Attualità, Medicina, Psicologia, Salute, Scienza, Tecnologia

FABIO FRANCHI E LA FALSIFICAZIONE DELLA TEORIA VIRALE (Estratto)

Nei lavori pubblicati sul SARS-CoV-2 non si trovano fotografie del virus isolato, se non di singoli elementi senza contesto. Si ritrovano anche fotografie di sezioni ultra sottili di tessuti dove si individuano agglomerati di piccoli cerchi che sono indicati con le frecce e chiamati particelle virali. Ammesso che lo siano, costituiscono meno del 10% del materiale cellulare che li circonda. Non si tratta propriamente di isolamento. Ma c’è di più: vi sono forti dubbi che quei piccoli cerchi siano Coronaviridae. Infatti hanno dimensioni variabili: il loro diametro è spesso di 6570 NM cioè inferiore al minimo previsto per i Coronavirus (120-160 NM) 83. In verità altri autori riportano diametri diversi (100-160 NM) 84, ma restano comunque fuori range. Ed i virus sono caratteristicamente costituiti da pochi elementi fondamentali capaci di replicare copie identiche di sé stessi. Insomma in biologia … non sono previsti né i giganti né i cuccioli di virus!

Se il diametro delle piccole sfere è inferiore del 30% rispetto alla particella singola, in volume esse lo sono di meno ancora, cioè si riducono ad 1/3 circa in volume. Se il diametro è superiore del doppio, allora il volume è oltre 6 volte maggiore. Il che non è possibile sia sostenuto: starebbe inevitabilmente a significare una differente composizione e struttura incompatibile con esseri che sono dotati di uguale e breve sequenza nucleotidica (perché appartenenti alla stessa specie).

Per la discussione, presentiamo innanzitutto una delle tante fantasiose ricostruzioni al computer che rafforza quel che sosteniamo: rivela la convinzione di tutti, esperti e non esperti, che il virus SARS-COV-2 sia costituito da particelle tutte uguali a sé stesse, come dovrebbe essere.

Figura 6

Figura 6. Coronavirus immagine disegnata al computer

Ora esaminiamo per confronto il Coronavirus ritenuto responsabile della SARS (malattia epidemica comparsa in Oriente nel 2002 e sparita nel 2004, per la quale era stato imputato un Coronavirus 85): le dimensioni e l’aspetto corrispondono alla descrizione. Il diametro, escluse le spikes (peplomeri od estroflessioni), è di circa 100 NM.

Figura 7

Figura 7. Ksiazek TG et al. Ultrastruttura caratteristica del Coronavirus associato alla SARS coltivato in cellule Vero E6.

Un Coronavirus di pipistrello, simile a quello della SARS umana (malattia comparsa nel 2003 e sparita nel 2004), è stato “isolato” e così presentato sulla rivista Nature 86; assomiglia al precedente, ma ha forme più irregolari e dimensioni leggermente maggiori (167 x 200 NM)

Figura 8

Figura 8. Xing-YiGe et al. Micrografia elettronica di virioni purificati raccolti, fissati e concentrati/purificati con centrifugazione in gradiente di saccarosio

Asseriti isolamenti del SARS-CoV-2

A) Il SARS-CoV-2, la cui foto è stata pubblicata sul N Eng J Med quest’anno (87) ha invece aspetto e dimensioni differenti:

Figura 9a

Figura 9a e 9b. Zhu N et al. Visualizzazione del nCoV-2019 con il Microscopio a Trasmissione.

I due elementi nella foto di sinistra corrispondono nei diametri a quelle di un ipotetico Coronavirus (attorno a 100 NM, escluse le Spikes che non son ben visibili). Viceversa le piccole particelle divise in gruppi sulla destra sono apparentemente troppo piccole per essere di SARS-CoV-2. Quel che è notevole è che le formazioni rotondeggianti nella foto a destra non hanno le dimensioni di quelle nella foto a sinistra pur trattandosi asseritamente degli stessi SARS-CoV-2 del medesimo studio! Il materiale presunto infetto (liquido da lavaggio bronchiale) proveniva da uno dei tre pazienti. Non vi è accenno all’esame al microscopio elettronico di sopranatante da colture cellulari di controllo.

L’immagine più sotto è l’ingrandimento della parte inferiore della figura 9b per permettere una misurazione facilitata. 

Figura 10

Figura 10. Zhu N et al. Visualizzazione del nCoV-2019 con il Microscopio a Trasmissione (ingrandimento della figura 9 parte destra.

Come si può controllare con un software di misurazione su schermo 88, le particelle sono di circa 65-75 NM di diametro, tranne una che è di 100 NM. 

  • Lo stesso può essere osservato sulla foto pubblicata su Nature 89 (dimensioni delle “particelle virali”: in media 67 NM di diametro, range 48-90):
Figura 11

Figura 11. Isolamento del 2019-nCoV. Vengono mostrate le particelle virali in un vacuolo intra citosolico. Le particelle virali nelle sezioni ultrasottili vennero fotografate con il microscopio elettronico a 200 kV. Il campione proveniva da cellule infette Vero E6. 

Queste sopra sono con tutta probabilità le foto più rappresentative che son riusciti a scattare. Perciò il dubbio sull’origine di tali riscontri fotografici progressivamente si rinforza.

  • Su Nature è stato pubblicato il 7 maggio uno studio che vanta la dimostrazione del nesso causale tra SARS-CoV-2 e COVID-19 con un articolato esperimento su dei topi 90

Tuttavia molte sono le critiche possibili, per esempio:

  1. gli autori danno per scontato che la causa sia stata dimostrata in due precedenti pubblicazioni che citano. In una di queste, già qui discussa, li smentisce, infatti è esplicitamente ammesso che i loro riscontri non erano decisivi (“non sono stati soddisfatti i postulati di Koch”) 91. Nell’altro lavoro 92 l’immagine di una singola particella (supposta virale), è molto differente come dimensioni, essendo il diametro di circa 75 NM, e non c’è nessuna dimostrazione di isolamento di particelle virali. 
Figura 12

Figura 12. Ren et al. Identificazione ed isolamento virale. Micrografia elettronica.

  • i topi sono stati divisi in tre gruppi: uno di suscettibili, “infettato” con il SARSCoV-2; uno di suscettibili infettati con “virus finto” (mock virus); uno di non suscettibili, infettati con il SARS-CoV-2. l “virus finto” corrisponde  a gocce di PBS (tampone fosfato salino).

In ognuno dei tre gruppi di topi, di cui due di controllo, solo alcuni individui hanno presentato sintomi modesti (il pelo irto e non altro), e le descrizioni anatomopatologiche si sono limitate ai topi suscettibili infettati, mentre i topi di controllo non avevano dimostrato alcuna alterazione. Non si comprende di quale patologia soffrissero i topi sintomatici dei gruppi di controllo, né se vi fossero differenze, nel gruppo dei suscettibili infettati, tra sintomatici e non. Poco comprensibile anche come mai topi affetti da grave compromissione polmonare non abbiano manifestato sintomi rilevanti: “non furono trovati altri sintomi clinici come la schiena arcuata e una risposta diminuita a stimoli esterni” (con l’eccezione di una perdita di peso per i topi infetti, ammalati ed arrivati vivi al 14° giorno). Al giorno 1, 3, 5, 7 dopo l’infezione, sono stati sacrificati ogni volta 3 animali per ogni gruppo. Questo significa che alterazioni nel gruppo suscettibile infettato, (riscontri autoptici di grave patologia polmonare) sono stati ritrovati in topi che non avevano alcun sintomo, secondo quanto scritto dagli autori (7 in tutto i topi con sintomi in tale gruppo e, di questi, 7 arrivati al 14° giorno). Non è facile comprendere.

  • il virus non è stato isolato secondo la procedura corretta, ed esposta in precedenza in questo scritto. La fotografia al microscopio elettronico mostra un cerchio di diametro doppio di quello massimo consentito per un Coronavirus e triplo o quadruplo rispetto a quelli riportati nei lavori citati in questo testo. Eppure si sostiene che si trattava del medesimo virus.
Figura 13

Figura 13. Bao et al. Il virus isolato dai polmoni dei topi ACE2-HB-01 fu osservato al microscopio elettronico.

D) Nella pubblicazione di Caly et al.93 viene “isolato” il SARS-CoV-2 da un solo paziente. Anche qui mancano fotografie elettroniche da colture non infette di controllo e comunque  non c’è stato un corretto isolamento. Le particelle nella parte destra dell’immagine sono del 20% più piccole di quella singola a sinistra. Sono altro.

Figura 14

Figura 14. Caly L et al. Electron micrographs of cell culture supernatant. A. 100 NM spherical virion displaying the characteristic crown-like fringe of spike proteins.

B. Sezioni infettate di VERO/hSLAM con vescicole legate alla membrana contenenti virus.

Ulteriore prove a dimostrazione dell’incertezza interpretativa

Tre lavori hanno recentemente pubblicato fotografie elettroniche di coronavirus in malati di COVID-19. Val la pena esaminarle perché sono state contestate da altri ricercatori:

A)  Su H et al.Particelle simil-Coronavirus  94

Figura 15a

Figura 15a. Su H et al.Particelle simil-Coronavirus (frecce rosse) con estroflessioni distintive (frecce verdi) erano presenti nel citoplasma dell’epitelio del tubuloprossimale. 

Figura 15b

Inserisci Figura 15b. Su H et al. Particelle simil-Coronavirus (frecce rosse) con estroflessioni distintive (frecce verdi) erano presenti nel citoplasma dell’epitelio del tubulo distale.una didascalia

Tuttavia esperti microscopisti elettronici hanno contestato che quelle immagini potessero rappresentare il SARS-CoV-2 95 

“Queste strutture non sono particelle virali, ma piuttosto vescicole rivestite di clatrina, normali organelli cellulari coinvolti nel trasporto intracellulare. Gli oggetti nella loro Figura 2a e b (w 60 NM) sono leggermente più piccoli dei coronavirus (da w80 a 140 NM), ma, soprattutto, le loro “estroflessioni” (peplomeri) sono in contatto con il citosol, come quelli delle vescicole rivestite di clatrina”.

Gli Autori hanno così risposto: 

“Siamo d’accordo con il punto di vista di Miller e Brealey e riconosciamo che ci sono difficoltà intrinseche nella discriminazione delle vescicole cellulari dalle particelle virali esclusivamente da prove morfologiche, specialmente nella normale elaborazione EM dei tessuti autoptici.”

“Pertanto abbiamo prudentemente modificato la descrizione nella versione prestampata del nostro articolo di “particella virale” in “particella simil-coronavirus”.

B)  Kissling S et al. Studio di microscopia elettronica.   96

Figura 16

Figura 16. Kissling S et al. Studio di microscopia elettronica. Vacuoli citoplasmatici contenenti numerose particelle sferiche. 

La critica 97 al lavoro B) sopracitato da parte degli stessi ricercatori, è la seguente:

“[…], le particelle in Kissling et al. non sono coronavirus. Mentre sono all’interno di un vacuolo, hanno estroflessioni e hanno approssimativamente le dimensioni corrette, non hanno l’aspetto uniforme delle particelle di virus con una copertura esterna della membrana e punti all’interno che indicano il nucleocapside.

“Queste microfotografie non supportano l’affermazione che le particelle sono effettivamente virus.”

Gli autori del lavoro criticato hanno ammesso le incertezze interpretative 98, nonostante a parer loro per dimostrare che le particelle siano o no del SARS-CoV2 bisognerebbe marcarle con anticorpi specifici. Anticorpi specifici che non ci sono, visto che per questi non è nota la specificità reale (vedi le sezioni precedenti di questo elaborato). Il cane che si morde la coda:

Riconosciamo anche le nostre incertezze riguardo alla natura esatta delle particelle nel podocita osservate nella biopsia renale del nostro paziente ed eravamo cauti nell’interpretazione di questi risultati. A seguito dei commenti di Miller e Brealey, abbiamo modificato la nostra lettera prima della sua pubblicazione finale sul Journal per sottolineare ulteriormente che queste particelle possono corrispondere a entità non virali. Tuttavia, le particelle rilevate nella biopsia del nostro paziente sono piuttosto simili a quelle della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus riportata nella prima documentazione (Zhu et al, figura 10). Inoltre, l’aspetto delle inclusioni virali intracellulari sembra essere abbastanza variabile da una pubblicazione all’altra”. A nostro avviso, rimane quindi possibile che le particelle osservate nel nostro paziente siano di origine virale. la prova definitiva della presenza di inclusioni virali nelle cellule richiede una immunocolorazione con anticorpi specifici, sia nelle cellule in coltura che nei campioni di tessuto.

C)  Varga Z et al. Microscopia elettronica del tessuto renale  99

Figura 17a

Figura 17a Varga Z et al. Microscopia elettronica del tessuto renale mostra corpi d’inclusione virale  nello spazio peritubulare nelle cellule endoteliali delle anse capillari glomerulari

Figura 17b

Figura 17b. Varga Z et al. Idem

Tali immagini non sono state riconosciute come di particelle virali da parte di Goldsmith et al 100 che hanno obiettato: 

“Tuttavia, riteniamo che le immagini EM nella corrispondenza non mostrino particelle di coronavirus ma mostrino invece sezioni trasversali del reticolo endoplasmatico rugoso (RER).

Queste strutture sferiche sono circondate da punti scuri, che potrebbero essere stati interpretati come estroflessioni su particelle di coronavirus ma sono invece ribosomi.

Per corroborare il loro argomento, i ricercatori dei CDC hanno pubblicato l’immagine di particelle da loro ritenute virali al di là di ogni dubbio (figura 18):

Figura 18

Figura 18 Goldsmith Cs, Miller SE et al. Isolato virale cresciuto in coltura cellulare. Particelle di coronavirus sferiche con sezione attraverso i nucleocaside, visti come punti nei, sono raggruppati entro una membrana che le separa dal citoplasma.

Tuttavia uno degli Autori (Miller), aveva poco tempo prima precisato che i virus dovevano avere un diametro maggiore (80-140 NM) 101, seppur inferiore a quello indicato dal Comitato Internazionale sulla Tassonomia dei Virus 102. Ne deriva che queste particelle, presentate come virus “garantiti” nella fotografia inserita nella corrispondenza, avendo un diametro (65-78 NM) inferiore a quello consentito ad un coronavirus, devono essere qualcos’altro – secondo i loro stessi criteri. 

Insomma, anche la microscopia elettronica è molto insidiosa e non può essere considerata un riferimento sicuro. 

NOTE

83  International Committee on Taxonomy of Viruses ICTV. “Virions are spherical, 120–160 nm across (Coronavirinae)” Virus Taxonomy: 2019 Release EC 51, Berlin, Germany, July 2019 Email ratification March 2020 (MSL #35).

 (download June, 22 2020: “Virions are spherical, 120–160 nm across (Coronavirinae)”

https://talk.ictvonline.org/ictvreports/ictv_9th_report/positivesensernaviruses2011/w/posrna_viruses/222/coronaviridae

 84  Raphael Dolin. Coronavirus infections, including SARS. Etiologic Agent, in Harrison’s Principles of Internal Medicine, 17th Edition.

 85  Ksiazek TG et al. A Novel Coronavirus Associated with Severe Acute Respiratory Syndrome N Engl J Med 2003;348:1953-66.

 86  Xing-Yi Ge et al. Isolation and characterization of a bat SARS-like coronavirus that uses the ACE2 receptor. Nature 2013;503:535-8.

 87  Zhu N et al. op. cit.

 88  J Ruler

 89  Zhou P et al. A pneumonia outbreak associated with a new coronavirus of probable bat origin. Nature  2020;579:270-3.

 90  Bao, L. et al. The pathogenicity of SARS-CoV-2 in hACE2 transgenic mice. Nature https://doi.org/10.1038/s41586-020-2312-y (2020).

 91   Zhu et al. op cit

 92  Ren Li-Li et al. Identification of a novel coronavirus causing severe pneumonia in human: a descriptive study Chinese Medical Journal 2020;133(9).

 93  Caly L, Druce J, Roberts J, et al. Isolation and rapid sharing of the 2019 novel coronavirus (SARS-CoV-2) from the first patient diagnosed with COVID-19 in Australia. Med J Aust.

 94  Su H, Yang M, Wan C, et al. Renal histopathological analysis of 26 postmortem findings of patients with COVID-19 in China. Kidney Int. 2020;98:219–227.

 95  Miller SE and Brealey JK. Visualization of putative coronavirus in kidney. Kidney International (2020) 98, 228–239.

 96  Kissling S, Rotman S, Gerber C, et al. Collapsing glomerulopathy in a COVID-19 patient. Kidney Int. 2020;98:228–231.

 97  Miller op cit.

 98  Kissling et al. Authors reply. Kidney Int. 2020;98:232.

 99  Varga Z, Flammer AJ, Steiger P, et al. Endothelial cell infection and endotheliitis in COVID-19. Lancet 2020; 395: 1417–18.

100  Cynthia S Goldsmith, Sara E Miller et al. Electron microscopy of SARS-CoV-2: a challenging task. Lancet 2020; 395:e99.

 101  Miller op cit.

 102  International Committee on Taxonomy of Viruses ICTV. Op. cit.

 103  Sheridan C. Coronavirus and the race to distribute reliable diagnostics. Nature. 19 FEBRUARY 2020.  https://www.nature.com/articles/d41587020000022

Standard
Attualità, Disclosure, Medicina, Salute, Scienza, Storia

IL MALINTESO CHIAMATO VIRUS

Makia Freeman, 24 Luglio 2020

Stefan Lanka parla ai giornalisti nel tribunale distrettuale di Ravensburg. Il biologo del Lago di Costanza aveva messo in dubbio l’esistenza del virus del morbillo.

L’idea sbagliata del virus è al centro dell’operazione Coronavirus, perché senza il concetto di teoria dei germi e senza la storia dell’orrore del virus killer, la maggior parte delle persone non acquisterebbe la narrativa ufficiale diretta dal NWO  sulla propaganda COVID. In un precedente articolo sulla natura del virus, ho discusso degli eroici sforzi del virologo tedesco  Dr. Stefan Lanka, che nel 2017 ha vinto un caso emblematico che è andato fino alla Corte suprema tedesca. Lanka ha dimostrato alla corte suprema del paese che il morbillo non era causato da un virus e che in realtà non esisteva un virus del morbillo. Lanka è ancora impegnato a lavorare, e ha scritto questo articolo all’inizio di quest’anno (tradotto qui in inglese) intitolato ” L’idea sbagliata chiamata virus “ in cui spiega la storia di come la scienza tradizionale sia andata terribilmente fuori strada con le sue conclusioni (pure ipotesi) per demonizzare l’umile virus e attribuirgli falsamente la patogenicità che non ce n’è.

Il malinteso sui virus: la leggenda di Virus Killer contro carenza e tossicità

Il punto principale di Lanka in tutto l’articolo è questo: quando gli scienziati moderni stanno lavorando con il tessuto malato, pensano che la presenza di un virus stia causando la malattia, invece di rendersi conto che il tessuto in questione è stato tagliato e isolato dal suo ospite, quindi fatto con antibiotici e che siano proprio questa separazione e questo avvelenamento a renderlo malato e ad ucciderlo, piuttosto che qualsiasi virus. Lanka scrive:

“Tutte le affermazioni sui virus come agenti patogeni sono errate e si basano su interpretazioni errate facilmente riconoscibili, comprensibili e verificabili … Tutti gli scienziati che pensano di lavorare con i virus nei laboratori in realtà lavorano con particelle tipiche di specifici tessuti o cellule morenti che sono state preparate in uno speciale modo. Credono che quei tessuti e quelle cellule stiano morendo perché sono stati infettati da un virus. In realtà, le cellule e i tessuti infetti stavano morendo perché erano affamati e avvelenati a seguito degli esperimenti in laboratorio. “

“… la morte del tessuto e delle cellule avviene nello stesso identico modo quando non viene aggiunto alcun materiale genetico infetto” ” Apparentemente i virologi non hanno notato questo fatto. Secondo … la logica scientifica e le regole della condotta scientifica, avrebbero dovuto essere condotti esperimenti di controllo. Al fine di confermare il metodo recentemente scoperto della cosiddetta “propagazione del virus” … gli scienziati avrebbero dovuto eseguire ulteriori esperimenti, chiamati esperimenti di controllo negativo, in cui avrebbero aggiunto sostanze sterili alla coltura cellulare “.

“Questi esperimenti di controllo non sono mai stati condotti dalla” scienza “ufficiale fino ad oggi. Durante la sperimentazione del virus del morbillo, ho incaricato un laboratorio indipendente di eseguire questo esperimento di controllo e il risultato è stato che i tessuti e le cellule muoiono a causa delle condizioni di laboratorio esattamente come quando entrano in contatto con materiale presunto “infetto”. “

In altre parole, le cellule e i tessuti studiati muoiono con o senza la presenza di un virus esattamente nello stesso modo; pertanto,  il virus non può essere la causa della morbilità e della mortalità.  È interessante notare che questo è esattamente ciò che hanno affermato molti esperti di salute, vale a dire che ci sono solo due cause di malattia:  carenza e tossicità. Ad esempio, Charlotte Gerson (che ha assunto la direzione della Gerson Clinic dal suo geniale padre Max) ha detto questo su Malattie e Cancro. La rimozione di cellule o tessuti dal corpo e quindi la loro interruzione dal loro apporto di energia porterà rapidamente ad una carenza; iniettare antibiotici nella miscela è tossicità, pertanto non esiste una prova concreta che un virus stia causando malattie quando sono già presenti carenze e tossicità. Questo è il punto chiave dell’idea sbagliata del virus.

Il malinteso sui virus appoggia le sue radici nellOttocento

Lanka fa risalire lo sviluppo del malinteso sui virus al 1858 e alla “teoria cellulare” di Rudolf Virchow, che ha proposto una teoria secondo cui tutte le malattie e tutta la vita provengono da una singola cellula, che è in qualche modo dirottata da un virus che la indebolisce e si propaga si. Lanka sottolinea due incongruenze in proposito: Viroma umano normale: uno studio del 2017 rileva l’HIV, l’epatite e molti altri virus presenti nelle persone

“La teoria cellulare è stata originata solo perché Rudolf Virchow ha soppresso scoperte cruciali sui tessuti. I risultati e le intuizioni riguardo alla struttura, alla funzione e all’importanza centrale dei tessuti nella creazione della vita, che erano già noti nel 1858, confutano in modo completo la teoria cellulare e le terapie genetiche, immunitarie e tumorali successivamente derivate.

“Le teorie dell’infezione sono state stabilite come dogma globale solo attraverso la propaganda politica e e l’eugenetica del Terzo Reich. Prima del 1933, gli scienziati hanno osato contraddire questa teoria; dopo il 1933, questi scienziati critici furono messi a tacere. “

Per “teorie dell’infezione” Lanka significa teoria dei germi, la teoria prevalente della moderna medicina occidentale. Lanka descrive quindi come si è verificato un cambio di paradigma nella percezione del virus nel periodo 1952-1954:

“Fino al 1952, un virus era definito come un veleno patogeno sotto forma di una proteina, un enzima che causava danni in modo sconosciuto. Dopo il 1953, l’anno in cui fu annunciato pubblicamente il presunto DNA nella forma di una presunta elica alfa, l’idea di un virus divenne un genotipo maligno avvolto in proteine. Pertanto, tra il 1952 e il 1954 ebbe luogo un cambio di paradigma riguardo all’immagine di un virus. “

Parla di come la teoria diventa dogma nella Chiesa del Mainstream Scientifoc, o Scientismo.

“Questo approccio completamente non scientifico ebbe origine nel giugno del 1954, quando fu pubblicato un articolo speculativo non scientifico e confutabile, secondo il quale la morte del tessuto in una provetta era considerata … possibili prove della presenza di un virus. Sei mesi dopo, il 10 dicembre 1954, l’autore principale di questa opinione ricevette il premio Nobel per la medicina per un’altra teoria ugualmente speculativa. La speculazione del giugno 1954 fu poi sollevata a fatto scientifico e divenne un dogma che non è mai stato sfidato. Dal giugno 1954, la morte di tessuti e cellule in una provetta è stata considerata la prova dell’esistenza di un virus. “

Ritornando ai postulati di Koch: nessun isolamento, nessuna purificazione

Come ho spiegato in COVID-19 Termine generale per operare una pandemia finta: non una malattia, non una causa , gli scienziati mainstream di oggi stanno saltando l’importante secondo passo dei postulati di Koch: l’isolamento e la purificazione del virus. Questo non è qualcosa che puoi semplicemente sorvolare o dimenticare di fare, come dimenticare accidentalmente l’ombrello in una giornata piovosa e bagnarti un po ‘. Questa è la parte assolutamente essenziale per determinare se esiste un nuovo virus e se causa la malattia. È la cosiddetta “Condicio sine qua non”. Se non riesci a isolarlo, hai fallito nel provare qualcosa, perché il germoglio in erba che ritieni sia un virus invasore potrebbe facilmente essere un’esosoma o una particella prodotta dal corpo stesso. Questo è il motivo per cui tutta la propaganda COVID ha opportunamente chiarito il fatto che non ci sono immagini al microscopio elettronico di SARS-CoV-2, poiché il microscopio elettronico è uno strumento estremamente importante nella prima fase dei postulati di Koch, l’identificazione. Lanka continua:

“… Un virus non è mai stato isolato in base al significato della parola isolamento, e non è mai stato fotografato e caratterizzato biochimicamente come una struttura unica e unica. Le microfotografie elettroniche dei presunti virus mostrano in realtà particelle cellulari abbastanza normali da tessuti e cellule in via di estinzione, e la maggior parte delle foto mostra solo un modello computerizzato (CGI – immagini generate al computer) “.

Quindi cosa c’entra tutto questo con COVID?

Quindi, per riportare questo alla pandemia attuale, tutte le stesse ipotesi e la mancanza di prove sono in gioco quando si tratta di COVID:

“Le singole molecole vengono estratte dalle particelle di tessuto e cellule morte, vengono interpretate erroneamente come parti di un virus e teoricamente messe insieme in un modello di virus. Il processo di ricerca del consenso per il” virus “del morbillo, in cui i partecipanti hanno discusso per determinare cosa apparteneva al virus e cosa no, è durato per decenni. Con l’apparentemente nuovo China Coronavirus 2019 (nel frattempo rinominato 2019-nCoV), questo processo di ricerca del consenso dura solo pochi clic del mouse.

Con solo pochi clic del mouse, un programma può creare qualsiasi virus riunendo molecole di brevi parti di acidi nucleici da tessuti morti e cellule con una determinata composizione biochimica, disponendole così come desiderato in un genotipo più lungo che viene poi dichiarato essere il genoma completo del nuovo virus. in questo processo di costruzione teorica del “DNA virale”, quelle sequenze che non si adattano vengono “levigate” e vengono aggiunte quelle mancanti. Pertanto, viene inventata una sequenza di DNA che non esiste nella realtà e che non è mai stata scoperta e scientificamente dimostrata nel suo insieme. “

Quindi, fondamentalmente, gli scienziati cinesi tradizionali che lavorano secondo la stessa teoria degli scienziati occidentali tradizionali hanno inventato un nuovo modello teorico per SARS-CoV-2, e hanno proclamato un nuovo coronavirus, ma tutti senza le micrografie elettroniche per sostenerlo.

L’intero processo ha parallelismi estremamente interessanti con il tema della simulazione di spazio, sia esso propagandato dalla NASA o dalle agenzie spaziali di altre nazioni. Non abbiamo immagini verificabili di virus; non abbiamo immagini intere (non composite) verificabili della Terra, o molti altri corpi spaziali come lune, pianeti, ecc. Ci viene solamente detto di non mettere in discussione l’autorità. Questa è scienza o questo scientismo basato sulla fede? Fino a che punto veniamo manipolati quando ci vengono negate vere e proprie fotografie del mondo che ci circonda, sia a livello micro che macro? 

Lanka sul pericolo dei Vaccini

La nostra scarsa comprensione di virus, malattie, sistema immunitario, teoria del terreno e molto altro è sfruttata da Big Pharma per spingere pericolosi interventi medici come i vaccini . Ecco cosa dice Lanka riguardo al pericolo e all’inefficacia dei vaccini:

“Un miscuglio costituito da tessuti e cellule in via di morte da scimmie, feti di bovini e antibiotici tossici … viene utilizzato come vaccino” vivo “, perché si suppone che sia costituito dai cosiddetti virus” attenuati “… questa miscela tossica pieno di proteine ​​estranee, acidi nucleici estranei (DNA / RNA), antibiotici citotossici, microbi e spore di tutti i tipi viene etichettato come “vaccino vivo”. Viene impiantato nei bambini attraverso la vaccinazione principalmente nei muscoli, in una quantità che se iniettato nelle vene porterebbe immediatamente a morte certa … I fatti verificabili dimostrano il pericolo e la negligenza di questi scienziati e politici, che affermano che i vaccini sono sicuri, hanno effetti collaterali minimi o nulli e proteggono da una malattia. Nessuna di queste affermazioni è vera.

Conclusioni

L’idea sbagliata del virus è stata con noi per molto tempo. Per quanto folle sia l’attuale sottomissione basata sulla paura, chi indossa la mascherina e che adotta il distanziamento, ci sono persone che sfruttano l’Operazione Coronavirus come possibile presa di Coscienza. Mentre alcuni approfondiscono l’incoscienza e guardano a nuovi prodotti protettivi (“aggiorna la tua maschera per il nostro scudo protettivo di filtrazione dell’aria alimentato in attesa di brevetto N95”), altri hanno visto il coronavirus per quello che è veramente: un’opportunità di rotolare fuori da tutti i tipi di architettura di controllo, mentre le persone comuni continuano a vivere nella paura. È sempre una buona idea mettere in discussione le assunzioni di base di qualsiasi istituzione governativa, perché quasi sempre può aprire un portale verso la verità.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Freedom Articles .

Makia Freeman è la redazione di media alternativi The Freedom Articles e ricercatrice senior presso ToolsForFreedom.com.

Global ResearchCopyright © Makia Freeman, GLOBAL RESEARCH, 2020

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.globalresearch.ca/dr-stefan-lanka-2020-article-busts-virus-misconception/5719146

FONTE DELL’ARTICOLO ORIGINALE

https://davidicke.com/wp-content/uploads/2020/07/Paper-Virus-Lanka-002.pdf

TRADUZIONE

Traduzione ed impaginazione a cura di Marco Isella (las0rgente.net)

NOTE

Nota di Enrique Suarez: questo articolo è finora il miglior articolo che abbia mai letto sul cosiddetto “Coronavirus”

Standard
Attualità, Musica, Scienza, Storia

L’IGIENISMO E IL MITO DEI CONTAGI

Vaccini-militari

TRATTO dalle ultime 4 pagine, rivedute e corrette dal punto di vista igienista, dell’articolo “Exposing the Myth of the Germ Theory” del Dr. Arthur M. Baker (a cura del College of Practical Homeopathy, 2005 – traduzione di Gianluca Freda), e dagli scritti di scienziati, dottori e igienisti:Prof. Arnold Ehret, Dr. H. M. Shelton, Dr.ssa V. V. Vetrano, T. C. Fry, Albert Mossèri, Margaret Flinn, Dr. Antoine Bèchamp, Dr. Louis Pasteur, Dr. Hans Zinsser, Dr. Johann Christian Reil, Dr. Adwen, Dr. Fraser.

Dalle ultime 4 pagine dell’articolo del Dr. Arthur Baker ho eliminato tutte le frasi sbagliate dal punto di vista igienista sul contagio, per far capire perfettamente, senza sbavature, senza contraddizioni e senza errori, l’argomento più scottante, meno capito e più frainteso nell’ambito della salute.” – Stefano Torcellan

—————————————————————————————

Provate a chiudere per un attimo gli occhi, e tornare con la mente al tempo in cui si viveva nel Paradiso Terrestre, quando il primo uomo e la prima donna, iniziarono a popolare la terra. Come si spiega allora il primo caso di morbillo? Prima di Adamo questa malattia non esisteva e non si poteva certo contrarla da un’altro essere umano! Come fece questa prima vittima a rimanere contagiato? O, se preferite, come fece la malattia a contagiarlo?”

Dr. H. M. Shelton “Assistenza Igienica ai Bambini” p. 306

——————————————————————————————————-

Dr. Arthur M. Baker

[…] IN ORIGINE la parola “VIRUS” significava VELENO e il termine“VIRULENTO” voleva dire VELENOSO.

OGGI intendiamo per VIRUS una ENTITA’ SUB-MICROSCOPICA e“VIRULENTO”, in generale, significa CONTAGIOSO.

LA MEDICINA MODERNA utilizza il termine “virus” per indicare una microscopica forma di vita capace di infettare le cellule e a cui viene pertanto attribuita la responsabilità di molte delle nostre malattie.

Nell’IMMAGINARIO POPOLARE, il VIRUS è una forma di vita in grado di parassitare ogni altra forma di vita, inclusi gli animali, le piante e i saprofiti (funghi e batteri).

Nella descrizione delle INFEZIONI VIRALI, ai virus vengono attribuiti comportamenti quali “iniettarsi”, “incubare”, “essere in latenza”, “invadere”, avere uno “stadio attivo”, “impadronirsi”, “riattivarsi”, “mascherarsi”, “infettare”, “assediare” ed essere “devastanti” e “mortali”.

La TEORIA MEDICA convenzionale sostiene che i VIRUS nascono da cellule morte che essi stessi hanno infettato. Il virus “si inietta” nella cellula e le “ordina” di riprodurlo, fino al momento in cui la cellula esplode per lo sforzo. I virus sono a questo punto liberi di cercare altre cellule in cui ripetere il processo, infettando così l’intero organismo.

Tuttavia I VIROLOGI AMMETTONO che i VIRUS, pur avendo natura peculiarmente organica, non possiedono metabolismo, non possono essere replicati in laboratorio, non possiedono alcuna caratteristica degli esseri viventi e, in realtà, NON SONO MAI STATI OSSERVATI VIVI!!

I “virus vivi” sono sempre morti

Il termine “virus vivo” indica semplicemente quei virus creati dalla coltura di tessuti viventi in vitro (cioè in laboratorio), dai quali si possono ottenere trilioni di virus. Ma proprio qui sta il punto: anche se alcune colture da laboratorio vengono tenute vive, nel corso del processo si verifica un massiccio ricambio cellulare ed è dalle cellule morenti che vengono ottenuti i “virus”. Essi sono comunque morti o inattivi, poiché non possiedono né metabolismo né vita e non sono altro che molecole di DNA e proteine.

I VIRUS contengono acido nucleico e proteine, ma mancano di enzimi e non possiedono una vita propria poiché mancano dei prerequisiti fondamentali della vita, e cioè dei meccanismi di controllo metabolico (che perfino i batteri “inferiori” possiedono).

Il GUYTON’S TEXBOOK of MEDICAL PHYSIOLOGY riconosce che i virus non hanno nessun sistema riproduttivo, nessuna capacità di locomozione, nessun metabolismo e non possono essere riprodotti in vitro come entità viventi.

Il legame con i mitocondri

Poiché i “VIRUS” non sono vivi, essi non possono agire in nessuno dei modi che vengono loro attribuiti dalle autorità mediche, tranne che come unità funzionali del nostro normale materiale genetico all’interno del nucleo cellulare o del nucleo mitocondriale interno alla cellula.

I MITOCONDRI sono organismi viventi, uno dei molti diversi organelli (piccoli organi) presenti all’interno delle cellule del nostro corpo. I mitocondrihanno grosso modo la dimensione dei batteri e sia gli uni che gli altri possiedono un proprio DNA e un proprio metabolismo.

I MITOCONDRI metabolizzano GLUCOSIO ricavandone molecole di ATP,che sono ENERGIA pronta per l’uso a cui il corpo può attingere quando ce n’è bisogno. Cosa ha a che fare questo con i “virus” in quanto tali? Tutto, come capirete fra un momento.

Chiunque abbia studiato citologia (struttura delle cellule) sa bene che la stragrande maggioranza delle forme di vita presenti all’interno della cellula è rappresentata dai MITOCONDRI, i creatori della nostra ENERGIA.

I semplici PROTOZOI monocellulari possiedono al proprio interno fino amezzo milione di mitocondri. Le cellule umane ne hanno meno: dalle poche centinaia presenti nelle cellule sanguigne ai 30.000 e più delle cellule dei tessuti muscolari maggiori. Poiché l’intero corpo umano possiede dai 75 ai 100 trilioni di cellule, ciascuna delle quali contiene, mediamente, migliaia di mitocondri, devono esserci quadrilioni o quintilioni di mitocondri all’interno del nostro sistema.

QUANDO UNA CELLULA MUORE essa viene rimpiazzata da una cellula figlia nata dal processo della MITOSI, mentre la cellula esausta viene disintegrata dai LISOSOMI, i potenti enzimi intracellulari autodistruggenti e autodigerenti, che frammentano i componenti cellulari in particelle ultra-minute affinché il CORPO possa prontamente RICICLARLE o ESPELLERLE come SCARTI.

Ogni giorno, da 300 milioni fino a oltre mezzo trilione di cellule del nostro corpo muoiono (a seconda del nostro livello di tossicità) e ognuna di esse contiene in media dai 5.000 ai 20.000 mitocondri.

QUANDO LE CELLULE MUOIONO esse vengono autodistrutte dai loro stessi LISOSOMI, ma i nuclei e i genomi dei mitocondri sono protetti assai meglio rispetto ad altri organelli e protoplasmi cellulari e spesso non si decompongono completamente.

GENOMI E NUCLEI sono microscopici contenitori di informazioni genetiche, consistenti in DNA o RNA che agisce come centro di controllo e immagazzinamento del “progetto” stesso della cellula. In quanto tali essi sono per i mitocondri e le cellule ciò che il CERVELLO è per il nostro corpo. Ogni cellula e ogni mitocondrio contengono questo materiale genetico che è la zona più protetta della cellula (grazie alla sua guaina proteica a doppi lipidi), proprio come il nostro sistema nervoso è la parte più vitale e protetta della nostra fisiologia (grazie alla colonna vertebrale e al cranio).

Alla MORTE della CELLULA i mitocondri vengono frammentati dailisosomi, ma non sempre in modo completo, a causa della loro doppia membrana protettiva.

Ed è qui che la spiegazione diventa interessante.

Secondo il GUYTON’S TEXBOOK of MEDICAL PHYSIOLOGY un viruspuò definirsi come una parte minuta di materiale genetico (detto genoma) le cui dimensioni equivalgono a circa un miliardesimo di quelle della cellulaIL GENOMA è circondato da una membrana protettiva detta CAPSIDE che è di solito una guaina proteica a doppi lipidi ed è composta da due membrane(quasi identiche alla membrana cellulare) che, per inciso, rappresentano l’ossatura stessa del nucleo mitocondriale.

Le FOTO dei “VIRUS” scattate col microscopio elettronico mostrano che le loro membrane sono irregolari e frastagliate, a volte semplici porzioni di uno strato, a volte di uno strato e di parte del secondo, il che concorda con l’azione autodigerente dei lisosomi, nel momento in cui il loro lavoro di frammentazione delle scorie cellulari è ancora parziale e incompleto. Pertanto, questa descrizione di un “VIRUS” è virtualmente identica a quella di ciò che resta dei GENOMI dei mitocondri cellulari.

In breveI VIRUS SONO RESTI DI MATERIALE VIVENTE e alcuni testi di fisiologia ipotizzano che essi siano il residuo di cellule esauste.

I LISOSOMI che disintegrano la cellula morta a volte non riescono a frammentare questi “virus”, circondati dalla membrana protettiva a doppi lipidi (capside).

E’ sorprendente che i ricercatori non riescano a riconoscere questi corpi per ciò che sono in realtà: generico materiale mitocondriale esausto, soprattuttoFRAMMENTI di DNA e RNA.

I “virus” non sono microrganismi

Anche se le autorità mediche attribuiscono erroneamente a questi inerti residui cellulari il carattere della vita e della malignità, i microbiologi riconoscono che i VIRUS sono in realtà FRAMMENTI MORTI di DNA rivestiti di una membrana lipido-proteica, pur non riuscendo a comprendere la loro origine.

In realtà i GENOMI sono meccanismi di controllo, ma NON MICRORGANISMI come l’ESTABLISHMENT medico vorrebbe farci credere, e questi cosiddetti “VIRUS” non sono altro che FRAMMENTI SENZA VITA di generico MATERIALE MITOCONDRIALE.

Per questo motivo i VIRUS NON POSSONO PROVOCARE MALATTIE,A MENO CHE NON SI ACCUMULINO come IMPURITA’ che INQUININO le CELLULE, i TESSUTI e la CIRCOLAZIONE nel corso del ricambio cellulare (Tossiemia endogena).

I VIRUS sono quindi GENOMI MORTI, provenienti da cellule disintegrate, la cui membrana cellulare non è stata completamente frammentata dai lisosomi.

I GENOMI non presentano alcuna caratteristica di vita e sono sempliciparticelle di acido nucleico, di norma riciclati attraverso la fagocitosi o espulsi come SCORIE.

Le FOTOGRAFIE dei presunti VIRUS che “si iniettano” all’interno della cellula mostrano in realtà la cellula che letteralmente inghiotte il virus o scoria proteinacea. Si forma allora un’incavatura, detta invaginario, e il materiale organico viene circondato dalla sostanza cellulare che poi si richiude, formando uno “stomaco” improvvisato, in cui il virus scompare. Lo “stomaco” si riempie allora di potenti ENZIMI LISOSOMICI che digeriscono il materiale organico, frammentandolo in amminoacidi o acidi grassi per il riciclaggio o l’eliminazione.

Questo processo è una caratteristica della fisiologia cellulare nota comeFAGOCITOSI (letteralmente “divorazione di cellule”); è un normale processo di ingestione cellulare e digestione enzimatica di batteri, scorie di tessuti e altre cellule erratiche.

I VIRUS non sono altro che MATERIALE ORGANICO INERTE, completamente privo di qualsiasi caratteristica di vita e che nessuno ha mai visto in azione.

Le FOTOGRAFIE che asseriscono di mostrare i VIRUS in AZIONE sonoVERE E PROPRIE FRODI: ciò che mostrano in realtà è un ordinario processo fisiologico di FAGOCITOSIche avviene innumerevoli volte ogni giorno all’interno del corpo.

E’ da ricordare che SECONDO I TESTI DI VIROLOGIA E MICROBIOLOGIA i virus presentano le seguenti caratteristiche, che sono incompatibili con la vita:

1) I virus non possiedono metabolismo. Non possono elaborare il cibo o il nutrimento e dunque non possiedono strumenti per formare energia. Sono solo un contenitore, o schema di informazioni, come lo sono i genomi.

2) I virus non possiedono alcun tipo di capacità di movimento. Non hanno un sistema nervoso, né un apparato sensorio, né un’intelligenza che possa in qualche modo coordinare movimenti o “invasioni del corpo” di qualsiasi natura.

3) I virus non possono replicarsi: essi dipenderebbero interamente dalla “riproduzione obbligata”, vale a dire la riproduzione attraverso un organismo ospite, cosa assolutamente inaudita in ogni altro campo della biologia.

Riproduzione Obbligata

Nelle spiegazioni che i medici forniscono sulle cause delle infezioni virali, ci viene chiesto di credere alla riproduzione obbligata, in cui un organismo (la cellula) viene costretto a riprodurre un organismo alieno (il “virus”).

Tuttavia non esiste in natura nessun esempio di esseri viventi che riproducano qualcosa di non appartenente alla propria specie.

Non dimentichiamo che il RAPPORTO tra le dimensioni del VIRUS e quelle della CELLULA è di circa UN MILIARDESIMO. La spiegazione offerta dalla teoria virale delle malattie ci domanda di credere che il virus si inietti all’interno della cellula e le ordini di riprodurre il virus centinaia di migliaia di volte, finché la cellula esplode. Ma anche nel momento in cui il VIRUS “si riproduce” la sua MASSA COMPLESSIVA rimane comunque meno di 1/100 dell’1% della massa della cellula. E’ come dire che se voi vi iniettaste mezzo grammo di una sostanza, essa potrebbe provocare una tale pressione interna da farvi esplodere!

Solo i microrganismi viventi sono in grado di agire e di riprodursi, e ciò avviene sotto il diretto controllo del nucleo, GENOMA o “CERVELLO”. I cosiddetti “VIRUS” non sono che RESIDUI DI ENTITA’ UN TEMPO ORGANICAMENTE FUNZIONANTI, la cui struttura genetica ha con esse la stessa relazione che una testa ha col corpo; attribuire ai VIRUS una qualsiasi attività è più o meno come attribuire delle azioni alla TESTA DECAPITATA DI UN CADAVERE!

I virus sono dannosi solo se si accumulano come scorie

(Tossiemia endogena)

Il nostro sangue e i nostri tessuti possono venire saturati da questi materiali di scarto generati internamente (tossiemia endogena), proprio come avviene con le sostanze inquinanti ingerite dall’esterno (tossiemia esogena). L’intossicazione si verifica nel momento in cui queste scorie sovraccaricano il corpo al di là delle sue capacità di espellerle (oppure oltre il limite di tolleranza).

E’ vero che i VIRUS provocano malattie, ma solo in quanto SCORIE TOSSICHE. In questo senso i “virus” sono sì responsabili di varie patologie,MA NON CERTO IN QUANTO AGENTI DI CONTAGIO.

Ricordiamo che batteri, germi e virus non comunicano tra loro né possono agire di concerto e sono del tutto incapaci di condurre operazioni congiunte come quelle di un esercito o di un gruppo di assalitori.

Essi sono PRIVI DI INTELLIGENZA e delle risorse richieste per governare il processo patologico.

SOLO IL CORPO è in grado di dare inizio a un tale PROCESSO RISANANTE (crisi di disintossicazione o malattia), poiché ILCORPO è LA SOLA ENTITA’ INTELLIGENTE unificata IN GRADO di CONDURREquei PROCESSI FISIOLOGICI che vengono chiamati “MALATTIE”.

Evitare le infezioni attraverso una vita sana

Il BOYD’S MEDICAL TEXBOOK afferma che molte persone sane avrebbero in incubazione il virus senza sviluppare le particolari patologie di cui il virus dovrebbe essere causa, e che questo influsso debilitante sarebbe in grado di sopraffare le funzioni protettive del corpo “permettendo ai virus di usurpare le attività biologiche all’interno della cellula”. Più specificamente, SECONDO LA TEORIA MEDICA, affinché un PARASSITA o VIRUS possa esserePATOGENO esso deve rispondere a TRE CRITERI:

1) Deve essere biochimicamente attivo, cioè deve possedere una capacità metabolica per poter condurre un’azione;

2) Dovrebbe poter intossicare o infettare più cellule ospite di quanto il corpo di un animale o di un uomo sia in grado di proteggere o rigenerare. Ad esempio, potrete prendervi l’influenza solo se il virus uccide o infetta una porzione significativa delle vostre cellule polmonari; la poliomielite se il virus infetta un numero sufficiente delle vostre cellule nervose; o l’epatite se il virus assume il controllo di una larga porzione delle cellule del vostro fegato (le infezioni latenti sono invece quelle che coinvolgono una piccola percentuale delle nostre cellule, com’è il caso della tubercolosi, che molti di noi hanno senza neppure accorgersi di averla).

3) L’ospite deve essere geneticamente e immunologicamente permissivo. Deve accettare l’elemento patogeno e non deve esserne “immune”. In altre parole, deve “lasciar fare”.

Gli esseri umani sono sempre “infetti” da “virus” e batteri, poiché essi sono presenti nel nostro corpo in qualsiasi momento. Per questo motivo non si può affermare che essi “invadano” l’ospite.

LE MALATTIE NON SONO INFEZIONI; SONO piuttosto PROCESSI DI PURIFICAZIONE DEL CORPO e NON SONO PROVOCATE DA BATTERI o da “VIRUS”.

Né i “VIRUS” né i BATTERI possono CAUSARE la MALATTIA/PROCESSO RISANANTE.

IL VERO RESPONSABILE è lo STILE DI VITA BIOLOGICAMENTE SCORRETTO dell’AMMALATO.

Quando le abitudini debilitanti vengono abbandonate, non vi sarà ulterioreACCUMULO DI SCORIE TOSSICHE e il corpo non avrà più bisogno di mettere in moto i processi di guarigione/malattia. La buona salute ne sarà il naturale risultato.

—————————————————————————————

Arnold Ehret

“Il sistema di guarigione della dieta senza muco”

p. 27

La malattia è lo sforzo del corpo per eliminare rifiuti, muco, tossine”.

—————————————————————————————

Dr. H. M. Shelton

L’ INFEZIONE

Le bon guide de l’hygiénisme n° 57 p. 29-30 – n° 54 p. 19

Nel suo libro Infection and Resistance, il Dr. Hans Zinsser (New York City 17 novembre 1878 – New York City 4 settembre 1940), ad Harvard una delle più note autorità nel campo della batteriologia e della sierologia, dice: “Una vera infezione, vale a dire L’ INVASIONE di una specie da parte di individui di un’ altra specie e la capacità di quest’ultima di moltiplicarsi e di funzionare nei complessi cellulari della cellula precedente (invasa), tale infezione è un processo che NON CORRISPONDE AI PIANI ORDINARI DELLA NATURA.

In effetti, Johann Christian Reil (20 February 1759, Rhauderfehn – 22 November 1813) medico tedesco di primo piano, anatomista, fisiologo e docente presso le Università di Halle e Berlino) haindicato che una MASSA DI UOVA DI RANE non può essere invasa finché sono VIVENTI, sebbene le acque nei dintorni brulichino di batteri di ogni tipo. Ma APPENA una tale massa SMETTE DI VIVERE, diventa immediatamente la preda dell’infezione batterica.

La stessa situazione è illustrata dalla rapidità con la quale I BATTERI INVADONO IL CORPO DOPO LA MORTE.

Il fatto che i batteri non possano penetrare nei tessuti sani dimostra che essi non possono essere la causa scatenante delle malattie.

————————————————————————————————

Dr. H. M. Shelton

I MICROBI

Le bon guide de l’hygienisme n°54 p. 19

Nel mio libro LIFE, ITS PHILOSOPHY AND LAWS, pubblicato nel 1928, mi immagino una gazzella perfettamente sana nella foresta, mai malata un giorno nella sua vita e piena di vigore e di energia. Poi le si spara una pallottola e la gazzella cade morta. Importa poco dove cade, nel giro di alcune ore solamente, essa diventa una massa di carne in putrefazione il cui odore è insopportabile. I suoi tessuti contengono milioni di batteri che erano incapaci di “attaccare” (decomporre), gli stessi tessuti finché erano in vita. Da dove sono venuti? Dagli intestini? Allora come sono arrivati nei punti lontani del corpo? Attraverso l’ aria? Allora come sono penetrati attraverso la pelle dell’animale ed in tutte le parti del suo corpo? Non ho visto risposte a queste domande nei manuali moderni di batteriologia. Gli autori del libro The medical Mischief cercano di rispondere dicendo: I batteri si sono manifestati in tutti i tessuti, perché il nucleo di ogni cellula, che effettua le sue funzioni per decomporre le sue proprie formazioni cellulari era diventato un batterio. I lavori di Antoine Bèchamp l’ hanno dimostrato. I lavori di Bèchamp hanno attirato l’attenzione, ed il Dr. Andrew Gour, nel suo piccolo libro sul cancro cita i lavori dei ricercatori attuali per confermare le teorie diBèchamp.

————————————————————————————————

Antoine Bèchamp

All’interno delle cellule ci sono i MICROZIMI, le più piccole particelle di materia vivente che alla morte della cellula SI TRASFORMANO IN BATTERI per decomporre la cellula e dare modo al corpo di eliminarla. I MICROZIMI (endobionte, somatide), ALLA NOSTRA MORTE si trasformano in batteri, e decompongono il nostro corpo, nei suoi componenti o elementi di base: ossigeno, idrogeno e carbonio, perché possa essere eliminato dalla superficie terrestre.

————————————————————————————————

Dr.Arthur M. Baker

I farmaci sono controproducenti

Per uccidere virus e batteri e dare al corpo la possibilità di rimettersi, i medici credono di dover somministrare dei farmaci. Credono anche che la medicina sia d’aiuto nella guarigione. I farmaci, in effetti, uccidono i batteri, ma sono altrettanto dannosi ad ogni altra forma di vita metabolica, cellule umane incluse. L’utilizzo di farmaci e di medicine alle erbe ostacola gli sforzi di disintossicazione che il corpo conduce, rappresentando per il sistema unaminaccia addizionale oltre alle sostanze nocive che il corpo va espellendo attraverso il processo di malattia. Eliminare le nuove sostanze dannose che vengono ingerite (i farmaci) assume la precedenza sull’eliminazione di quelle che stanno alla base della crisi risanante. La prassi medica di uccidere i germi con farmaci, antibiotici, antinfiammatori o di sopprimerne l’attività con appositi sieri è la causa della crescente degenerazione della popolazione e di malattie iatrogene. Le MALATTIE ACUTE sono in grado di auto-limitarsi,commisuratamene allo sforzo necessario all’organismo per liberarsi dalle sostanze dannose. QUANDO IL PROCESSO DI DISINTOSSICAZIONE E’ STATO COMPLETATO, i sintomi della malattia scompaiono e l’organismo torna ad utilizzare le proprie energie per i compiti ordinari. La FORZA, allora, torna a fluire nelle estremità. Il CORPO, benché indebolito dallo SFORZO reso necessario per contrastare le sue condizioni di tossicità, riacquista le proprie energie e la vitalità funzionale, e si riprende senza che sia necessario alcun trattamento. Quando la crisi risanante (malattia) è stata completata, il recupero ha inizio.

L’illusione del contagio

La gente è stata educata ad essere terrorizzata dai batteri e dai virus e a credere implicitamente nell’idea del contagio: e cioè che specifiche entità patogene, aggressive e maligne, siano in grado di passare da un ospite all’altro.“CONTAGIO“, NELLA DEFINIZIONE MEDICA, è la trasmissione della malattia per contatto: una malattia infettiva può essere comunicata per contatto da una persona che ne è affetta o attraverso un oggetto che essa ha toccato. Il dizionario a questo proposito parla di “virus o altri agenti infettivi” o di “qualcosa che funga da tramite per la trasmissione della malattia con mezzi diretti o indiretti”.

Il “CONTAGIO”, tuttavia, E’ UNO DEI MITI DELLA MEDICINA, poichéLE SCORIE TOSSICHE NON POSSONO ESSERE TRASMESSE DA UN CORPO ALL’ALTRO ATTRAVERSO IL NORMALE CONTATTO

LE MALATTIE CONTAGIOSE SONO UN’INVENZIONE, poichéNESSUNO PUO’ PASSARE AD ALTRI LA PROPRIA MALATTIA, NON PIU’ DI QUANTO POSSA TRASMETTERE LA PROPRIA SALUTE.

————————————————————————————————

Dr. H. M. Shelton

Le COSIDDETTE MALATTIE INFETTIVE sono in realtà degli sforzi del corpo per rigettare determinati tipi di tossine, veleni, ecc., per ripulirsi. Le MALATTIE DI CARATTERE ERUTTIVO rappresentano il potere di eliminazione del nostro corpo attraverso la pelle.

————————————————————————————————

Dr. Arthur M. Baker

Ciò che accade in realtà

UN INDIVIDUO IN SALUTE, con un flusso sanguigno incontaminato e relativamente puro, non avrà quindi alcun motivo di temere le “malattie contagiose”. Di normaNON E’ POSSIBILE TRASMETTERE AD ALTRI IL PROPRIO CARICO DI TOSSICITA’, a meno che esso non venga estratto dal nostro corpo (come accade nelle DONAZIONI di SANGUE) e poi iniettato ad un’altra persona (ad esempio con una TRASFUSIONE). In questo caso può verificarsi un “CONTAGIO” MEDICAMENTE INDOTTO (intossicazione, avvelenamento) o MALATTIA IATROGENICA, che non ha però nulla a che fare con quelli che si verificano nell’ambito dei naturali processi biologici della vita. E’ questa la REALE SPIEGAZIONE di ciò che chiamiamo “CONTAGIO”.

Le vere cause e i fattori del contagio

In realtàIL COSIDDETTO “CONTAGIO” NON ESISTE, poiché gli unici agenti in grado di “produrre” le malattie sono le abitudini nocive come l’abuso di alcool, caffè, sigarette, farmaci, cibi-spazzatura, cibi raffinati, scarsità di riposo, mancanza di esercizio e di luce solare, ecc. Sono le abitudini di vita sbagliate che generano le malattie che vediamo diffuse tra la popolazione. NON C’ E’ NESSUN “INSETTO CHE GIRA”: è ciò che facciamo al nostro corpo che distrugge le sue necessità sistemiche.

—————————————————————————————

T. C. Fry

COME POSSONO CREDERE NEL CONTAGIO QUELLI CHE SANNO CHE LE MALATTIE SONO PROCESSI DI DISINTOSSICAZIONE?

Se il corpo è padrone nel suo ambito come lo è, e se controlla sempre tutto dalla nascita alla morte, allora dobbiamo guardare TUTTI I PROCESSI E FENOMENI DEL CORPO, come AZIONI CORPOREE, (decise dall’intelligenza somatica). La dimostrazione, che il corpo si disintossica in tutti i processi di malattia, è ampiamente attestata, quando tutti i casi di malattia sono posti in condizione di digiuno, con un riposo completo, rapidamente essi diventano sani. QUANDO IL CORPO FA SCATTARE E CONDUCE UN PROCESSO DI DISINTOSSICAZIONE, batteri, germi e virus non sono i padroni della situazione, nè gli agenti causativi. LE TOSSINE DA ESPELLERE, sono il terreno per batteri e funghi. I batteri e i funghi, proliferano solo DOPO che il loro cibo è per loro assimilabile, non prima. (In molti casi di POLMONITE, gli pneumococchi appaiono sulla scena da 36 a 72 ore DOPO l’insorgenza della malattia). Il corpo, è sempre il PERNO nei processi di malattia e li termina quando gli obbiettivi sono compiuti. Se i microbi fossero i padroni del gioco, ovviamente non arresterebbero i loro processi distruttivi, (o di disintossicazione).

————————————————————————————————

Dr. H. M. Shelton

Le bon guide de l’hygienisme n° 57 p. 20

IL MICROBO APPARE SOLO DOPO L’ INSORGENZA DELLA MALATTIA.

Il Dr. Hadwen stesso aveva dichiarato: “Nessuno ha mai trovato il BACILLOdella TUBERCOLOSI durante i primi stadi della malattia. Certe autorità affermano, che il microbo si manifesta solamente DOPO 2 ANNI dall’inizio di questa malattia, e che IN CERTI CASI, NON LO SI TROVA NEANCHE DOPO LA MORTE. 

E’ EVIDENTE che LA TUBERCOLOSI NON E’ DOVUTA AI MICROBI. 

Nella rivista Physical Culture, il Dr. Fraser di Toronto Canada, descrive una serie di ESPERIMENTI effettuati tra il 1911 e 1918 per determinare se i microbi causassero la malattia. Si sono passati i PRIMI 3 ANNI (1911-1914) a cercare di sapere se il microbo appaia prima o dopo l’ inizio della malattia. Il VERDETTO FU: IL MICROBO appare DOPO LA MALATTIA.

Troviamo RARAMENTE i MICROBI nella TUBERCOLOSI GALOPPANTE, patologia LETALE.

D’ altra parte, i casi di TUBERCOLOSI, in cui si sono trovate GRANDI QUANTITA’ di BACILLI, sono di solito TUBERCOLOSI DEL TIPO CRONICO CHE SI CONCLUDONO CON IL RISTABILIMENTO (senza farmaci).

ASSISTENZA IGIENICA AI BAMBINI”

Dr. H. M. Shelton

p. 242

LA TUBERCOLOSI si sviluppa sempre in un “ORGANISMO SNERVATO, TOSSIEMICO ed INFETTO da PUTRESCENZA”, OLTRECHE’ MALNUTRITO.

————————————————————————————————

T. C. Fry

NESSUNA MALATTIA PUO’ ESSERE TRASMESSA ATTRAVERSO LE NORMALI AZIONI SVOLTE QUOTIDIANAMENTE, ciò che è“CONTAGIOSO” sono le ABITUDINI TOSSICHEa cui gli esseri umani si sottopongono o vengono sottoposti. E’ stato calcolato che tra sigarette, alcol, condimenti, cibi cotti, e bevande analcoliche, droghe, ecc. L’ INDIVIDUO MEDIO è abituato a circa 40 ATTI TOSSICI, che lo avvelenano giornalmente.C’ è da meravigliarci, dunque, che con un DENOMINATORE COMUNE,come quello sopracitato, molti individui manifestino lo stesso tipo di crisi disintossicanti e purificatrici?

————————————————————————————————

Dr.ssa Vivian Virginia Vetrano

Perché non ammettere che uno STILE DI VITA IDENTICO ed un’ALIMENTAZIONE SIMILE possano esserne la CAUSA? DelleINFLUENZE CLIMATICHE possono essere anche un FATTORE SCATENANTE.

————————————————————————————————

Dr. H. M. Shelton

IL CORPO ELIMINA, UNA FORMA DI AVVELENAMENTO IN UN MODO, ed UN’ ALTRA FORMA DI AVVELENAMENTO IN UN ALTRO MODO. L’ AVVELENAMENTO AZOTATO da adito a malattie che differiscono da quelle che produce l’AVVELENAMENTO da IDRATI DI CARBONIO. Perché le persone tendono ad avere delle MALATTIE INTESTINALI in ESTATE e RESPIRATORIE in INVERNO?

————————————————————————————————

T. C. FRY

“Bisogna comprendere, che TUTTI GLI ESSERI UMANI REAGISCONO allo STESSO MODO UNIFORME, allo STESSO TIPO DI VELENO e non allo stesso tipo di batterio, germe, virus”.

“E’ così che un EMETICO, sarà eliminato con dei vomiti, da tutte le persone che lo ingeriranno, così come un LASSATIVO sarà eliminato dall’intestino e unDIURETICO sarà eliminato dall’apparato urinario, da tutte le persone che li ingeriranno”. Infine, il régime alimentare e le altre pratiche, che causano l’ influenza e le altre affezioni in una persona, causeranno gli stessi problemi, in tutte le persone che vivono e che mangiano nello stesso modo. CONOSCENZE ELEMENTARI E LOGICA.”

ORGANISMI SIMILI reagiscono con MALATTIE SIMILI quando sono soggetti ad INFLUENZE, CONDIZIONI, o VELENI SIMILI, non significa che sono contagiosi.”

“Normalmente questo significa, che quelli che sono COLPITI IN MODO ANALOGO, hanno praticato le STESSE ABITUDINI MALSANE.”

Tutti gli ESSERI UMANI REAGISCONO in MODO IDENTICO quando le CIRCOSTANZE sono IDENTICHE.”

————————————————————————————————

Stefano Torcellan

IL PRIMO COLPITO di un’EPIDEMIA, è la PROVA MATEMATICA che le malattie non sono trasmesse da una persona all’altra, che non sono causate da alcun microbo, battere, germe, virus, e quindi, che non sono contagiose.

Se IL PRIMO COLPITO di un’epidemia non ha “preso” la malattia dal colpito numero zero (visto che il colpito numero zero non esiste), è perfettamente logico e matematicamente certo che neanche il secondo colpito ha “preso” la malattia dal primo colpito, ecc

Sapendo che IL PRIMO COLPITO di un’epidemia non ha certamente “preso” la malattia dal colpito numero zero, come si fa a pensare e/o credere che il secondo colpito possa aver “preso” la malattia dal primo colpito?

“La matematica non è un’opinione”.

———————————————————————————————–

Albert Szent-György

LA SCOPERTA consiste nel vedere ciò che tutti hanno visto e nel pensare ciò che nessuno ha pensato.

————————————————————————————————

Dr. Arthur M. Baker

La “predisposizione” rivisitata

Il concetto di “contagio” è strettamente correlato a quello egualmente erroneo di “predisposizione”: si crede infatti che un’”epidemia” risulti “contagiosa” solo se l’individuo vi è “predisposto”. Questa affermazione medica è in realtà un’ammissione che non sono i germi a provocare le malattie. Se così fosse, chiunque venisse esposto ad essi si ammalerebbe della stessa malattia. In realtàUNA PERSONA “PREDISPOSTA” è una persona che possiede un alto livello di tossicità dell’organismo, insieme alla vitalità sufficiente a condurre il processo di malattia/purificazione. Tali individui possono ammalarsi in qualsiasi momento, che vengano o no esposti al “contagio”. Se individui sani riescono a conservare la loro salute anche nel bel mezzo di “malattie epidemiche”, risulta evidente che la teoria del contagio è sbagliataLa parte dell’organismo più sovraccarica di tossine è quella in cui si manifestano per primi i sintomi della malattia, ma l’effetto complessivo è sistemico, poiché tutti gli organi e le ghiandole del sistema subiscono danni a differenti livelli.

————————————————————————————————

Margaret Flinn

SUSCETTIBILITA’

Le bon guide de l’hygienisme n° 37 p. 24

SE IL CONTAGIO ESISTESSE, come tutti credono, I MEDICI, LE INFERMIERE e TUTTO IL PERSONALE DEGLI OSPEDALI CADREBBERO COME LE MOSCHE a causa delle numerose malattie con cui sono in contatto ogni giorno. Essi sono altrettanto vulnerabili di qualunque altra persona, e sono esposti anche più spesso ad una maggior varietà di malattie della popolazione. Quindi, LE STATISTICHE dovrebbero mostrare che essi hanno più probabilità del comune mortale di buscarsi qualcosa. Come mai un medico, che tratta la tubercolosi l’ influenza, l’ epatite, la lebbra, e le altre cosiddette malattie contagiose, può sopravvivere più di una settimana senza “acchiappare” qualche cosa? SE I MICROBI di queste malattie saltassero da una persona ad un’ altra, i medici sarebbero i primi ad esserne toccati. Questi microbi, penetrerebbero nel sistema dei medici prima che questi avessero avuto il tempo di lavarsi le mani. Allora la medicina, ha inventato la scappatoia dellaSUSCETTIBILITA’ per uscire da questo vicolo cieco. Nel gergo medico, “vi ammalate solamente se siete “SUSCETTIBILI.”

————————————————————————————————

T. C. Fry

SUSCETTIBILITA’

Le bon guide de l’hygienisme n° 30 p. 33

QUANDO SI SA, che le PERSONE SANE non sono MAI “INFETTATE”perché NON SONO SUSCETTIBILI, e che al contrario, le PERSONE MALANDATE prendono sempre qualche microbo, perché sono, si dice,“SUSCETTIBILI”, tutto ciò dimostra, che LA TEORIA DEI MICROBI è UNA GROSSA MENZOGNA. Le cause della malattia, sono relegate così al criterio della “SUSCETTIBILITA’ o della NON SUSCETTIBILITA’. UNA PICCOLA RIFLESSIONE LOGICA, smonta tutta questa ARTIFICIOSITA’ MEDICALE e rende ASSURDA la FILOSOFIA SCIAMANICA che abbiamo ereditato dal MEDIO EVO.

————————————————————————————————

Dr. Arthur M. Baker

Quali sono le vere “epidemie”?

Inoltre, le malattie più comunemente diffuse non sono neppure contagiose.Oltre il 90% degli americani soffre di placche arteriose, ma questa non è considerata una malattia contagiosa (mentre l’AIDS, che viene considerato epidemico, interessa solo 1/10.000 della popolazione!!!). L’obesità è forse considerata contagiosa? Eppure affligge una persona su tre. E la costipazione? Affligge il 90% della nostra popolazione. E i problemi alla vista, che affliggono due persone su tre, sono forse considerati contagiosi? Lo stesso si può dire delle patologie dentarie, della pressione sanguigna anomala, delle emicranie, dei problemi alla schiena, ecc., tutte patologie estremamente diffuse. Più di metà degli americani soffre di problemi cardiovascolari, ma sono forse considerati contagiosi? La malattia più temuta in assoluto è il cancro. E’ forse contagiosa? L’artrite colpisce più persone che non l’herpes. E’ forse contagiosa? E che dire dell’asma o dell’acne? Prendiamo come esempio i RAFFREDDORI. Come mai i bambini prendono fino a otto raffreddori all’anno, mentre i genitori molti di meno? Come mai le persone che si trovano isolate negli osservatori al Polo Nord o Sud “si prendono” lo stesso il raffreddore durante la loro permanenza? Come mai negli anni 1965-67 i laboratori del National Institute of Health di Bethesda, nel Maryland, condussero sperimentazioni sulle INFLUENZE che non mostrarono alcuna prova che esse fossero dovute a contagio? Ad alcuni volontari vennero iniettati ogni giorno i presunti “virus” dell’influenza, prelevati a coloro che ne soffrivano, ma nessuno di essi si ammalò. Ci furono più casi di influenza nel gruppo di controllo. Contemporaneamente, subito dopo la tradizionale Festa del Ringraziamento, il numero di ammalati in entrambi i gruppi ebbe un picco improvviso, come è lecito aspettarsi quando vengono consumati cibi e bevande eccessive durante una festività. Anche le MALATTIE VENEREE sono considerate contagiose. Ma in realtà i cosiddetti fattori di contagio (batteri) sono presenti in quanto effetto della malattia (Teoria di Antoine Bèchamp), senza esserne né la causa né il presupposto (il 20% di coloro che soffrono di malattie veneree non rivelano presenza né del gonococco né degli spirocheti che dovrebbero provocarla). La Marina degli Stati Uniticondusse esperimenti in cui si evidenziava che le cosiddette “persone infette” non potevano infettare chi era definito “in salute”.

————————————————————————————————

Albert Mossèri

“Le bon guide de l’hygienisme” n° 57 p. 21

ESPERIMENTI NEI CAMPI DELLA DETENZIONE NAVALE

Durante l’ EPIDEMIA D’ INFLUENZA del 1918-1919, su 68 volontari dell’US Naval Detention Training Camp sur Deer Island. Si inoculò a diversi gruppi di volontari il BACILLO DI PFEIFFER, perveniente da culture pure, con le secrezioni dei passaggi respiratori e con il sangue preso da un caso tipico di influenza. Si era spennellata e vaporizzata la gola e il naso di 30 uomini. SI RIASSUNSE IL RISULTATO DI QUESTI ESPERIMENTI IN QUESTI TERMINI: “in nessun caso, si è potuto produrre un attacco di influenza, in nessuno dei soggetti. Dieci altri uomini, erano stati posti al capezzale, di altri 10 nuovi casi di influenza, e sono rimasti 45 minuti con essi. OGNI UOMO SANO, aveva difronte a lui, 10 uomini ammalati che tossivano sulla sua faccia.RISULTATO? NESSUNO DEI VOLONTARI aveva sviluppato i sintomi dell’influenza dopo l’ esperimento”. ESPERIMENTI SIMILI A San Francisco e a Filadelfia, al Camp Pike ed in altri luoghi, hanno dimostrato che I MICROBI non possono causare la malattia che sono supposti causare”.

—————————————————————————————

Dr. Arthur M. Baker

In GiapponePROSTITUTE “infettate” hanno avuto relazioni sessuali con molti militari senza che nessuno di essi contraesse la malattia. Allo stesso modo molti individui presentano “infezioni” nella zona genitale senza mai aver avuto contatti con nessuno (ad esempio nei casi che riguardano i bambini). Il concetto di “contagio” è medicamente indimostrato, nonostante le apparenze del contrario.

————————————————————————————————

Arnold Ehret

Il sistema di guarigione della dieta senza muco”

p. 40

MALATTIE SESSUALI……Solo l’ uso dei FARMACI per curarle produce i sintomi della SIFILIDE.

p. 145

GONORREA………Essa può esistere in assenza di rapporti sessuali, quindiNON SI PUO’ DARE LA COLPA AI GERMI.”

p. 145-146

I cosiddetti sintomi caratteristici di qualunque genere di MALATTIA SIFILITICA sono causati da uno o dai diversi tipi di farmaci usati. La ROSEOLA, un ECZEMA SIFILITICO, caratterizzato dalla tonalità grigia che ha il prosciutto, l’ alone grigio del bianco dell’occhio, è causata daNITRATI o da INIEZIONI DI OSSIDO D’ ARGENTO. Questa è la causa quando la GONORREA ENTRA NELLE OSSA. Tutti e TRE sono chiamatiSINTOMI SIFILITICI. Il MERCURIO è responsabile della SIFILIDE SECONDARIA e TERZIARIA, e delle PUSTOLE. La cosiddettaSIFILIDE, non esiste nel mondo animale.

—————————————————————————————

Dr. H. M. Shelton

“Assistenza Igienica ai bambini”

p. 110

IO DUBITO che LA SIFILIDE ESISTA e SFIDO il mondo della medicina, a offrire delle prove reali, che tale malattia sia mai esistita.

p. 193

Il test di WASSERMANN, è del tutto INAFFIDABILE ed INFONDATO,così come LA SIFILIDE è solo un TERRIBILE INCUBO.

p. 349

Abbiamo inoltre imparato, che la cosiddetta SIFILIDE EREDITARIA, è dovuta a VELENI PRESENTI NELLA MADRE (MERCURIO, ARSENICO), e TRASMESSI AL FIGLIO.

————————————————————————————————

Dr. Shelton’s Hygienic Review n°11 vol. 30:

Le bon guide de l’hygienisme n° 37, p. 27

Il meglio che si possa dire in favore degli ANTIBIOTICI è che sembranoMENO TOSSICI di certi MEDICINALI CHE LI HANNO PRECEDUTI.Per esempio il loro uso nella POLMONITE avrebbe portato allaDIMINUZIONE DELLA MORTALITA’ per questa malattia, NON PERCHE’ la PENICILLINAGUARISCE PIU’ PAZIENTI, MA PERCHE’ NE UCCIDE DI MENO. Ciò vuole dire che la PENICILLINA contro laPOLMONITE non è tanto mortale quanto i trattamenti precedenti.

Una situazione similare si trova in maniera PIU’ SPETTACOLARE nellaMALATTIA IMMAGINARIA chiamata SIFILIDE.

Il cosiddetto PRIMO STADIO della“SIFILIDE”è una lesione limitata che, nei casi ordinari, si ristabilisce in alcuni giorni, ed è poi rapidamente dimenticata.

Il cosiddetto SECONDO STADIO è soprattutto IMMAGINARIO e appare solamente in alcuni casi.

I cosiddetti TERZI STADI sono tutti il risultato diretto dell’AVVELENAMENTO CRONICO DA MERCURIO, ARSENICO, IODIO e BISMUTO.

Quando la PENICILLINA ha sostituito questi veleni nel trattamento della“SIFILIDE”, la malattia ha perso il suo carattere terribile. Questa esperienza obbligherà presto o tardi la medicina a riconoscere il fatto che la“SIFILIDE”era UNA CREAZIONE MEDICA e che la sua patologia è stataFABBRICATA DAI MEDICINALI. Una, due o parecchie INIEZIONI diPENICILLINA, sono semplicemente MENO DISTRUTTRICI PER I TESSUTI E GLI ORGANI DEL CORPO che non il MERCURIO, l’ ARSENICO, o gli IODURI somministrati parecchie volte durante parecchi anni.

————————————————————————————————

Dr. H. M. Shelton

Le bon guide de l’hygiénisme n° 57 p. 15

E’ stato perfino impossibile “INFETTARE” degli ANIMALI con lo“Spirochaete Pallidium, ritenuto causa della “SIFILIDE.”

—————————————————————————————

Dr. Arthur M. Baker

Conclusione

Le cosiddette “malattie contagiose” come l’AIDS, le malattie veneree, il piede dell’atleta, non sono più contagiose di qualsiasi altra malattia. Ma ad alcuni interessi commerciali è utile che la gente creda che lo siano. Fondamentalmente, l’accettazione della teoria del contagio presuppone l’accettazione della teoria dei germi come causa delle malattie: e cioè che specifici batteri o “virus” possano produrre i sintomi di malattie specifiche.Questa teoria è stata più volte dimostrata erronea in campo scientifico, eperfino Pasteur ammise la sua insostenibilità.

……………………………………………………………………………………………………..

Dr. H. M. Shelton

Le bon guide de l’hygienisme n° 57 p. 30

Quando il Dr. Louis Pasteur aveva scritto “STUDI SULLA BIRRA”, pagina 40: “In uno STATO di SALUTE il CORPO degli animali è CHIUSOall’introduzione dei GERMI ESTERNI“, aveva espresso un fatto che è il contrario di ciò che questa teoria in causa esige.

Difatti se i microbi entrano nel corpo solo se non è sano, vale a dire malato, allora come si sviluppano le malattie?

E’ stato proprio Pasteur, a provare, che sono I VELENI LA CAUSA DELLE MALATTIE E NON I MICROBI.

Pasteur, ha utilizzato preparazioni ottenute da tessuti di animali malati iniettandole poi in animali sani rendendoli a loro volta malati.

Questo HA DATO L’ APPARENZA CHE I GERMI CAUSINO LA MALATTIA,quando in realtà queste PREPARAZIONI eranoESTREMAMENTE VELENOSE.

Questa non è una procedura scientifica, ma DIMOSTRA semplicemente il fatto CHE SI PUO’ FAR AMMALARE QUALCUNO AVVELENANDO IL SUO SANGUE.

Basandosi sulla sua teoria dei microzimi, Antoine Béchamp diede enfatici avvertimenti contro l’invasione diretta ed artificiale del sangue.

LA TEORIA di Pasteur, fa comodo a molti, soprattutto e non da ultimo all’industria dei vaccini, ma EGLI STESSO NE RIPUDIO’ L’ ESSENZIALE sul LETTO di MORTE“Aveva ragione Claude (alludeva aClaude Bernard), il terreno è tutto, il microbo è niente”.

Claude Bernard (1813-1878), era fisiologo, professore al Collegio di Francia.

———————————————————————————————–

Dr. Arthur M. Baker

NONOSTANTE CIO’, la teoria dei germi e la teoria del contagio continuano ad essere propagandate dal moderno sistema medico, il cui prestigio, i cui profitti e il cui potere dipendono largamente dalla fiducia in questa assurda teoria. In sostanza, la popolazione crede a ciò che l’ESTABLISHMENT MEDICOvuole che creda. La teoria del contagio serve a tenere alta la domanda di farmaci e di cure mediche e ospedaliere. Se conducete una VITA SANA, probabilmente non vi ammalerete mai. Le malattie sono provocate solo da abitudini di vita improprie. Non dimenticate che solo le industrie mediche, ospedaliere e farmacologiche sostengono che la salute si possa recuperare somministrando farmaci velenosi. Questo è probabilmente uno dei più spaventosi semi delle malattie “contagiose”. Una vita sana è, in ogni caso, la migliore assicurazione contro qualsiasi malattia.

————————————————————————————————

Dr. H. M. Shelton

LA GUERRA BATTERICA è uno spaventapasseri che ha mantenuto il pubblico in stato di inquietudine per decadi. Non è mai stata utilizzata perché non ha nessuna importanza militare. Si era riportato che il Giappone l’avesse provata in Cina durante l’ultima guerra, e che non aveva causato nessun danno. E’ una farsa. Dei pazzi e non degli scienziati sognano le guerre batteriologiche. Gli scienziati inventano dei veri arnesi di distruzione. Sono dei diavoli incarnati.

 

FONTE

http://igienenaturaleortopatia.altervista.org/

 

AUTORE

Stefano Torcellan

 

Standard
Medicina, Salute, Scienza, Tecnologia

DNA E SEGNALI ELETTROMAGNETICI A BASSA FREQUENZA

quantum-sensing-outlook

Di seguito verranno prese in esame le teorie proposte dai fisici che
collaborano con Luc Montagnier e si occupano di teoria quantistica dei
campi (QFT).

Fisica classica e fisica quantistica

La differenza generale e profonda tra la fisica classica e quella
quantistica è che nella prima la materia viene considerata per così dire
“intrinsecamente passiva”, cioè la materia scambia energia tramite
l’applicazione di forze; nella meccanica quantistica, invece, la materia
viene considerata “intrinsecamente fluttuante”.
L’inconsistenza e l’impossibilità della meccanica classica di
rappresentare la realtà della luce e dell’elettrone, viene invece spiegata
con la meccanica quantistica. Nella meccanica classica la materia ha
quindi l’horror vacui, cioè la natura aborre il vuoto, mentre nella
meccanica quantistica la natura ha un opposto horror quietis.
3.1.2 Fisica quantistica e Teoria quantistica dei campi
La meccanica quantistica descrive il comportamento della radiazione,
della materia e delle loro interazioni, su scala atomica e subatomica.
Per farlo, si basa sul fatto che alcune quantità di certi sistemi fisici,
come l’energia o il momento angolare, possono variare soltanto di
valori discreti, sono cioè quantizzate (quanti). Nella meccanica classica
la luce è considerata un’onda e l’elettrone è una particella, nella
meccanica quantistica viene conferito carattere ondulatorio alla materia
e carattere corpuscolare alla radiazione attraverso il dualismo ondaparticella.
Il cardine della fisica quantistica è il principio di
indeterminazione di Heisenberg: esistono coppie di grandezze che non
possono venire misurate contemporaneamente con la stessa necessaria
precisione; anzi, la precisione di misura dell’una è inversamente
proporzionale alla precisione di misura dell’altra. Applicato all’atomo
questo principio esprime l’impossibilità di misurare congiuntamente e
con la stessa precisione posizione e velocità istantanea dell’elettrone.
Ogni fotone ha una lunghezza d’onda caratteristica e un’energia E = h·ν,
dove ν è la frequenza dell’onda, h la costante di Planck. La relazione
che sussiste tra la lunghezza d’onda λ e la frequenza è c = λ·ν , dove c è
la velocità della luce. L’energia associata al fotone è direttamente
proporzionale alla sua frequenza. Le radiazioni ad alta frequenza, come
i raggi X e i raggi gamma, hanno caratteristiche ionizzanti, perché sono
ad alto contenuto energetico. La fisica quantistica introduce il concetto
di probabilità di un evento abbandonando il determinismo assoluto
della meccanica classica. L’elettrone, quindi, può essere descritto con
una funzione d’onda Ψ il cui quadrato │Ψ│2 è legato alla densità di
probabilità di trovare l’elettrone in una qualsiasi zona di spazio attorno
al nucleo dell’atomo. Le fluttuazioni in fisica quantistica non
riguardano solo gli atomi, ma anche il campo elettromagnetico e le
fluttuazioni quantistiche del vuoto: anche il vuoto è un oggetto
quantistico e quindi oscilla, come verificato nel 1948 attraverso il
cosiddetto effetto Lamb. I fisici teorici calcolarono con esattezza
l’energia dell’elettrone nell’atomo di idrogeno quando ruota attorno al
protone. Tale valore fu poi verificato sperimentalmente dai fisici
sperimentali che rilevarono una discordanza tra previsione teorica e
valore misurato (circa una parte su un milione). Questo dimostrava
l’esistenza delle fluttuazioni del vuoto. Infatti, l’elettrone che ruota
attorno al nucleo è una carica in movimento che genera un campo
elettromagnetico, il quale, viene perturbato dal campo elettromagnetico
dei fotoni che emergono dal vuoto spostando, così, l’energia
dell’elettrone. Il vuoto quantistico dunque e’ qualcosa di altamente
dinamico, possiede un certo livello di energia, detto energia di punto
zero e dà origine alle fluttuazioni virtuali (un’altra conferma
sperimentale di questo e’ data p.es dall’effetto Casimir, la lieve forza
attrattiva misurata tra due piastre metalliche scariche e distanti tra loro
pochi micron, in assenza di campi elettromagnetici e in un sistema
sottovuoto).
Tra le numerose applicazioni permesse dalla fisica quantistica si
ricorda il microscopio a effetto tunnel quantistico (STM) in grado di
rilevare e mostrare immagini di superfici a livello atomico. L’elemento
fondamentale del microscopio è la sonda ultrasottile, solitamente un
filo elettrico che termina con una punta costituita da pochissimi atomi
di tungsteno, platino-iridio, oro. La sonda viene avvicinata agli atomi
della superficie a una distanza pari a circa 1 nm. La nube elettronica
dell’atomo, all’estremità della sonda, e quella dell’atomo della superficie
si sovrappongono. Applicando una piccola differenza di potenziale
sonda-campione, tra le due nubi elettroniche scorrerà una piccolissima
corrente per effetto tunnel quantistico che dipende dalla distanza tra le
due parti non in contatto tra loro. La sonda seguendo i contorni delle
nubi elettroniche, permette il rilevamento topografico della superficie.
La teoria quantistica dei Campi (QFT) è l’applicazione della meccanica
quantistica ai campi e fornisce un sistema di riferimento ampiamente
usato in fisica delle particelle e in fisica della materia condensata. In
particolare, la teoria quantistica del campo elettromagnetico, conosciuta
come elettrodinamica quantistica, è una teoria in grado di descrivere
molto bene le proprietà fondamentali della natura e tratta l’interazione
della radiazione elettromagnetica con la materia

Ipotesi

Dal punto di vista fisico gli esperimenti descritti da Montagnier
potrebbero essere giustificati come un’alternanza di processi chimici e
di interazioni elettromagnetiche. In altre parole, e in modo non convenzionale,
come una serie di reazioni biochimiche governate
elettromagneticamente.
I risultati sperimentali dell’esperimento verrebbero descritti con una
teoria quantistica dei campi (QFT) applicata all’acqua allo stato
liquido. Questa teoria è intrinsecamente non lineare e fornisce gli
strumenti adatti a descrivere un insieme complesso di processi
anch’essi non lineari [6-11].
Essa concepisce l’acqua liquida come una sostanza che non è composta
solo da legami puramente statici tra molecole (legami idrogeno e
interazioni elettriche dipolo-dipolo), ma nella quale viene coinvolto,
come nuovo elemento di interazione, il campo elettromagnetico. In
accordo con un approccio teorico fondato sulla teoria quantistica dei
campi l’acqua liquida infatti non sarebbe costituita da molecole
indipendenti ma da voluminosi aggregati (domini di coerenza) di
molecole tenute in fase dall’accoppiamento elettromagnetico.

La teoria
Tale teoria può essere schematizzata come segue [6-11]:
a) un insieme di molecole interagendo con un campo
elettromagnetico acquisisce, sopra una soglia di densità e al di sotto di
una temperatura critica, un nuovo stato di minima energia, differente da
quello che si ha in assenza di campo elettromagnetico e nel quale il
movimento delle molecole è scorrelato. Questo stato a bassa energia
implica una configurazione nella quale le molecole racchiuse in una
porzione di spazio delimitato, denominato dominio di coerenza,
oscillano all’unisono con la frequenza del campo elettromagnetico
racchiuso all’interno di esso. La dimensione di questo dominio
corrisponde alla lunghezza d’onda λ relativa alla frequenza di
oscillazione dell’onda intrappolata. L’oscillazione collettiva coerente
delle molecole componenti il CD (Coherence Domain) si verifica tra lo
stato fondamentale e uno stato eccitato che ha volume, secondo la fisica
atomica, più ampio rispetto al volume dello stato fondamentale. La
lunghezza d’onda del campo EM intrappolato dipende dall’energia di
eccitazione.

Il dominio di coerenza è una cavità autoprodotta attraverso il campo
elettromagnetico a causa del meccanismo di Anderson-Higgs-Kibble
[9], che implica che il fotone del campo elettromagnetico intrappolato
acquista una massa immaginaria, diventando quindi incapace di
lasciare il CD. Questo auto-trapping del campo elettromagnetico
garantisce che l’energia del dominio di coerenza abbia un valore limite
più basso. A causa di questo autointrappolamento la frequenza del
campo elettromagnetico del CD diventa molto più piccola della
frequenza di oscillazione del campo libero, congruentemente con la
formula E=h/f (dove f è la frequenza, h è la costante di Plank , E è
l’energia associata all’onda). Questi risultati si applicano a tutti i
liquidi.
La peculiarità dell’acqua è che l’oscillazione coerente avviene tra lo
stato fondamentale (elettroni legati) e uno stato eccitato (elettroni
quasi-liberi) di 12,06 eV, appena sotto la soglia di ionizzazione (12,60
eV). Nel caso dell’acqua liquida, il dominio di coerenza (della
dimensione di 100 nm secondo l’equazione “1” ) comprende un insieme
di elettroni quasi-liberi che sono in grado di accettare l’energia fornita
dall’esterno e la trasformano in eccitazioni coerenti (chiamate anche
vortici) a entropia è più bassa dell’entropia dell’energia in ingresso. Di
conseguenza, i domini di coerenza dell’acqua potrebbero diventare
strutture dissipative, nel senso della termodinamica dei processi
irreversibili [12-14].
Semplificando, si può dire che all’interno del dominio ci sarà quindi un
sistema “più ordinato” rispetto all’esterno e in grado di riorganizzare
in maniera “più ordinata” anche l’energia “più disordinata” che
proviene dall’esterno.
b) la coerenza tra le molecole è contrastata dalle collisioni termiche
che potrebbero mettere le molecole fuori fase (fuori risonanza), come
nel modello Landau dell’elio liquido superfluido [15]. La competizione
tra attrazione elettrodinamica e rumore termico produce un crossover
permanente di molecole tra un regime coerente e uno non coerente. Per
un dato valore di temperatura, il numero totale di molecole coerenti e
non coerenti è costante, ma ogni molecola oscilla tra i due regimi
producendo un continuo ricambio della distribuzione spaziale delle due
frazioni e quindi la struttura spaziale dei domini di coerenza cambia
continuamente nel tempo. Ogni esperimento che abbia un tempo di
risoluzione, più lungo della vita media delle sopra menzionate strutture
spaziali, rivela l’acqua come un liquido omogeneo mentre la sua
struttura bifasica può essere rivelata negli esperimenti che abbiano un
tempo di risoluzione breve a sufficienza. Questa proprietà vale solo per
l’acqua bulk, cioè per quelle molecole d’acqua che sono distanti diverse
taglie molecolari da membrane o molecole biologiche o altre sostanze.
Vicino a una superficie di membrana, l’attrazione tra molecole d’acqua
e la superficie può proteggere la struttura coerente dal rumore termico,
dando origine a una stabilizzazione della struttura coerente. Questo è in
particolare vero nel caso degli organismi viventi nei quali molecole
d’acqua siano legate a membrane o a catene di biomolecole. L’acqua
interfacciale è quindi permanentemente coerente e può esibire le
conseguenze di lungo periodo della coerenza. In un organismo
biologico nessuna molecola d’acqua è più lontana da una superficie,
più di poche centinaia di Angstrom cosicché la totalità dell’acqua in un
organismo vivente si trova nello stato interfacciale ed è quindi
coerente. E’ noto, ormai da tempo, che le proprietà fisiche dell’acqua di
interfaccia sono molto diverse da quelle dell’acqua bulk.
c) quando, come negli organismi viventi, i domini di coerenza
dell’acqua vengono stabilizzati, importanti conseguenze nascono per la
presenza di un serbatoio di elettroni quasi-liberi: è possibile ottenere,
attraverso l’effetto tunnel quantistico o piccole eccitazioni esterne,
elettroni liberi disponibili a rifornire reazioni ossido riduttive [16]. I
domini di coerenza inoltre immagazzinano l’energia esterna sotto
forma di eccitazioni coerenti (vortici). L’aspetto di oscillazione
coerente di questi vortici impedisce gli urti all’interno di esso, quindi,
questi possono avere durata lunghissima cosicché le energie di questi
vortici si sommano rendendo possibile il raggiungimento di valori
molto alti a partire dalla piccolissima energia delle eccitazioni
elementari. Quindi i sistemi viventi sono capaci di combinare n fotoni
di frequenza v in un unico fotone di frequenza n*v.
d) quando la frequenza di oscillazione del CD corrisponde a quella
di altre molecole presenti sulla superficie del dominio stesso, potrebbe
accadere che, tali molecole, acquistino per risonanza l’energia
accumulata nel dominio a patto che tale valore eguagli l’energia di
attivazione della corrispondente molecola.
Inoltre, qualora lo spettro di frequenze del dominio di coerenza sia in
grado di attrarre i componenti monomeri di un polimero, quest’ultimo
sarebbe creato dall’attrazione dei monomeri sul CD, in una reazione a
catena che addiziona tali monomeri purché essi siano presenti in
soluzione. In questo modo è possibile indurre la polimerizzazione dei
monomeri fornendo, ai domini di coerenza della soluzione acquosa di
monomeri, le frequenze elettromagnetiche tipiche per essi. La
precedente dinamica spiega il carattere selettivo dell’interazione tra il
campo elettromagnetico e le biomolecole. In particolare, una specie
molecolare presente sulla superficie di un dominio di coerenza in
grande quantità, può fissare un limite superiore all’energia che si può
immagazzinare in tale dominio. Il tipo di reazione biochimica in una
cellula determina la frequenza massima del campo elettromagnetico
che può essere immagazzinato. La forma di un dominio di coerenza in
un organismo vivente dipende dalla forma della superficie a cui essa
aderisce.
e) una proprietà collettiva dei CD dell’acqua, che potrebbe dare
origine a un’ attività biochimica sincrona in una regione mesoscopica,
dovrebbe richiedere una costanza energetica per tutti i CD coinvolti.
Questo requisito è soddisfatto da un meccanismo che coinvolge gli ioni
elettrolitici e che ha un ruolo riconosciuto nella dinamica biologica. Gli
ioni prossimi ai CD d’acqua sono infatti attratti dal campo
elettromagnetico intrappolato nei domini, di conseguenza sono
mantenuti in orbita attorno al dominio muovendosi a una velocità
circolare proporzionale alla cosiddetta frequenza di ciclotrone
dove, q = carica elettrica, m = massa ionica e B = campo
elettromagnetico.
Poiché le proteine e il DNA sono anche polielettroliti, essi sono
circondati da una nube di contro-ioni positivi; ioni aventi una frequenza
di ciclotrone nell’intervallo tra 1 e 100 Hz che svolgono un ruolo
importante. È stato sperimentalmente rilevato da Zhadin e Giuliani
[17,18] che, applicando un campo magnetico, avente una frequenza
corrispondente alla frequenza di ciclotrone dello ione, su un sistema nel
quale tali ioni sono presenti, questi vengono deviati dalle loro orbite.
Questo meccanismo è stato teoricamente spiegato [19]: a causa della
conservazione del momento angolare, l’allontanamento degli ioni dalle
orbite ciclotroniche produce un moto rotazionale degli elettroni quasi liberi
dei CD dell’acqua, che si eccitano energeticamente [20]. Nel caso
nel quale la concentrazione di ioni può essere considerata uniforme in
una regione mesoscopica e il campo eletttromagnetico esternamente
applicato ha anch’esso una dimensione mesoscopica, si può assumere
che la quantità di energia di eccitazione sia uniforme in una regione che
comprende un gran numero di CD di acqua, i quali vengono
corrispondentemente eccitati in modo uniforme, garantendo così una
intercoerenza tra domini. Abbiamo, quindi, tanti domini di coerenza
che diventano coerenti tra loro.
L’applicazione di una combinazione di due campi magnetici paralleli
(uno statico e l’altro alternato) a una corrente di ioni che fluisce
perpendicolarmente alla direzione comune dei due campi, genera un
notevole picco di ampiezza al flusso ionico quando la frequenza del
campo alternato era uguale a una frequenza caratteristica (frequenza di
ciclotrone), specifica di ogni data specie ionica e proporzionale
all’intensità del campo statico. Si noti che l’intensità del campo
alternato deve essere inferiore a una soglia molto bassa. Questo
fenomeno può essere alla base del transito degli ioni attraverso la
membrana cellulare, protetta da potenziali elettrici di membrana
abbastanza elevati.
La persistenza nel tempo di una frequenza estremamente bassa dei
campi magnetici garantisce una costante eccitazione dei CD dell’acqua
e corrispondentemente delle attività biochimiche da essi catalizzate.
Il ruolo svolto dal campo elettromagnetico di background a frequenza
bassa è reso più chiaro dall’osservazione che per fornire energia ai CD
dell’acqua abbiamo bisogno di un campo elettromagnetico risonante. In
organismi di alto grado, come gli esseri umani, questo campo può
essere prodotto dal sistema nervoso. Microrganismi elementari, quali
batteri, utilizzerebbero i campi geomagnetici risonanti di Schumann [4].

Questi campi stazionari sono prodotti dall’attività
magnetica (fulmini e altri fenomeni quali radiazioni solari) che si
verificano nella porzione di spazio tra la superficie della terra e la
ionosfera conduttiva. Queste onde stazionarie dovrebbero avere una
frequenza νs che nel caso ideale è [4] dove R è il raggio della Terra. A causa della non idealità della cavità Terra-Ionosfera le frequenze reali sono modestamente inferiori rispetto a quelle attese nel caso ideale dell’eq.3. Le frequenze rilevate
sperimentalmente corrispondono a 7,83 Hz (fondamentale); 14,03 Hz;
20,08 Hz; 27,3 Hz; 33,8 Hz.
Di conseguenza, al fine di produrre l’energia di caricamento dei CD, il
sistema biologico deve selezionare specie ioniche aventi un rapporto
q/m tale che, dato il valore locale di B nell’organismo, il valore dato
dall’ eq.2 si accordi con una delle frequenze risonanti di Schumann. Ci
si aspetta che il valore locale di B non sia molto diverso da quello del
campo magnetico terrestre, che è dell’ordine di 50 microtesla.
Come precisato precedentemente (punto e), gli ioni vengono deviati
dalle loro orbite quando il valore del campo magnetico B è scelto in
modo che la vs corrisponda alla frequenza di ciclotrone dello ione.
Questo avviene in realtà alle frequenze di Schumann di 7,83 Hz del
campo geomagnetico. Tali deviazioni degli ioni dalle loro orbite di
ciclotrone producono a loro volta, a causa della conservazione del
momento angolare, una contro-rotazione del plasma di elettroni quasi liberi
nei CD, che avrà una frequenza dipendente dalla loro
concentrazione, che è quindi l’unica variabile rilevante. Come risultato,
la rotazione indotta del plasma di elettroni quasi-liberi nei CD produce
il segnale EMS osservato.

Una conferma del fatto che le frequenze osservate siano prodotte
dall’attività magnetica è data dal fatto che l’eccitazione è impedita
dall’assorbimento elettromagnetico dello strato di mumetal.
È interessante notare che, qualora le orbite di ciclotrone attorno al
guscio d’acqua dovessero essere saturate da una specie ionica con
frequenza di oscillazione non corrispondente alle risonanze di
Schumann, l’attività del sistema biologico verrebbe inibita. Questa
previsione è in accordo con l’evidenza dell’esistenza di ioni che
promuovono attività biologiche e ioni che le inibiscono. Tali
conclusioni valgono solo se il background elettromagnetico
corrisponde a quello naturale (modi di Schumann). Si osserva inoltre
che la presenza o meno del segnale elettromagnetico è legato alla
dipendenza dalla concentrazione di diluizione della soluzione acquosa.
Poiché il momento angolare è quantizzato, esiste una soglia di
diluizione (concentrazione di ioni) al di sopra della quale non si ha il
fenomeno, come previsto e osservato. Più in dettaglio, si supponga di
essere in grado di estrarre n ioni per CD, allora il plasma di N elettroni
quasi-liberi inizia a ruotare con una frequenza molto superiore alla
frequenza di ciclotrone dello ione poiché la massa dell’elettrone è molto
più piccola della massa degli ioni. Un corrispondente campo di co-risonanza
appare nei dintorni dei CD rotanti e potrebbe essere
all’origine di una coerenza estesa tra i CD.
La frequenza di oscillazione del CD è diminuita con l’aumento di
diluizione acquosa. L’esistenza di un range di diluizioni potrebbe essere
compresa presumendo che il segnale prodotto da diluizioni inferiori
potrebbe avere una frequenza superiore all’intervallo dei valori
rilevabili dagli strumenti utilizzati. Diluizioni superiori, al contrario,
potrebbero non produrre alcun segnale poiché la concentrazione di ioni
è diminuita sotto la soglia in grado di eccitare i CD. Il campo associato
al segnale elettromagnetico osservato, generato attraverso il
meccanismo altamente non lineare descritto sopra, può anche innescare
la coerenza tra i domini di coerenza in un secondo tubo di acqua pura
nel quale può penetrare alle condizioni descritte negli esperimenti. Una
volta che i domini di coerenza dell’acqua del secondo tubo siano
eccitati dal campo elettromagnetico proveniente dal primo tubo, il DNA
potrebbe essere polimerizzato localmente in conformità al processo
suggerito nel punto d) della presente sezione (cioè per addizione
successiva come nel caso del polimero). Si riscontra infatti nel DNA
riprodotto nella provetta 2 un’omologia del 98% rispetto alla molecola
originale (102 paia di basi su 104). Ulteriori studi dal punto di vista
quantitativo del fenomeno sono ancora in corso.

Possibili applicazioni mediche

Da questo e numerosi altri esperimenti condotti dall’equipe di
Montagnier è emerso che molteplici specie batteriche hanno la
caratteristica di emettere segnali elettromagnetici a vari ordini di
grandezza di diluizioni, gli stessi ordini di grandezza tipici per il
Mycoplasma pirum. Tra queste specie batteriche elenchiamo: B
Streptococcus, Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa,
Proteus mirabilis, Bacillus subtilis, Salmonella, Clostridium
perfringens.
Un’altra caratteristica fondamentale è che ogni specie batterica che
manifesta tali proprietà presenta uno spettro di emissione in frequenza
tipico per quella determinata specie. Tale evidenza emerge dall’analisi
di Fourier dei segnali emessi per ogni specie batterica analizzata. E’
possibile rilevare segnali elettromagnetici, anche, dal plasma di pazienti
affetti da varie infezioni e malattie croniche. Il plasma deve essere
mantenuto fresco e non congelato. Se il plasma viene congelato a -70°
C allora si deve estrarre il DNA per recuperare i segnali. Il DNA può
anche essere estratto da biopsie di tessuto. Le malattie in cui sono stati
osservati tali segnali elettromagnetici (Alzheimer, Parkinson, sclerosi
multipla, varie neuropatie, sindrome di Lyme cronica, artrite
reumatoide) può essere considerato, alla luce di quanto sopra descritto,
un indice della loro eziologia virale o batterica.
Un caso speciale è quello dell’HIV. EMS sono stati regolarmente
rilevati nelle sequenze di DNA dell’HIV (Fig. 28,29) nel sangue dei
pazienti trattati con terapie antiretrovirali (ART) e che rispondevano
bene al trattamento, poiché, si aveva la scomparsa delle copie RNA
virali nel sangue in circolazione. La produzione del EMS è, quindi,
indotta da un singolo gene o da frammenti di gene. Usando un clone di
DNA dell’HIV creato in laboratorio si è costruita la mappatura dei geni
dei virus che sono in grado trasmettere EMS.

La terapia antiretrovirale è basata su inibitori delle proteasi e della
trascrittasi inversa del virus. Tuttavia, dopo l’interruzione di tale
trattamento la moltiplicazione del virus riprende e questo suggerisce
l’esistenza di un “reservoir” (serbatoio) non accessibile al trattamento
classico. Inoltre, anche le frazioni di globuli rossi includono DNA che
emette tali segnali. Questo è strano poiché gli eritrociti non contengono
DNA e il virus HIV non si lega alle membrane eritrocitarie.
Ciò indica che l’ART induca nei pazienti il rilascio plasmatico di una
sequenza del DNA di HIV come se l’inibizione dell’infezione nella fase
di trascrizione inversa stesse spingendo il virus a un livello basso di
replicazione usando solo templates circolanti di DNA.
E’ stata inoltre promossa l’idea che il trattamento ART, che include

Qualunque sia l’origine del DNA circolante, il suo facile rilevamento
attraverso i segnali elettromagnetici potrebbe renderlo un biomarker
unico di interesse clinico.

Conclusioni

Accertare in modo definitivo la natura dei segnali elettromagnetici
provenienti dal DNA di batteri e virus e spiegarne l’origine e il
significato rappresenta un’integrazione delle attuali conoscenze nel
campo delle scienze di base e un potenziale strumento nel campo della
medicina aprendo la strada allo sviluppo di sistemi ad alta sensibilità
per il rilevamento di infezioni batteriche croniche in diverse malattie.
Questo studio proposto da Montagnier, che si integra con altri rilievi
significativi in questo dominio della ricerca, spiega i fenomeni
osservati fin’ora alla luce delle teorie della fisica quantistica che
forniscono una spiegazione alle evidenze sperimentali presentate che
promettono un cambio di prospettiva nell’interpretazione dei fenomeni
biologici.

Bibliografia

[1] Montagnier L, Aissa J, Ferris S, Montagnier J-L and Lavallee C
2009 Interdiscip. Sci. Comput. Life Sci. 1 81
[2] Montagnier L, Aissa J, Lavallee C, Mbamy M, Varon J and
Chenal H 2009 Interdiscip. Sci. Comput. Life Sci. 1 245
[3] Montagnier L 2010 Lindau Nobel Conference
http://www.lucmontagnierfoundation.org
[4] Nickolaenko A P and Hayakawa M 2002 Resonances in the
Earth-ionosphere Cavity (Dordrecht-Boston-London: Kluwer
Academic Publishers)
[5] Gibson D G et al 2010 Science 329 52
[6] Preparata G 1995 QED Coherence in Matter (Singapore: World
Scientific)
[7] Arani R, Bono I, Del Giudice E, Preparata G 1995 Int. J. Mod.
Phys. B 9 1813
[8] Del Giudice E, Preparata G and Vitiello G 1988 Phys. Rev. Lett.
61 1085
[9] Del Giudice E and Vitiello G 2006 Phys. Rev. A 74 022105
[10] Del Giudice E and Tedeschi A 2009 Electr. Biol. Med. 26 48
[11] Del Giudice E, Spinetti P R and Tedeschi A 2010 Water 2 566
[12] Del Giudice E, Pulselli R.M and Tiezzi E 2009 Ecol. Model 220
1874
[13] Marchettini N, Del Giudice E, Voeikov V L and Tiezzi E 2010 J.
Theo. Bio. 265 511
[14] Voeikov V.L, Del Giudice E 2009 Water Journal 1 52
[15] Landau L.D 1941 J. Physics USSR (Moscow) 571
[16] Szent-Gyorgyi A 1957 Bioenergetics (New York, NY: Academic
Press Inc)
[17] Zhadin M. N, Novikov V V, Barnes F S and Pergola N F 1998
Bioelectromagn. 19(1) 41
60
[18] Zhadin M and Giuliani L 2006 Electr. Biol. Med. 25(4) 269
[19] Del Giudice E, Fleischmann M, Preparata G and Talpo G 2002
Bioelectromagnetics 27 522
[20] Del Giudice E and Giuliani L 2010 Eur. J. of Oncol. Library 5 7
Sitografia: http://it.wikipedia.org

FONTE

ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITÀ DI BOLOGNA
CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA

“EVIDENZE DELL’INDUZIONE DI SEGNALI ELETTROMAGNETICI A BASSA FREQUENZA DA PARTE DI DNA IN SOLUZIONE”
Elaborato in Biochimica

Relatore Dott. Emanuele Giordano

Presentata da Ermanno Tufano

 

Standard
Attualità, Cronaca, Medicina, Psicologia, Salute, Scienza

ESISTONO I VIRUS? LA SENTENZA DELLA CORTE FEDERALE DI KARLSRUHE.

NewsCIGTAR

Nel “processo sul virus del morbillo” della durata di cinque anni, la Corte federale di giustizia di Karlsruhe del 1 ° dicembre 2016 ha confermato il giudizio sensazionale del Tribunale regionale superiore di Stoccarda il 16 febbraio 2016. A partire dal 1 ° dicembre 2016, la più alta giurisprudenza giudiziaria in Germania afferma che tutte le affermazioni riguardanti l’infezione del morbillo, le vaccinazioni contro il morbillo e il virus del morbillo non hanno basi scientifiche. La giustificazione per il verdetto confermato dal giudice include la chiara denominazione dei fatti che non solo confutano tutte le affermazioni riguardanti l’infezione del morbillo, le vaccinazioni contro il morbillo e il virus del morbillo, ma anche su tutti i cosiddetti “virus patogeni” e vaccinazioni. Ora il mondo sta aspettando un primo processo che porterà in questa sentenza della Corte Suprema che la vaccinazione obbligatoria, l’esclusione scolastica viene respinta un’interferenza con i diritti dei genitori o il diritto a una carriera gratuita, viene portato il riconoscimento del danno da vaccinazione o l’insostenibilità delle raccomandazioni statali sulla vaccinazione. Ciò può e dovrebbe – prima in Germania e poi a livello globale – portare all’ammissione di sviluppi indesiderabili in medicina e all’inizio di un’educazione scientifica, realmente scientifica, sulla salute pubblica. Le basi per tutto ciò sono state gettate.

Il 24 novembre 2011, avevo fissato un prezzo di € 100.000 per una pubblicazione scientifica in cui è dimostrata la presunta esistenza del “virus del morbillo”. Questa competizione ha innescato la “scommessa che non esiste un processo di virus del morbillo”. Il pregiudizio mediatico era enorme. Il tribunale “esigente”, il tribunale regionale (LG) di Ravensburg, è stato messo sotto pressione e il giudice che ha presieduto Matthias Schneider è andato nel panico.

Estendendo eccessivamente la legge e la legge e ignorando tutti i fatti presentati per iscritto, Richter Schneider ha emesso una cosiddetta sentenza del presidente il 12 marzo 2015, nella prima parte dell’audizione, prima che l’esperto fosse approvato e prima che la legalità richiedesse ulteriori passi in una procedura civile. Le sentenze del presidente sono sentenze senza il tempo necessario diversamente richiesto per la riflessione della corte e delle parti. Nel diritto civile, le sentenze del presidente possono essere emesse solo in questioni molto semplici e inequivocabili.

In questo modo, il tribunale del distretto di Ravensburg mi ha impedito di confutare tutte le dichiarazioni rese dall’esperto nominato dal tribunale nell’assunzione delle prove legalmente regolata in udienza, mediante la documentazione preparata, gli avvocati di cui il tribunale ha informato dell’introduzione. Questa confutazione fu quindi successiva e costosa solo nei procedimenti di appello dinanzi al Tribunale regionale superiore di Stoccarda. Se non fossi stato in grado di raccogliere e depositare le ingenti somme di denaro di oltre € 150.000 richieste per questo in un periodo di tempo molto breve, i procedimenti di appello e il caso dinanzi alla Corte federale di giustizia non sarebbero avvenuti. È difficile arrivare in Germania senza un sacco di soldi.

Con la “sentenza della sedia” simile a una rapina, l’LG Ravensburg ha impedito la possibilità: “Le parti stanno discutendo in modo controverso sul risultato delle prove”, come è erroneamente affermato nel verbale del processo, senza che siano state prese e concluse prove adeguate e senza che sia stata ascoltata la causa in giudizio è stato. L’avvocato ha asserito un insulto, motivo per cui dovrei pagargli 492,54 € più interessi senza che il presunto insulto venga determinato e processato dal tribunale. Con il panico, inammissibile sentenza del presidente – il valutatore e il relatore della corte hanno posto le domande decisive e confutanti durante l’indagine – il giudice Schneider ha impedito.

Per precauzione, il giudice Matthias Schneider, all’inizio del processo, mi ha vietato di poter porre domande all’esperto stesso. Il giudice sapeva che ho pubblicato scientificamente competenze nel campo della virologia da negoziare e che il giudice non specialista non ha competenze pubblicate scientificamente nel campo della virologia.

Il giudice mi ha ordinato di pagare il montepremi sospeso di € 100.000, insieme a interessi elevati, insieme a tutte le spese e gli alti costi di valutazione. Il giudice ha anche stabilito che l’avvocato può richiedere queste somme anche se faccio appello. L’avvocato lo ha fatto immediatamente e con il massimo sforzo possibile. Ha persino richiesto un mandato di arresto e ha dichiarato pubblicamente che avrebbe avuto effetto. L’avvocato stesso non ha fornito la sicurezza richiesta dalla legge per richiedere un giudizio provvisoriamente esecutivo.

Questo “grave errore di valutazione” del tribunale distrettuale di Ravensburg è stato annullato il 16 febbraio 2016 a causa del mio appello riuscito del Tribunale regionale superiore di Stoccarda. Ad oggi (28.2.2017: al momento della stampa) l’avvocato non ha rilasciato i 121.000 € da me pagati e non ha pagato le spese per l’avvocato, il tribunale e gli esperti, sebbene la sentenza dell’OLG (Oberlandesgericht Stuttgart) del 16.2.2016 con la decisione del BGH di L’1.12.2016 è diventato definitivo.

COMPITO DIFFICILE PER IL TRIBUNALE REGIONALE SUPERIORE DI STOCCARDA

Il Tribunale regionale superiore di Stoccarda, che ha “pienamente” accolto il mio appello, ha avuto un compito difficile. Con la mia assoluzione, come ha fatto l’OLG a migliorare la reputazione della magistratura, quella dei miei colleghi di Ravensburg, quella dell’esperto nominato dal tribunale, il Prof. Dr. Dr. Andreas Podbielski e soprattutto quello della prof. Annette Mankertz del Robert Koch Institute (RKI) Con il giudizio, l’OLG di Stoccarda ha cercato di proteggere tutti i soggetti coinvolti, tranne l’avvocato, il dottor Dr. Med. Bardens, che sentì il disagio concentrato della corte.

La corte ha provato l’atto di bilanciamento e ha scritto la storia del mondo. Smascherò elegantemente, ora legalmente efficace, l’incredulità nel “virus del morbillo”, la trasferibilità del “morbillo” e la possibilità e l’efficacia della cosiddetta “vaccinazione contro il morbillo”. Non tra le righe, ma nelle linee del giudizio leggi i fatti secondo cui tutte le affermazioni su tutti i virus patogeni sono state confutate.

Il Tribunale regionale superiore di Stoccarda ha avuto diversi problemi con i fatti presentati nel formulare la sentenza. Alcuni hanno provato a neutralizzarlo legalmente, altri lo hanno semplicemente messo nella stanza senza commenti, senza giudicarlo legalmente. Ad esempio, tutte le dichiarazioni scritte e orali fatte dal giudice, il Prof. Podbielski, su cui si basa l’intera procedura, sono evidentemente e dimostrabilmente errate. [1]

Nel mio appello, ho confutato tutte le dichiarazioni del giudice. La nomina comprendeva anche cinque pareri di esperti, ognuno dei quali confuta le dichiarazioni del Prof. Podbielski. Il quarto rapporto conferma che il Prof. Podbielski, in quanto mero batteriologo, non ha alcuna competenza pratica e pubblicata nel campo della virologia. Non avrebbe mai dovuto essere usato come perito.

Un altro problema per i giudici dell’OLG, che erano preparati in modo ottimale per la procedura ed erano ovviamente rilassati, era: la contro-prova scientifica delle affermazioni sull’esistenza del “virus del morbillo” sotto forma del quinto rapporto. Questa relazione smentisce chiaramente tutte le affermazioni esistenti sull’esistenza di un “virus del morbillo”. Per questo mi riferisco alla quinta relazione nell’impugnazione, alla relazione di contro-prova e alle mie spiegazioni in questo numero n. 2/2017 di WissenschaffePlus.

Un grosso problema che l’OLG Stuttgart ha cercato di risolvere invano rimarrà in tribunale in futuro. È il fatto che l’esperto pro-virus, il prof. Podbielski, si è smentito nel processo presso il tribunale distrettuale di Ravensburg. Nel fuoco incrociato delle domande del giudice segnalante Dr. Ha ammesso ad Anna-Maria Brutscher che le sue precedenti dichiarazioni scritte e centrali sul “virus del morbillo” sono sbagliate. Questa confutazione centrale e giudizialmente registrata dell’esperto da solo è stata soppressa dall’OLG Stuttgart nel giudizio, proprio come l’LG Ravensburg.

Questa importante e unica vera dichiarazione di fatto del Prof. Podbielski nel verbale dell’udienza del 12 marzo 2015 non è stata rimossa o modificata. L’OLG Stuttgart ha dovuto sopprimere questo fatto al fine di proteggere l’esperto e il tribunale distrettuale di Ravensburg da possibili conseguenze negative, sebbene questa “confutazione dell’esperto da solo” sia ripetutamente, esplicitamente e inequivocabilmente dichiarata nel ricorso “ammissibile”.

Una mossa brillante da parte della corte, tuttavia, è stata il modo in cui il Robert Koch Institute (RKI) ha gestito la confutazione più concreta delle affermazioni sull’esistenza del “virus del morbillo”. L’RKI, la più alta autorità statale e scientifica nel campo delle affermazioni sull’infezione, ha confutato tutte le affermazioni sul “virus del morbillo” con un documento introdotto nella procedura. L’RKI nella persona del Prof. Dr. Annette Mankertz, capo dell’Istituto nazionale di riferimento per il morbillo presso la RKI, ha anche confutato le precedenti dichiarazioni delle agenzie governative secondo cui le “vaccinazioni contro il morbillo” sono ben tollerate e non hanno effetti collaterali (vedi sotto).

L’esperto, il prof. Podbielski, ha confutato non solo le affermazioni sull’esistenza del “virus del morbillo”, ma anche le presunte prove “scientifiche” di tutti i “virus che causano malattie” (vedi sotto) con le sue dichiarazioni sul suddetto documento della RKI. L’OLG Stuttgart ha deciso di menzionare questi fatti, ma non di valutarli e di non usarli. La corte sperava che nessuno avrebbe letto il verdetto. Come distrazione, il tribunale ha accusato i media di blocchi legalmente irrilevanti e di dimensioni ridotte che sono stati ingoiati e riprodotti non digeriti dopo la fine del processo.

EVENTI DEL 16 FEBBRAIO 2016 DAVANTI ALL’OLG DI STOCCARDA

Cose interessanti sono accadute il 16 febbraio 2016 presso il Tribunale regionale superiore di Stoccarda, che i media non hanno riferito. All’inizio del processo, il giudice presiedente Karl-Heinz Oleschkewitz ha criticato l’avvocato per essere estremamente irresponsabile nel portare l’azione e mantenerla. Il tribunale ha ordinato l’avvocato, il dottor Dr. med. David Bardens di Homburg afferma di non aver letto le sei pubblicazioni che dovrebbero contenere la prova del “virus del morbillo” e che ha nominato davanti al tribunale distrettuale di Ravensburg come prova dell’esistenza del virus del morbillo. Bardens ha confessato.

Nella giustificazione scritta della sentenza, che l’OLG Stuttgart ha pubblicato sul suo sito Web su Internet, [2] la corte ha fatto un ulteriore passo avanti. Il punto 30 della sentenza afferma che l’avvocato non ha presentato le sei pubblicazioni al tribunale regionale di Ravensburg, che mi ha condannato. La motivazione per questo da parte del Dr. Bardens: il tribunale più esigente non avrebbe dovuto essere in grado di esaminare il laicato, di cui mi sono lamentato ed è interessato da chiunque sia interessato, che, se solo li guardi, estremamente poco scientifico e mancanza di contenuto nelle sei pubblicazioni “prove”.

Il Tribunale di primo grado, il tribunale distrettuale di Ravensburg, mi ha effettivamente condannato senza avere le prove a portata di mano nel procedimento. Il tribunale regionale di Ravensburg è stato in grado di condannarmi su questa base ignorando deliberatamente le sei pubblicazioni. Pertanto, contrariamente alle mie dichiarazioni fattuali fatte per iscritto, il tribunale è stato in grado di affermare che queste sei pubblicazioni, che possono essere riconosciute da qualsiasi laico estremamente estremamente scientifiche, sono “scientifiche” senza rilasciare dichiarazioni false. La corte lo lasciò all’esperto che aveva nominato, il prof. Podbielski. Questa squadra di tribunali ed esperti si sono valutati con i loro nomi in modo insolito nel traffico interno di posta elettronica, che mi sono imbattuto per caso.

Alla fine della mia udienza presso il tribunale regionale superiore di Stoccarda il 16 febbraio 2016, il giudice presidente Oleschkewitz ha dato all’avvocato Dr. Bardens un’altra cosa sulla strada: il tribunale aveva deciso con tre giudici 3: 0 contro di lui. Questa è una novità nella storia giuridica tedesca. Un tribunale non ha mai dimostrato pubblicamente se ha deciso 3: 0, 0: 3, 2: 1 o 1: 2. Questa emotività del giudice non sorprende quando si è letto l’argomento e si diventa consapevoli delle dimensioni degli sviluppi indesiderati medici. Da un punto di vista biologico, non sorprende che la voce del giudice che presiede non abbia letto il giudizio. È andato “in soluzione”.

IL GIUDICE È RIMASTO SCONVOLTO

Nonostante questa chiara indicazione da parte del giudice che presiede che il caso “chiaro” debba essere lasciato in piedi, nonostante l’ovvia natura della strategia dell’OLG per proteggere le parti coinvolte, l’avvocato ha preso di nuovo in mano decine di migliaia di euro e ha avuto uno studio legale esclusivo che ha esaminato se fosse in grado di giudicare del Tribunale regionale superiore di Stoccarda dalla Corte di giustizia federale (BGH).

Ha rischiato quello che il giudice alla presidenza dell’OLG ha cercato di impedirgli di fare, che sono stati discussi i “peccati” dei giudici della corte distrettuale di Ravensburg, l’esperto, il prof. Podbielski e forse anche quelli dei giudici dell’OLG di Stoccarda presso il BGH. Dr. Bardens, l’unico giovane medico al mondo con la propria voce su Wikipedia, conosceva tutte le confutazioni scientifiche, le confutazioni dei quattro contro-rapporti, la confutazione dello stesso revisore, la confutazione delle affermazioni del “virus del morbillo” da parte della RKI e la confutazione di tutte le affermazioni del “virus del morbillo” dalla convincente, reciprocamente ovvia contro-evidenza genetica del quinto rapporto. I “geni” del “virus del morbillo” sono in realtà i “geni” del normale.

Lo studio legale ha accettato volentieri i suoi soldi, formulato in modo apatico ma verbale, falso e vuoto di contenuti per ottenere nuovamente il processo “scommessa che il virus del morbillo non esiste” presso il BGH. L’avvocato Dr. Nella sua denuncia al BGH, Bardens ha affermato che ero un pericolo per la salute pubblica, che il Tribunale regionale superiore di Stoccarda aveva violato i suoi diritti fondamentali nell’udienza del 16 febbraio 2016 e che il caso era di fondamentale importanza per l’ulteriore formazione della legge.

La Corte Federale di Giustizia (BGH) ha respinto le dichiarazioni false del querelante il 1 ° Dicembre 2016 con parole chiare. Il BGH ha giustificato il rifiuto con le seguenti parole:

“Il 1 ° Senato Civile della Corte Federale di Giustizia il 1 ° dicembre 2016 dal giudice presiedente, Prof. Dr. Büscher, i giudici, Prof. Dr. Schaffert, Dr. Kirchoff, Prof. Dr. Koch e Feddersen hanno deciso: il reclamo del querelante contro la non ammissione della revisione nella sentenza del Tribunale regionale superiore di Stoccarda – 12 ° Senato civile – del 16 febbraio 2016 è stato respinto perché il caso non ha alcun significato fondamentale, e le denunce basate sulla violazione dei diritti procedurali fondamentali non lo sono applicare e l’ulteriore formazione della legge o la garanzia di una giurisprudenza uniforme non richiedono una decisione del tribunale di revisione per il resto (§ 543 paragrafo 2 frase 1 ZPO). Una giustificazione più dettagliata è esonerata in conformità con la Sezione 544 (4) frase 2 mezza frase 2 ZPO.

L’avvocato sostiene le spese della procedura di reclamo (§ 97 Abs. 1 ZPO). [3]

La sentenza dell’OLG di Stoccarda del 16 febbraio 2016 e le sue dichiarazioni dal 1 ° dicembre 2016 sono quindi diventate definitive e parte integrante della giurisprudenza tedesca confermata dalla Corte suprema.

IL CONTENUTO PRINCIPALE DELLA SENTENZA SCRITTA DELL’OLG DI STOCCARDA DEL 16 FEBBRAIO 2016

Ai sensi del punto 122 della sentenza, la Corte regionale superiore giunge alla conclusione che il mio appello ha avuto successo perché “il richiedente non ha dimostrato l’esistenza del virus del morbillo attraverso una pubblicazione scientifica” si è riferito all’esperto nominato dal tribunale, il prof. Podbielski, che ha testimoniato per iscritto al tribunale di primo grado e ha dichiarato verbalmente che nessuno dei sei del Dott. Le pubblicazioni presentate da Bardens contengono prove dell’esistenza del “virus del morbillo”.

L’esperto spiega l’esistenza del presunto “virus del morbillo” a pagina 27 della sua relazione degli esperti del 17 novembre 2014:

“Tuttavia, il valore informativo di un singolo dei 6 articoli non è sufficiente, ma le dichiarazioni dalle combinazioni dei 6 articoli sono necessarie per l’evidenza.” [4]

Per motivi legali, logici e scientifici, l’OLG di Stoccarda ha rifiutato e all’unanimità, 3: 0, che l’evidenza della presunta esistenza del virus del morbillo “richiede le dichiarazioni delle combinazioni dei 6 articoli per l’evidenza”.

Il costrutto del prof. Podbielski, di trasformare sei non-prove in prove scientifiche, che la corte regionale di Ravensburg ha seguito, è respinto dalla corte d’appello con motivazioni dettagliate ai punti 82, 85 e 86 della sentenza scritta. Pertanto, è stato stabilito dalla corte ed è ora la giurisprudenza tedesca, di cui non si può più dubitare che nessuna delle sei pubblicazioni contenga prove dell’esistenza del “virus del morbillo”.

DUE COSE CRUCIALI

È stata giurisprudenza tedesca che la prima pubblicazione nel processo del virus del morbillo, la pubblicazione del premio Nobel, John Franklin Enders e dei suoi colleghi del 1954, non è la prova della presunta esistenza del sospetto “virus del morbillo”.

Ciò che rende questo fatto così importante è, in primo luogo, che questa pubblicazione è l’unica ed esclusiva base per tutte le altre circa 30.000 pubblicazioni “scientifiche” sull’argomento “virus del morbillo”, “infezione” del morbillo e “vaccinazione” contro il morbillo , Tutte le dichiarazioni sul “virus del morbillo”, sulla trasferibilità della vaccinazione contro il morbillo e il morbillo si basano esclusivamente e solo su questa pubblicazione. Ora quella giurisprudenza è questa. Se la pubblicazione non contiene alcuna prova della presunta esistenza del presunto virus del morbillo, è certo che la base per tutte le 30.000 pubblicazioni specializzate su questi argomenti è stata ritirata.

In questa pubblicazione centrale, Enders afferma che le cellule nella provetta con o senza presunta “infezione” muoiono a causa di sospetti “virus del morbillo” nella saliva o nel sangue dei malati. In questo lavoro conclude che la morte delle cellule potrebbe essere la prova della presenza e della moltiplicazione del sospetto virus del morbillo o dell’azione di fattori sconosciuti o dell’azione di virus sconosciuti nelle cellule stesse. Enders ammette anche in questo lavoro che i suoi esperimenti con le cellule in una provetta non potevano avere nulla a che fare con il vero morbillo nell’uomo. [6]

Alla fine del 1954, Enders ricevette il premio Nobel per la medicina per tali speculazioni. Lui e i suoi colleghi dimenticarono le proprie confutazioni e dubbi – la fine di tutta la scienza – e affermarono che esattamente questa procedura del 1954 avrebbe aumentato il virus del morbillo e allo stesso tempo sarebbe stata la base di tutto il futuro sviluppo del vaccino. È rimasto così fino ad oggi. Il suo protocollo di questa pubblicazione del 1954 è ancora oggi utilizzato per presumibilmente moltiplicare il virus del morbillo e utilizzare le cellule morenti come vaccino.

In realtà, sotto l’influenza del Premio Nobel, Enders e i suoi colleghi, e di conseguenza tutti i virologi fino ad oggi, hanno trascurato il fatto che affamano e avvelenano le cellule inavvertitamente prima che inizi l’attuale “esperimento di infezione”. I componenti cellulari sono stati isolati dalla miscela di cellule morenti, mai un “virus”. Secondo un modello elaborato di come dovrebbe apparire un virus, i componenti cellulari trovati sono stati assegnati mentalmente – non di fatto – al modello del virus in un processo di costruzione del consenso lungo un anno. Questi “virus” non appaiono da nessuna parte nella realtà. I componenti cellulari tipici, come i piedini adesivi della cellula, chiamati Villi, sono stati erroneamente interpretati come “virus” nelle immagini trasversali.

Il vaccino contro il morbillo, che si dice sia costituito da “virus del morbillo vivo” indeboliti, è costituito esclusivamente da cellule affamate e avvelenate. Poiché le vaccinazioni hanno lo scopo di produrre reazioni contro le proteine ​​vaccinate, è stato chiarito il motivo per cui la vaccinazione contro il morbillo in particolare provoca un danno significativamente maggiore al vaccino sotto forma di reazioni allergiche da lievi a gravi e – nel migliore senso scientificamente provato – anche l’autismo. [7]

Enders non ha eseguito test di controllo per determinare facilmente se un virus o la fame e l’avvelenamento fossero la causa della morte cellulare. Fino ad ora, non sono stati realizzati dalla “scienza”. Abbiamo effettuato questi test di controllo nell’ambito del “processo del virus del morbillo”. I risultati dimostrano che le condizioni stabilite da Enders nel 1954, la fame e l’avvelenamento delle cellule, portano alla morte cellulare senza che si verifichi una “infezione”. Nel prossimo numero di WissenschaffePlus documenteremo questi tentativi di controllo e i risultati.

In secondo luogo, è importante nella giurisprudenza OLG / BGH sul “virus del morbillo” che oggi tutti i “virus patogeni” vengono “rilevati usando il metodo introdotto da Enders nel 1954”. Questo metodo, che Enders descrisse a metà del 1954 La speculazione da osservare con “estrema cautela” divenne, dal Premio Nobel di Enders il 10 dicembre 1954, il “fatto scientifico” e il modello e lo standard per tutti gli attuali metodi di rilevazione di “virus che causano malattie”.

Il 16 febbraio 2016, l’OLG Stuttgart non solo ha scritto la storia mondiale sul “virus del morbillo”, ma ha anche confutato la “natura scientifica” delle affermazioni sull’esistenza di tutti i “virus che causano malattie” e la significatività delle vaccinazioni “protettive”.

A partire dall’annuncio della validità legale della sentenza OLG di Stoccarda del 16 febbraio 2016 da parte della Corte Federale di Giustizia il 1 ° dicembre 2016, tutte le “vaccinazioni contro il morbillo” e le misure coercitive in questo senso sono illegali. Le vaccinazioni del morbillo di per sé e tutte le relative misure restrittive sono vietate dal 1 ° Dicembre 2016, poiché non possono più essere giustificate e possono essere perseguite per interferenza nei diritti fondamentali di integrità fisica e vita, istruzione, diritti dei genitori e libera scelta della professione. Per quanto riguarda tutti gli altri “virus che causano malattie” e le loro vaccinazioni, la validità giuridica di questi fatti deve essere determinata mediante un’ulteriore decisione o giudizio.

CONFUTAZIONE DEL “VIRUS DEL MORBILLO” E CONFUTAZIONE DELLA PRESUNTA INNOCUITÀ DELLA VACCINAZIONE CONTRO IL MORBILLO DA PARTE DEL PROF. DR. ANNETTE MANKERTZ DEL ROBERT KOCH INSTITUTE (RKI)

La competizione “scommessa che il virus del morbillo non esiste” [8] ha già ottenuto il successo desiderato nel 2012. Nel concorso, il fatto importantissimo che abbiamo elaborato dal 1995 e documentato nei nostri libri e nella rivista è chiamato: L’RKI, la massima autorità scientifica nominata dal governo federale nel campo delle teorie dell’infezione e della vaccinazione, e il più alto federale e Le autorità sanitarie statali fanno tutte le affermazioni su infezioni e vaccinazioni senza alcuna base scientificamente pubblicata.

Le indagini avviate dalla competizione e il corso della denuncia, che è stato anche mostrato nella competizione, hanno fornito le prove desiderate, previste e precedentemente fornite. I top manager responsabili nel sistema sanitario agiscono deliberatamente e contro una migliore conoscenza delle indicazioni di infezione e delle vaccinazioni. Prof. Dr. Annette Mankertz, capo del National Reference Institute presso la RKI, ha ammesso a seguito delle indagini relative al virus del morbillo, questo fatto essenziale, che abbiamo nominato e di cui ci siamo lamentati dal 1995: la RKI avrebbe condotto studi interni sul “virus del morbillo”, questo sarà fatto ma, contrariamente al chiaro obbligo dell’RKI di pubblicare tutte le indagini, non è stato rilasciato.

Il dipartimento legale della RKI, l’allora capo della RKI, il suo supervisore presso il Ministero federale della sanità, il ministro federale della Sanità e la commissione per le petizioni del Bundestag tedesco hanno rifiutato di agire in modo responsabile nonostante i reclami e le richieste, di obbedire alla legge e alla legge e di garantire che la RKI effettuasse studi scientifici e lo ha pubblicato.

Il motivo del rifiuto di eseguire e pubblicare studi sul “virus del morbillo” è emerso chiaramente dall’ammissione della RKI il 24 gennaio 2012. Questo documento smentisce l’esistenza del virus del morbillo e afferma che la vaccinazione contro il morbillo è sicura ed efficace. L’RKI scrive:

“I virus del morbillo, come altri Paramyxovirus, non hanno dimensioni precise, nessun diametro preciso: misurano da 120 a 400 nm di diametro e spesso contengono anche ribosomi all’interno”. [9]

I “ribosomi” sono le fabbriche della cellula che gli esseri umani, gli animali e le piante usano per produrre le loro proteine. Poiché il “virus del morbillo” è definito dal fatto che non contiene alcun “ribosoma”, questa ammissione da parte della RKI ha confutato tutte le affermazioni sull’esistenza del virus del morbillo! Ancora di più: l’RKI ha ammesso che funziona con normali componenti della vita e delle cellule invece di “virus del morbillo”. Inoltre, l’RKI ha fornito prove del perché in particolare la vaccinazione contro il morbillo, prima di tutte le altre vaccinazioni standard, produce il più alto tasso di danno da vaccino sotto forma di allergie e reazioni autoimmuni.

Le sostanze ausiliarie contenute in tutti i vaccini (i cosiddetti adiuvati, in effetti potenti neurotossine) hanno lo scopo di stimolare le reazioni immunitarie contro i presunti virus. In effetti, il corpo sviluppa reazioni immunitarie, ma invece delle presunte reazioni utili, reazioni immunitarie “auto” allergiche contro se stesso perché la vaccinazione contro il morbillo impianta proteine ​​tipiche del corpo anziché un corpo “estraneo”.

Nonostante questo fatto evidente, l’RKI è rimasto inattivo fino ad oggi e non ne ha informato il pubblico o il pubblico specializzato. L’RKI ha quindi violato i suoi obblighi legali di protezione della salute della popolazione e di tenere lontano i danni dalle persone.

Il tribunale regionale di Ravensburg e il tribunale regionale superiore di Stoccarda hanno ignorato le mie dichiarazioni scritte e orali di fatto al riguardo nel “processo del virus del morbillo”. Allo stesso modo, entrambi i tribunali hanno ignorato le mie richieste scritte di invitare il Prof. Mankertz dall’RKI come testimone senza rispondere per iscritto o oralmente. Ciò ha un grande peso, poiché l’RKI ha annunciato nel processo che le vaccinazioni contro il morbillo stanno mettendo in pericolo la salute della popolazione e, sulla base della mera raccomandazione per la vaccinazione contro il morbillo, sono scientificamente e legalmente inammissibili nel diritto fondamentale delle persone alla vita e all’integrità fisica ai sensi dell’articolo 2, la frase 2 della Legge fondamentale è interferita.

In relazione all’accertamento del virus ribosoma-in-morbillo della RKI, l’OLG sostiene al punto 117 della sentenza, che “non era stato chiarito se i ribosomi non fossero stati trovati nel virus del morbillo all’RKI e che ciò escludesse la proprietà come virus.”

La corte spera chiaramente che i lettori credano alla corte che la “tesi ribosoma” è stata risolta e invalidata dalla corte. In effetti, questa designazione fattuale della RKI non è stata chiarita e non è stata perseguita. La prova: anche dopo il 16 febbraio 2016 le vaccinazioni contro il morbillo “contro” vengono vaccinate decine di diverse malattie della pelle, ma vengono diagnosticate come morbillo solo se la persona colpita reagisce positivamente nel “test del virus del morbillo”. A seconda di come sono impostate queste diverse procedure di test del “virus del morbillo”, poche, molte o tutte le persone con questo test sono “positive”, indipendentemente dal fatto che siano sane o malate. [10]

Abbiamo raggiunto un piccolo obiettivo: attraverso il reclamo del dottore, il Dott. Med. Bardens e il “processo del virus del morbillo” iniziato a seguito di questo fatto sono diventati noti a un gran numero di cittadini e responsabili. Il processo ha ricevuto enormi rapporti nazionali e globali. Siamo certi di aver raggiunto un altro obiettivo: siamo il Dr. David Bardens è grato che questo successo congiunto abbia impedito ai politici di introdurre la vaccinazione obbligatoria per la vaccinazione contro il morbillo particolarmente rischiosa.

LA CONFUTAZIONE DELL’INTERA VIROLOGIA E DELL’ESPERTO PROF. DR. ANDREAS PODBIELSKI 

Nel paragrafo 117 della sentenza del 16 febbraio 2016, l’OLG Stuttgart menziona la confutazione dell’intera virologia da parte dell’esperto. L’esperto è citato:

“La comprensione concettuale del virus è davvero in evoluzione.” [11]

Se qualcosa è in evoluzione, non è scientificamente definito e non può essere rivendicato come un fatto in pubblico. Ho fatto domanda per iscritto e in udienza pubblica il 16 febbraio 2016, che se qualcosa non è scientificamente definito, non può essere definito legalmente e quindi il dott. Bardens deve essere licenziato. L’OLG ha ignorato questo punto per proteggere le persone coinvolte.

Ciò che il prof. Podbielski non ha menzionato è il fatto che noti “virologi”, come nel 1951 e nel 1952, sono di nuovo in procinto di rivoluzionare e ridefinire l’intera virologia. Hanno riconosciuto che le strutture che sono state interpretate erroneamente come “virus” vivono se stesse e che i nostri nuclei cellulari sono emersi da loro. Si impegnano a garantire che queste strutture siano riconosciute come il quarto regno della vita oltre ai “regni” della vita precedentemente scoperti (batteri e cellule). Da giovane studente, ho avuto la fortuna di essere il primo a isolare una struttura così innocua dal mare, a caratterizzarla appieno e, naturalmente, a pubblicarla scientificamente, dopo i test di controllo. [12]

Ciò che l’OLG Stuttgart ha anche tentato di nascondere con le sue osservazioni al punto 116 della sentenza del 16 febbraio 2016 è spiegato di seguito.

Nel 1997 la più grande frode scientifica del mondo è diventata pubblica. Tutti i dati relativi alle affermazioni del “virus dell’epatite B” e di un vaccino contro il cancro, in cui erano coinvolti centinaia e i più importanti scienziati di AIDS, geni, immunitari, di infezione e del cancro, non erano solo falsi, ma fittizi. Dozzine di pubblici ministeri, parlamentari e politici hanno quindi chiesto che le frodi scientifiche fossero punite. Gli atti sono punibili solo se sono stati definiti reati al momento dell’atto.

La Deutsche Forschungsgesellschaft (DFG), un’associazione che distribuisce miliardi di fondi per la ricerca per conto dei governi, ha esortato i politici a non introdurre il previsto paragrafo di reato “frode scientifica”. Il DFG ha affermato che la scienza può controllare solo se stessa. Nel 1997, il DFG ha nominato un comitato internazionale per convincere i politici che non hanno bisogno di controllare la scienza. Il compito del comitato era di scrivere le regole del lavoro scientifico che sono sempre state valide e che sono le stesse per tutte le discipline scientifiche, sotto forma di un insieme vincolante di regole, come la costituzione della scienza internazionale, e di renderle vincolanti a livello internazionale. Anche questo è successo.

In Germania, dal 1998 tutti gli scienziati e le istituzioni che ricevono finanziamenti statali per la ricerca sono stati obbligati a rispettare questo insieme geniale, logico e semplice di regole quando lavorano e preparano relazioni di esperti. Di seguito è fondamentale per ogni nuovo metodo che è quello di portare la conoscenza scientifica:

“Gli esperimenti di controllo con una divulgazione altrettanto completa della configurazione sperimentale sono una parte centrale della metodologia scientifica al fine di verificare i metodi utilizzati e di escludere i fattori di interferenza”.

Le pubblicazioni senza test di controllo documentati non possono essere pubblicate come scientifiche.

L’unica e unica base di tutta la virologia dal 1953 è l’assunto pubblicato dal Prof. Enders nel 1954 che la morte delle cellule nel reagente potrebbe essere la prova dell’attività di virus o di fattori sconosciuti. Fu solo attraverso il premio Nobel alla fine del 1954 che questa speculazione auto-contraddittoria divenne un fatto scientifico: “I virus ci sono quando le cellule muoiono”. [15]

Poiché non ha tentato di controllare nulla, Enders e tutti i suoi successori non hanno ancora notato che la fame e L’avvelenamento è la causa della morte cellulare nella provetta e non è un virus sospettato.

L’esperto nominato dal tribunale, il prof. Podbielski, afferma nella sua “dichiarazione integrativa” del 3 marzo 2015, a pagina 3, al punto 6, sulle sei pubblicazioni del processo del virus del morbillo: “Invece dei dati necessari e esperimenti di controllo per escludere artefatti specifici delle cellule del virus del morbillo sono contenuti negli articoli specialistici – vedi il mio rapporto. ” [16]

Questa è una falsa affermazione dimostrata con conseguenze di vasta portata.

Il 12 marzo 2015, nel fuoco incrociato, ha ammesso le domande poste dal valutatore e dal relatore all’udienza dinanzi al tribunale regionale di Ravensburg: “Non posso dire ora se esiste un articolo che rappresenti in modo esaustivo le stesse cose degli articoli originali citati, senza le loro caratteristiche metodologiche Mostrare debolezze, ad esempio con i controlli negativi che in realtà mancano. ”[17]

Nel fare ciò, ha smentito la sua dichiarazione scritta del 3 marzo 2015. Con questo ha tutte le sue dichiarazioni che le sei pubblicazioni presentate sono scientifiche e utilizzabili nel processo del virus del morbillo e che è stato dimostrato che esiste un virus del morbillo, ecc. Confutato.

Anche se ho dimostrato e dimostrato il fatto della mancanza di tentativi di controllo e della confutazione registrata dell’esperto da me stesso nel ricorso, la corte d’appello ha soppresso questo fatto. Il tribunale distrettuale di Ravensburg mi aveva condannato sopprimendo questa designazione fattuale documentata della mancanza di tutti i tentativi di controllo quando fu pronunciata la sentenza del presidente e nella giustificazione scritta della sentenza. Oppure il giudice Matthias Schneider del tribunale distrettuale di Ravensburg – non avendo adottato le procedure legalmente prescritte di una procedura – ha emesso la sentenza del presidente perché le chiare domande poste dal suo valutatore Dr. Anna-Maria Brutscher, l’esperta, il prof. Podbielski, si è smentita?

L’OLG Stuttgart scrive nella sua sentenza ai sensi del paragrafo 116:

“Nella misura in cui il convenuto dimostra che la sentenza si basa su falsi prerequisiti in quanto l’esperto non ha dichiarato che le pubblicazioni contengono esperimenti di controllo per escludere artefatti specifici delle cellule (p. 23 La sentenza alla lettera b., Paragrafo 2) non può essere seguita. L’esperto si occupa di questo nella sua dichiarazione integrativa del 03.03.2015, p. 3 (p. 134 d. A.) al punto 6. e spiega che i dati e gli esperimenti di controllo necessari per escludere artefatti specifici delle cellule invece del virus del morbillo nel Sono inclusi articoli tecnici, per cui si riferisce al suo rapporto. ” [18]

Nella sua sentenza del 16 febbraio 2016, il Tribunale regionale superiore di Stoccarda ha anche soppresso il fatto che l’arbitro abbia confutato da solo il 12 marzo 2015. Ciò dimostra che il Tribunale regionale superiore di Stoccarda ha citato la mancanza di qualsiasi tentativo di controllo nel ricorso, come affermato nel ricorso Le false dichiarazioni dell’esperto del giudice e anche la confutazione dell’esperto del giudice, il Prof. Podbielski, registrata il 12 marzo 2015, vengono soppresse per proteggere l’esperto.

COME IL TRIBUNALE REGIONALE SUPERIORE DI STOCCARDA HA TENTATO SENZA SUCCESSO DI RITIRARSI DALLA VICENDA

Il Tribunale regionale superiore di Stoccarda, nella riga 121 della sentenza sul virus del morbillo, scrive che le opinioni che ho introdotto nella procedura non sono state prese in considerazione nella sentenza, “perché non sono rilevanti per la decisione” [19]

La corte ha quindi soppresso quelle nella relazione del 10 febbraio 2016 Il fatto che i confronti di sequenze genetiche hanno chiaramente smentito tutte le affermazioni del virus del morbillo (vedi il contributo in questo numero di WissenschaffePlus n. 2/2017).

La vaccinazione è, tuttavia, legalmente “un’interferenza effettivamente esistente, punibile nel diritto alla vita e all’integrità fisica”, che è punibile solo con il consenso documentato, giuridicamente efficace, della persona vaccinata o del depositario. Poiché il tribunale regionale superiore di Stoccarda è venuto a conoscenza di fatti che fondamentalmente confutano la validità legale delle vaccinazioni, il tentativo del tribunale regionale superiore di Stoccarda descritto qui di “ritirarsi dalla vicenda” non può essere giustificato.

Tutti i cittadini sono chiamati e in particolare i dipendenti pubblici sono tenuti ad agire in modo indipendente e ad impegnare le autorità responsabili della sicurezza e dell’applicazione della legge se i beni costituzionali più elevati vengono interferiti senza giustificazione e senza essere legalmente legittimati. I giudici non sono esenti da questo. Nel mio interrogatorio durante l’udienza pubblica del 16 febbraio 2016, ha sufficientemente dimostrato che il giudice che presiede l’OLG era ben informato su tutti i dettagli cruciali e l’importanza della scienza e della scienza.

IMITATORI DI CELEBRITÀ E CATTIVI PERDENTI

Il noto avvocato Robert De Niro e il nipote dell’ex presidente degli Stati Uniti Kennedy, Robert F. Kennedy Jr, hanno anche ricevuto $ 100.000 in premi in denaro per prove scientifiche della vaccinazione. Lo danno a coloro che presentano una pubblicazione scientifica che dimostra che il mercurio è innocuo nei vaccini. Entrambi presumono che le vaccinazioni siano particolarmente dannose perché contengono sostanze estremamente tossiche. Il figlio di Robert De Niro divenne autistico al momento della vaccinazione. Ciò dimostra da un punto di vista biologico che le vaccinazioni possono scatenare l’autismo.

L’avvocato, il dottore di Homburg Dr. med. Bardens, fuori, che ora lavora in Svezia. Come spiegazione di aver perso il processo che aveva processato presso il Tribunale regionale superiore di Stoccarda e presso la Corte federale di giustizia di Karlsruhe, presentò una dichiarazione che aveva liberamente inventato nei media. Afferma di aver perso a causa di un errore formale. Dr. Bardens afferma di aver perso perché ha presentato sei pubblicazioni anziché una.

Nulla del genere si trova nell’audizione dinanzi al Tribunale regionale superiore di Stoccarda e nella giustificazione scritta della sentenza. Al contrario. Dr. Bardens ha perso il processo perché il revisore nominato dal tribunale ha riscontrato che nessuna delle sei pubblicazioni presentate ha fornito prove dell’esistenza di un virus. Questa era anche l’unica vera affermazione dell’esperto, il prof. Podbielski. L’argomento del Prof. Podbielski, “Le dichiarazioni di combinazioni delle 6 pubblicazioni sono necessarie per l’evidenza [del virus del morbillo]”, l’OLG Stuttgart, come documentato sopra, è stato espressamente respinto.

Stefan Thomas Josef Lanka, ricercatore indipendente

[1] Vedi: L’avviso del 7 luglio 2015 è stato pubblicato nei numeri 5 e 6/2015 della rivista WissenschaffePlus. La mia dichiarazione al Tribunale regionale superiore di Stoccarda del 10 dicembre 2015, che fa parte dell’appello, è stata pubblicata in cinque episodi nei numeri dal n. 1/2016 al n. 5/2016 della rivista WissenschaffePlus. Il rapporto di un professore del 10 dicembre 2015 nel campo della virologia è stato pubblicato nei numeri n. 6/2016 e n. 1/2017 della rivista WissenschaffePlus. Per ordinare nel negozio di http://www.food-or.de o tramite il link  http://www.food-or.de/shop/c/de/abonnement 

 

[2] Sentenza della Corte regionale superiore di Stoccarda il 16 febbraio 2016, numero di fascicolo: 12 U 63/15, vedi: http://lrbw.juris.de/cgi-bin/laender_rechtsprechen/document.py?Court=bw&courtselection=Superitribunaliregionali&Art=en&sid=46bf3d-b2df690aba6e4874acafaf45b6&nr=20705&pos=0&anz=1

 

[3] Questa decisione del BGH, numero del file: I ZR 62/16, può essere trovata sulla nostra homepage www.wissenschaffeplus.de sotto “Notizie” e “Processo del virus del morbillo”.
[4] Il rapporto del Prof. Podbielski del 17 novembre 2014 è disponibile sul sito Web http://www.wissenschaffePlus.de alla voce “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 26 marzo 2015 o al link http://www.conoscenza-creaplus.de/blog/de
[6] Vedi: Enders JF, Peebles TC. Propagazione nelle colture tissutali di agenti citopatogeni da pazienti con morbillo. Proc Soc Exp Biol Med. 1954 Jun; 86 (2): 277-286.
Come tutte e sei le pubblicazioni del “processo del virus del morbillo”, questo articolo può anche essere trovato su Internet: https://archive.org/details/EndersPeebles1954
[7] Vedi le spiegazioni sull’autismo e il danno da vaccino nella rivista WissenschaffePlus no 3/2016 per ordinare nel negozio http://www.food-or.de o sotto il collegamento http://www.food-or.de/shop/c/de/abonnement

[8] Vedi: “Scommetti che il virus del morbillo dichiarato non esiste!” Nella rivista WissenschaffePlus n. 3 +/2014. Questo articolo è anche gratuito su Internet sulla nostra homepage http://www.wissenschaffePlus.de sotto “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce datata 14 settembre 2014 o sotto il link http://www.wissenschaffeplus.de/uploads/article/measles_process.pdf

[9] Vedi: lettera della RKI del 24 gennaio 2012, che è stata sollevata a mia difesa nel processo del virus del morbillo e portata in atto dal tribunale distrettuale di Ravensburg. Entrambi i tribunali, il tribunale distrettuale di Ravensburg e il tribunale regionale superiore, ignorano il contenuto della lettera nelle sentenze, sebbene sia compito fondamentale e coerente di ogni dipendente pubblico evitare i pericoli per la vita e gli arti di tutti i cittadini diventando ATTIVO. La scritta è sul nostro sito web http://www.wissenschaffePlus.de sotto “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 26 marzo 2015

[10] Attualmente stiamo preparando i test che dimostreranno in pratica che i “metodi di test del virus del morbillo” attualmente utilizzati dal Robert Koch Institute (RKI) sono istituiti in modo tale che non solo i malati, ma le persone sane sono testate “virus del morbillo positivo”. Tutti positivi al 20% (senza epidemia di morbillo) o positivi all’80% (con un’epidemia di morbillo dichiarata dalla RKI).

[11] Vedi 2.

[12] Vedi articolo “I virus giganti e l’origine della vita” nella rivista WissenschaffePlus n. 1/2014. Per ordinare nel negozio http://www.food-or.de o sotto il collegamento http://www.food-or.de/shop/c/de/abonnement

[13] Vedi: https://de.wikipedia.org/wiki/Friedhelm_Herrmann

[14] Vedi: pagina 3-6 della mia dichiarazione del 2 febbraio 2015 sul rapporto giudiziario del Prof. Podbielski. Si trova in “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 26 marzo 2015 o nel link http://www.wissen-affeplus.de/uploads/article/Stellungnahme_zum_Gutachten_von_Prof_Podbielski_2-2-2015.pdf

[15] Vedi le spiegazioni al riguardo nella rivista Knowledge-Creativity Plus n. 2/2016

[16] Vedi “Dichiarazione aggiuntiva del Prof. Podbielski del 3 marzo 2015. Puoi trovarlo in “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 14 ottobre 2015 o nel link http://www.wissenschaffeplus.de/uploads/article/Schreib_von_Prof_Podbielski_3-3-2015.pdf

[17] Vedi pagina 7, sopra, i verbali del processo al tribunale regionale di Ravensburg. Puoi trovarlo in “Notizie” e “Processo del virus del morbillo” nella voce del 16 settembre 2015 o nel link http://www.wissenschaffeplus.de/uploads/article /Protokoll_13_4_20150001.pdf

[18] Vedi 2.
[19] Vedi 2.
ARTICOLO ORIGINALE

https://quantisana.ch/gesundheit-neu-denken/expertenberichte/der-bundesgerichtshof-laesst-den-glauben-an-die-viren-untergehen/ 

ALTRI LINK SULL’ARGOMENTO

Tribunale regionale superiore di Stoccarda, sentenza del 16.02.2016 – 12 U 63/15

https://openjur.de/u/892340.html

Il virus del morbillo “non esiste”: Dr. Lanka vince il processo prima del BGH.

https://www.neopresse.com/gesundheit/masern-virus-existiert-nicht-dr-lanka-gewinnt-prozess-vor-dem-bgh/?utm_source=Nachrichten-Fabrik.de&utm_content=link

La giurisprudenza tedesca sul virus del morbillo e la virologia in generale.

https://www.researchgate.net/publication/316280648_Die_deutsche_Rechtsprechnung_zum_Masern-Virus_und_zur_Virology_generell

Stefan Lanka e il virus del morbillo che non esiste. Nuovi scenari in biologia?

https://magazine.5lb.eu/2017/03/stefan-lanka-virus-morbillo-esiste-5205.html

Standard
Salute, Scienza

IL SISTEMA RIDUZIONISTICO E L’INGANNO DELLA GENETICA

Immaginate un extraterrestre che arriva sulla Terra per cercare di capire quale sia la causa degli incendi delle case. La prima volta vede una casa che brucia, e annota che ci sono: i pompieri, forse i proprietari della casa e alcuni curiosi. Poi, per dovere di indagine statistica, si propone di osservare altri cento incendi. Si accorge che cambiano i proprietari, cambiano i curiosi, ma vede che in tutti gli incendi ci sono sempre i pompieri. Al termine della sua indagine, sulla base dei dati raccolti, l’extraterrestre ha la certezza della risposta: chi causa gli incendi? I pompieri, ovviamente! A questo punto per spegnere gli incendi bisogna uccidere i pompieri. I nostri ricercatori usano lo stesso metodo e arrivano alle stesse conclusioni.

Bruce-Lipton

In epistemologia il termine riduzionismo rispetto a qualsiasi scienza sostiene che gli enti, le metodologie o i concetti di tale scienza debbano essere ridotti al minimo sufficiente a spiegare i fatti della teoria in questione. In questo senso il riduzionismo può essere inteso come un’applicazione del cosiddetto “rasoio di Occam” o “principio di economia”-secondo cui non bisogna aumentare senza necessità le entità coinvolte nella spiegazione di un fenomeno.

L’apoteosi del sistema riduzionistico è lo studio della genetica, del DNA e la connessione con le malattie. Dal 1953 a oggi, dopo la scoperta del DNA, si è riusciti nell’impresa di sfondare un nuovo muro del microcosmo, in sostanza un passo avanti sempre nel più piccolo. Le conclusioni però non sono diverse dalle precedenti indagini. In presenza di una modificazione di un gene e di una concomitante malattia, si ritiene logica la deduzione: la conseguenza che si è andata modificando è la causa della malattia. Se riprendiamo l’allegoria dei pompieri è come se si fosse solo scoperto che a monte i anche una centrale operativa dalla quale partono i pompieri. In America si investono ormai miliardi di dollari nel programma del genoma umano e gli scienziati sembrano aver trovato pace nella ricerca delle cause delle patologie. Ovviamente, questa impostazione riconduce tutto facilmente all’ereditarietà e alla predisposizione genetica alle malattie. Cosi se una donna ha un tumore al seno e si rileva che il gene BRCAA risulta modificato, si pensa di aver scoperto in questo la musa genetica. Qual è la soluzione prospettata? Sulla base dell’esame del DNA, piuttosto ci diranno quali malattie avremo e allora, quale migliore n i a pia che prevenire con buoni farmaci? In questo contesto ci si deve mordere ancora una volta la lingua: in America i geni sono oggetto di brevetto commerciale, ma questa è la solita storia dell’essere umano che ricerca l’utile anziché il giusto.

La verità sulla genetica è un’altra.

Non sono solo gli studi di Hamer a confortarci dell’ennesima inesattezza riguardo al DNA, conseguente all’indagine riduzionistica. Recenti studi in biologia hanno confermato che la vita di una cellula dipende principalmente dalla membrana esterna, dove risiedono le PIM (Proteine Integrali di Membrana), deputate al transito in entrata e in uscita di tutti i segnali.

Mono proprio i segnali esterni che hanno determinato, in miliardi di anni di evoluzione, la formazione dell’attuale stato cellulare, nucleo e DNA compreso. Infatti, se volete eliminare una cellula, basta ledere la membrana plasmatica esterna, mentre togliendo nucleo e DNA la cellula continua a vivere.

All’inizio le cellule erano procariote (senza nucleo) e per miliardi di anni hanno popolato la Terra, poi si sono evolute acquisendo ed elaborando nel tempo i segnali esterni. Questi si sono trasformati in informazioni immagazzinate e raccolte nel nucleo e nel DNA, per conservare la memoria di quanto acquisito.

Ma questo nucleo non sta lì a programmare malattie, anzi continua a modificarsi nel tempo e questo solo in base ad altri segnali ricevuti dall’esterno attraverso la membrana.

Secondo il biologo Bruce Lipton queste continue modifiche e adeguamenti ai segnali esterni sono ciò che chiamiamo semplicemente evoluzione dell’universo; secondo Hamer, conflitti biologici che ci permettono di evolvere, superando l’ostacolo. E’ interessante rilevare come queste considerazioni raccolte dalle ricerche in biologia da Lipton siano del tutto indipendenti dalla ricerca di Hamer, ma si supportino scientificamente. Spesso nel percorso delle scoperte scientifiche abbiamo assistilo al raggiungimento di risultati similari o complementari ottenuti, quasi contemporaneamente, da scienziati diversi, oltre che per nazionalità, anche per metodo di ricerca. Se questo ci fornisce da un lato la garanzia della scientificità delle loro scoperte, in quanto reciprocamente comprovabili, dall’altro ci con ferma che quelle scoperte sono storicamente pronte per l’umanità. In questo senso possiamo affermare che, grazie a due scienziali Hamer e Lipton, stiamo assistendo al raggiungimento di uno sti a ordinario traguardo comune: la definitiva prova scientifica del coinvolgimento della psiche umana nei processi patologici e nel processi biochimici del corpo umano. Le conseguenze delle loro ricerche sono sconvolgenti, perché con la Nuova Medicina di Hamer viene ribaltata la diagnostica della Medicina, mentre con la Nuova Biologia di Lipton viene annulla to il determinismo meccanico cellulare. I risultati raggiunti, l’uno in Medicina, il secondo in Biologia, a avallano reciprocamente e soprattutto aprono la strada allo straordinario percorso di rivalutazione dell’individuo e della sua componente psichica.

Ulteriori conferme di questi assunti sul DNA vengono da più parti del mondo scientifico. Bertrand Jordan, direttore di ricerca presso il Centre National de La Recherce Scientifique (CNRS) francese e responsabile del Centre D’Immunologie di Marsiglia – Luminy, sostiene che tutta la questione dell’imputabilità delle malattie al DNA è un’impostura e accusa i genetisti che la accreditano di essere ciarlatani della scienza. Anche lui sostiene che i geni propongono, ma è l’ambiente che dispone. Sul fronte dell’applicazione terapeutica della genetica il tutto ci viene confermato da Craig Mello, premio Nobel per la medicina nel 2006, che riconosce il potenziale incredibile della terapia genica, ma afferma che, per ora, è solo un gigante addormentato. Conoscendo le cinque leggi biologiche c’è da pensare che non si sveglierà mai.

FONTE BIBLIOGRAFICA

Claudio Trupiano – Grazie, Dottor Hamer

 

 

 

Standard
Creazionismo, Scienza

IL FATTORE RH

DNA and red blood cells, conceptual computer artwork.

DNA and red blood cells, conceptual computer artwork.

Molti di noi hanno avuto modo di sapere qualcosa in merito ai gruppi sanguigni dalle lezioni di scienze apprese a scuola. Tuttavia se si confrontano le nozioni scolastiche con gli studi ed i dibattiti pubblicati sulle riviste scientifiche ci si accorge come i dati più interessanti sul tema siano stati ‘accidentalmente’ omessi dai programmi didattici di base.

Non esiste plausibile spiegazione scientifica circa la provenienza del gruppo RH negativo. La scienza ortodossa si è limitata a ipotizzare che si tratti di una non meglio identificabile, casuale mutazione genetica.

Circa l’85% degli esseri umani possiede il gene scimmiesco RH, mentre nel restante 15% non è riscontrabile il fattore RH (RH-) e ciò potrebbe essere spiegato dalla presenza di un gene alieno. Questo articolo esplora la tesi che l’umanità sia stata allevata come una razza di schiavi, dal momento che il 97% del nostro codice genetico risulta disattivo, e possiamo disporre di appena il 3%, utile semplicemente alla sopravvivenza.

Il più comune tipo di sangue umano è il gruppo 0, che è universale. I tipi di sangue sono suddivisi in due gruppi: positivi e negativi in base al fattore RH. Il fattore RH è così denominato perché collegato al nesso genetico tra umanità e scimmie Rhesus, individuabile da una specifica proteina ematica.

Quando nel sangue di un individuo è presente il fattore RH, si dice che il suo sangue sia di tipo RH positivo (RH+). Se il test restituisce esito negativo, vuol dire che il fattore Rhesus è assente.

E’ stato provato che uno dei fattori ereditari più stabili e meno suscettibili di mutazioni generazionali sia proprio il sangue. Come si diceva, la maggior parte delle persone – circa l’85% – possiede sangue RH positivo, elemento a sostegno della tesi secondo cui gli esseri umani si sarebbero evoluti dai primati. Tuttavia esiste un restante 15% che risulta del tutto sprovvisto del fattore RH. Se è vero che il gruppo sanguigno rientri tra le caratteristiche genetiche meno mutevoli, da dove proverrebbe il tipo RH negativo?

Si tratta di un interrogativo che per decenni ha lasciato perplessi gli scienziati. Alcune prove suggeriscono che il fattore RH negativo sia apparso sul pianeta circa 35.000 anni fa, all’interno di alcune aree geografiche molto circoscritte, al punto da sembrare collegato con alcuni particolari gruppi sociali e tribù. Le aree in cui la sua presenza fu riscontrata in misura maggiore sono la Spagna settentrionale, la Francia meridionale e la etnia basca. Un altra etnia con alta concentrazione del fattore RH- è quella ebraica dell’Est.

In generale, circa il 40% della popolazione europea possiede il fattore RH-. Solo il 3% degli africani e l’1% degli asiatici e dei nativi americani è RH-. Sulla scorta di tali informazioni statistiche, non è difficile risalire alle aree geografiche in cui il fattore RH- potrebbe essere stato originariamente introdotto nel codice genetico umano. Stiamo parlando della regione caucasica.

Dal punto di vista scientifico, se il fattore RH-negativo fosse davvero una tipologia sanguigna ‘normale’, a cosa dovrebbero addebitarsi gli inconvenienti che sorgono quando una madre RH- dà alla luce un bambino RH+? Si tratta di una malattia emolitica, o meglio di una reazione allergica che può produrre conseguenze gravi quando i due diversi gruppi sanguigni si mescolino durante la gravidanza, dal momento che le sostanze antigeniche presenti nel tipo RH- attaccano le cellule RH+.

Ciò detto, a cosa può addebitarsi una lotta genica tra due tipi di sangue ugualmente umano? Abbiamo a che fare con un gruppo sanguigno alieno? Esiste un unico altro caso in natura in cui ha luogo una simile reazione tra organismi che si accoppiano: quando asini e cavalli vengono incrociati per la produzione di muli. Tutto ciò è comprensibile, in quanto si tratta di un incrocio ‘innaturale’, che allo stato brado non esiste. L’ibridazione che dà vita ai muli ha luogo esclusivamente a causa dello intervento umano. Dunque, è possibile che esistano due tipologie di esseri umani, simili ma geneticamente diverse?

PECULIARITÀ
Nella maggioranza delle persone con sangue di tipo RH- si tende a riscontrare una serie di caratteristiche comuni. Ecco un elenco tratto dal sito RH Negative Registry

  • Senso di non appartenenza
    • Tendenza a ricercare la verità
    • Senso di dovere compiere una ‘missione’ nella vita
    • Empatia e compassione
    • Una costola e/o una vertebra supplementare
    • Quoziente intellettivo superiore alla media
    • Percettività extrasensoriale
    • Amore per lo Spazio e la Scienza
    • Maggiore sensibilità della vista
    • Non è possibile clonarle
    • Temperatura corporea inferiore alla media
    • Pressione sanguigna più alta della media
    • Colore degli occhi blu, verde o nocciola
    • Capelli rossi o con riflessi rossastri
    • Elevata sensibilità al calore e alla luce solare
    • Fobie inspiegabili
    • Sguardo profondo
    • Tendenza ad essere guaritori
    • Empatia per le malattie
    • Tendenza a provocare malfunzionamenti nei dispositivi elettrici
    • Tendenza ad essere vittime di rapimenti alieni
    • Tendenza ad assistere a fenomeni inspiegabili
    • Tendenza a fare sogni molto vividi
    • Barriere immunitarie più forti
    • Condizioni di autoimmunità e markers dell’antigene HLA B27
    • Pelle chiara, squilibri di melanina e carenze di vitamina D
    • Capacità di processare la CO2 in modo più efficiente della media.
    • Squilibri di Ferro e Rame
    • Sensibilità alle allergie ambientali

Cosa si potrebbe concludere dagli elementi illustrati? E’ stato dimostrato che il sangue è l’organo con minori probabilità di mutazione. Se si esclude quella di cui stiamo dibattendo, la scienza non ha mai registrato altre mutazioni genetiche nel sangue.Elemento che supporta la tesi secondo cui il fattore RH- sia stato introdotto da una fonteesterna, ad esempio esseri simili agli umani, ma non terrestri. E’ possibile che una specie aliena abbia manipolato la vita preesistente sul pianeta per creare l’uomo moderno?

LA STIRPE GIUNTA DAL CIELO

Molti testi antichi, compresa la Bibbia, sembrano supportare questa teoria. Molte storie nei testi antichi, in particolare quelle contenute nei testi pre-cristiani, narrano di una stirpe giunta dal cielo che avrebbe creato l’uomo a propria immagine. L’uomo primitivo li identificò come divinità dalla straordinaria longevità, e capaci di compiere prodigi, ad esempio volare su strani veicoli e provocare assordanti boati sparando fuoco da tali mezzi. Gli esseri umani assistettero alla edificazione di mastodontici monumenti e splendide città da parte di queste creature apparentemente divine. Perché dal punto di vista di un umanoide primitivo non potevano che apparire come divinità.

Ma in realtà chi erano, tali divinità? I miti ci dicono molto su di esse. Mediante ciò che si suppone fosse una tecnologia avanzata erano in grado di volare nello spazio. Erano maestri di aviazione, metallurgia, astronomia, medicina e – ovviamente – genetica. Conoscevano l’energia atomica ed utilizzarono il suo potere distruttivo, a giudicare dalle prove prodotte da studi di paleo-geologia. Conoscevano le tecniche dell’agricoltura e sapevano come creare cereali più nutrienti ed altri derivati alimentari. Tutte le granaglie con cui gli esseri umani ancora oggi si alimentano sono apparse contemporaneamente sul pianeta nel corso di un periodo non più lungo di 10.000 anni. Tempo molto breve, biologicamente parlando, oltre il quale non fu più sviluppata alcuna nuova forma di grano.

I nostri testi antichi narrano che un giorno queste creature iniziarono ad accoppiarsi con gli esseri umani. La Bibbia dice che gli dei guardarono le donne e le trovarono piacevoli per gli occhi, e quindi le presero in mogli, e concepirono figli, molti figli.

Nella prima parte dell’articolo ho descritto cosa accade quando due specie geneticamente simili ma non uguali, vengano incrociate. Esse producono ibridi, ad esempio i muli risultanti dalla ibridazione di cavalli ed asini. Tuttavia la non perfetta compatibilità genica fa si che i muli nascano sterili. Di conseguenza quando sarebbero stati creati gli esseri umani, essi potrebbero essere stati il frutto di una ibridazione ottimizzata mediante tecnologia avanzata, dal punto di vista delle facoltà riproduttive.

Potrebbero essere stati creati tre prototipi, ognuno più avanzato del precedente. I primi due avrebbero funto solo da iter sperimentale per giungere tipo definitivo. Si sospetta che l’uomo di Neanderthalsia stato uno dei primi risultati di questi esperimenti, mentre sarebbe molto più elevata la possibilità che il Cro-Magnon sia stato prodotto da tali sperimentazioni. L’ultimo tipo sarebbe corrisposto a ciò che oggi definiamo proto-umanità, e da esso sarebbe disceso l’uomo moderno, cioè il risultato finale degli incroci tra gli ‘dei’ e la proto-umanità.

Questo incrocio in larga parte non avrebbe prodotto inconvenienti dal punto di vista della riproduzione, ad eccezione di una linea di sangue che sviluppò il fattore RH-negativo, che cioè non ereditò la proteina ematica connessa agli antenati scimmieschi.

GUERRA TRA BLOODLINES

Per secoli i regnanti europei sono stati perseguitati dalla emofilia o ‘malattia del sangue.’ Sembra che la regina Victoria fosse una ‘vettrice’ di emofilia, e che la trasmise a tutti i suoi figli, che a loro volta si sposarono con regnanti di altri paesi europei, infettando praticamente tutte le case reali europee tra il 1800 ed il 1900.

Di conseguenza l’emofilia fu ribattezzata ‘Malattia Reale.’ Per collegare gli elementi appena citati, bisogna aggiungere che attualmente solo il 5% degli appartenenti a tutte le case reali del pianeta sono portatori di un tipo di sangue RH-. Insomma, una percentuale che si pone al di sotto della media della popolazione generale. Ciò indica che la maggior parte dei sovrani non è RH-. E’ questo il motivo dei cosiddetti ‘matrimoni combinati’?

Per la cronaca il gruppo etnico con i più elevati tassi di sangue RH- è quello dei berberi del Marocco. Dal punto di vista territoriale, uno studio ha stabilito che la concentrazione più elevata di RH- si trovi nell’attuale Iraq. Sembra che la stirpe dei berberi abbia avuto origine migliaia di anni fa sul confine tra Siria ed Iraq.

E’ plausibile l’ipotesi secondo cui i regnanti europei rifiutino i matrimoni misti con individui RH- per non mischiarsi con la linea di sangue ‘arabo’? In effetti sembra che il ceppo RH- dei popoli baschi provenga dai viandanti berberi giunti in quei territori via mare già nello 8000 aC. Molte antiche pitture rupestri rinvenute in quei territori sono attribuibili a tali ‘stranieri’ dalle grandi capacità artistiche.

L’unica cosa certa è che se le case regnanti europee si rifiutano di mischiare il loro sangue con individui RH-significa che questi ultimi rappresentano una ‘linea di sangue’ avversaria.

Curioso constatare come l’istituto del matrimonio in taluni casi, oltre che come ‘impresa dinastica’ sia una forma di perversa ‘guerra genica.’ Ad esempio attraverso il contagioso passaggio deliberato di una antica malattia. Per sapere quanto antica, bisogna esaminare la figura di El Zarhawi.

Il padre della chirurgia moderna fu El Zarhawi o Albucasis. Egli descrisse nei suoi studi una malattia che conduceva i maschi di una determinata famiglia a morire come conseguenza delle più banali lesioni.

Il nome esteso era Abul Qasim Khalaf ibn al-Abbas al-Zahravi. Nacque e crebbe presso Zahra, borgo reale di Cordova (in arabo:Qurtuba), capitale della Spagna musulmana. Come la storiografia ci insegna, Zahra gareggiava con Baghdad in grandezza e magnificenza. Al-Zahravi occupò il ruolo di medico di corte del re di Al-Hakam-II di Spagna, e morì nel 1013 dC dopo una lunga e brillante carriera in cui ideò molti strumenti chirurgici moderni. Introdusse nuove procedure quali la cauterizzazione delle ferite, la frantumazione dei calcoli all’interno della vescica, la vivisezione e la dissezione, ed ideò numerose nuove tecniche mediche. Tra le altre cose, Al-Zahravi fu il primo a fornire una dettagliata descrizione della emofilia.

Sulla base di queste premesse non è difficile domandarsi se il buon medico abbia mai preso in cura qualche componente di famiglie reali arabe di ‘mori’, nella Spagna dell’epoca, ammalato di emofilia. E non è difficile chiedersi in che modo un presunto sangue aristocratico come quello della regina Victoria possa aver contratto la strana malattia di origine araba. Fu acquisita dai suoi antenati della famiglia reale spagnola? Sembra infatti che Victoria fosse una diretta discendente del re spagnolo Ferdinando di Castiglia, vissuto nell’XI secolo dC.

In altre parole, è possibile che le discendenti femmine di Victoria, portatrici sane del gene dell’emofilia, unendosi in matrimonio con molti componenti di stirpi reali di mezza Europa, siano state usate per sabotare le future stirpi reali, contaminando i discendenti maschi della linea di sangue concorrente?

IL SANGUE BLU

Concludiamo con una curiosità. L’espressione ‘sangue blu’ con cui si definiscono i soggetti sprovvisti del fattore RH, deriva dallo spagnolo sangre azul, che indica l’appartenenza ad una stirpe nobile, e si riferisce al fatto che nei nativi spagnoli dalla pelle più chiara le vene si staglino visibilmente sul corpo pallido come linee di colore azzurro, attributo non posseduto da quelli di discendenza araba. L’espressione fu coniata dopo l’occupazione della Spagna da parte dei Mori (VIII – XV sec dC.), quando le due etnie si mischiarono con i matrimoni misti. L’aristocrazia spagnola, in particolare alcuni Castiglia, si rifiutarono di mescolarsi con i Mori, e conservarono questa caratteristica. Da allora la locuzione sangue blu fu usata per descrivere le famiglie più antiche ed aristocratiche.

FONTE : Anticorpi.info

Standard
Paleocontatto

IL DNA SPAZZATURA

Un gruppo di ricercatori che lavorano al Progetto Genoma Umano, capitanati dal Professor Chang, hanno comunicato una sorprendente scoperta scientifica: credono che le cosiddette sequenze non codificanti del DNA umano, ovvero quello che si pensava essere Junk (spazzatura), non sono altro che il codice genetico di forme di vita extraterrestri. In pratica gli ET sarebbero nostri parenti stretti…

Cattura

Le sequenze non codificanti sono comuni a tutti gli organismi viventi sulla Terra, dalle spore (muffe) fino ai pesci, come per l’uomo, nel DNA umano esse costituiscono gran parte del genoma totale, come asserisce il Prof. Sam Chang, il capo del Team di scienziati. Sequenze non codificanti, originariamente conosciute come “DNA spazzatura”, sono stati scoperte anni fa, e la loro funzione è rimasta un mistero. La stragrande maggioranza del DNA umano è di un altro Mondo. Gli apparenti “geni spazzatura extraterrestre” possono solo godersi il viaggio. Dopo un’analisi approfondita con l’aiuto di altri scienziati, programmatori informatici, matematici e altri ricercatori, il professor Chang aveva chiesto se l’apparente “DNA spazzatura” è stato creato da una sorta di “programmatore extraterrestre”.

Una più alta forma di vita extraterrestre è stata impegnata nella creazione di una nuova vita e su pianeti diversi.

“I pezzi alieni all’interno del DNA umano – osserva il professor Chang – hanno delle proprie vene, arterie e un proprio sistema immunitario”. Il professor Chang stabilisce inoltre che “la nostra ipotesi è che una più alta forma di vita extraterrestre è stata impegnata nella creazione di una nuova vita e su pianeti diversi. La Terra è solo uno di loro. Forse, dopo la programmazione, i nostri creatori ci crescono allo stesso modo si cresce batteri in piastre di Petri, non possiamo conoscere le loro motivazioni. Se si trattava di un esperimento scientifico, o un modo di preparare nuovi pianeti per la colonizzazione, o si tratta di affari da tempo in corso di seminare la vita nell’universo “. Il Professor Chang indica inoltre che “se pensiamo in termini umani, questi programmatori extraterrestri, stavano molto probabilmente lavorando su un super codice composto da diversi progetti, e questi progetti avrebbero dovuto produrre varie forme di vita per altri pianeti.

Sono state anche cercate diverse soluzioni. Questo Super Codice o Grande Codice, una volta eseguito, non possiede una funzione, ma modificandone le parti e aggiungendone di nuove, una volta eseguito ancora, si possono ottenere dei miglioramenti, via via che ogni volta se ne aggiungono delle parti.

Il team del professor Chang concludono inoltre che, agli “apparenti programmatori extraterrestri” potrebbero aver avuto l’ordine di tagliare tutti i loro piani idealistici per il futuro, quando si sono concentrati sul” Progetto Terra ” per rispettare una ipotetica scadenza. I coordinatori del progetto “Genoma Umano” molto probabilmente, in modo frettoloso, gli ET programmatori, possono aver dovuto ridurre drasticamente “il super codice” e consegnato un programma di base, già preimpostato, destinato alla Terra “. Il professor Chang è solo uno dei molti scienziati e ricercatori che hanno scoperto altre origini extraterrestri all’umanità. Chang e i suoi colleghi,

mostrano che le lacune della “programmazione extraterrestre nel sequenziamento del DNA precipitato o gettato in fretta sulla Terra, allo scopo di creare la vita umana sulla Terra, ha presentato una Umanità con una crescita senza logica nella massa di cellule che conosciamo come il cancro”. Chang (nella foto a destra) indica inoltre che “quello che vediamo nel nostro DNA è un programma composto da due versioni, un codice grande e il codice di base. Il dr. Chang afferma poi che “il programma completo del DNA” non era scritto in modo positivo sulla Terra. E’ ormai un dato di fatto già verificato nelle ricerche passate e che i geni da soli non sono sufficienti a spiegare

l’evoluzione; ci deve essere qualcosa di più in gioco…“Prima o poi – dice Chang – dobbiamo fare i conti con l’idea incredibile che ogni vita sulla Terra porta con se un pezzo genetico di un parente o cugino extraterrestre e che l’evoluzione non è quello che pensiamo che sia”.

FONTE        http://www.universo7p.it/

Standard
Extraterrestri

ANIMA, DNA E GENOMA

 dhdhs

Due sono i punti da mettere ulteriormente a fuoco.

Il primo: la chiave per comprendere il funzionamento delle frequenze poste, sulle quali sto tuttora indagando. Non posso ancora formine i valori etani e sicuramente, prima di conoscerne tutte le varianti e le possibilità, trascorreranno anni; tuttavia il loro meccanismo di funzionamento sembra chiaritoli secondo: l’Anima, interrogata sul perché scelga una persona e non un’altra, dice che è questione di geni. Sostiene d’interagire con l’interno del DNA: alcuni soggetti vanno bene, mentre altri non sono adeguati poiché vibrano secondo frequenze diverse dalla sua.

Tra l’altro gli interpellati si esprimono tutti allo stesso modo: sostengono che c’è incompatibilità genetica con gran parte della razza umana, la quale non può quindi avere Anima; le frasi che usano sono diverse ma, in sintesi, alla fine la percentuale delle persone dotate di Anima si attesta intorno al 25%.

Le espressioni utilizzate per rispondere alla domanda “Quante persone hanno l’Anima?” dopo che l’addotto in ipnosi abbia affermato di propria volontà che non tutti gli esseri umani ce l’hanno, sono state:

1 Meno del 50%.

2 Attorno al 30%.

3 II 20%.

4 Circa il 25%.

5 Pochi.

6 Molto pochi.

7 Non tutti.

8 Di preciso non so, ma pochi.

Le variazioni sono probabilmente attribuibili all’assenza dell’asse del Tempo e, di conseguenza, alla difficoltà di quantificare.

Il DNA è una molecola semplice (assolutamente semplicissima anche da un punto di vista strutturale) costituita da tre parti fondamentali: il desossiribosio, i gruppi fosfato (sotto forma di esteri organici) 1 le basi azotate (quattro in tutto) che si alternano con frequenze precise. L’alternarsi delle basi azotate contiene le informazioni che permettono al DNA di funzionare e di costruire le opportune catene di amminoacidi, i polipeptidi.

Detto così sembra semplice ma, se si guarda il DNA con l’occhio dell’ingegnere genetico, si scopre che interessanti proprietà spaziali sono insite nella struttura di questa molecola. Da una serie di studi effettuati sul DNA umano, si evince che ancora nessuno è riuscito a comprenderne il vero funzionamento.

Sì sa che il 10% circa di quella struttura macromolecolare serve alla sintesi dei polipeptidi. E il resto (spazzatura è il termine per mezzo del quale viene generalmente definita questa parte del DNA; è evidente che, invece, serve a qualcosa… tuttavia credo fermamente che lo scopo della sua esistenza non sia affatto chiaro).

La struttura del DNA appare, all’occhio attento del Chimico, come una scala a chiocciola estremamente regolare. Un giro completo delle due eliche, che sono sfalsate tra loro, avviene circa ogni dodici scalini (la struttura del DNA è una molla che non ha una precisa lunghezza, ma oscilla. È assolutamente probabile che non si tratti di dodici scalini esatti, ma il problema è difficilmente risolvibile perché, se tento di analizzare il DNA, devo prenderlo e tirarlo fuori dall’ambiente nel quale si trova andando a mutare il suo stato magnetico e termico. Dunque non riuscirò mai a vedere la molecola così com’è al naturale), cioè ogni dodici interazioni tra le basi puriniche e pirimidiniche delle due eliche che lo compongono. La distanza tra un vertice e l’altro, cioè la larghezza della doppia elica, è di circa 20| angstrom (1 angstrom = IO-10 m) e la lunghezza di un giro completo è di circa 34 angstrom. Questi valori, misurati con i raggi X, sono abbastanza imprecisi essendo la macromolecola del DNA in continua vibrazione, come evidenziato dalla spettroscopia infrarossa. In definitiva, quindi, il DNA ci appare più come1 una molla che come una scala a chiocciola.

Stranamente, 12 (il numero di scalini che compongono un giro completo dell’elica) diviso per 20 (diametro dell’elica stessa) fornisce come risultato 0.6, laddove 0.618 è la mantissa del numero aureo. E ‘possibile che i dati relativi al DNA – ufficialmente il giro completo delle eliche avviene ogni 10,5 scalini – siano stati appositamente misurati in condizioni non ottimali proprio per evitare certe osservazioni? Esistono ulteriori esempi che conducono a questo sospetto, come, per esempio, l’abbandono del sistema MKS – soppiantato dal CGS – nelle misurazioni fisiche, nonché l’alterazione della scala musicale nella quale il DO di oggi non corrisponde più a quello di un tempo e certe frequenze musicali sono state stranamente spostate. Ad esempio, la vera frequenza del FA DIESIS QUINTO era di 314.16 Hz. Oggi non è più così…

Se si esamina la struttura del DNA con uno strumento elettronico, ci si accorge che può essere paragonato ad una doppia bobina formata da due fili che si avvolgono intorno a un luogo di punti centrale, l’asse del DNA. Bisogna infatti ricordare che i legami chimici sono formati da zone di spazio nelle quali alcuni elettroni si muovono generando campi elettromagnetici localmente forti. In altre parole, il DNA è una struttura in grado non solo di emettere informazioni (attraverso conformazioni che sono la base costituente di una catena di peptidi), ma è anche una vera e propria antenna che riceve e trasmette campi elettromagnetici.

Di questi aspetti del DNA la scienza ufficiale tende a non interessarsi. Alcune scuole di pensiero new age si sono invece recentemente scatenate nel dire idiozie sul DNA a dodici eliche che servirebbe all’Uomo per essere immortale. Nulla di tutto questo ha una sia pur minima base logica. Invece viene da pensare che le misure del DNA siano legate alla sezione aurea e al Pi Greco, cioè che l’Universo sia stato costruito tutto con le stesse regole.

IL GENOMA E L’ANIMA

DNA-Strand

“ L’ultima teoria del padre del DNA :  l’anima è fatta solo di neuroni ”

 “Ormai è dimostrato che la coscienza nasce da reazioni biochimiche del cervello : non vi è niente di sovrannaturale”

(La Repubblica)

Il genoma umano sta diventando l’equivalente moderno e secolare dell’Anima? È nella costellazione di geni che compongono il suo DNA l’essenza dell’uomo? A porre queste domande, anzi ad avanzare questa provocazione, è stato, qualche settimana fa sulla rivista americana Science, lo svizzero Alex Mauron, biologo molecolare e di bioetica in forza all’Università della Scuola Medica di Ginevra.

Domande tempestive. Provocazione utile. Perché intorno al DNA umano e al suo recente sequenziamento integrale sta nascendo una nuova metafisica: la “metafisica genomica”, per dirla con Mauron. Una visione del mondo che individua nel DNA, nuda ed essenziale, la nostra natura umana. Nella “metafìsica genomica”, infatti, il DNA è l’elemento fondante ed esaustivo dell’identità di un’intera specie e di ogni suo singolo individuo. In questa visione, noi siamo il nostro DNA. È il genoma che ci conferisce la nostra “umanità”. Insomma, sostiene Mauron, il genoma è diventata la versione moderna dell’Anima. Anche se è un’Anima secolare e persino materiale.

L’Anima? Non è altro che una particolare combinazione di neuroni del cervello. Mettendo fine a secoli di lotte tra scienza e religione, Francis Crick, padre del DNA, ha pubblicato sulla rivista scientifica britannica “Nature Neuroscience” uno studio destinato a far discutere. Nel cinquantesimo anniversario della scoperta del DNA, che gli valse il Nobel insieme al suo collega James Watson, lo scienziato attacca ogni ipotesi metafisica proponendone una organicistica. «La convinzione scientifica – ha più volte detto il padre del DNA – è che le nostre menti, il comportamento dei nostri cervelli, possono essere interamente spiegati dall’’interazione delle cellule cerebrali». Anni di sperimentazione, di studi su pazienti con lesioni al cervello, di test su animali e di ricerche psicologiche hanno permesso allo scienziato di arrivare all’essenza stessa dell’Anima. Alcuni degli elementi più di rilievo provengono dallo studio e dalla cura di pazienti epilettici.

«È evidente che la coscienza nasce da reazioni biochimiche del cervello», ha detto da parte sua Christopher Koch, professore di scienza neurologica all’Istituto di Tecnologia della California e co-autore dello studio.

La ricerca descrive il modo in cui diverse parti del cervello si fondono Luna con l’altra per creare un senso di coscienza, quello che i credenti chiamano Anima. «Per la prima volta – si legge nello studio – abbiamo uno schema co-ergente per i correlati neurali della coscienza in termini filosofici, psicologici e neurali». In vista delle prevedibili polemiche, la Chiesa è già scesa in campo.

Il reverendo Michael Reiss, professore di scienza alla University of London, ha minimizzato la portata della scoperta di Crick, che avrebbe solo scoperto le componenti neurologiche della coscienza: “È come dire che una cattedrale è un ammasso di pietre e vetro: è vero, ma è semplicista e non rende l’idea». Il professor Crick, che ha 86 anni, in passato ha detto più volte che un giorno l’umanità intera avrebbe dovuto accettare il concetto che Anima e promessa di vita eterna non esistono, un po’ come un tempo dovette accettare che la Terra era rotonda.

Dunque anche la scienza ufficiale ha capito che questo problema necessita di chiarimenti che, per un indagatore aperto, potrebbero venire proprio da ciò che è emerso nelle ipnosi regressive.

Le menti degli addotti, infatti, sembrano con!” ’re molte informazioni pro-venienti sia dalle conoscenze delle menti aliena (MAP), sia dalle memorie a lunghissimo termine delle componenti umane (soprattutto dell’Anima e dello Spirito).

Ad esempio, uno degli addotti (titolo di studio: terza media) mi disse in ipnosi che, per connettere stabilmente l’Anima al DNA, e quindi per non far più morire il corpo, occorreva una proteina che si chiamava TrTs.

Ebbene, esistono realmente alcune proteine della classe TrTs (acronimo di “Transferase Terminale”). Si tratta di molecole che, guarda caso, servono per legare al DNA certe altre particelle. Strano, vero?

Un’altra addotta, della quale avevo isolato Anima, disegnò il DNA così come lo vedeva. Ne risultò un’immagine che si potrebbe considerare classica tranne che per un’eccezione: all’interno delle due eliche “normali” c’era qualcos’altro, tanto da far sembrare che le eliche, in realtà, fossero tre.

Nel disegno comparivano anche alcune palline ai bordi delle eliche esterne, perfette rappresentazioni delle molecole di cristallizzazione dell’acqua intorno al DNA.

Nessuna trasmissione televisiva o testo di biologia disegna, di solito, questi oggetti. Oltre a questo, l’addotta in questione non aveva alcuna idea di come il DNA potesse essere fatto.

FONTE

Corrado Malanga – Alieni o Demoni

Standard
Salute

EPIGENETICA

Immagine

Intervista di Barbara Stahura a Bruce Lipton sui concetti di Epigenetica e DNA alla base del bestseller LA BIOLOGIA DELLE CREDENZE – Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula, tradotto in italiano da Macro Edizioni.

Durante il periodo in cui Bruce Lipton lavorava come ricercatore e professore alla scuola di medicina, fece una sorprendente scoperta sui meccanismi biologici attraverso i quali le cellule ricevono ed elaborano le informazioni: infatti, piuttosto che controllarci, i nostri geni sono controllati, sono sotto il controllo di influenze ambientali al di fuori delle cellule, inclusi i pensieri e le nostre credenze. Questo prova che non siamo degli “automi genetici” vittimizzati dalle eredità biologiche dei nostri antenati. Siamo, invece, i co-creatori della nostra vita e della nostra biologia. Lipton descrive questa nuova scienza, chiamata epigenetica, nel suo libro “The Biology of Belief: Unleashing the Power of Consciousness, Matter and Miracles” (N.d.T.: Biologia delle Credenze: Liberare il Potere della Consapevolezza, della Materia e dei Miracoli) (2005: Mountain of Love/Elite Books). Pieno di citazioni e riferimenti di altri scienziati che conducono, in tale campo, ricerche all’avanguardia, questo libro potrebbe, letteralmente, cambiare la vostra vita al suo livello più fondamentale. Fino alla scoperta dell’epigenetica, si credeva che il nucleo di una cellula, contenente il DNA, fosse il “cervello” della cellula stessa, del tutto necessario per il suo funzionamento. Di fatto, come hanno scoperto Lipton ed altri, le cellule possono vivere e funzionare molto bene anche dopo che i loro nuclei siano stati asportati. Il vero “cervello” della cellula è la sua membrana, che reagisce e risponde alle influenze esterne, adattandosi dinamicamente ad un ambiente in perpetuo cambiamento. Che cosa significa questo per noi, quali collezioni di cellule chiamati esseri umani? Man mano che incrociamo le diverse influenze ambientali, siamo noi a suggerire ai nostri geni cosa fare, di solito inconsciamente. I carboidrati ci fanno ingrassare? Sì, se lo crediamo. Saremo amati, avremo successo nel lavoro, saremo ricchi? Se ci crediamo, lo saremo. Lipton ci mostra anche come Darwin avesse torto. La competizione non è la base dell’evoluzione; non è la sopravvivenza del più forte che ci permette di sopravvivere e prosperare. Al contrario, dice, dovremmo leggere l’opera di Jean-Baptiste de Lamarck, che venne prima di Darwin e dimostrò che la cooperazione e la comunità sono la base della sopravvivenza. Immaginate se ciascuna dei vostri trilioni di cellule decidesse di farcela da sé, di combattere per essere la regina della collina piuttosto che cooperare con le cellule compagne. Per quanto sopravvivereste? Bruce Lipton è un’autorità mondiale per quanto concerne i legami tra scienza e comportamento. Biologo cellulare, ha insegnato Biologia Cellulare presso la facoltà di Medicina dell’Università del Wisconsin e si è dedicato in seguito a ricerche pionieristiche alla School of Medicine della Stanford University. È stato ospite di decine di programmi radiotelevisivi ed è un conferenziere di primo piano. Le sue rivoluzionarie ricerche sulla membrana cellulare hanno precorso la nuova scienza dell’epigenetica e hanno fatto di Lipton una delle voci più note della nuova biologia.

L’INTERVISTA

Barbara Stahura: La premessa di base della tua ricerca e del tuo libro, The Biology of Belief, è che il DNA non controlla la nostra biologia.

Bruce Lipton: Sì. Ho cominciato a studiare questo verso la fine degli anni ’60. Da allora la scienza di frontiera ha iniziato a rivelare tutte le cose che avevo osservato. I biologi che fanno ricerca d’avanguardia sono a conoscenza di ciò che dico nel libro. Il pubblico, però, non ne ha comprensione alcuna perché, o gli arriva in forma abbreviata, o quello che gli viene venduto è la credenza che siamo controllati dai nostri geni, sebbene ciò non sia sostenuto dalla scienza d’avanguardia. Tutto il mio sforzo si è concentrato nel far giungere al mondo l’informazione d’avanguardia. L’orientamento mentale del pubblico è stato programmato secondo la credenza che siamo degli automi genetici, che i geni controllano la nostra vita, che ne siamo vittime, e via di seguito. Il punto, però, è che la scienza di frontiera – quella di cui parlo – si è stabilizzata da almeno 15 anni. È ora che sia portata nel mondo perché è lì che viene usata.

BS: Questa scienza relativamente nuova sulla quale tu scrivi viene chiamata epigenetica. Ci spiegheresti di che cosa si tratta?

BL: L’epigenetica è quella scienza che mostra che i geni non si auto-controllano, ma sono controllati dall’ambiente. Si sa da circa 15 anni, e ora fa finalmente fa capolino da dietro l’angolo. Ti faccio un esempio. La Società Americana per il Cancro ha recentemente pubblicato una statistica che afferma che il 60 per cento dei tumori sono evitabili, cambiando stile di vita e dieta. Quest’informazione proviene da un’organizzazione che ha cercato per circa 50 anni i geni del cancro. E ora se ne viene fuori dicendo: è lo stile di vita, non sono i geni. Ci siamo focalizzati sul cancro come se fosse una questione genetica, ma solo il cinque per cento dei cancri ha una connessione genetica. Il novantacinque per cento dei cancri in effetti non ha nessuna connessione coi geni. La ragione (che ci fa dire che c’è una connessione genetica) è che tale spiegazione è fisica, tangibile, perciò preferiamo lavorare su di essa. E il 95 per cento che ha un cancro e non c’è una connessione genetica? Non è facile fare esperimenti su qualcosa sulla quale non puoi focalizzarti fisicamente.

BS: Così il determinismo genetico – l’idea che siamo controllati dai nostri geni – è inevitabilmente incrinata, come dici nel libro.

BL: Sì.

BS: Hai scritto anche di Jean-Baptiste de Lamarck e della sua teoria dell’evoluzione – che sopravviviamo attraverso la cooperazione, piuttosto che la più recente idea darwiniana di competizione e sopravvivenza dei più forti. Che tutti i nostri trilioni di cellule devono cooperare per mantenere il nostro corpo in perfetto funzionamento, in quanto noi esseri umani non possiamo sopravvivere senza grandissime quantità di cooperazione gli uni con gli altri e con il nostro ambiente.

BL: Immediatamente, appena hai detto cooperazione, stavi violando la teoria darwiniana, che è competizione e lotta. Di fatto, si tratta di un’interpretazione erronea.

La nuova scienza ci dice che quella credenza è sbagliata. La credenza di cui hai appena parlato, invece – la natura della cooperazione e della comunità – è in effetti il principio basilare dell’evoluzione. Nel 1809 Lamarck ha scritto che i problemi che tormenteranno l’umanità verranno dal suo separarsi dalla natura, e ciò condurrà alla distruzione della società. Aveva ragione, perché la sua enfasi sull’evoluzione era che un organismo e l’ambiente creano un’interazione cooperante. Se volete capire il destino di un organismo, dovete capire la sua relazione con il suo ambiente.

Poi ha affermato che separarci dal nostro ambiente significa assumere la nostra biologia e tagliarci fuori dalla nostra sorgente. Aveva ragione.

E quando arrivi a capire la natura dell’epigenetica, la sua teoria ora ha trovato sostanza. Senza alcun meccanismo che, all’inizio, le desse un senso – e specialmente da quando abbiamo comprato il concetto dei biologi neo-darwiniani che affermano che tutto è controllato geneticamente – Lamarck sembrava stupido. Ma sai cosa? Aveva proprio ragione.

BS: La tua dimostrazione che il “cervello” della cellula non è il DNA ma, bensì, la sua membrana è affascinante. Che significato ha questa scoperta riguardo a ciò che pensiamo di noi stessi e della nostra vita, dal momento che siamo proprio una comunità di cellule?

BL: Se due cellule si uniscono e stanno comunicando, useranno i loro “cervelli” per farlo, giusto? E se dieci cellule si uniscono, useranno i loro cervelli affinché la loro comunicazione reciproca abbia un senso. Quando prendi un insieme di un trilione di cellule, come in un cervello umano, queste opereranno ancora secondo il principio del cervello cellulare. Beh, quando abbiamo comprato l’idea che i geni ed il nucleo formano il cervello della cellula – che ci porta fuoristrada – e la applichi come fosse un principio di neurologia o di neuro-scienza, ti sei già incamminato nella direzione sbagliata. Non puoi arrivare da nessuna parte perché quello non è il cervello della cellula.

I nostri principi su come funziona l’intelligenza sono stati totalmente sviati. Ecco perché, dopo tanta neuro-scienza, se chiedi a qualcuno: “come funziona, veramente, il cervello?” La risposta sarà: “veramente, non lo sappiamo”. Il Progetto Genoma Umano dice che quel modello è sbagliato. Pensavamo che ci volessero più di 100.000 geni per far funzionare un essere umano. Il fatto che ce ne siano meno di 25.000 ha messo un bastone tra le ruote dell’intero processo.

Come può esserci un tale esiguo numero di geni a formare una cosa così complessa come un essere umano? La risposta è che ci vuole molto di più dei soli geni a farlo funzionare – che è l’apporto dall’ambiente che può alterare la lettura dei geni.

Ci sono 140.000 proteine in un corpo umano, e si credeva che ciascuna richiedesse un gene separato per prodursi. Di colpo, trovi che ci sono 25.000 geni e 140.000 proteine, e non ci siamo con i numeri.

L’epigenetica rivela qualcosa di così sorprendente che la scienza stessa ha dei problemi a comprendere la forza di questo nuovo significato, e suona così: con il controllo epigenetico, che significa il controllo mediato dall’ambiente, un singolo gene può essere usato per creare 2000 o più proteine diverse dalla stessa matrice. Il controllo epigenetico è come un lettore che può leggere l’impronta originaria e ristrutturarla per produrne qualcosa di diverso. Ed ecco come un singolo gene può essere usato per creare molti prodotti proteici differenti. Non è stato il gene che ha prodotto ciascuna proteina, è stato il controllo epigenetico che l’ha fatto, e questo è il feedback diretto dall’ambiente. Ci allontana da quel meccanismo che dice che siamo solo macchine.

BS: E ci dice invece che non siamo vittime. Siamo co-creatori.

BL: Assolutamente.

BS: Per tanti l’idea che siano i nostri pensieri a creare la realtà, che è quello su cui si basa la Scienza Religiosa e altre tradizioni metafisiche e spirituali, è un’idea puramente spirituale. Ma la fisica quantistica ha aggiunto all’idea, il fatto scientifico. E ora, il tuo lavoro e quello di altri porta quel concetto a livello delle cellule. Che lo rende in qualche modo più reale, più tangibile.

BL: Se si definisce lo spirito più o meno su questi parametri si potrebbe ottenere una definizione del tipo “una forza motrice invisibile.” Se definisco la natura della meccanica quantistica, è una forza motrice invisibile. Di fatto afferma: “Sì, ci sono forze invisibili che modellano la nostra esistenza”. Poiché la nostra biologia è tradizionalmente basata su un concetto newtoniano e materialistico, la natura di quel sistema è di considerare le forze invisibili come non rilevanti. Però, quello che la meccanica quantistica ha stabilito è che le forze motrici invisibili sono tutto. Perciò, se la nostra scienza non si adatta alla nuova fisica, sta di fatto ostacolando il progresso in evoluzione. Quando si introducono nuove forze, si deve dar loro nuovo credito, e quando lo si fa, i ricercatori spirituali saltano su e dicono: lo sapevo! E i fisici quantistici saltano su e dicono, lo sapevo! Stiamo sempre parlando della stessa cosa. Se lo ammettessimo, l’opportunità di unione diventa così tangibile che è quasi fisica. Sì, possiamo sentirla! Ora possiamo essere tutti d’accordo. Tu la chiami come vuoi, io la chiamo come voglio. Ma siamo tutti governati da queste forze invisibili.

BS: Ho letto una tua intervista nella quale hai affermato, “piuttosto che esser vittime dei nostri geni, lo siamo stati delle nostre percezioni.” Puoi aggiungere qualcosa su ciò che significa essere una vittima delle nostre percezioni?

BL: In un certo senso, sappiamo attraverso lo studio della membrana cellulare, attraverso lo studio dell’epigenetica, che questo è fondamentale. L’epigenetica dice che i segnali ambientali influenzano l’espressione genetica, e questi segnali ambientali talvolta sono diretti, e tal’altra sono interpretazioni, quando per esempio .le percezioni diventano credenze. Così, ho una credenza su qualcosa, che è una percezione, e aggiusto la mio biologia a quella particolare credenza. Come col cancro terminale, se credo a quello che i medici mi dicono, lo loro diventa una vera e propria predizione. Se dicono che ho il cancro terminale e sono d’accordo, allora essenzialmente morirò quando, a detta loro, accadrà. Quali sono le persone che non lo fanno? I casi di “remissione spontanea.” Almeno una persona, scommetto, non ha “comprato” quella diagnosi. E la sola ragione per la quale ne sono usciti è che avevano un altro sistema di credenze completamente diverso, e quindi sono stati capaci di cambiarlo.

BS: Come possiamo cambiare le nostre percezioni o credenze fino a quel punto?

BL: La prima cosa è acquisire le nuove percezioni di come funziona la vita. Lasciare andare o riconsiderare le percezioni con le quali ci siamo formati, che, inevitabilmente, sono vittimizzanti: sono fragile, l’ambiente mi può attaccare, lo zucchero fa male. Queste sono credenze acquisite. Ma la questione è, sono veramente vere? Sono vere se questo è ciò che credi, dal momento che la percezione governa la biologia. Se sono programmato dalla percezione che lo zucchero è dannoso alla mia biologia e lo mangio, allora essendone a conoscenza intossico il mio sistema con la credenza, non con lo zucchero. La maggior parte di queste percezioni si manifestano come credenze limitanti o auto-sabotanti su quello che possiamo o non possiamo fare. Come l’auto-guarigione.

La tendenza è, no, non ti puoi guarire da solo, devi andare da qualcun altro che ti guarirà. Santo cielo! Dopo parecchi miliardi di anni di evoluzione, il sistema fu progettato per auto-guarirsi. Per quanti milioni di anni gli esseri umani hanno fatto senza medici? Perché abbiamo bisogno di così tanti medici ora? Perché la percezione è che siamo deboli e fragili, ed abbiamo bisogno del loro aiuto. Bene, questa è una percezione.

Quando eliminiamo questa percezione ed iniziamo ad immettere nuove percezioni, allora cambiamo la risposta della nostra biologia al mondo che ci circonda. Man mano che cambiamo le nostre percezioni, cambiamo le nostre risposte. Le percezioni con le quali operi – ti danno sostegno o te lo tolgono? Ti rendono più forte o più debole? Queste percezioni sono nel subconscio, che controlla il 95 per cento della nostra vita. E, quando lo fa, lo fa senza che noi ce ne accorgiamo. Non vediamo di fatto i programmi che sono automatici. Funzionano perché il conscio è occupato, ed i programmi automatici ne prendono il posto.

Quando il conscio è occupato a fare qualcosa, non sta osservando se stesso. Ci sono due fattori che ci aiutano a capire questo. Uno, la mente cosciente opera con un processore da 40 bit, che significa che può interpretare ed elaborare 40 bit di stimoli nervosi – un bit è uno stimolo nervoso – al secondo. Il che significa che entrano 40 stimoli al secondo e la mente cosciente li discerne e li capisce. La mente subconscia in quello stesso secondo sta elaborando 40 milioni di bit. Da rilevare: se confronto l’elaborazione della mente conscia con quella subconscia, la subconscia è un milione di volte più potente nell’elaborare informazioni. Elemento numero due: i neuroscienziati cognitivi dicono che il 5 per cento del nostro comportamento giornaliero è controllato dalla nostra mente cosciente ed il 95 per cento dal programma subconscio. Perciò nella nostra esistenza quotidiana, la mente subconscia è la fonte più potente della nostra biologia. La mente subconscia è un nastro registratore. Non c’è nessuno lì. È praticamente un congegno di stimolo-risposta. Non c’è bisogno di esserne coscienti. Voi ve ne andate in giro per il mondo, e farà quello che deve fare senza che dobbiate pensarci. Quando la mente cosciente è occupata, non sta osservando il subconscio.

Ed il subconscio è composto dai programmi fondamentali che abbiamo ricevuto dagli altri nei primi sei anni. Mentre si vive la vita con le nostre intenzioni e i desideri della mente cosciente, il 95 per cento del comportamento viene dalla mente subconscia, che è stata programmata da altri. E la maggior parte di tale programmazione è veramente limitante. Non ti puoi guarire da solo, non sei abbastanza intelligente, non ti meriti le cose buone, non sei bravo in disegno o quello che è. Queste affermazioni diventano programmi subconsci, che si attivano quando non faccio attenzione. La mente cosciente nella maggioranza è occupata a pensare al futuro o al passato. E se il conscio è occupato in questo, nel momento presente, si è veramente guidati dal subconscio. Il vostro cosciente è occupato a cercare di pensare: “Mi merito un aumento e di certo dovrei salire di grado in questa ditta.” Mentre lo fate di certo, state operando dal subconscio, e quello ha un programma che afferma che non vi meritate le cose. Qual è allora l’espressione del vostro comportamento? Il comportamento che è coerente con “Non mi merito.” Ciò significa che farete degli errori o altro che renderanno legittimo che non vi meritiate le cose. Non ve ne rendete conto perché non l’avete visto all’opera, e diventate frustrati riguardo la vostra vita perché ci provate così tanto ad avere successo e non andate mai da nessuna parte. E poi, ovviamente, la tendenza è, non sei tu, è il mondo ad ostacolarti.La grande e bizzarra sorpresa è che il mondo vi darà qualsiasi cosa. E’ il vostro stesso sé che è d’intralcio.

BS: Come facciamo a vincere l’opposizione della nostra programmazione subconscia?

BL: Diventane cosciente. Ci sono un paio di modi di farlo. Il modo più antico è quello dell’attenzione Buddhista. Se sei cosciente di essere qui in questo momento, mentre fai questo stupido errore, osservi l’errore, e potresti rimediarlo. La consapevolezza, però, è una cosa molto difficile da addestrare, ed è anche un processore da 40 bit che cerca di far funzionare completamente il processore da 40 milioni di bit. Perciò, per la maggior parte della gente è una procedura molto difficile perché le loro vite sono così indaffarate e sono talmente occupati che non riescono a prendere atto di ciò. L’altro modo è, puoi ritornarci dentro e riscrivere il programma, ma ci sono due cose che devi fare: A) Identificare il programma, e B) Eseguire una procedura per riscriverlo.

Quello che riflette è qualcosa alla quale la maggior parte della gente non ha fatto attenzione e è da dove vengono la maggior parte dei problemi. Pensano che possono semplicemente parlare alla mente subconscia e che questo la migliorerà. Ma la mente subconscia è un nastro registratore. Mettete un nastro nel vostro mangiacassette, accendetelo, e poi ditegli di riprodurre qualcosa di diverso. Il fatto è, che lì, non c’è nessuno. Non farà niente. Ed il potere del pensiero positivo – la maggior parte della gente dice, il potere del pensiero positivo! Provalo! E quando non funziona si sentono peggio perché non possono neanche fare quello. Perché non funziona? Perché se il programma subconscio non è allineato con la direzione conscia, allora si ha un programma che funziona su un processore di 40 milioni di bit 95 per cento del tempo, che vi tira giù mentre voi impiegate il 5 per cento del vostro tempo nella vostra immaginazione pensando pensieri positivi, mentre il vostro subconscio sta conducendo lo spettacolo e sabotandovi proprio nel bel mezzo dei vostri pensieri positivi.

Il pensiero positivo funziona solo se le credenze nel subconscio sono in linea con esso, o se siete completamente attenti. Se siete totalmente attenti ed usate quel desiderio di essere positivi e far funzionare le cose, allora vi accorgerete quando il vostro subconscio sta facendo andare un nastro e voi potete cancellarlo. Ma se non siete attenti e pensate solo pensieri positivi, allora non state conducendo lo spettacolo. Da qui vengono i conflitti. E, ovviamente, se voi foste così positivi nella vostra mente e pensaste che state conducendo lo spettacolo e pensando che non funzioni, ovviamente il mondo vi è contro. No, il mondo non vi è contro, sono i programmi limitanti ed auto-sabotanti che acquisiamo in gioventù. Qui è dove dobbiamo azzerarci.

Standard