro menti dai loro corpi.

“Come accennato prima, l’ipnotizzatore troverà più facile ipnotizzare i bambini se ci sa fare con loro. Un metodo che è efficace è quello di dire ai bambini piccoli, “Immagina di guardare il tuo programma tv preferito.” Questo è il motivo per cui i film della Disney e gli altri show per i piccoli sono così importanti per i programmatori. Essi sono lo strumento ipnotico ideale per ottenere la dissociazione mentale del bambino.

I programmatori hanno utilizzato i film fin dall’inizio per far imparare ai piccoli gli “script” ipnotici. I bambini hanno bisogno di sentirsi parte del processo ipnotico. Se l’ipnotista permette al bambino di costruirsi il suo immaginario personale, le suggestioni ipnotiche saranno più forti. Piuttosto di dire il colore del cane, il programmatore può chiederlo direttamente al bambino. E’ proprio in questo aspetto che i libri e i film proiettati assistono il bambino nel focalizzare la giusta direzione da intraprendere con la sua psiche. Se l’ipnotista parla con il bambino, dovrà prendere delle precauzioni extra per non cambiare il tono della voce e avere transizioni morbide. La maggior parte dei film della Disney sono utilizzati ai fini della programmazione. Alcuni di essi sono progettati specificatamente per il controllo della mente“.

LIVELLI DELLA PROGRAMMAZIONE MONARCH

I livelli di programmazione Monarch identificano le “funzioni” dello schiavo e prendono il nome dalla elettroencefalografia (EEG) delle onde cerebrali ad essi associate.

Tipi di onde cerebrali

Considerata come la programmazione “generale” o regolare, quella ALPHA si situa all’interno delle dinamiche di base del controllo della personalità. E’ caratterizzata da una ritenzione mnemonica estremamente pronunciata, insieme ad un sostanziale incremento della forza fisica e visiva. La programmazione alpha si realizza attraverso la deliberata suddivisione della personalità delle vittime, in sostanza, provoca una divisione sinistra-destra del cervello, consentendo una riunione programmata dell’emisfero sinistro e destro attraverso la stimolazione neuronale.

La BETA rappresenta la programmazione “sessuale” (schiavi sessuali). Questa programmazione elimina le convinzioni morali apprese e stimola l’istinto sessuale primitivo, privo di inibizioni. Alterego “Gatte” possono crearsi a questo livello. Conosciuta come la programmazione Sex-Kitten, è la più visibile delle programmazioni sulle celebrità femminili, sulle modelle, sulle attrici e sulle cantanti che sono state sottoposte a questo tipo di programmazione. Nella cultura popolare, i vestiti con stampe feline spesso denotano la programmazione “sex-kitten”.

La DELTA è nota come programmazione “killer” ed è stata originariamente sviluppata per l’addestramento degli agenti speciali o dei soldati d’elite (cioè la Delta Force, il First Earth Battalion, il Mossad, ecc) nelle operazioni di infiltrazione. L’ottima risposta adrenalinica e l’aggressività controllata sono evidenti. I soggetti sono privi di paura e sono molto sistematici nello svolgimento delle loro assegnazioni. Istruzioni come il suicidio sono stratificate in questo livello.

THETA. Viene considerata una programmazione psichica. I “bloodliners” (cioè coloro che discendono da famiglie di tradizione satanista) hanno una propensione psichica, sconosciuta a chi non appartiene alle loro casate, utilizzando la telepatia. Tuttavia, dati i limiti intrinseci di questo tipo di controllo mentale vennero introdotti svariati sistemi elettronici, come impianti cerebrali che sfruttano le tecnologie laser ed elettromagnetiche. E’ noto che essi vengono utilizzati in abbinamento a super computer e a satelliti di geolocazione.

CONCLUDENDO

E’ difficile rimanere obiettivi descrivendo gli orrori subiti dagli schiavi Monarch. L’estrema violenza, l’abuso sessuale, la tortura mentale e i giochi sadici inflitti alle vittime da “rinomati scienziati” e da funzionari di alto livello dimostrano l’esistenza di un vero e proprio “lato oscuro” del potere. Nonostante le rivelazioni, i documenti e i whistle blowers, la grande maggioranza della popolazione ignora, respinge o evita il problema del tutto. Oltre due milioni di americani sono stati programmati dal condizionamento basato sul trauma dal 1947 e la CIA ha ammesso pubblicamente i propri progetti sul controllo mentale nel 1970. Film come “The Manchurian Candidate” fanno riferimento direttamente al soggetto della discussione che sto portando avanti, raffigurando le tecniche di tortura, come l’elettroshock, l’uso di parole “attivatrici” e l’implementazione del microchip nelle nostre vite. Diversi personaggi pubblici che vediamo nei nostri schermi tv e nei film sono schiavi del controllo mentale. Personaggi famosi, da Candy Jones, a Celia Imrie a Sirhan Sirhan sono uscite allo scoperto e hanno raccontato le loro esperienze di vittime del controllo mentale, ma ancora il pubblico rivendica l’idea che “sia tutto una finzione”.

La ricerca e i fondi investiti nel progetto Monarch non vennero spesi solo per le vittime del controllo Monarch. Molte delle tecniche della programmazione messe a punto in questi esperimenti vengono applicati su una scala mondiale attraverso i mass media. I video musicali, le notizie dei media ufficiali, i film, le pubblicità e i programmi televisivi sono concepiti utilizzando i dati più avanzati sul comportamento umano a disposizione. Molti di questi provengono dalla programmazione Monarch.

FONTE – www.timmylove.altervista.org

LE MARACHELLE DELLA CIA

cia-nazi-patch

NORD AMERICA

Negli anni cinquanta e sessanta, la CIA avviò un programma di ricerca sul controllo della mente chiamato Progetto MKULTRA negli Stati Uniti e in Canada. Il progetto a Montreal includeva lo sviluppo di tecniche utilizzate da scienziati nazisti per influenzare e controllare il comportamento di determinate persone. Questi esperimenti, finanziati con 25 milioni di dollari, prevedevano anche tecniche di ipnosi, somministrazione di sieri della verità, droghe, messaggi subliminali e altri metodi di violenze psicologiche (es. privazione sensoriale, elettroshock, ecc.) su cavie umane (tra cui numerosissimi pazienti psichiatrici).

EUROPA

Nei suoi primi anni la CIA e il suo predecessore, l’OSS, tentarono di “contenere” il comunismo nell’Europa dell’est dando supporto ai locali gruppi anticomunisti; ma nessuno di questi tentativi ebbe molto successo. Tentativi di provocare rivoluzioni in Ucraina e Bielorussia infiltrando spie anti-comuniste e sabotatori incontrarono il fallimento totale. In Polonia la CIA spese parecchi anni inviando denaro e equipaggiamento ad un’organizzazione inventata e gestita dall’intelligence polacca.

La CIA ebbe più successo nei suoi sforzi di limitare l’influenza del comunismo in Francia e in Italia, soprattutto nelle elezioni italiane del 1948. Dopo la seconda guerra mondiale, la CIA fu lo strumento attraverso cui si organizzò la rete GLADIO, una rete segreta di organizzazioni militari anticomuniste – che talvolta reclutava individui di estrema destra – in Italia e in altre parti dell’Europa occidentale.

IRAN

Mentre l’Europa si andava stabilizzando lungo la cortina di ferro, la CIA negli anni cinquanta tentò di diminuire l’influenza sovietica nelle altre parti del globo, specialmente nel terzo mondo. Con l’incoraggiamento del direttore Allen Dulles, le operazioni clandestine divennero presto la componente dominante dell’organizzazione. Inizialmente si dimostrarono piene di successo: nel 1953 in Iran la CIA depose il governo democraticamente eletto di Mossadegh, dopo il suo tentativo di trattenere di più delle riserve di petrolio del paese e rimosse l’influenza comunista del forte Partito Comunista iraniano (Operazione Ajax). La CIA è definita come organizzazione terroristica dall’Iran.

GUATEMALA

Nel 1954 in Guatemala (operazione PBSUCCESS), la CIA con un budget limitato organizzò la deposizione del governo democraticamente eletto di Jacobo Arbenz Guzmán e lo rimpiazzò con il governo dittatoriale del generale Carlos Castillo Armas. Tuttavia l’opposizione popolare e la nascita della guerriglia nel 1960 costrinse il Paese (sempre sotto l’influenza della CIA) a un susseguirsi di colpi di stato e governi non democratici. L’instabilità creata da queste operazioni portò a una guerra civile che si protrasse fino al 1996.

CUBA

Le limitazioni alle operazioni coperte su larga scala divennero evidenti durante l’invasione organizzata dalla CIA alla Baia dei Porci a Cuba nel 1961. Il fallimento imbarazzò la CIA e gli Stati Uniti sul palcoscenico mondiale, visto che il presidente cubano Fidel Castro sfruttò l’insuccesso dell’invasione per consolidare il suo potere e legarsi strettamente all’Unione Sovietica. Ad ogni modo, la CIA tentò numerose volte di assassinare senza successo il capo di stato cubano come parte della sua operazione Mongoose.

VIETNAM

Dopo l’episodio della baia dei porci le operazioni della CIA divennero meno ambiziose e si legarono strettamente alle operazioni militari statunitensi in Vietnam. Fra il 1962 e il 1975 la CIA organizzò nel Laos un gruppo noto come Esercito Segreto e coordinò una flotta di aeroplani nota come Air America per prendere parte nella guerra segreta in Laos, una parte della guerra del Vietnam.

CILE

Dopo l’elezione del presidente socialista Salvador Allende nel 1970 la CIA lavorò segretamente per impedirgli di assumere l’incarico attraverso la corruzione di ufficiali cileni. Questo tentativo fallì, cosicché la CIA cospirò per un colpo di stato con le fazioni anti-Allende, ma alla fine il progetto abortì (progetto FUBELT).

Tre anni dopo Allende fu deposto dal leader militare Augusto Pinochet. È stato asserito che la CIA fosse dietro il colpo di Stato, sebbene niente sia stato completamente confermato o contraddetto. Il comitato Church, che investigò sul coinvolgimento statunitense in Cile durante questo periodo, stabilì che “non c’è alcuna chiara prova di diretta assistenza al colpo di Stato, nonostante molte asserzioni di tale aiuto”. Nel 2000 inoltre la CIA negò di aver supportato il golpe.

Il rapporto del comitato Church inoltre mostrò che la CIA giocò un ruolo preminente dopo il colpo di Stato del 1973: “lo scopo delle operazioni segrete immediatamente successive al golpe era di assistere la Junta nell’ottenere un’immagine più positiva, sia in patria che all’estero, e nel mantenere l’accesso alle leve di comando del governo cileno. Un altro scopo, in parte raggiunto col lavoro fatto presso l’organizzazione dell’opposizione prima del golpe, era di aiutare il nuovo governo a organizzare e implementare le nuove politiche. I fascicoli di progetto lo hanno documentato. I collaboratori della CIA erano implicati nel preparare un iniziale piano economico onnicomprensivo che è servito come base per le più importanti decisioni economiche della Junta”.

NICARAGUA

Nei primi anni ottanta, dopo la deposizione del dittatore Somoza in Nicaragua, la CIA sostenne e armò i Contras, forze opposte alla junta sandinista marxista. Il Congresso statunitense approvò l’Emendamento Boland che proibiva ogni sostegno ai Contras. L’amministrazione Reagan violò l’emendamento usando i profitti della vendita di armi all’Iran per sostenere i Contras (scandalo Iran-Contras). Parte della campagna della CIA per deporre il governo del Nicaragua includeva l’utilizzo di bombe nei porti nicaraguensi, cosa che comportò l’affondamento di una nave mercantile. Questo fu provato da una decisione della Corte Internazionale di Giustizia nel caso Nicaragua contro Stati Uniti, in cui fu ordinato agli Stati Uniti di pagare le riparazioni al Nicaragua, ma gli USA ignorarono il verdetto della corte.

LE EXTRAORDINARY RENDITIONS

Dopo l’11 settembre 2001, con la motivazione della lotta al terrorismo, la CIA ha effettuato numerose operazioni in Europa e non solo (conosciute come “extraordinary renditions”) come il rapimento dell’imam egiziano Abu Omar, avvenuto a Milano il 17 febbraio 2003 con la presunta collaborazione di uomini del SISMI, il servizio segreto italiano. Nell’ambito di tali operazioni, ha inoltre utilizzato una rete di prigioni segrete (molte delle quali in Europa), come ammesso dal presidente Bush nel settembre 2006.

Per il sequestro di Abu Omar, nel dicembre 2006 la Procura di Milano ha rinviato a giudizio Nicolò Pollari, ex-direttore del SISMI, insieme a 34 persone. Tra gli indagati rientrano 26 agenti della CIA, tra cui il capo dell’intelligence Usa in Italia, Jeff Castelli, e l’ex-capocentro di Milano, Robert Seldon Lady (quest’ultimo coinvolto anche, tramite Mario Scaramella, nella vicenda relativa all’attività della Commissione parlamentare italiana sul dossier Mitrokhin).

Sempre nell’ambito delle inchieste sulle extraordinary renditions, nel febbraio 2007, in Germania, i magistrati di Monaco di Baviera hanno richiesto l’arresto di 13 presunti agenti della CIA in relazione al sequestro del tedesco-libanese Khaled el Masri, con l’accusa di privazione della libertà e pericolose lesioni.

Il 16 febbraio Nicolò Pollari, Marco Mancini, altri funzionari del SISMI e 26 agenti della CIA (tra cui Robert Seldon Lady e Jeff Castelli) sono stati rinviati a giudizio per concorso in sequestro di persona riguardo al rapimento di Abu Omar. Il processo si aprirà l’8 giugno 2007 a Milano. Il 28 febbraio gli Stati Uniti hanno dichiarato ufficialmente che non concederanno l’estradizione chiesta dal Ministero della Giustizia italiano per i 26 agenti della CIA accusati del rapimento. È il primo caso di processo aperto sulle “Extraordinary Renditions”.

GLI SCANDALI

Tra le numerose critiche rivolte all’OSS prima ed alla CIA poi – in parte confermate anche a seguito della desecretazione di documenti riservati statunitensi e britannici – vi è quella di aver aiutato, reclutato e perciò protetto alcuni esponenti nazifascisti di alto grado dopo la fine della seconda guerra mondiale. Fra questi il generale Reinhard Gehlen, coinvolto anche nel complotto per l’attentato a Hitler del 20 luglio 1944, e che aveva diretto la sezione dei servizi di informazione della Wehrmacht addetta al controllo del fronte orientale e dell’Unione Sovietica. Al generale Gehlen, date le sue estese risorse informative sull’Unione Sovietica, fu concesso di mantenere intatta la sua rete di oltre 400 spie dopo la guerra al servizio degli Stati Uniti. L’organizzazione di Gehlen presto divenne una delle fonti primarie di intelligence durante la guerra fredda, e formò la base di quella che a partire dal 1956 divenne l’agenzia di intelligence tedesca, la Bundesnachrichtendienst (BND).

Da diversi documenti sono emersi forti sospetti relativi a un vasto piano organico – nel quadro della guerra fredda – organizzato dai servizi segreti USA al fine di reclutare ufficiali tedeschi e nazisti anche di primo piano già prima della fine del secondo conflitto mondiale. Tra i nazisti che sarebbero stati protetti o avrebbero collaborato con gli Stati Uniti spiccano i nomi di Klaus Barbie, Eugen Dollmann (addetto al controllo del governo della RSI), del colonnello Otto Skorzeny (liberatore di Mussolini tenuto prigioniero sul Gran Sasso e tra i maggiori animatori della rete ODESSA, concepita per favorire la fuga di migliaia di nazisti in Sudamerica), il maggiore Karl Hass (condannato all’ergastolo con Erich Priebke per l’Eccidio delle Fosse Ardeatine e coinvolto in diverse indagini relative alla Strategia della tensione) e il capitano SS Theodor Saevecke, capo in Lombardia della SIPO-SD (Polizia e Servizio di Sicurezza) e responsabile della strage di Piazzale Loreto e quella consumata a Corbetta (Milano).

In un’intervista il Presidente della Repubblica emerito Francesco Cossiga racconta di essere stato contattato da agenti della C.I.A. che lo “pregarono” di non investire dell’incarico di Presidente del Consiglio dei Ministri Giulio Andreotti, considerato dall’intelligence “aperto” nei confronti dell’Est.

CIA E TRAFFICO DI DROGA

Il coinvolgimento della Central Intelligence Agency nel traffico internazionale di droga è stato argomento più volte oggetto di dibattito e controversie, in particolare riguardo a favoritismi a bande di narcotrafficanti tramite finanziamenti e aiuto logistico in cambio di informazioni e materiale di supporto.

Nel corso dell’invasione sovietica dell’Afghanistan, alcuni reparti della CIA si misero in contatto con diversi esponenti di spicco del mondo della droga mediorientale, tra cui Gulbuddin Hekmatyar, signore della droga afghano, nel tentativo di favorire la lotta dei ribelli e delle forze criminali contro i sovietici. Secondo lo storico Alfred W. McCoy, l’agenzia, nel contesto dell’invasione dell’Afghanistan, si preoccupò di creare amicizie e legami di collaborazione con i narcotrafficanti più influenti attraverso finanziamenti, armi, protezione politica e altri mezzi, spingendoli in compenso a lottare contro i comunisti e contemporaneamente a rendersi protagonista indiretta del traffico dell’eroina e di altre droghe nel SudEst asiatico.

Nel 1993 la rete televisiva CBS rese pubbliche le accuse della DEA, l’ente statunitense antidroga, secondo la quale i servizi segreti americani si resero protagonisti dell’importazione di più di una tonnellata di cocaina proveniente dal Venezuela sul suolo americano. Secondo quanto descritto dal New York Times, la droga “della CIA” fu trafficata nelle principali metropoli della nazione. Lo sbarco della droga non fu approvato dalla DEA ma comunque effettuato dalla CIA nel contesto di un’operazione antidroga volta ad incastrare il signore della droga Pablo Escobar in accordo con la Guardia Nazionale. La vicenda risultò essere affine a un simile scandalo avvenuto ad Haiti con la salita al potere delle gerarchie militari, nel quale la CIA fu accusata di un traffico illegale di droga in collaborazione con le forze haitiane.

Un’altra vicenda che suscitò scandalo fu la scoperta che Ahmed Wali Karzai, fratello del presidente afghano neoeletto filoamericano Hamid Karzai, era nel libro paga della CIA da otto anni (all’ottobre 2009), e la sua sospetta vicinanza al traffico d’oppio nel Medio Oriente contribuì a offuscare le reali intenzioni dei servizi segreti americani circa il blocco del commercio della suddetta droga. Karzai, in ottemperanza a queste relazioni, sarebbe stato pagato per realizzare operazioni in alcune regioni dell’Afghanistan e reclutare forze paramilitari.