Attualità, Cospirazionismo, Disclosure, Storia

LE PROFEZIE DI Q

Il vicepresidente americano Mike Pence con i membri della squadra SWAT della contea di Broward, Florida, il 30 novembre 2018; l’uomo a sinistra dell’immagine mostra una “Q” rossa e nera, utilizzata come simbolo dai teorici della cospirazione di QAnon. La foto è stata twittata, rimossa e quindi sostituita nel feed di Pence.

Le teorie della cospirazione sono una costante nella storia americana ed è allettante respingerle come irrilevanti. Ma con il progredire del 21 ° secolo, un tale licenziamento ha iniziato a richiedere una cecità intenzionale. Ero un reporter del municipio di un sito di notizie investigative locali chiamato Honolulu Civil Beat nel 2011, quando Donald Trump stava gettando le basi per una corsa presidenziale chiedendo pubblicamente se Barack Obama fosse nato alle Hawaii, come dimostrato da tutti i fatti e i documenti. Trump sosteneva che Obama fosse davvero nato in Africa, e quindi non fosse un americano nato in natura, rendendolo ineleggibile per la carica più alta. Ricordo il dibattito nella nostra redazione di Honolulu: dovremmo anche coprire questa follia “Birther”? A quanto pare, le accuse, basate interamente su bugie, hanno affascinato abbastanza persone da dare a Trump un trampolino di lancio.

Nove anni dopo, quando emerse la notizia di un nuovo temibile virus, e con Trump ora presidente, una serie di idee iniziò a turbare nella comunità di QAnon : che il coronavirus potrebbe non essere reale; che se lo fosse, era stato creato dallo “stato profondo”, la camera stellare dei funzionari del governo e di altre figure d’élite che gestivano segretamente il mondo; che l’isteria che circonda la pandemia faceva parte di un complotto per ferire le possibilità di rielezione di Trump; e che le élite dei media applaudivano il bilancio delle vittime. Alcune di queste idee sarebbero entrate in Fox News e nelle dichiarazioni pubbliche del presidente . Alla fine dell’anno scorso, secondo il New York Times , Trump aveva gli account ritwittati si sono spesso concentrati su teorie della cospirazione, comprese quelle di QAnon, in almeno 145 occasioni .

Leggi: Il boom della cospirazione del coronavirus

Il potere di Internet fu compreso all’inizio, ma la piena natura di quel potere – la sua capacità di distruggere qualsiasi parvenza di realtà condivisa, minando la società civile e il governo democratico nel processo – non lo era. Internet ha anche permesso a persone sconosciute di raggiungere masse di persone, su una scala che Marshall McLuhan non avrebbe mai immaginato. La deformazione della realtà condivisa porta un uomo con un fucile AR-15 a invadere una pizzeria. Crea forum online dove le persone immaginano colorate l’assassinio di un ex segretario di stato. Offre la promessa di un Grande Risveglio, in cui le élite verranno dirette e la verità verrà rivelata. Fa sì che i siti di chat si animino di commenti che ipotizzano che la pandemia di coronavirus potrebbe essere il momento che QAnon stava aspettando.

QAnon è emblematico della suscettibilità dell’America moderna alle teorie della cospirazione e del suo entusiasmo per esse. Ma è anche molto di più di una vasta collezione di abitanti delle chat room attenti alla cospirazione. È un movimento unito al rifiuto di massa della ragione, dell’obiettività e di altri valori dell’Illuminismo. E probabilmente siamo più vicini all’inizio della sua storia che alla fine. Il gruppo sfrutta la paranoia per fervida speranza e un profondo senso di appartenenza. Anche il modo in cui respira la vita in un’antica preoccupazione per i tempi della fine è radicalmente nuovo. Guardare QAnon significa vedere non solo una teoria della cospirazione ma la nascita di una nuova religione.

Molte persone erano riluttanti a parlare con me di QAnon mentre raccontavo questa storia. Gli aderenti al movimento a volte si sono dimostrati disposti a prendere le cose nelle proprie mani. L’anno scorso, l’FBI ha classificato QAnon come una minaccia di terrorismo interno in una nota interna. Il promemoria ha preso atto di un uomo californiano arrestato nel 2018 con materiale per fabbricare bombe. Secondo l’FBI, aveva pianificato di attaccare la capitale dell’Illinois per “sensibilizzare gli americani a” Pizzagate “e al Nuovo Ordine Mondiale (NWO) che stavano smantellando la società”. Il memo ha anche preso atto di un seguace di QAnon in Nevada, arrestato nel 2018 dopo aver bloccato il traffico sulla diga di Hoover in un camion blindato. L’uomo, pesantemente armato, chiedeva il rilascio del rapporto dell’ispettore generale sulle e-mail di Hillary Clinton. Il memo dell’FBI ha avvertito che le teorie della cospirazione alimentano la minaccia della violenza estremista, specialmente quando gli individui “affermano di agire come” ricercatori “o” investigatori “individuando persone, aziende o gruppi che accusano falsamente di essere coinvolti nel piano immaginato”.

Leggi: Instagram è pieno di teorie cospirative ed estremismo

I seguaci di QAnon non hanno paura di attaccare ferocemente gli scettici online e di incitare alla violenza fisica. Su una tavola ormai defunta di Reddit dedicata a QAnon , i commentatori si sono divertiti a descrivere il potenziale destino di Clinton. Una persona ha scritto: “Sono sorpreso che nessuno l’abbia assassinata ancora onestamente.” Un altro: “Le poiane fanno a brandelli il suo cadavere in decomposizione.” Un terzo: “Voglio vedere il suo sangue riversarsi nelle grondaie!”

Di recente, quando ho parlato con Clinton di QAnon, ha detto: “Mi metto sotto la pelle a differenza di chiunque altro … Se non avessi la protezione dei servizi segreti che passava attraverso la mia posta, trovando cose strane, rintracciando le minacce contro di me – che sono ancora molto alto, sarei preoccupato. ” Ha capito che la realtà inventata in cui i teorici della cospirazione la collocano non è un bizzarro universo parallelo ma in realtà uno che modella il nostro. Riferendosi alle operazioni di pesca a traina su Internet, Clinton ha dichiarato: “Non credo che fino a tempi relativamente recenti la maggior parte delle persone abbia capito quanto fossero ben organizzate e quante diverse componenti della loro strategia abbiano messo in atto”.

II. RIVELAZIONE

il 28 ottobre 2017, l’utente anonimo ora ampiamente indicato come “Q” è apparso per la prima volta su 4chan, un cosiddetto pannello di immagini noto per i suoi memi grotteschi, le fotografie disgustose e la brutale cultura dello smantellamento. Q ha predetto l’imminente arresto di Hillary Clinton e una violenta rivolta nazionale, postando questo:

Estradizione HRC già in atto efficace ieri con diversi paesi in caso di corsa transfrontaliera. Passaporto approvato per essere contrassegnato con efficacia 30/10 @ 00:01. Aspettatevi massicci disordini organizzati in sfida e altri in fuga dagli Stati Uniti. US M eseguirà l’operazione mentre NG è attivato. Controllo di prova: individuare un membro NG e chiedere se attivato per servizio 10/30 nella maggior parte delle principali città.

E poi questo:

Mockingbird HRC arrestato, non arrestato (ancora). Dov’è Huma? Segui Huma. Questo non ha nulla a che fare con la Russia (ancora). Perché Potus si circonda di generali? Cos’è l’intelligence militare? Perché andare in giro per le agenzie di 3 lettere? Quale caso della Corte Suprema consente l’uso di agenzie contro le istituzioni assemblate e approvate dal MI al Congresso? Chi ha la massima autorità sui nostri rami di militari senza condizioni di approvazione se non oltre 90 in condizioni di guerra? Qual è il codice militare? Dove si tiene AW? Perché? POTUS non andrà in tv per rivolgersi alla nazione. POTUS deve isolarsi per prevenire l’ottica negativa. POTUS sapeva che rimuovere gli elementi criminali come un primo passo era essenziale per liberare e approvare la legislazione. Chi ha accesso a tutto ciò che è classificato? Credi che HRC, Soros, Obama ecc abbiano più potere di Trump? Fantasia. Chi controlla l’ufficio della presidenza controlla questa grande terra. Non hanno mai creduto per un momento che (democratici e repubblicani) avrebbero perso il controllo. Questa non è una battaglia R v D. Perché Soros ha donato tutti i suoi soldi di recente? Perché dovrebbe mettere tutti i suoi fondi in un RC? Mockingbird 10.30.17 Dio benedica i compagni patrioti.

Clinton non è stato arrestato il 30 ottobre, ma ciò non ha scoraggiato Q, che ha continuato a pubblicare previsioni minacciose e enigmi enigmatici – con suggerimenti come “Trova il riflesso all’interno del castello” – spesso scritti sotto forma di frammenti allettanti e domande retoriche. Q ha chiarito che voleva che la gente credesse di essere un ufficiale dell’intelligence o un ufficiale militare con autorizzazione Q, un livello di accesso a informazioni classificate che include la progettazione di armi nucleari e altro materiale altamente sensibile. (Sto usando lui perché molti seguaci Q fanno, anche se Q rimane anonimo-quindi “QAnon.”) Il tono di Q è complice fino al punto di cliché: “Ho detto troppo,” e “Follow the money”, e “Alcune cose devono rimanere classificate fino alla fine.”

La distruzione della cabala globale è imminente, profetizza Q. Una delle sue grida preferite è “Goditi lo spettacolo”, un riferimento a un’apocalisse in arrivo.

Ciò che avrebbe potuto languire come un massetto solitario su una singola scheda immagine invece incitava il fervore. Il suo profilo è stato migliorato, secondo Brandy Zadrozny e Ben Collins di NBC News, da diversi teorici della cospirazione la cui promozione della Q a sua volta ha aiutato a costruire i propri profili online. Ormai, quasi tre anni da quando sono apparsi i messaggi originali di Q, ci sono stati migliaia di quelli che i suoi seguaci chiamano “Q drops” – messaggi inviati alle schede immagini da Q. Usa un “tripcode” protetto da password, una serie di lettere e numeri visibile agli altri utenti della scheda immagini per segnalare la continuità della sua identità nel tempo. (Il tripcode di Q è cambiato in alcune occasioni, provocando raffiche di speculazioni). Mentre Q si è spostato da una scheda immagine alla successiva — da 4chan a 8chan a 8kun, alla ricerca di un porto sicuro — gli aderenti di QAnon sono diventati solo più devoti. Se Internet è una grande buca di coniglio che contiene buche di coniglio infinitamente ricorsive, QAnon ha in qualche modo trovato la sua strada in giù tutte, inghiottendo teorie cospirative minori mentre procede.

Dal numero di settembre 2017: come l’America ha perso la testa

Nei suoi contorni più ampi, il sistema di credenze di QAnon assomiglia a questo: Q è un’intelligence o un addetto militare con la prova che i leader corrotti del mondo stanno torturando segretamente i bambini di tutto il mondo; i malfattori sono incorporati nello stato profondo; Donald Trump sta lavorando instancabilmente per contrastarli. L’eventuale distruzione della cabala globale è imminente, profetizza Q, ma può essere realizzata solo con il supporto di patrioti che cercano un significato negli indizi di Q. Credere che Q richieda il rifiuto delle istituzioni tradizionali, l’ignorare i funzionari governativi, la lotta agli apostati e il disprezzo della stampa. Una delle grida di rally preferite di Q è “Adesso sei la notizia”. Un altro è “Goditi lo spettacolo”, una frase che i suoi discepoli considerano come un riferimento a un’apocalisse in arrivo:

Le persone che hanno preso a cuore Q amano dire che hanno prestato attenzione fin dall’inizio, nel modo in cui qualcuno potrebbe vantarsi di aver ascoltato Radiohead prima di The Bends . Una promessa di prescienza è parte dell’appello di Q, così come la sensazione di far parte di una comunità segreta, che è rafforzata dall’uso di acronimi e frasi rituali come “Nulla può fermare ciò che sta arrivando” e “Fidati del piano”.

Una frase che funge da pietra di paragone speciale tra i seguaci di QAnon è “la calma prima della tempesta”. Q lo ha usato per la prima volta pochi giorni dopo il suo post iniziale, ed è arrivato con una storia specifica. La sera del 5 ottobre 2017, non molto tempo prima che Q si fosse fatto conoscere per la prima volta il 4chan, il presidente Trump era in piedi accanto alla first lady in un semicerchio allentato con una ventina di capi militari senior e i loro coniugi per una foto nella Sala da pranzo dello Stato a la casa Bianca. I giornalisti erano stati invitati a guardare mentre gli ospiti di Trump posavano e sorridevano. Trump non riusciva a smettere di parlare. “ Ragazzi sapete cosa rappresenta?” Chiese a un certo punto, tracciando un cerchio incompleto in aria con il dito indice destro. “Ditecelo, signore”, rispose uno spettatore. La risposta del presidente fu soddisfatta, al limite di un lamento: “Forse è la calma prima della tempesta”.

“Qual è la tempesta?” uno dei giornalisti ha chiesto.

“Potrebbe essere la calma, la calma prima della tempesta,” ripeté Trump. La sua ripetizione sembrava avere effetti drammatici. Il ronzio delle persiane si fece più forte.

I giornalisti hanno insistito: “Che tempesta, signor Presidente?”

Una risposta brusca da Trump: “Lo scoprirai.”

Quei 37 secondi di ambiguità presidenziale hanno fatto subito notizia – i rapporti con l’Iran erano stati tesi nei giorni scorsi – ma sarebbero anche diventati una tradizione fondamentale per eventuali seguaci di Q. Il gesto circolare della mano del presidente è di particolare interesse per loro. Potresti pensare che stesse indicando il semicerchio raccolto intorno a lui, dicono, ma stava davvero disegnando la lettera Q in aria. Trump stava interpretando il ruolo di Giovanni Battista, proclamando ciò che doveva venire? Era lui stesso l’unto?

Leggi: Covfefe e il vero significato di un errore di battitura di Trump è diventato meme

È impossibile conoscere con precisione il numero di aderenti a QAnon, ma i ranghi stanno crescendo. Almeno 35 candidati al Congresso attuali o precedenti hanno abbracciato Q , secondo un conteggio online del progressivo no profit Media Matters for America. Quei candidati hanno elogiato direttamente QAnon in pubblico o hanno fatto riferimento con approvazione agli slogan QAnon. (Un candidato repubblicano al Congresso, Matthew Lusk della Florida, include QAnon nella sezione “emissioni” del sito web della sua campagna , ponendo la domanda: ” Chi è Q? “) QAnon è ormai arrivato su tutte le principali piattaforme sociali e commerciali e qualsiasi numero di siti marginali. Tracy Diaz, evangelista di QAnon, conosciuta online con il nome di TracyBeanz, ha 185.000 follower su Twitter e oltre 100.000 abbonati YouTube. Ha contribuito a sollevare QAnon dall’oscurità, facilitando la sua transizione verso i social media tradizionali. (Un pubblicista ha descritto Diaz come “davvero privato” e ha rifiutato le richieste di intervista.) Su TikTok, i video con l’hashtag #QAnon hanno ottenuto milioni di visualizzazioni. Ci sono troppi gruppi di QAnon su Facebook, molti dei quali sono città fantasma, per fare il conto, ma i più attivi pubblicano migliaia di articoli ogni giorno. (Nel 2018, Reddit ha bandito i gruppi QAnon dalla sua piattaforma per incitare alla violenza .)

Gli aderenti sono sempre alla ricerca di segnali dall’alto, idraulici per portenti quando la guida di Q stesso è assente. Il coronavirus, per esempio: cosa significa? In molti dei grandi gruppi di Facebook, le persone sono scoppiate in una frenesia di speculazioni, facendo circolare una teoria secondo cui la decisione di Trump di indossare una cravatta gialla a un briefing della Casa Bianca sul virus era un segno che l’epidemia non era reale: “Sta dicendo noi non esiste una minaccia virale perché ha lo stesso identico colore della bandiera marittima che rappresenta la nave che non ha persone infette a bordo ”, ha scritto qualcuno in un post che è stato ampiamente condiviso e remixato attraverso i social media. Tre giorni prima che l’Organizzazione mondiale della sanità dichiarasse ufficialmente il coronavirus una pandemia, Trump stava ritwittando un meme a tema QAnon. “Chissà cosa significa, ma suona bene per me!” il presidente ha scritto l’8 marzo, condividendo un’immagine di Photoshopped di se stesso che suona un violino sovrapposto con le parole “Nulla può fermare ciò che sta arrivando”.

Dal numero di marzo 2020: la campagna di disinformazione da miliardi di dollari per rieleggere il presidente

Il 9 marzo Q stesso pubblicò un trittico di post minacciosi che sembravano definitivi: il coronavirus è reale, ma benvenuto, e i seguaci non dovrebbero avere paura. Il primo post ha condiviso il tweet di Trump della sera prima e ha ripetuto, “Nulla può fermare ciò che sta arrivando”. Il secondo diceva: “Il grande risveglio è mondiale”. Il terzo era semplice: “DIO VINCE”.

Un mese dopo, l’8 aprile, Q iniziò a pubblicare messaggi, lasciando cadere nove post nell’arco di sei ore e toccando alcuni dei suoi argomenti preferiti: Dio, Pizzagate e la malvagità delle élite. “Non si fermeranno davanti a nulla per riguadagnare il potere”, ha scritto in un post disastroso che sostiene uno sforzo di propaganda coordinato da parte di democratici, hollywoodiani e dei media. Un altro ha accusato i democratici di promuovere l ‘”isteria di massa” sul coronavirus a fini politici: “Qual è il vantaggio principale di tenere pubblico nell’isteria di massa in riferimento a: COVID ‑ 19? Pensa al voto. Sei ancora sveglio? Q.” E ha condiviso questi versetti degli Efesini: “Infine, sii forte nel Signore e nella forza della Sua potenza. Indossa l’armatura completa di Dio in modo da poter resistere contro gli schemi del diavolo. “

Anthony Fauci, direttore di vecchia data dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, è diventato oggetto di disprezzo tra i sostenitori di QAnon a cui non piacciono le cattive notizie che fornisce o il modo in cui ha contraddetto pubblicamente Trump. In una conferenza stampa di marzo, Trump ha definito il Dipartimento di Stato il “Dipartimento di Stato profondo”,e Fauci poteva essere visto oltre la spalla del presidente, reprimendo una risata e coprendosi il viso. A quel punto, QAnon aveva già dichiarato Fauci irrimediabilmente compromesso, perché Wikileaks aveva scoperto una coppia di e-mail che aveva inviato elogiando Hillary Clinton nel 2012 e 2013. Il sentimento di Fauci tra i sostenitori di QAnon su piattaforme di social media varia da “Fauci è un burattino dello stato profondo” a “FAUCI is a BLACKHAT !!!” – il termine che QAnon usa per le persone che sostengono la malvagia cabala di cui Q mette in guardia. Una persona, usando gli hashtag #DeepStateCabal e #Qanon, ha twittato questo : “Guarda i segnali manuali e il linguaggio del corpo di Fauci durante le conferenze stampa. Che cosa sta comunicando? ” Un altro ha condiviso un’immagine di Fauci in piedi in un laboratorio con Barack Obama, con la didascalia “Obama e ‘Dr.’ Fauci in laboratorio creando coronavirus [ sic]. #DeepstateDoctor.” Il Dipartimento di Giustizia ha recentemente approvato un aumento delle misure di sicurezza per Fauci a causa del crescente volume di minacce contro di lui .

Leggi: se qualcuno condivide il video “Plandemic”, come dovresti rispondere?

Negli ultimi giorni prima che il Congresso approvasse un pacchetto di aiuti economici da 2 trilioni di dollari alla fine di marzo, i democratici hanno insistito su disposizioni che avrebbero reso più facile il voto per posta delle persone, spingendo Q stesso a soppesare con sgomento: “Queste persone sono malate! Niente può fermare ciò che sta arrivando. Niente.”

III. CREDENTI

un freddissimo giovedì di inizio gennaio, una folla si stava gonfiando nel centro di Toledo, nell’Ohio. All’ora di pranzo, sette ore prima dell’inizio della prima campagna elettorale di Trump del nuovo anno, la linea per entrare nell’Huntington Center si era già snodata intorno a due isolati. L’aria era elettrica con possibilità e l’intera scena possedeva un’atmosfera della milizia di Jimmy Buffett – incontra – il Michigan: un sacco di bianchi, un bel po ‘di svapo, tutto bianco rosso e blu. In fondo alla strada, qualcuno aveva apposto uno striscione a due piani sulla cima di un edificio di mattoni bruciato. Si legge: presidente Trump, benvenuto a Toledo, Ohio: chi è q … intelligence militare? Q è l’abbreviazione di QAnon per lo stesso Trump. I venditori all’evento vendevano pulsanti Q e magliette. La merce QAnon è disponibile in una grande varietà; online, puoi acquistare il caffè Great Awakening ($ 14,99) e bracciali QAnon con piccoli ciondoli per pizza d’argento ($ 20,17).

Mi sono avvicinato alla fine della fila, facendo piccole chiacchiere e chiedendo chi, se qualcuno, sapeva qualcosa di QAnon. Gli occhi di una donna si illuminarono e, con un solo movimento fluido, aprì la cerniera e si tolse la giacca, poi fece un piccolo salto in modo che la schiena fosse per me. Potevo vedere una Q fatta con del nastro isolante, che aveva premuto sulla sua maglietta rossa. Si chiamava Lorrie Shock e la prima cosa che voleva che sapessi era questa: “Non siamo un gruppo terroristico interno”.

Shock nacque in Ohio e non se ne andò mai, “una fannullone”, come diceva lei. Aveva lavorato in una fabbrica di Bridgestone, realizzando parti di automobili, per gran parte della sua vita adulta. “Lavoro davvero caldo e sporco, ma buoni soldi”, mi ha detto. “Ho avuto tre bambini a scuola.” Oggi, in quello che lei chiama il suo lavoro pre-pensionamento, si prende cura degli adulti con bisogni speciali, trascorrendo le sue giornate in una tenera routine di giochi con loro e aiutandoli a entrare e uscire da una piscina. Shock venne alla manifestazione di Trump con la sua amica Pat Harger, che si era ritirata dopo 32 anni alla Whirlpool. La moglie di Harger gestisce un’azienda di catering, che è ciò che le ha impedito di partecipare alla manifestazione quel giorno. Harger e Shock sono vecchi amici. “Dalla quarta elementare”, mi ha detto Harger, “e abbiamo 57 anni”.

Ora che le ragazze di Shock sono cresciute e non lavora in fabbrica, ha più tempo per sé. Questo significava leggere romanzi la sera – non possiede una televisione – ma ora significa fare ricerche su Q, che per prima cosa le è venuto in mente quando qualcuno che conosceva lo ha menzionato su Facebook nel 2017: “Ciò che ha attirato la mia attenzione è stata la ricerca .’ Fai le tue ricerche. Non dare nulla per scontato . Non mi interessa chi lo dica, nemmeno il presidente Trump. Fai le tue ricerche, decidi. “

Leggi: Trump ha bisogno di teorie della cospirazione

L’universo di QAnon è vasto e profondo, con livelli su livelli di contesto, acronimi, personaggi e stenografia da imparare. Il “castello” è la Casa Bianca. Le “briciole” sono indizi. CBTS sta per “calma prima della tempesta” e WWG1WGA sta per “Dove andiamo, andiamo tutti”, che è diventato un’espressione di solidarietà tra i seguaci di Q. (Entrambe queste frasi, stranamente, sono usate nel trailer del film di Ridley Scott del 1996 White Squall – guardalo su YouTube e vedrai che la sezione dei commenti è piena di sentimento pro-Q.) C’è anche un ” Q clock “, che fa riferimento a un calendario che alcune fazioni di sostenitori di Q usano per cercare di decodificare presunti indizi in base ai timestamp di Q drops e ai tweet di Trump.

Al culmine della sua devozione, Shock passava dalle quattro alle sei ore al giorno a leggere e rileggere gocce Q, a cercare documenti online, a prendere appunti. Ora, dice, passa più o meno un’ora o due al giorno. “Quando ho iniziato, tutti pensavano che fossi pazzo”, ha detto Shock. Ciò ha incluso le sue figlie, che sono “sostenitrici molto liberali di Hillary e Bernie”, ha detto Shock. “Li amo ancora. Pensano che sia pazzo, ma va bene. ”

Anche Harger pensava che Shock l’avesse perso. “Stavo dubitando di lei”, mi disse. “Manderei i suoi messaggi dicendo, Lorrie .”

“Era tipo ‘Che diavolo?’ “Disse Shock ridendo. “Quindi il mio commento a lui sarebbe ‘Fai le tue ricerche’. ”

“E l’ho fatto”, ha detto Harger. “Ed è come, Wow .”

Prendendo una pagina dal playbook di Trump, Q spesso si imbatte in fonti di informazione legittime come false. Shock e Harger si basano sulle informazioni che incontrano su Facebook piuttosto che sui notiziari gestiti dai giornalisti. Non leggono il giornale locale né guardano nessuna delle principali reti televisive. “Non puoi guardare le notizie”, ha detto Shock.  Harger afferma che gli piace One America News Network. Non molto tempo fa, guardava la CNN e non ne aveva mai abbastanza di Wolf Blitzer. “Siamo stati incollati a quello; siamo sempre stati “, ha detto. “Fino a quando quest’uomo, Trump, non ha davvero aperto gli occhi su ciò che stava accadendo. E Q. Q ci sta dicendo in anticipo le cose che succederanno. ” Ho chiesto a Harger e Shock esempi di previsioni che si erano avverate. Non potevano fornire dettagli specifici e invece mi hanno incoraggiato a fare le ricerche da solo. Quando chiesi loro come spiegavano gli eventi che Q aveva previsto che non fosse mai accaduto, come l’arresto di Clinton, dissero che l’inganno fa parte del piano di Q. Shock ha aggiunto: “Penso che ci fossero più cose che lo prevedevano è successo. ” Il suo tono era gentile piuttosto che indignato.

“Sento che Dio mi ha portato a Q. Sento davvero che Dio mi ha spinto in questa direzione.”

Harger voleva che sapessi che aveva votato per Obama la prima volta. È cresciuto in una famiglia di democratici. Suo padre era un ragazzo del sindacato. Ma fu prima che Trump apparisse e convinse Harger che non avrebbe dovuto fidarsi delle istituzioni che aveva sempre pensato di poter fare. Shock annuì al suo fianco. “Il motivo per cui mi sento di potermi fidare di più di Trump è che non fa parte dell’establishment”, ha detto. A un certo punto, Harger mi disse che avrei dovuto esaminare cosa fosse successo a John F. Kennedy Jr., morto nel 1999, quando il suo aereo si schiantò sull’Oceano Atlantico al largo di Martha’s Vineyard, suggerendo che Hillary Clinton lo aveva fatto assassinare. (In alternativa, un contingente di credenti di QAnon afferma che JFK Jr. ha simulato la sua morte e che è un sostenitore di Trump dietro le quinte , e forse anche Q stesso. Alcuni anticipano il suo drammatico ritorno pubblico in modo che possa servire come compagno di corsa di Trump nel 2020. ) Quando ho chiesto a Harger se ci sono prove a sostegno della pretesa di omicidio, ha ribaltato la mia domanda: “Esistono prove per non farlo?”

Peter Beinart: il mondo fantastico di Trump lo ha coinvolto

Leggere la pagina Facebook di Shock è un esercizio di contraddizioni, un passaggio tra banalità e ostilità. Eccola in un kayak giallo nella sua foto del profilo, i capelli rosso vivo che si rovesciano da un cappello da sci, un sorriso gigante sul suo viso. Ci sono le foto delle sue figlie e di una nipote con i riccioli di Shirley Temple. Eppure Q non è mai lontana. Alla vigilia di Natale, Shock ha condiviso un post che sembrava uscito direttamente dall’universo QAnon ma ha anche inserito una vecchia cospirazione classica: “X segna il punto su Roswell NM. X17 Particella di quinta forza. Coincidenza X + Q? ” Lo stesso giorno, ha condiviso un post separato suggerendo che Michelle Obama è segretamente un uomo. Qualcuno ha risposto con scetticismo: “Non sono ancora convinto. Mostra e recita il male, ma un uomo? ” Risposta di Shock: “Ricerca. “C’è stato un post che affermava che il rappresentante Adam Schiff aveva violentato il corpo di un ragazzo morto al Chateau Marmont, a Los Angeles – Harger si presenta qui, con un” eh?? ” nei commenti – e un avvertimento che George Soros stava inseguendo gli evangelici cristiani. In altri post, Shock ha provocato scherzosamente “libs” e i suoi “amici che odiano Trump” e ha anche condiviso un video di sua figlia che cantava canti natalizi.

A Toledo, ho chiesto a Shock se avesse delle teorie sull’identità di Q. Lei rispose immediatamente: “Penso che sia Trump.” Le ho chiesto se pensa che Trump sappia anche come usare 4chan. La bacheca è notoriamente confusa per i non iniziati, niente come Facebook e altre piattaforme social progettate per rendere facile la pubblicazione rapida e spesso. “Penso che sappia molto più di quello che pensiamo”, ha detto. Ma voleva anche che sapessi che la sua ossessione per Q non riguardava Trump. All’inizio era stato qualcosa di cui era riluttante a parlare. Ora, ha detto: “Sento che Dio mi ha guidato a Q. Sento davvero che Dio mi ha spinto in questa direzione. Mi sento come se fosse ingannevole, nel mio spirito, Dio mi avrebbe detto: “Basta abbastanza”. Ma non lo sento. Prego. Ho detto: “Padre, dovrei perdere tempo con questo?” … E non sento quella sensazione di Dovrei smettere

STORIE CORRELATE

Arthur Jones, il regista del film documentario Feels Good Man, che racconta la storia di come i meme di Internet si sono infiltrati nella politica nelle elezioni presidenziali del 2016, mi ha detto che QAnon gli ricorda la sua infanzia cresciuta in una famiglia cristiano-evangelica negli Ozarks. Ha detto che molte persone che conosceva allora, e molte persone che incontra ora nelle parti più devote del paese, sono profondamente interessate al Libro dell’Apocalisse e al tentativo di disimballare “tutte le sue profezie piuttosto difficili da decifrare “. Jones ha continuato: “Penso che lo stesso tipo di persona inizierebbe improvvisamente a tirare i fili di Q e inizi a sentire che tutto sta iniziando a sistemarsi e avere un senso. Se sei un evangelico e guardi Donald Trump sul valore nominale, mente, ruba, imbroglia, è stato sposato più volte, è chiaramente un peccatore. Ma stai cercando di trovare un modo per far parte in qualche modo del piano di Dio ”.

Non puoi sempre dire che tipo di follower Q stai incontrando. Chiunque utilizzi un hashtag Q potrebbe essere un vero credente, come Shock, o semplicemente qualcuno che naviga su un sito e gioca insieme per un brivido vicario. Sicuramente ci sono persone che sanno che Q è una fantasia ma partecipano perché c’è un elemento di QAnon che converge con un gioco di ruolo dal vivo. Nella costellazione tentacolare dei sostenitori di Q, Shock e Harger sembrano prototipici. Sono successe su Q e qualcosa è scattato. La favola si inserì perfettamente nella loro visione del mondo esistente.

IV. PROFESSIONISTI

Q può essere anonimo, ma i leader del movimento QAnon sono emersi in pubblico e hanno costruito il loro vasto pubblico. David Hayes è meglio conosciuto per il suo handle online: PrayingMedic. Nei suoi video di YouTube, trasuda l’energia autoritaria uniforme di un preside della scuola media. PrayingMedic è uno dei più noti evangelisti QAnon del pianeta. Ha oltre 300.000 follower su Twitter e un numero simile di abbonati YouTube. Hayes, un ex paramedico, vive in una suddivisione coperta di terracotta a Gilbert, in Arizona, con sua moglie Denise, un’artista che ha incontrato sul sito di incontri Christian Mingle nel 2007. Entrambi si descrivono come ex atei che vennero al loro fede in Dio e tra loro, in età avanzata, dopo precedenti matrimoni. Hayes ha seguito Q dall’inizio o vicino ad esso. “Q Anon è davvero interessante, ”Ha scritto sulla sua pagina Facebook il 12 dicembre 2017, sei settimane dopo il primo post di Q su 4chan. Lo stesso giorno, scrisse di un’improvvisa chiamata che sentì:

I miei sogni hanno suggerito che Dio vuole che concentri la mia attenzione sulla politica e sugli eventi attuali. Dopo alcune preghiere, ho deciso di fare regolarmente delle notizie e degli eventi in corso su Periscope. Sto provando a fare una trasmissione al giorno. (I video vengono anche pubblicati sul mio canale Youtube.) Questo è tutto.

Hayes è una superstar nell’universo Q. Il suo video “Q for Beginners Part 1” è stato visto più di 1 milione di volte. “Alcune delle persone che seguono Q si considererebbero teorici della cospirazione”, afferma Hayes nel video. “Non mi considero un teorico della cospirazione. Mi considero un ricercatore Q. Non ho nulla contro le persone a cui piace seguire le cospirazioni. Questa è la loro cosa. Non è la mia cosa. “

Leggi: Il motivo per cui i video della cospirazione funzionano così bene su YouTube

Hayes ha sviluppato un seguito in parte a causa della sua pura ubiquità, ma anche perché indossa abilmente il manto di uno scettico : non sono uno di quei pazzi . Hayes non è un hobbista di QAnon, però. Lui è un professionista. Ci sono flussi di reddito da sfruttare, modesti ma in espansione. Su Amazon, il libro di Hayes Calm Before the Storm, il primo in quello che dice potrebbe essere facilmente una serie di 10 libri di “Q Chronicles”, venduta per $ 15,29. Hayes scrive nell’introduzione che lui e Denise hanno dedicato la loro attenzione a tempo pieno a QAnon dal 2017. “Denise e io siamo stati benedetti da coloro che ci hanno aiutato a sostenere mentre riserviamo il nostro solito lavoro alla ricerca dei messaggi di Q”, ha scritto . Ha pubblicato molti altri libri, che offrono uno scorcio di una vita precedente. I titoli includono Udire la voce di Dio resa semplice , Sconfiggere il tuo avversario nella Corte dei cieli e American Sniper: Lessons in Spiritual Warfare . Hayes ha registrato Praying Medic come organizzazione no profit religiosa nello Stato di Washington nel 2018.

Hayes dice ai suoi seguaci che pensa che Q sia un’operazione di intelligence open source , resa possibile da Internet e progettata da patrioti che combattono la corruzione all’interno della comunità dell’intelligence. La sua interpretazione di Q è in definitiva di natura religiosa e si concentra sull’idea di un Grande Risveglio. “Credo che The Great Awakening abbia una doppia applicazione”, ha scritto Hayes in un post sul blog a novembre 2019 .

Parla di un risveglio intellettuale – la consapevolezza da parte del pubblico della verità che siamo stati ridotti in schiavitù in un sistema politico corrotto. Ma l’esposizione dell’inimmaginabile depravazione delle élite porterà a una maggiore consapevolezza della nostra depravazione. L’autocoscienza del peccato è terreno fertile per il risveglio spirituale. Credo che il risveglio spirituale profetizzato da tempo si trovi dall’altra parte della tempesta.

I seguaci di Q concordano sul fatto che un Grande Risveglio sta per arrivare e porterà salvezza. Differiscono nelle loro preoccupazioni personali rispetto al qui e ora. Alcuni nel mondo di QAnon sono fortemente concentrati su ciò che percepiscono come degenerazione nei media mainstream, una percezione alimentata in egual misura da Q e da Trump. Altri sono ossessionati dalla comunità dell’intelligence e dalla nozione di uno stato profondo. Una sottosezione attiva di follower Q analizza il caso Jeffrey Epstein. C’è chi sostiene la conoscenza di un piano di 16 anni di Hillary Clinton e Barack Obama per distruggere gli Stati Uniti mediante siccità di massa, malattie armate, carenza di cibo e guerra nucleare. Durante le indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali del 2016, alcuni seguaci di Q hanno promosso l’idea che Trump stesse lavorando segretamente con Robert Mueller e che il rapporto del consulente speciale avrebbe entrambi esonerato Trump e condotto a arresti di massa di membri della cabala corrotta. (L’eventuale rapporto Mueller, pubblicato nell’aprile 2019, non ha esonerato Trump né portato a arresti di massa.)

Queste divergenze secondarie sono fondamentali per la forza di resistenza di QAnon – questo è un sistema di credenze molto accogliente, caldo nella sua tolleranza per la contraddizione – e sono anche ciò che rende possibile a un uomo pratico come Hayes il ruolo che svolge. QAnon è complesso e confuso. Persone provenienti da tutto il mondo chiedono assistenza a qualcuno che sembra equilibrato. (Hayes ha risposto rapidamente alle mie e-mail, ma ha rifiutato le richieste di intervista. Si è lamentato con me per il fatto che i giornalisti si rifiutano di vedere QAnon per quello che è, e quindi non ci si può fidare.)

I più importanti personaggi di QAnon hanno una presenza al di là delle più grandi piattaforme di social media e pannelli di immagini. L’universo Q comprende numerosi blog, siti Web proprietari e tipi di software di chat, nonché piattaforme di social media alternative come Gab, il sito noto per l’antisemitismo e il nazionalismo bianco, dove si sono riunite molte persone bandite da Twitter. Vlogger e blogger promuovono i loro account Patreon, dove le persone possono pagarli con somme mensili. Ci sono anche soldi da guadagnare dagli annunci su YouTube. Questo sembra essere l’obiettivo principale di Hayes, i cui video sono stati visti più di 33 milioni di volte in totale. Il suo video “Q for Beginners” include annunci pubblicitari di aziende come il sito di affitto vacanze Vrbo e The Epoch Times, un giornale internazionale pro-Trump. Q evangelisti hanno adottato un approccio di “pubblicazione dappertutto” che è per metà di sensibilizzazione, per metà di ridondanza. Se una piattaforma si rompe su QAnon, come ha fatto Reddit, non dovranno ricominciare da capo altrove. Già coinvolto nella battaglia tra il bene e il male, QAnon si è impegnato in un’altra battaglia, tra l’idea di una rete aperta per il popolo e una rete chiusa controllata da pochi potenti.

V. CHI È Q?

qualsiasi nuovo sistema di credenze incontra l’opposizione. Nel dicembre 2018, Matt Patten, un veterano sergente della squadra SWAT nell’ufficio dello sceriffo della contea di Broward, in Florida, è stato fotografato con il vicepresidente Mike Pence su una pista dell’aeroporto. Patten ha indossato un cerotto sul suo gilet tattico che portava alla lettera Q . La fotografia è stata twittata dall’ufficio del vicepresidente e poi è diventata virale nella comunità QAnon. Il tweet è stato rapidamente rimosso. Patten è stato retrocesso. Quando bussai alla sua porta in una triste giornata di agosto, nessuno rispose. Ma mentre mi voltavo per andarmene, notai due grandi adesivi per paraurti sulla cassetta delle lettere bianca davanti. Uno diceva briscola e l’altro diceva # qanon: i patrioti combattono .

Alla fine dell’estate scorsa, Q stesso ha perso la sua piattaforma. Era migrato da 4chan (temendo che il sito fosse stato “infiltrato”) alla scheda immagine 8chan, e quindi 8chan era diventato scuro. Tre giorni prima che mi trovassi sulla soglia di Patten, 22 persone erano state uccise in una sparatoria di massa in un Walmart a El Paso, in Texas, e la polizia ha rivelato che il presunto assassino aveva pubblicato un manifesto su 8chan poco prima di eseguire l’attacco. L’episodio aveva strane somiglianze con altre due sparatorie. Quattro mesi prima, nell’aprile 2019, il sospettato tiratore in una furia omicida in una sinagoga di Poway, in California, aveva pubblicato una lettera antisemita su 8chan . Alcune settimane prima, l’uomo che aveva ucciso 51 fedeli in due moschee della Nuova Zelanda aveva pubblicato un manifesto suprematista bianco su 8chan .

Dopo El Paso, Jim Watkins, proprietario di 8chan, è stato incaricato di testimoniare davanti al Comitato della Camera sulla sicurezza interna. Watkins aveva acquistato il sito quattro anni prima dal suo fondatore, Fredrick Brennan, ora 26enne, che alla fine ha tagliato tutti i legami con 8chan . “Purtroppo, questo è almeno il terzo atto di violenza estremista bianca suprematista collegato al tuo sito Web quest’anno”, hanno scritto i rappresentanti Bennie Thompson, un democratico del Mississippi, e Mike Rogers, un repubblicano dell’Alabama , quando hanno convocato Watkins a Capitol Hill. “Gli americani meritano di sapere cosa stai facendo tu, come proprietario e operatore, per far fronte alla proliferazione di contenuti estremisti su 8chan.”

8chan aveva già perso servizi cruciali, che l’avevano costretto a chiudere. Il CEO di Cloudflare, che aveva contribuito a proteggere il sito dagli attacchi informatici, ha spiegato la sua decisione di lasciare 8chan in una lettera aperta dopo le riprese di El Paso: “La logica è semplice: si sono dimostrati illegali e che l’illegalità ha causato molteplici tragici deceduti.” Watkins ha promesso di tenere il sito lontano da Internet fino a dopo la sua apparizione al Congresso. È un ex riparatore di elicotteri dell’esercito americano che è entrato nel business dei siti web mentre era ancora nell’esercito. Tra l’altro, nel 1997, ha lanciato un sito porno di successo chiamato Asian Bikini Bar. Sul suo canale YouTube, dove pubblica sotto il nome utente Watkins Xerxes, canta spesso inni, legge versetti della Bibbia, elogia Trump e tocca temi sottostanti a QAnon, mettendo in guardia contro lo stato profondo e ricordando ai suoi membri che ora sono ” l’attuale meccanismo di segnalazione delle notizie “. Mostra anche la sua collezione di stilografiche e pratica lo yoga. Quando arrivò a Capitol Hill, a settembre 2019, Watkins indossava una Q argento bulbosa appuntata al suo colletto. La sua testimonianza era a porte chiuse. A novembre, 8chan è tornato in vita come 8kun. Era sporadicamente accessibile, zoppicando lungo una serie di attacchi informatici. Ha ricevuto assistenza da un servizio di hosting russo generalmente associato alla diffusione di malware. Quando Q riapparve su 8kun, usò lo stesso tripcode che aveva usato su 8chan. Ha pubblicato altri suggerimenti per verificare la continuità della sua identità, tra cui un’immagine di un quaderno e una penna apparsi in post precedenti.

Renée DiResta: Le cospirazioni provengono dall’interno della casa

La teoria di Fredrick Brennan è che Jim e suo figlio Ron, che è l’amministratore del sito, sapessero che 8kun aveva bisogno di Q per attirare gli utenti. “Sicuramente, sicuramente, il 100 percento crede che Q conosca Jim o Ron Watkins o sia stato assunto da Jim o Ron Watkins”, mi ha detto Brennan. Jim e Ron hanno entrambi negato di conoscere l’identità di Q. “Non so chi sia Q”, mi ha detto Ron in un messaggio diretto su Twitter. Jim ha detto a un intervistatore su One America News Network a settembre 2019: “Non so chi sia QAnon. Davvero, gestiamo un sito web anonimo. ” Entrambi insistono sul fatto che si preoccupano di mantenere 8kun solo perché è una piattaforma per la libertà di parola libera. “8kun è come un pezzo di carta e gli utenti decidono cosa è scritto su di esso”, mi ha detto Ron. “Esistono molti argomenti e utenti diversi con background diversi.” Ma il loro interesse per Q è ben documentato. A febbraio,

Brennan è stato a lungo in faida con i Watkins. Jim sta citando in giudizio Brennan per diffamazione nelle Filippine , dove entrambi hanno vissuto fino a poco tempo fa, e Brennan sta combattendo attivamente i tentativi di Jim di diventare un cittadino naturalizzato lì. “Hanno mantenuto in vita Q”, mi ha detto Brennan. “Non ne parleremmo in questo momento se Q non andasse sul nuovo 8kun. L’intero motivo per cui stiamo parlando di questo è che sono direttamente collegati a Q. E, sai, mi preoccupo costantemente che, a partire da novembre 2020, ci sarà una specie di tiro o qualcosa di correlato a Q se Trump perde. O genitori che uccidono i loro figli per salvarli dal mondo infernale che verrà perché lo stato profondo ha vinto. Queste sono vere possibilità. Sento che quello che hanno fatto è totalmente irresponsabile per far andare avanti Q. ”

La storia di Q si basa sulla necessità che Q rimanga anonimo. Ecco perché Q ha originariamente scelto 4chan, uno degli ultimi posti creati per l’anonimato sul social web. “Ho spesso messo in relazione Q con figure precedenti come John Titor o Satoshi Nakamoto”, mi ha detto Brennan riferendosi a due leggende dell’anonimato su Internet. Satoshi Nakamoto è il nome usato dall’ignoto creatore di bitcoin. John Titor è il nome usato su diverse bacheche nel 2000 e 2001 da qualcuno che afferma di essere un viaggiatore del tempo militare dal 2036 .

I seguaci di QAnon vedono l’anonimato di Q come prova della credibilità di Q, nonostante la loro profonda sfiducia nei confronti di fonti senza nome nei media. Ogni fazione di QAnon ha le sue intuizioni, alleanze e drammi interpersonali relativi alla questione dell’identità di Q. Le teorie si inseriscono in tre grandi gruppi. Nel primo gruppo ci sono teorie che ipotizzano che Q sia un singolo individuo che ha pubblicato tutto da solo per tutto questo tempo. Qui troverai le persone che affermano che Trump stesso è Q, o anche che PrayingMedic è Q. (Questa categoria include anche la possibilità, sollevata da persone al di fuori di QAnon, che Q sia un sostenitore di Trump solitario che ha iniziato a pubblicare come una forma di fan fiction, non rendendosi conto che sarebbe decollato, e l’idea che Q ha iniziato a pubblicare post per parodia di Trump e dei suoi sostenitori, senza anticipare che la gente lo avrebbe preso sul serio. ) Il secondo gruppo di teorie sostiene che la Q originale sia stata pubblicata continuamente per un po ‘, ma poi qualcosa è cambiato. Questa seconda categoria include l’idea di Brennan che i Watkins stiano pagando Q, o stiano pagando qualcuno per continuare come Q, o addirittura agendo come Q stessi. Il terzo gruppo di teorie sostiene che Q è un collettivo, con un piccolo numero di persone che condividono l’accesso all’account. Questa terza categoria include l’idea che Q sia un nuovo tipo di agenzia di intelligence militare open source. con un numero limitato di persone che condividono l’accesso all’account. Questa terza categoria include l’idea che Q sia un nuovo tipo di agenzia di intelligence militare open source. con un numero limitato di persone che condividono l’accesso all’account. Questa terza categoria include l’idea che Q sia un nuovo tipo di agenzia di intelligence militare open source.

Leggi: ero un teorico della cospirazione adolescenziale

Molti aderenti QAnon vedono significato nella tweets Trump contenenti parole che iniziano con la lettera Q . I recenti eventi mondiali li hanno ampiamente premiati. “Sono un grande amico e ammiratore della regina e del Regno Unito”, Trump ha iniziato un tweet il 29 marzo . Il giorno prima, aveva twittato questo : “Sto prendendo in considerazione la Quarantine.” La folla di Q si è impossessata di entrambi i tweet, sostenendo che se ignori la maggior parte delle lettere nei messaggi, troverai una confessione da Trump: “I am … Q.”

VI. MOTIVO VERSO FEDE

in una caffetteria di miamil’anno scorso ho incontrato un uomo che negli ultimi anni ha attirato l’attenzione per le sue ricerche sulle teorie della cospirazione: un professore di scienze politiche dell’Università di Miami di nome Joseph Uscinski. Conosco Uscinski da anni, e le sue opinioni sono sfumate, profondamente informate e lontane da qualsiasi cosa tu possa considerare partigianeria istintiva. Molte persone presumono, mi disse, che una propensione al pensiero della cospirazione sia prevedibile secondo le linee ideologiche. È sbagliato, ha spiegato. È meglio pensare al pensiero della cospirazione come indipendente dalla politica del partito. È una forma particolare di cablaggio mentale. Ed è generalmente caratterizzato dall’accettazione delle seguenti proposizioni: Le nostre vite sono controllate da trame nate in luoghi segreti. Sebbene viviamo apparentemente in una democrazia, un piccolo gruppo di persone gestisce tutto, ma non sappiamo chi siano.

QAnon non è una cospirazione di estrema destra, nel modo in cui viene spesso descritta, Uscinski ha continuato, nonostante la sua narrazione ovviamente pro-Trump. E questo perché Trump non è un tipico politico di estrema destra. Q fa appello a persone con la più grande attrazione per il pensiero della cospirazione di qualsiasi tipo, e quel fascino attraversa le linee ideologiche.

QAnon porta avanti una tradizione di pensiero apocalittico che dura da migliaia di anni. Offre una polemica per potenziare coloro che si sentono alla deriva.

Molte delle persone più inclini a credere alle teorie della cospirazione si vedono come guerrieri vittime che combattono contro forze corrotte e potenti. Condividono un odio per le élite tradizionali. Questo aiuta a spiegare perché i cicli di populismo e cospirazione sembrano alzarsi e cadere insieme. Il pensiero della cospirazione è allo stesso tempo una causa e una conseguenza di ciò che Richard Hofstadter nel 1964 descrisse in modo famoso come “lo stile paranoico” nella politica americana. Ma non commettere l’errore di pensare che le teorie della cospirazione siano scarabocchiate solo nelle marginalità della storia americana. Colorano tutti i principali eventi di cronaca: l’assassinio di John F. Kennedy, l’atterraggio sulla luna, l’11 settembre. Hanno contribuito a sostenere eruzioni conseguenti, come il maccartismo negli anni ’50 e l’antisemitismo in qualsiasi momento tu scelga. Ma QAnon è diverso. Può essere spinto dalla paranoia e dal populismo, ma è anche spinto dalla fede religiosa. Il linguaggio del cristianesimo evangelico è arrivato a definire il movimento Q. QAnon sposa un appetito per il complotto con convinzioni positive su un futuro radicalmente diverso e migliore, che è preordinato.

Leggi: lo stile paranoico dell’intrattenimento americano

Questo faceva parte del motivo per cui la madre di Uscinski, Shelly, 62 anni, era attratta da QAnon. Shelly, che vive nel New Hampshire, stava lavorando su YouTube un paio di anni fa, alla ricerca di video pratici – non ricorda cosa, esattamente, forse un tutorial su come rendere i vetri della sua auto perfettamente puliti— e l’algoritmo è servito a QAnon. Ricorda una sensazione di attrazione magnetica. “Tipo, wow, che cos’è questo? “Ha ricordato quando le ho parlato al telefono. “Per me, stava rivelando alcune cose che forse speravo sarebbe successo.” Intuì che Q conosceva le sue ansie, come se qualcuno stesse prendendo il suo treno di pensieri e “lo stesse effettivamente verbalizzando”. Le frustrazioni di Shelly sono ampie e dirette principalmente alle istituzioni che considera infrante. È stufo del sistema educativo, del sistema finanziario, dei media. “Anche le nostre chiese sono fuori di testa”, ha detto. Una delle cose che risuonava di più con lei riguardo a Q era il suo disgusto per “le notizie false”. Riceve le sue informazioni principalmente da Fox News, Twitter e dal New Hampshire Union Leader . “Nella mia vita, immagino, le cose sono peggiorate progressivamente”, ha detto Shelly. Ha aggiunto un po ‘più tardi: “Q ci dà speranza. Ed è una buona cosa, essere fiduciosi. ”

A Shelly piace che Q ogni tanto citi dalle Scritture, e le piace che incoraggi le persone a pregare. Alla fine, ha detto, QAnon parla di qualcosa di molto più grande di Trump o di chiunque altro. “Ci sono seguaci di QAnon là fuori”, ha detto Shelly, “che suggeriscono che ciò che stiamo attraversando ora, in questo folle regno politico in cui ci troviamo ora, con tutte le cose che stanno accadendo in tutto il mondo, è molto biblico, e che questo è Armageddon. “

Le ho chiesto se pensa che la fine del mondo sia alle porte. “Non mi sorprenderebbe”, ha detto.

Leggi: La normalizzazione della cultura della cospirazione

Joseph Uscinski è turbato dal credo di sua madre in QAnon. Non si sente a suo agio a parlarne. E Shelly non apprezza molto l’ironia della situazione della famiglia, perché non crede che QAnon sia una forma di cospirazione pensando in primo luogo. Ad un certo punto della nostra conversazione, quando mi riferivo a QAnon come a una teoria della cospirazione, interruppe rapidamente: “Non è una teoria. È la predizione delle cose a venire. ” Rise forte quando le chiesi se avesse mai provato a convincere Joseph a credere in QAnon. La risposta è stata un inequivocabile no: “Sono sua madre, quindi lo amo.”

VII. APOCALISSE

guardiani per End of Days può facilmente trovare segni di un destino imminente: nelle comete e nei terremoti, nelle guerre e nelle pandemie. È sempre stato così. Nel 1831, un predicatore battista nelle zone rurali di New York di nome William Miller iniziò a condividere pubblicamente la sua previsione che la Seconda Venuta di Gesù era imminente. Alla fine si stabilì in una data: il 22 ottobre 1844. Quando il sole sorgeva il 23 ottobre, i suoi seguaci, noti come i Milleriti, furono schiacciati. L’episodio sarebbe diventato noto come la Grande delusione. Ma non si arresero. I Milleriti sono diventati gli avventisti, che a loro volta sono diventati gli avventisti del settimo giorno, che ora hanno un abbonamento mondiale di oltre 20 milioni. “Queste persone nella comunità di QAnon – mi sento come se fossero profondamente deliranti, così profondamente investiti nelle loro credenze, come lo erano i Milleriti”, Travis View, uno degli ospiti mi ha detto un podcast chiamato QAnon Anonimo, che sottopone QAnon ad un’analisi acuta. “Questo mi rende abbastanza fiducioso che questo non è qualcosa che andrà via con la fine della presidenza Trump.”

QAnon porta avanti una tradizione di pensiero apocalittico che dura da migliaia di anni. Offre una polemica per potenziare coloro che si sentono alla deriva. Nel suo classico libro del 1957, The Pursuit of the Millennium , lo storico Norman Cohn ha esaminato l’emergere del pensiero apocalittico nel corso di molti secoli. Ha trovato una condizione comune: questo modo di pensare è emerso in modo coerente nelle regioni in cui si stavano verificando rapidi cambiamenti sociali ed economici, e in periodi in cui le manifestazioni di ricchezza spettacolare erano altamente visibili ma non disponibili per la maggior parte delle persone. Ciò era vero in Europa durante le Crociate nell’XI secolo e durante la Morte Nera nel 14 ° secolo, e nella Valle del Reno nel 16 ° secolo e nella New York di William Miller nel 19 ° secolo. È vero in America nel 21 ° secolo.

Gli avventisti del settimo giorno e la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni sono fiorenti movimenti religiosi indigeni in America. Non essere sorpreso se QAnon diventa un altro. Ha già più aderenti di gran lunga rispetto a una di quelle due denominazioni nei primi decenni della loro esistenza. Le persone stanno esprimendo la loro fede attraverso lo studio devoto delle gocce Q come puntate di un testo fondamentale, attraverso lo sviluppo di gruppi di adorazione Q e attraverso ampie espressioni di gratitudine per ciò che Q ha portato alla loro vita. Importa che non sappiamo chi sia Q? Il divino è sempre un mistero. È importante che gli aspetti di base degli insegnamenti di Q non possano essere confermati? I principi di base del cristianesimo non possono essere confermati. Tra la gente di QAnon, la fede rimane assoluta. I veri credenti descrivono un sentimento di rinascita, un’eccitazione irreversibile alla conoscenza esistenziale. Sono certi che sta arrivando un Grande Risveglio. Aspetteranno il tempo necessario per la liberazione.

“Fidati del piano. Goditi lo spettacolo. Niente può fermare ciò che sta arrivando”

AUTRICE

ADRIENNE LAFRANCE 

TheAtlantic.com

Standard
Medicina, Psicologia, Salute, Scienza

IL BUCO NERO DENTRO COVID-19 E LA RIFORMA OSCURA DELLA MEDICINA

Vista l’eccezionalità della situazione, dopo tanti anni di soli articoli, ho creato un canale YouTube che porta il nome di questo blog, e ho pubblicato al suo interno una video-analisi di tutti gli elementi raccolti sulla questione Covid-19.

La versione per YouTube termina con una domanda, ovvero, se le misure di contenimento non hanno alcuna utilità sanitaria, che cosa giustifica questa radicale trasformazione antropologica?

Nella versione per Vimeo, sul mio canale personale, mi sono avventurato in alcune personali conclusioni.

Vi riporto uno dei commenti più significativi che questo video ha ricevuto:

“Ho appena visto il tuo documentario. Veramente notevole, con dati fatti e fonti autorevoli.

La parte che mi ha colpito di più è dove parli verso la fine, dell’utilizzo del “rito” (la maschera) per la modificazione mentale. E per “aprire” le persone a suggestioni e modifiche di identità e comportamento.

I “culti distruttivi” funzionano così. Ne parla anche Matteo Rampin (psichiatra) nei suoi libri.

Stanno usando la psicoterapia, in particolare quella ipnotica indiretta, a rovescio. Reverse Phsychoterapy, o Psicologia Nera. Ne ho solo accennato in un mio post del 20 Maggio “Come ottenere tutto ciò che vuoi”.

Ho ripensato alla domanda che si faceva Stefano Re (criminologo) e dopo il tuo documentario, azzardo una risposta.

Oltre all’ovvio, cioè semplicemente l’obiettivo è il Controllo. Sono multimiliardari, e potrebbero starsene su un panfilo circondati dalla beatitudine tutto il giorno. No, semplicemente sono diventati come gli squali quando sentono l’odore del sangue: vanno in una specie di frenesia di Volontà di Potenza. Una sorta di orgasmo, credo.

E come ottenere il controllo totale?

Serve installare delle patologie psichiatriche a livello collettivo.

In questo modo la popolazione diventa prevedibile nelle reazioni. Categorizzati come nel DSM-5, quindi con reazioni e vulnerabilità prevedibili. La prevedibilità delle masse, è fondamentale, per poter utilizzare leve di comando altrettanto prevedibili e funzionali. “

https://it.wikipedia.org/wiki/Manuale_diagnostico_e_statistico_dei_disturbi_mentali

L’INTERVISTA AL DOTTOR MASTRANGELO

A proposito del devastante valore simbolico delle mascherine (sebbene non ne venga qui menzionato l’aspetto ritualistico) ho trovato ulteriori ed autorevoli conferme nell’intervista al Dottor Mastrangelo, ad opera di Gianluca Spina, e precisamente al minuto 50’

Inoltre viene anche spiegato perché la lettura di una sequenza genica non è mai unanime (minuto 56). Ovviamente per chi è dotato di pazienza consiglio la visione del video integrale.

LE TESI DI SCOGLIO

Alcuni giorni fa, un mio conoscente della corrente igienista, mi ha sottoposto le ricerche del dottor Scoglio.

Stefano Scoglio è un italiano precedentemente candidato al Nobel per degli studi effettuati negli Usa, ha esaminato due importanti documenti, rispettivamente della Commissione Europea (16 Aprile) e dell’Istituto Superiore di Sanità (18 Maggio).

Current performance of COVID-19 test methods and devices and proposed performance criteria – Working document of Commission services  

e

Dispositivi diagnostici in vitro per COVID-19. Parte 1: normativa e tipologie

LE TESI NEL DETTAGLIO [ESTRATTO]

Ormai non muore più nessuno (e noi sappiamo che in realtà non è mai morto nessuno di Covid-19, ma di altre patologie preesistenti o di terapie sbagliate). I reparti di rianimazione sono vuoti, ed è quindi diventato impossibile procurarsi morti freschi. E allora come si fa a prorogare la finta pandemia? Occorre prorogarla almeno fino all’autunno, quando le mega-vaccinazioni in corso (vedi i 15.000 adolescenti vaccinati con 4-5 vaccini simultaneamente in questi giorni a Treviso) e in programma (obbligo di vaccinazioni influenzali per gli ultra-65enni in diverse regioni italiane) porteranno nuove forze fresche alla causa della vita perennemente pandemica. Così, per prorogare la pandemia, si inventa una nuova patologia: l’asintomaticità! Ti ostini a voler star bene? Non hai uno straccio di sintomo? Non ti illudere, noi sappiamo che in realtà sei malato, perché sei asintomatico. La nuova patologia dell’asintomaticità consiste nel risultare positivo al tampone Covid-19. In effetti il tampone positivo può trasformare l’asintomaticità in malattia, potenzialmente generando un mix di panico e depressione, che si lega presto a immunodepressione e conseguente possibile sviluppo di processi infettivi endogeni, simili al Covid-19 (questa è almeno la segreta speranza del ministro Speranza, tra gli altri). È noto che da alcuni decenni l’obiettivo dell’industria farmaco-tossica è quello di produrre farmaci per i sani. Tutti gli investimenti per la genetica avevano e hanno questo scopo: produrre farmaci per curare squilibri o predisposizioni genetiche nei sani. Ma quella è stata una strada difficile e complicata: molto più facile ottenere lo stesso con un tampone che ti rende positivo-asintomatico, e dunque soggetto, oltre che al possibile sviluppo di una nuova condizione patologica, alle cure del caso: anti-virali, anti-infiammatori, ed eventualmente vaccini. Il punto debole di questo nuovo approccio patogenico è la sua base essenziale, il mitico tampone Covid-19. Di che cosa si tratta? Si preleva un campione di materiale organico dalla gola o più raramente dal liquido bronco-alveolare, e si verifica in tale campione la presenza del virus SARS-Cov-2. Alla fine, anche la validità o meno del test si basa sull’isolamento o meno del fantomatico virus, di cui esistono ormai 40.000 sequenziamenti genici, e che ci dicono (anche per evitare di focalizzare troppa attenzione sulla effettiva conoscenza del virus) che muta continuamente.

Il Tampone e il Virus Super-Mutante

Qui emerge il primo grande dubbio: ma se muta continuamente, come fai a trovarlo col tampone? Il tampone dovrebbe avere uno standard, una sequenza genica che si attacchi (Annealing) all’eventuale virus presente nel liquido, e che consenta di riprodurlo tramite PCR (Polimerase Chain Reaction). Ma se il virus muta costantemente, che te ne fai dello standard in dotazione del test? Chiaramente non vale più niente, perché va a cercare un virus diverso da quello eventualmente presente. Da questo punto di vista, solo questo basterebbe per capire che il test-tampone Covids-19 è completamente, al 100%, fallace.

Falsi positivi

In realtà il test-tampone Covid-19 è nato fallace, se è vero che uno dei primi articoli scientifici che testarono uno dei primi test, conclude che lo stesso produceva l’80.3% di falsi positivi. Questo articolo, pubblicato agli inizi di Marzo 2020 in cinese, con l’Abstract disponibile in inglese, riporta che, di tutti i soggetti asintomatici risultati positivi, l’80,3% erano falsi positivi. Chissà perché la rivista cinese che lo pubblicò, decise di ritirare l’articolo e non pubblicarlo più? Viene quasi da pensare che i cinesi abbiano un interesse a diffondere la pseudo-pandemia… Abbiamo visto che in realtà, anche solo per il fatto che il virus muta in continuazione, e che si dice che il virus italiano è diverso da quello cinese che è diverso da quello americano (ma allora perché si chiamano tutti SARS-Cov-2?), non ha neppur senso parlare di percentuali di correttezza: il test semplicemente cerca una cosa che non c’è più, se mai c’è stata.

Il problema della validazione

E allora, dato che le statistiche dei positivi, e pure il numero dei morti per Covid-19, sono dipesi e dipendono dal test-tampone, e che quindi alla base del Lockdown universale e della parallela distruzione economica, sta la validità o meno del test, viene da chiedersi: ma i test utilizzati sono validi, sono stati validati? Cioè, almeno dal punto di vista delle istituzioni sanitarie, il cui parere ha sostenuto il Lockdown universale, c’è stata una verifica e conseguente validazione del test? Questa è una domanda essenziale, perché se i governi, tranne le loro istituzioni sanitarie, non hanno verificato e validato i test che giustificano i Lockdown, allora non esiste più alcuna legittima giustificazione dei Lockdown, e questo anche da un punto di vista giuridico e con significative responsabilità di natura amministrativa e penale.

La data del commento è rilevante: il 16 Aprile 2020 il picco della pandemia era già passato, quindi la EU ha valutato la questione dell’affidabilità o meno dei test tamponi a posteriori, il che significa che tutta la fase del Lockdown è stato gestito sulla base di tamponi di cui nessuno si era neppure chiesto se fossero validi o meno!

Che questo sia un problema lo riconosce implicitamente anche la EU quando afferma che “Test tempestivi e accurati del Covid-19 sono una parte essenziale della gestione della crisi Covid-19”). Continua la EU:

 “…dopo essere stati introdotti sul mercato, la performance degli strumenti può essere validata, ovvero confermata da ulteriori verifiche che le dichiarazioni del produttore corrispondano alla realtà, verifiche effettuate presso laboratori di riferimento, istituzioni accademiche, o agenzie regolatorie nazionali. Tale validazione non è legalmente obbligatoria, ma è fortemente raccomandata per l’assunzione di decisioni sulla salute pubblica…”

La EU, che spacca il capello quando deve decidere sulla curvatura delle banane, o sulla dimensione delle telline, e che per esempio in Italia per gli integratori alimentari ed erboristici richiede la preventiva notifica al MinSal, qui autorizza l’immissione in commercio dei più importanti test della storia umana senza nessuna verifica preliminare, e solo auspicando verifiche di validazione facoltative ex post? E’ talmente evidente che la validazione dei test è indispensabile per prendere corrette decisioni politiche, che la “forte raccomandazione” ad eseguire test di validazione appare come la foglia di fico per coprire la vergognosa rinuncia a verificare con autorizzazioni preliminari la validità di test da cui sono dipese le sorti delle nazioni! E la situazione è molto peggiore di quello che si pensa. Il documento EU rivela che, mentre tutti pensano che ci sia 1 test per il tampone Covid-19, in Europa ne esistono ben 78 diversi. Si tratta di test basati sulla PCR, immessi sul mercato dalle aziende produttrici o importatrici (dalla Cina) senza preventiva validazione! Infatti, continua EU, dei 78 apparecchi in commercio, “solo quelli dell’Istituto Pasteur, della Facoltà di Medicina di Hong Kong, e della Charité, sono stati validati internamente”.

Quindi, solo 3 su 78 sono stati validati, e anche quelli solo internamente, che è come dire che l’oste ha dichiarato che il suo vino è buono. Come spiega il documento EU:

 “L’informazione più cruciale relativa ai metodi RT-PCR sviluppati per il rilevamento del SARS-Cov-2 sono le sequenze di oligonucleotidi (Primers and Probes) usati per l’amplificazione del cDNA”.

Come ho detto sopra, in ultima analisi alla base del test-tampone Real Time PCR c’è la correttezza o meno della originaria sequenza genica del virus, e quindi la questione del suo isolamento, tema che merita una trattazione a sé. Ma, ammesso e non concesso che la sequenza genica originaria (isolamento) sia corretta, occorre che i test in commercio siano conformi a quella corretta sequenza genica del SARS-Cov2, e che non usino sequenze inventate” dai produttori. Ma EU ci spiega che questo non lo sappiamo e non possiamo saperlo, perché tranne che per pochi casi, non si ha nessuna informazione sulle effettive sequenze dei Primers and Probes utilizzati negli strumenti“.

Il test tampone utilizza la stessa metodologia RT-PCR che si usa per il presunto isolamento del virus: i coronavirus sarebbero virus a RNA, con un solo filamento (Single-Stranded); per poter essere amplificati, cioè moltiplicati in modo da ottenerne una quantità analizzabile, la PCR utilizza dei Primers, cioè delle sequenze geniche “artificiali”, sintetizzate in laboratorio, che possano corrispondere a una frazione minuscola ma presuntivamente caratteristica del virus che si cerca. Se questo primer di RNA sintetico, trova una corrispondente sequenza genica nel materiale analizzato, i due filamenti di RNA dei legano l’uno all’altro (Annealing), e danno vita a quel cDNA, o DNA complementare, che poi viene replicato dalla PCR. Ora, considerate che i coronavirus hanno, così ci dicono, circa 30.000 basi geniche o nucleotidi; il Primer sintetico usato per rilevarlo ha 18-24 basi, ovvero una frazione corrispondente allo 0.07% del genoma del virus. Capite subito che si tratta di un metodo di reperimento del virus molto problematico: un campione di materiale organico dalla gola o dai bronchi di un soggetto contiene una quantità innumerevole di acidi nucleici (DNA/RNA) del soggetto stesso, di batteri residenti, di Esosomi, e tanti altri possibili virus (se di virus si tratta). Con una sequenza genica che copre solo lo 0.07% del genoma, appare evidente che si possono intercettare gli RNA di tanti altri organismi o dello stesso soggetto.

Per capirci, sarebbe come se io, cieco, volessi trovare un elefante conoscendone solo il colore dei peli della coda, grigio; e poi mi mettessi a cercare di che animale si tratta solo sulla base del colore grigio dei peli della coda: è evidente che potrei trovarlo nei topi, nei gatti grigi, nei cani grigi, e così via.

Quindi, esiste un problema di identificazione del virus a monte, all’origine. Ma questo problema si amplifica ulteriormente quando i 78 test in commercio usano delle sequenze geniche che potrebbero anche non corrispondere a quello originale (cercano peli blu invece che grigi), e che non fanno riferimento a nessun virus isolato, ma hanno solo preso delle sequenze nelle banche dati dei Primers che siano in qualche modo simili a quelli dati per i coronavirus, potendo così rilevare qualsiasi tipo di coronavirus altro dal SARS-Cov2. Insomma, la ricerca del virus è fallata alla fonte, e diventa totalmente inutile quando si passa agli effettivi test usati nella pratica. Soprattutto, nessuno ha mai verificato la natura e qualità del test in commercio, che dunque in teoria potrebbero contenere anche nulla, e usare solo un metodo stocastico, con positività o negatività assolutamente casuali. Il documento EU ammette che

“…uno studio ha sottolineato come ci fossero delle corrispondenze sbagliate (che possono compromettere l’efficienza delle reazioni) nei siti di connessione (Annealing) delle sequenze geniche utilizzate dalla OMS”.

Il metodo OMS è dichiarato dal documento EU come quello più efficace! Ed è gravemente fallato anche quello! Il documento EU conclude così:

“c’è una evidente mancanza di corrispondenza tra l’informazione di controllo di qualità relativa ai test/apparecchi Covid-19 e i criteri di performances proposti sopra, che sono basati sui principi delle buone pratiche di analisi…”

In altre parole, ad oggi 16 Aprile si propongono dei criteri di necessaria qualità del test/apparecchiature Covid-19, criteri che fino ad oggi non sono stati rispettati! Lo dice la EU stessa.

Il 18 Maggio 2020, l’Istituto Superiore di Sanità italiano ha pubblicato un documento (“Dispositivi diagnostici in vitro per COVID-19. Parte 1: normativa e tipologie”).

Questo documento dell’ISS recepisce il documento EU e ne conferma dati e approccio. Il che significa che al 18 Maggio, non esistevano ancora test affidabili per il SARS-Cov2 o Covid 19. E dato che al momento non ci sono ulteriori documenti, ne deriva che alla fine di Giugno siamo ancora nella situazione descritta dal documento EU: nessuna verifica o valutazione autonoma; prove di “Mismatch”, o corrispondenze sbagliate, delle sequenze geniche utilizzate; 78 (oggi anche di più) diversi test di cui non si sa nulla tranne il poco che dichiara il produttore; e un isolamento del virus originario molto problematico perché eseguito con le stesse metodologie non validate. Forse il problema è proprio questo: non esistendo il virus isolato, è impossibile validare qualsiasi test approntato per rilevarlo. I test-tampone sono stati il motore della pandemia per tutto il periodo metà Febbraio-metà Aprile 2020, e sono ora il motore della nuova patologia pandemica dell’asintomaticità. Se queste sono le basi giustificative della decisione di effettuare un lockdown universale, con conseguente distruzione dei sistemi economici, è chiaro che siamo qui di fronte a follia o pura criminalità.

CONCLUSIONI

  1. Come ipotizzavo io stesso e con dati che sono alla portata di tutti, non vi è alcuna prova scientifica circa l’esistenza del fantomatico SARS-COV-2 o COVID-19
  2. Nonostante ciò è in atto e a prescindere una vera e propria “riforma della medicina” (così la definisce Mastrangelo al minuto 58’ della suddetta intervista) che mira a trasformare il concetto stesso di salute, andando di fatto a conquistare nuove fette di mercato (e non solo).

Tutto ciò affonda le sue radici nel “Disease Mongering” o “Mercificazione della Malattia” che però fino ad oggi non aveva mai raggiunto tali livelli di espansione.

https://it.wikipedia.org/wiki/Disease_mongering

«Il nostro sogno è produrre farmaci per le persone sane. Questo ci permetterebbe di vendere a chiunque.»

(Henry Gadsen, Direttore Generale di Merck & Co. su Fortune 1977)

Standard
Medicina, Salute, Scienza, Tecnologia

ARCOBALENO INVISIBILE

THE INVISIBLE RAINBOW by Arthur Firstenberg

L’arcobaleno invisibile: Una storia dell’elettricità e della vita

di Arthur Firstenberg

Dopo aver trovato e letto questo documento, ho ritenuto importante tradurlo il prima possibile perché le informazioni contenute hanno una particolare pertinenza con quanto sta vivendo il mondo in questo momento storico.

Leggendo il documento si potrebbe però avere l’impressione che l’elettricità sia il maggiore di tutti i mali. In realtà, come ogni cosa, anche l’elettricità, se usata con giudizio e cognizione di causa, può portare benefici per la salute. Nell’ultimo secolo e mezzo sono state fatte tante ricerche in merito, ottenendo in molti casi risultati stupefacenti. Vale il seguente confronto: fare una doccia è generalmente un’attività salutare, ma mettersi sotto le cascate del Niagara è certamente mortale. Non possiamo però concluderne che l’acqua in sé come fenomeno è un assoluto portatore di morte. Dipende dalla modalità in cui la utilizziamo. Sono fortemente convinto che lo stesso valga per l’elettricità.

Per il lettore interessato, consiglio la lettura del libro “Electrical Healing and the Violet ray” che può essere scaricato gratuitamente a questo link e che elenca tutti i successi ottenuti negli ultimi 3 secoli nell’applicazione coscienziosa, moderata e correttamente dimensionata dell’elettricità ai disturbi di salute.

INTRODUZIONE

Sull’autore

Arthur Firstenberg è uno scienziato e giornalista che è in prima linea nel movimento globale impegnato ad abbattere il tabù sul tema degli effetti dei campi elettromagnetici sugli esseri viventi. Dopo essersi diplomato in matematica all’Università di Cornell, ha frequentato l’Università della California, Irvine School of Medicine dal 1978 al 1982. Ha dovuto interrompere la sua carriera medica a causa di problemi di salute derivanti da overdose da raggi X. Negli ultimi 37 anni è stato ricercatore, consulente e conferenziere sugli effetti delle radiazioni elettromagnetiche sulla salute e sull’ambiente, come pure un praticante di diverse arti curativa.

Sul libro

Questo libro straordinariamente ben documentato è una pietra miliare nel senso che traccia l’utilizzo dell’elettricità nella nostra civilizzazione in relazione alla sua interazione con gli organismi viventi, dalla sua scoperta iniziale negli anni 1740 fino ai giorni nostri, con una possibile proiezione nel futuro. Da notare il fatto che il titolo si riferisce all’intero spettro elettromagnetico comprendente i colori dell’arcobaleno come pure le frequenze invisibili quali le frequenze radio ed i campi che si generano intorno ad un filo conduttore.

PRIMA PARTE

  • Catturata in una bottiglia

Nel 1746 ci furono le prime scoperte sull’elettricità in Europa. L’esperimento di Leyden consisteva nel rivelare il fluido elettrico sfregando la mano su di un globo di vetro che ruotava rapidamente sul suo asse. L’elettricità statica prodotta in questo modo faceva una grande impressione nelle scuole, nelle fiere e sulle persone che avevano i mezzi economici per acquistare l’apparecchio, producendo archi elettrici o brevi scosse elettriche. Il fenomeno era così popolare che non era socialmente accettabile suggerire che l’elettricità potesse essere pericolosa, malgrado il fatto che le scosse causavano mal di testa, sangue dal naso e stanchezza in alcuni sperimentatori e negli animali usati nei test. La società era pervasa da elettromania e gli esponenti più appassionati ad avere un elettroshock in buona compagnia tra un bicchiere di champagne e l’altro cominciarono a mostrare sintomi dannosi. Malgrado ciò, l’establishment medico si munì di una bottiglia di Leida (l’antenato del condensatore) con lo scopo di fare esperimenti medici sull’aborto ed altre applicazioni.

In questo modo emerse un campo completamente nuovo di conoscenza riguardo agli effetti dell’elettricità sulle persone, sulle piante e sugli animali – conoscenza che allora era molto più ampia rispetto a quella dei medici contemporanei, i quali vedono giornalmente gli effetti dell’elettricità senza riconoscerli per quello che sono, e che generalmente ignorano l’esistenza stessa di queste conoscenze.

  • Il sordo sente, lo zoppo cammina

Notando gli effetti raramente positivi e molto più spesso negativi dell’applicazione di voltaggi elettrici ad organismi viventi, i ricercatori ed i medici conclusero che gli organismi viventi fanno uso dell’elettricità. Vennero sviluppate delle cure che utilizzavano l’elettricità, come per esempio nel 1851 quando il neurologo Duchenne curò decine di pazienti con l’applicazione locale di impulsi elettrici. Vennero fatti esperimenti da Volta ed altri ricercatori nel mondo occidentale che mostrarono come il sistema nervoso, quello cardiaco, quello cardiovascolare, quello gustativo ed altri sistemi potessero essere stimolati dall’utilizzo di elettricità prodotta da una coppia galvanica. Fu scoperto che il numero di effetti curativi era significativamente inferiore di quelli dannosi, che includevano i sintomi dell’elettrosensibilità (ES) conosciuta oggi, quali mal di testa, capogiri, nausea, confusione mentale, stanchezza, depressione, insonnia, ecc.

  • Sensibilità elettrica

Il botanico francese Thomas-François Dalibard, che fece esperimenti elettrici con organismi viventi, confidò in una lettera a Benjamin Franklin datata 1762 che non era in grado di continuare il suo lavoro perché il suo corpo aveva sviluppato un’intolleranza all’elettricità. Fu uno dei primi uomini ad essere ufficialmente dichiarato elettroipersensibile (EHS). Se si legge il suo resoconto, è chiaro che questo botanico deve esserne stato affetto in modo grave. Altri professori e ricercatori ebbero la stessa esperienza e furono obbligati ad interrompere il loro lavoro. Pure il famoso Benjamin Franklin contrasse una malattia neurologica durante le sue ricerche sull’elettricità a partire dal 1753, ed i sintomi ricordavano quelli dell’elettroipersensibilità. Tutto ciò portò, alla fine del diciottesimo secolo, al riconoscimento del fatto che l’elettricità poteva far ammalare le persone, a seconda del sesso, della morfologia e delle condizioni fisiche dell’individuo. In modo simile era stato osservato che alcuni individui reagivano fortemente ai cambiamenti del tempo, che spesso erano correlati a cambiamenti elettrici nell’atmosfera. I nomi di alcuni di questi individui sono famosi ancora oggi – tra questi Cristoforo Colombo, Dante, Charles Darwin, Benjamin Franklin, Goethe, Viktor Hugo, Leonardo da Vinci, Martin Lutero, Michelangelo, Mozart, Napoleone, Rousseau e Voltaire.

  • La strada non intrapresa

Durante gli anni 1790 la scienza ebbe una crisi d’identità riguardo l’interpretazione e l’unificazione dei quattro fluidi: elettricità, luce, magnetismo e calore. In riferimento all’elettricità, da un lato c’era Luigi Galvani, che considerava l’elettricità come parte integrante dell’organismo vivente, e dall’altra c’era la teoria di Volta secondo la quale l’elettricità era solo un effetto secondario delle reazioni chimiche interne dell’organismo vivente. Volta, l’inventore della batteria elettrica che aveva il potenziale di diventare una miniera d’oro, vinse la discussione contro la visione più globale dell’interazione tra elettricità e organismo vivente.

  • Malattia elettrica cronica

A partire dalla fine del diciannovesimo secolo i territori urbani vennero trasformati dall’istallazione delle linee telegrafiche in tutti i paesi industrializzati. Questa tecnologia utilizzava voltaggi nell’ordine di 80 Volt in un singolo conduttore, con il ritorno che passava attraverso la terra.

In quel periodo emersero le prime correnti “randagie” a cui gli esseri viventi erano esposti. Fu allora che apparvero le malattie della civilizzazione quali la neurastenia, che afflisse Frank Lloyd Wright e Theodor Roosevelt, oltre ad altri personaggi famosi. È importante notare che la neurastenia è molto simile all’elettroipersensibilità, il termine più moderno per lo stesso disturbo di sensibilità all’elettricità.

Circa la metà dei telegrafisti impiegati per manipolare l’elettricità inviata attraverso le linee, e quindi esposti a campi elettromagnetici molto forti, erano affetti dalla malattia telegrafica. Nuovamente, i sintomi erano gli stessi dell’EHS. Più tardi, intorno al 1915, gli operatori telefonici cominciarono a vivere gli stessi sintomi, perché erano esposti per ore ai campi elettromagnetici dei sistemi di comunicazione. Nel 1989, si rilevò che a Winnipeg il 47% degli operatori telefonici soffrivano degli stessi sintomi.

Ma nel 1894 il famoso psichiatria viennese Sigmund Freud scrisse un articolo il cui effetto fu disastroso per tutti gli sfortunati che soffrivano della malattia telegrafica, la neurastenia, la sindrome delle microonde o EHS. Piuttosto di riconoscere la causa esterna – che era l’inquinamento elettromagnetico – attribuì questi sintomi a pensieri disordinati e ad emozioni mal controllate. Il risultato è stato che oggi milioni di cittadini affetti dallo smog elettromagnetico vengono curati con medicine invece di ridurre la loro esposizione a questo inquinante. Sigmund Freud rinominò la neurastenia – che era risaputo essere causata dall’elettricità – in ansia neurotica, attacco di ansia o attacco di panico. Questo permise alla sconsiderata elettrificazione di continuare senza intoppi.

Va notato il fatto che in Russia la neurastenia è catalogata come malattia ambientale, perché la ridefinizione dannosa di Freud fu rigettata.

  • Il comportamento delle piante

Sir Jagadis Chunder Bose e altri ricercatori condussero numerosi esperimenti elettrici su piante ed altri organismi viventi, i cui risultati mostravano effetti chiari. Scoprì che i nervi di piante ed animali mostrano comportamenti variabili e che la loro resistività può variare considerevolmente, a seconda dell’applicazione della corrente e della sua polarità. Notò pure che l’intensità di corrente necessaria per modificare la conduttività dei nervi è infinitesimale in termini di voltaggi applicati – nell’ordine di 0.3 microampère (0.3 x 10-6). Questa corrente è significativamente inferiore alla corrente indotta tramite una conversazione telefonica mentre si usa un telefono cellulare. Bose scoprì anche che la soglia dell’attività biologica di una corrente e di 1 femtoampère (1 x 10-15)! Visto che era anche pratico di trasmissioni radio, fece esperimenti in cui una pianta veniva esposta ad un segnale radio di 30 MHz ad una distanza di circa 200 metri, e scoprì che la crescita della pianta veniva ritardata durante il tempo di emissione. Mostrò inoltre che la circolazione della linfa della pianta rallentava quando questa veniva irradiata dallo stesso segnale radio.

  • Malattia elettrica acuta

Durante gli anni 1880, Londra era rifornita con corrente continua, ma alcuni fisici avevano scoperto che la distribuzione di corrente alternata generava minore perdita Ohmica nei fili. Ne seguì la guerra delle correnti malgrado il fatto che molti scienziati, tra cui Edison, criticavano fortemente gli effetti pericolosi della corrente alternata. Ironicamente è proprio il fatto che la corrente alternata è più pericolosa che ha fatto sì che venga utilizzata nella sedia elettrica. E, come tutti sappiamo, la corrente elettrica nella rete di distribuzione è … alternata!

Nel 1889 gli Stati Uniti vissero il processo di elettrificazione in grande scala e, poco dopo, ciò avvenne in Europa. Quello stesso anno, quasi per caso, i dottori subirono un’inondazione di casi di influenza che, fino ad allora, erano stati solo poco frequenti. I sintomi delle vittime erano di natura neurologica, simili alla neurastenia, e non includevano disturbi di respirazione. La pandemia durò 4 anni e uccise almeno un milione di persone.

Nel 2001, l’astronomo canadese Ken Tapping mostrò che le pandemie di influenza negli ultimi 3 secoli erano correlate con i picchi dell’attività magnetica solare in un ciclo di 11 anni. È stato pure scoperto che alcune ondate di influenza si diffusero su ampie aree in pochi giorni – un fatto difficilmente spiegabile tramite contagio da una persona ad un’altra. Inoltre, numerosi esperimenti che tentarono di provare il contagio diretto tramite contatto, gocce di muco ed altri processi si sono dimostrati infruttuosi.

Dal 1933 ad oggi i virologi non sono stati in grado di presentare alcuna prova sperimentale che l’influenza si diffonda tramite il contatto ordinario tra le persone. Tutti i tentativi di fare ciò sono falliti.

  • Il mistero dell’isola di Wight

Nel 1904 le api cominciarono a morire sull’isola di Wight (Inghilterra n.d.T.) in conseguenza all’istallazione di trasmettitori radio da parte di Marconi. Questi trasmettitori lavorano con frequenze vicine ai megahertz.

Dall’altra parte del Canale della Manica, Jacques-Arsène d’Arsonval mostrò che i segnali elettromagnetici “acuti e uncinati” sono molto più tossici dei segnali sinusoidali.

La verità era che dopo un anno e mezzo di sperimentazioni con trasmettitori radio, Marconi, all’età di 22 anni e in piena salute, cominciò a sviluppare delle febbri. Questi attacchi continuarono per il resto della sua vita. Nel 1904, mentre lavorava per costruire un trasmettitore sufficientemente potente per la comunicazione transatlantica, queste febbri divennero così intense che si pensava fossero malaria. Nel 1905 sposò Beatrice O’Brien e dopo la loro luna di miele, si sistemarono sull’isola vicino al trasmettitore. Non appena Beatrice si trasferì sull’isola, cominciò ad avere l’acufene. Dopo 3 mesi si ammalò gravemente di itterizia. Dovette tornare a Londra per partorire un bambino che visse solo alcune settimane e morì per “cause sconosciute”. Durante lo stesso periodo, Marconi soffrì per parecchi mesi di febbre e delirio. Tra il 1918 ed il 1921 soffrì di depressione suicida mentre lavorava ad un trasmettitore a onde corte. Nel 1927, mentre era in luna di miele del suo secondo matrimonio, collassò a causa di dolore al petto e gli furono diagnosticati seri disturbi cardiaci. Tra il 1934 ed il 1937, mentre sviluppava la tecnologia a microonde, ebbe 9 infarti. L’ultimo lo uccise all’età di 63 anni.

Sulla stessa isola, a Osborne House, la Regina Vittoria soffrì di emorragia cerebrale e morì la sera del 22 gennaio 1901, proprio mentre Marconi istallava un nuovo trasmettitore a meno di 13 miglia di distanza.

Nel 1901 c’erano “solo” 2 trasmettitori, mentre nel 1904 ce n’erano 4, rendendo l’isola il luogo più irradiato del pianeta, e causando la morte di tutte le api. Nel 1906 una indagine mostrò che il 90% delle api erano scomparse senza una ragione apparente. Vennero portate sull’isola nuove colonie, ma anche queste perirono entro una settimana.

Questa epidemia si diffuse in tutta l’Inghilterra e poi in tutto il mondo occidentale, per poi stabilizzarsi gradualmente, finché gli eserciti si equipaggiarono con vari trasmettitori radio ad alta potenza verso la fine della Prima Guerra Mondiale – scatenando (come abbiamo visto) la pandemia dell’Influenza spagnola nel 1918 che cominciò in realtà negli Stati Uniti, alla scuola Naval Radio School di Cambridge, Massachusetts, con 400 casi iniziali. Questa epidemia si diffuse rapidamente a 1’127 soldati a Funston Camp (Kansas) dove erano stato installate connessioni wireless. Ciò che incuriosiva i dottori era che mentre il 15% della popolazione civile soffriva di sangue dal naso, tra i soldati della Navy era il 40%. C’erano anche altri tipi di emorragie, e in un terzo di coloro che morirono furono constatate emorragie nei polmoni e nel cervello. Di fatto era cambiata la composizione del sangue, con tempi di coagulazione misurati in più del doppio del normale. Questi sintomi sono incompatibili con gli effetti dei virus dell’influenza respiratoria, ma totalmente allineati con i devastanti effetti dell’elettricità. Un’altra incongruenza era che due terzi delle vittime erano giovani in salute. Un’ulteriore sintomo atipico per un’influenza era che il battito cardiaco rallentava a livelli tra 36 e 48, un sintomo comune nell’esposizione a campi elettromagnetici. Inoltre era possibile curare con successo alcuni malati con dosi massicce di calcio.

Il medico militare Dr. George A. Soper testimoniò che il virus si diffondeva più rapidamente del movimento delle persone. Vennero fatti vari esperimenti nel tentativo di infettare persone sia tramite contatto diretto che tramite inoculazione di muco e sangue – ma gli sperimentatori non furono in grado di dimostrare alcune infezione tramite questi metodi.

Si può vedere come ogni nuova pandemia di influenza corrisponda ad un nuovo avanzamento nella tecnologia elettrica, come per esempio per l’influenza asiatica del 1957-58, che si manifestò in conseguenza di un potente sistema di sorveglianza radar, e l’epidemia dell’influenza di Hong Kong nel luglio 1968, che seguì la messa in funzione di 28 satelliti militari per la sorveglianza dello spazio all’altezza delle fasce di Van Allen, che ci proteggono dalla radiazione cosmica.

  • L’involucro elettrico della terra

 Con un nucleo che si compone principalmente di ferro, la terra ruotante è protetta dalla ionosfera, poi la plasmasfera – delimitata dalle fasce di Van Allen ad un altitudine tra i 1’000 ed i 55’000 km – e dalla sua coda: la magnetosfera, che è esposta ai venti solari che originano nel nostro sole e costituiscono una sorta di dinamo, un sistema elettrico complesso. Gli scambi di elettricità tra la crosta terrestre, l’atmosfera e anche la ionosfera sono permanenti e costanti. Si trovano in un equilibrio delicato, ed una sorta di “respirazione” elettrica di tutto il sistema ha permesso alla vita di svilupparsi sul nostro pianeta, che è caricato con ioni negativi ed equilibrato dalla ionosfera che è carica positivamente. È possibile misurare un campo elettrico medio dell’ordine di 130 volt per metro con valori che possono salire fino a 4’000 volt al metro durante una tempesta. Nel 1953 fu scoperto uno dei parametri principali dell’oscillazione elettrica del nostro ambiente nella forma delle frequenze di (Winfried) Schumann, che “respirano” a 7.83 Hertz, con armoniche a 14, 20, 26, 32 Hz, chiamate frequenze molto basse (Very Low frequencies – VLF).

Non c’è da stupirsi che gli organismi che vivono in questo ambiente sono permeati da questi valori fisici e che, per esempio, i ritmi del nostro cervello si trovano in queste bande frequenziali – come le onde Alfa che si trovano tra gli 8 ed i 13 Hz. Gli uomini percepiscono le frequenze visibili – tra il blu ed il rosso – dello spettro elettromagnetico, ma alcuni animali sono capaci di vedere altre frequenze elettromagnetiche – come le api, che possono vedere le frequenze ultraviolette, o le salamandre e i pesci gatto che possono vedere frequenze elettriche basse, mentre i serpenti possono vedere l’infrarosso.

Esperimenti di laboratorio su criceti, per esempio, hanno mostrato che ridurre la temperatura e accorciare la durata della luce diurna non era sufficiente per farli andare in letargo. In maniera analoga, criceti cresciuti in gabbie di Faraday si rifiutavano di andare in letargo, anche se i parametri di luce e temperatura corrispondevano a quelli dell’inverno, finché la protezione non veniva rimossa. Vennero fatti altri esperimenti, come quelli fatti all’istituto Max Planck nel 1967 dal fisiologo Rütger Wever, che utilizzava due stanze interrate senza finestre o altri contatti esterni – una schermata da campi elettromagnetici naturali, l’altro no. Venne mostrato come nella stanza schermata, i ritmi circadiani dei volontari si desincronizzavano e potevano variare tra le 12 e le 65 ore, accompagnati da disturbi metabolici, mentre i soggetti nella camera immersa nel campo terrestre mantenevano un ritmo coerente di circa 24 ore ed il loro metabolismo continuava a funzionare in modo più normale. È stato dimostrato scientificamente che un organismo vivente ha bisogno di essere immerso nel sistema elettromagnetico del nostro ambiente naturale per funzionare correttamente.

Inoltre, l’agopuntura, il metodo antico utilizzato nella medicina tradizionale cinese, funziona utilizzando le nostre proprietà elettriche e modificando il flusso energetico dei meridiani. Si sa da un po’ di tempo (dagli anni 1950) che questi meridiani corrispondono a circuiti elettrici e che il Chi (Qi) cinese corrisponde al concetto di elettricità. Questi meridiani hanno due funzioni: non solo trasportano informazione ed energia da un organo interno del corpo all’altro, ma fungono anche da antenne che rilevano i flussi dell’energia elettromagnetica ambientale.

All’inizio degli anni 1970, fisici atmosferici scoprirono che il campo magnetico terrestre era significativamente disturbato dall’attività elettrica umana. Inviando un segnale nello spazio e catturando il suo eco, fu scoperto che il segnale iniziale era di fatto stato modificato da multipli dei 60 Hz della rete elettrica utilizzata in nord America.

Malgrado ciò, questa scoperta non impedì la realizzazione del progetto HAARP, atto a modificare deliberatamente le proprietà elettromagnetiche del nostro pianeta.

In maniera simile, le fasce di Van Allen che ci proteggono dai raggi cosmici sono già state modificate dalla nostra attività elettrica – e potrebbe essere che queste doppie fasce originariamente fossero una fascia singola la quale, sotto l’influenza delle emissioni umane di cariche elettriche nello spazio, sia stata distrutta nel suo centro.

Osservazioni satellitari mostrano che la radiazione emessa dalle linee di alta tensione spesso ha l’effetto di sopprimere la radiazione naturale dei fulmini.

Alla luce di questi fatti è logico concludere che le pandemie di influenza nei recenti decenni sono collegate all’attività elettrica umana.

  • Le porfirine e la base della vita

Qualsiasi trasformazione di energia nel dominio della biologia implica le porfirine (pigmenti composti da quattro molecole di pirrolo). Il fatto che i nostri nervi sono in grado di funzionare in modo adeguato è grazie alle porfirine che giocano un ruolo nei processi cellulari. Sono molecole speciali che fungono da interfaccia tra l’ossigeno e la vita. Queste molecole sono altamente reattive e interagiscono con metalli tossici o elementi sintetici derivati dal petrolio, e con campi elettromagnetici i quali, quando sono in eccesso, causano porfiria, che è piuttosto una sensibilità ambientale che non una malattia.

Le ricerche del dottor William E. Morton mostrarono che il 90% delle persone con sensibilità chimica multipla (MCS) hanno deficienza in uno o l’altro tipo di enzimi di porfirina, come pure le persone elettroipersensibili – il che significa che le due forme di sensibilità sono solo diverse manifestazioni, ma hanno la stessa causa. La porfiria, che fu scoperta nel 1891, affligge circa il 10% della popolazione ed apparve nello stesso periodo in cui avvenne l’elettrificazione generale del mondo occidentale a partire dal 1889.

Le porfirine hanno un ruolo centrale negli effetti dell’elettrosmog perché non solo causano EHS, MCS o porfiria, ma sono responsabili anche delle malattie cardiovascolari, del cancro, del diabete, come pure in una moltitudine di processi energetici biologici.

Negli anni 1960, i biologi Allan Frey e Wlodzimierz Sedlak mostrarono che il nostro organismo ha senza dubbio una componente bioelettronica, e che alcune delle nostre cellule talvolta si comportano come conduttori o condensatori o semi-conduttori (transistor), come i componenti che si trovano negli apparecchi elettronici. Questo è il caso con la mielina – la guaina che ricopre i nervi – che contiene porfirina legata a zinco. Se veleni ambientali come prodotti chimici o metalli tossici colpiscono questo equilibrio, la guaina mielinica viene danneggiata alterando l’eccitabilità dei nervi che racchiude. L’intero sistema nervoso diviene quindi iper-reattivo a stimoli di ogni genere, quali i campi elettromagnetici. Il sistema entra in uno stato di instabilità divergente, l’effetto diviene la causa.

Contrariamente alla visione che considera i mitocondri quali elementi della cellula che producono energia, il concetto della guaina mielinica quale mitocondrio gigante sta iniziando ad acquistare credito.

La connessione tra porfiria e zinco è stata scoperta negli anni 1950 da Henry Peters della Wisconsin Medical School. I pazienti che soffrivano di porfiria e con sintomi neurologici espellevano grandi quantità di zinco nelle urine, fatto che lo condusse all’idea che la chelazione dello zinco potesse migliorare le loro condizioni. Riuscì effettivamente ad osservare dei miglioramenti, malgrado la diffusa credenza che la deficienza da zinco fosse in relazione a disturbi specifici. In modo analogo, alcuni esperimento hanno mostrato che la chelazione dello zinco migliora il morbo di Alzheimer. Un team di medici australiani ha dimostrato in autopsie che il cervello dei pazienti con il morbo di Alzheimer contenevano 2 volte la quantità di zinco rispetto a quello di persone sane.

SECONDA PARTE

  • Cuore irritabile

Nel 1980 l’arresto cardiaco in giovani atleti era una cosa rara, con solo 9 casi all’anno. Da allora, i casi sono costantemente aumentati del 10% all’anno fino al 1996, quando la crescita è raddoppiata con 64 casi, salendo ulteriormente a 66 l’anno seguente e a 76 nell’ultimo anno dello studio. La comunità medica americana non riuscì a trovare alcuna spiegazione per questo, mentre in Europa nel 2002 medici tedeschi lanciarono un appello chiedendo una moratoria sulle antenne e sui ripetitori dei cellulari, perché le onde che emettevano causavano disturbi cardiovascolari. Era l’Appello di Freiburg.

Il dottor Samuel Milham, un epidemiologo al Washington State Department of Health, mostrò col suo lavoro che le malattie cardiovascolari, il diabete ed il cancro sono principalmente, se non completamente causati dall’elettricità.

Paradossalmente, studi sul colesterolo fatti all’inizio del ventesimo secolo non mostravano che livelli alti di colesterolo fossero correlati con un maggior rischio di malattie al cuore – contrariamente a quanto viene oggi considerato un fatto. Uno studio sugli animali dello Zoo di Filadelfia mostrò come tra il 1916 ed il 1964 i livelli di colesterolo nei mammiferi e negli uccelli crebbe di un fattore tra 10 e 20 volte anche se la loro dieta era rimasta completamente invariata! L’unico parametro che era cambiato drammaticamente era l’aumento delle frequenze radio.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, una certa quantità di soldati cominciarono a lamentare sintomi simili a quelli della neurastenia. Inizialmente si credette, in accordo con la dottrina di Freud, che questi soldati soffrissero di problemi di ansia; ma uno studio di 144 casi fa condotto dal dottor Mandel Cohen. Lo studio rivelò che i soldati erano di fatto fisiologicamente meno resistenti e soffrivano di cuore irritabile. Avevano difficoltà ad assimilare ossigeno e dovevano respirare due volte più rapidamente dei loro compagni in migliori condizioni di salute per assorbire sufficiente ossigeno. Emerse che i loro mitocondri non funzionavano in modo efficiente. Alla fine lo studio mostrò che questi soldati erano ipersensibili in senso generale, ma in particolar modo all’elettricità.

A partire dal 1950 scienziati nell’Unione Sovietica osservarono che le frequenze radio alteravano gli elettrocardiogrammi di individui che vi erano esposti, e modificavano l’efficienza dei mitocondri.

Grafici che mostrano le statistiche dei tassi di mortalità a causa di malattie del cuore in relazione al grado di elettrificazione degli stati americani tra il 1931 ed il 1940 sono molto espliciti e non lasciano dubbi sulla tossicità dei campi elettromagnetici per il cuore, esonerando in questo il colesterolo e le diete considerate troppo ricche di grassi.

  • La trasformazione del diabete

A Thomas Edison, che era coinvolto in scoperte relative alla tecnologia elettrica e quindi era molto più esposto a campi elettromagnetici dei suoi contemporanei, venne diagnosticato il diabete – una malattia rara nel 1889. Un altro ricercatore, Alexander Graham Bell, che lavorava nel campo delle telegrafia e inventò il telefono, era risaputo lamentarsi costantemente dei sintomi della neurastenia, conosciuta oggi come EHS. Nel 1915 anche a lui venne diagnosticato il diabete.

Nel 1876 il libro Disease of Modern Life (Malattie della vita moderna) di Ward Richardson descrive il diabete come una rara malattia moderna causata dall’esaurimento mentale a causa del troppo lavoro o a causa di uno shock al sistema nervoso.

L’eccessiva assunzione di zuccheri tossici che creano dipendenza nella nostra dieta moderna naturalmente fornisce una spiegazione conveniente del perché il diabete, incluso il pre-diabete, interessa più della metà degli americani oggi. Ma questa spiegazione è troppo semplicistica.

Il dottor Even Joslin mostrò che tra il 1900 ed il 1917 l’assunzione di zuccheri era aumentata del 17% mentre la mortalità da diabete era raddoppiata. Più tardi, nel 1987, uno studio sui nativi americani mostrò tassi di mortalità da diabete molto diversi, a seconda del territorio, e che andavano dal 7 per mille nel nord-ovest fino a 380 per mille in Arizona! Durante quegli anni, né lo stile di vita come neppure la dieta potevano spiegare una tale divergenza. Un fattore ambientale però può spiegare questa differenza: l’elettrificazione delle riserve dei nativi americani procedeva a velocità diversa, e quelle del nord-ovest erano solo state elettrificate molto più avanti. In contrasto, la riserva dell’Arizona si trova nelle immediate vicinanze di Phoenix. Inoltre, questa comunità di nativi americani aveva il suo proprio impianto di generazione di elettricità ed il suo proprio sistema di telecomunicazione.

Un altro esempio è la popolazione del Brasile – uno dei principali produttori di zucchero per secoli, dove il diabete era ancora sconosciuto nel 1870, quando era già emerso come malattia della civilizzazione in nord America. Pure oggi, i brasiliani consumano 70 kg di zucchero raffinato all’anno a persona, di più dei nord-americani: malgrado ciò, hanno ancora due volte e mezzo meno casi di diabete che gli USA.

In Bhutan il diabete era virtualmente inesistente fino al 2002, data dopo la quale è iniziata l’elettrificazione del paese. Nel 2004, furono annunciati 634 nuovi casi di diabete, nel 2005 – 944, nel 2006 – 1’470 e nel 2007 – 2’540 con 15 morti. Nel 2012 ci furono 91 morti ed il diabete era l’ottava causa di morte nel paese, anche se la dieta della gente non era cambiata!

Come abbiamo visto nel capitolo precedente, l’elettrosmog quando agisce sui mitocondri previene l’efficiente utilizzo degli zuccheri assorbiti, cioè la combustione dello zucchero. Lo zucchero che non può essere convertito in energia meccanica viene accumulato come grasso dal corpo.

Grafici statistici per i tassi di mortalità del diabete, valutati sulla base del grado di elettrificazione degli stati americani tra il 1931 ed il 1940 sono anche molto espliciti e non lasciano dubbi sul ruolo dei campi elettromagnetici nell’apparizione del diabete su larga scala, parzialmente esonerando in questo modo il consumo di zuccheri.

Nel 1997 c’è stato un aumento del 31% nel numero di casi di diabete negli Stati Uniti in un singolo anno, che coincide precisamente con l’introduzione di massa dei telefoni cellulari nel paese.

  • Il cancro e il deficit della vita

Nel febbraio 2011 la Corte Suprema d’Italia ha accusato il cardinale Roberto Tucci, presidente uscente di Radio Vaticano, di avere creato un disturbo pubblico inquinando l’ambiente con frequenze radio per negligenza. Infatti, nel periodo dal 1997 al 2003 i bambini che vivevano entro 12 km di raggio dalle antenne della radio avevano tassi di leucemia, di linfoma e di mieloma otto volte più alti di coloro che vivevano più lontano. Lo stesso valeva per gli adulti, con tassi 7 volte più alti.

Il dottore e professore tedesco Otto Heinrich Warburg, vincitore del Premio Nobel per la medicina nel 1931, mostrò che il cancro è una regressione delle cellule private di ossigeno, fatto che le porta a moltiplicarsi in modo anarchico, come in un mondo primordiale dove l’ossigeno non era presente ai livelli di oggi.  La privazione iniziale di ossigeno è dovuta ad una disfunzione dei mitocondri – fatto che, come abbiamo visto, può essere causato da campi elettromagnetici ed altri inquinanti quali il fumo, i pesticidi, gli additivi alimentari e l’inquinamento dell’aria. Lo stesso principio di deficienza di ossigeno nelle cellule si applica al diabete, ragione per la quale vi è un tasso di cancro maggiore tra i diabetici che nel resto della popolazione.

Nello Zoo di Filadelfia, tra il 1901 ed il 1955, si osservò un aumento dei tassi di tumori maligni tra i mammiferi. Questi variavano tra il doppio e 22 volte di più durante quel lasso di tempo.

Le statistiche di morti per cancro mostrano una chiara correlazione tra l’elettrificazione delle nazioni ed i tassi di cancro. Per esempio, negli USA il tasso era 6.6 per mille dal 1841 al 1850. In seguito è più che raddoppiato tra il 1851 ed il 1860, con un tasso di 14 per mille. La vera spiegazione di ciò può essere trovata con la diffusione di massa del telegrafo nel 1854.

Nel 1914 c’erano 2 casi di morti per cancro nella popolazione di 63’000 nativi americani che vivevano nelle riserve non elettrificate, mentre nel resto del paese la mortalità per cancro era 25 volte maggiore.

Tra il 1920 ed il 1921, in seguito all’introduzione delle prime stazioni radio AM, la mortalità per cancro crebbe tra il 3 ed il 10% nei paesi occidentali.

I ricercatori svedesi Olle Johansson e Orjan Hallberg hanno mostrato una chiara correlazione tra i tassi di cancro al seno, alla prostata ed ai polmoni e l’esposizione della popolazione alle frequenze radio. Mostrano significativi incrementi nei tassi negli anni 1920, 1955, 1969 ed una diminuzione (!) nel 1978, date che corrispondono rispettivamente all’aumento dell’elettrosmog dovuto all’introduzione delle radio AM, della radio FM e TV1, l’arrivo del colore con TV2, e poi l’interruzione delle trasmissioni AM. Gli stessi ricercatori hanno anche trovato una chiara correlazione lineare tra il numero di trasmettitori FM in ogni regione e l’incidenza di melanomi, con le zone più esposte che hanno 11 volte più melanomi rispetto alle “zone bianche”. Scoprirono anche che i melanomi appaiono raramente in quelle parti del corpo più esposte al sole, come la fronte, il naso, le spalle ed i piedi, ma più spesso in quelle aree del corpo normalmente protette dal sole. Inoltre, la proliferazione del cancro alla pelle avvenne prima dell’introduzione della moda delle vacanze al mare, durante le quali l’esposizione al sole è intensa. Questo mostra che i melanomi non sono causati principalmente dal sole, ma dalle frequenze radio.

I grafici statistici dei tassi di mortalità per cancro come pure per diabete e malattie cardiovascolari, analizzati in base al grado di elettrificazione degli stati americani nel 1931 e nel 1940 sono anche molto espliciti e non lasciano alcun dubbio che i campi elettromagnetici hanno avuto un ruolo nell’aumento dei casi di cancro.

Dati genuini sui tumori al cervello sono difficili da trovare perché le lobby dei telefoni cellulari hanno infiltrato questo campo per decenni onde fornire studi tendenziosi. Uno dei loro studi mostra addirittura una diminuzione dell’incidenza di tumori in relazione all’utilizzo intensivo dei telefoni cellulari! Ma l’università di Calgary ha trovate evidenze di un aumento del 30% nell’incidenza di tumori maligni del cervello nel periodo tra il 2012 ed il 2013, e Lennart Hardell, professore di oncologia all’ospedale universitario di Örebro in Svezia ha dimostrato che 2’000 ore di utilizzo del telefono cellulare aumentano il rischio di sviluppare un tumore di un fattore tra 3 e 8, a seconda dell’età del soggetto e delle sue abitudini di uso del telefono.

Nel 2000, Neil Cherry analizzò i tassi infantili di cancro a San Francisco in relazione alla distanza tra la casa dei bambini ed i trasmettitori FM e televisivi sulla Sutro Tower. I bambini che vivevano su colline e sui promontori erano più colpiti. Quelli che vivevano entro 1 km dall’antenna avevano un incidenza di leucemia 9 volte maggiore, un’incidenza di linfoma 15 volte maggiore ed un’incidenza di cancro al cervello 31 volte maggiore. In generale, un’incidenza 18 volte maggiore di coloro che vivevano al di fuori di 1 km di raggio dall’antenna.

  • Animazione sospesa

A practical Treatise on Nervous Exhaustion (Un Trattato pratico sull’esaurimento nervoso) (1880) di George Miller Beard, elettroterapista e amico di Thomas Edison, contiene un’osservazione interessante: Anche se queste difficoltà non sono direttamente fatali, e quindi non appaiono nelle tavole di mortalità; anche se, al contrario, possono tendere a prolungare la vita ed a proteggere il sistema contro malattie febbrili e infiammatorie, cionondimeno il grado di sofferenza che causano è enorme. Quelli che soffrono di più sono relativamente giovani. Inoltre, Beard notò che una rara malattia sembrava apparire con maggiore frequenza nei malati di neurastenia che nel resto della popolazione: la malattia era il diabete. Beard aveva già osservato che l’aumento nell’aspettativa di vita non procedeva a pari passo con la qualità di vita. La correlazione misteriosa tra le sofferenze delle persone neurasteniche  – i cui sintomi erano gli stessi di coloro che oggi sono elettroipersensibili – ed il prolungamento della loro vita indicava una disfunzione grave.

In aggiunta, si è osservato da lungo tempo che uno stile di vita ascetico con una dieta povera in calorie può aumentare l’aspettativa di vita e la salute. Questo è il caso, per esempio, per la popolazione di Okinawa, dove il numero di centenari è 40 volte maggiore di quello delle popolazioni di prefetture più benestanti più a nord.

Ricercatori nel campo dell’invecchiamento hanno messo in evidenza che la forza che traina e sostiene le nostre vite è il sistema di trasporto di elettroni nei mitocondri delle nostre cellule. È qui che l’aria che respiriamo ed il cibo che mangiamo vengono combinati, ad una velocità che determina la nostra velocità di invecchiamento e quindi la nostra aspettativa di vita. Se da un canto il risultato di rallentare il processo di combustione all’interno delle nostre cellule moderando la quantità di energia fornita può essere benefico, un altro modo di rallentarlo può essere disastroso. Questo è l’avvelenamento della catena elettronica di trasporto. Un possibile modo di essere avvelenata è l’esposizione cronica a campi elettromagnetici artificiali. Quest’inquinamento costantemente in aumento sottopone gli elettroni dei nostri mitocondri a forze esterne, rallentandoli, privando le nostre cellule di ossigeno e causando sintomi di EHS.

  • Intendi dire che puoi udire l’elettricità?

Nel 1962 una donna contattò l’università di Santa Barbara (CA, USA) chiedendo aiuto per trovare la causa di un suono misterioso che udiva ovunque in casa, anche se viveva in un quartiere residenziale tranquillo. Questo suono la teneva sveglia ed era deleterio per la sua salute. Misurazioni mostrarono che i conduttori elettrici emettevano forti campi elettromagnetici, non solo dalla rete pubblica ma anche da radiatori ed altri elementi metallici, ma lo stetoscopio non rilevava alcun suono.

Gli ingegneri fecero quindi un esperimento, registrarono il campo misurato su una cassetta e la riprodussero in presenza della donna che aveva il problema. Essa confermò che era il suono che lei udiva. Quindi, questa donna era in grado di udire i campi elettromagnetici nella sua casa. Vennero istallati sistemi di messa a terra e filtri elettronici per ridurre il disturbo a livelli accettabili.

Ma già Volta ed altri ricercatori avevano fatto esperimenti in cui erano riusciti a produrre con successo diversi suoni applicando voltaggi alle orecchie. Molto più tardi, alla fine degli anni 1960, il biologo Allan Frey pubblicò degli articoli sulla capacità di alcuni soggetti di udire le emissioni di un’installazione radar.

Il modello meccanico del funzionamento dell’orecchio come viene insegnato nelle scuole non fornisce alcuna spiegazione per questi fenomeni osservati. Dopo aver constatato ciò, il biochimico Lionel Naftalin sviluppò un nuovo modello di funzionamento dell’orecchio umano, prendendo in considerazione il noto fenomeno della piezo-elettricità (una forza utilizzata dagli elettrotecnici), che scoprì esistere nel gel che ricopre le ciglia dell’orecchio interno. In questo gel, che non si trova in alcun altro luogo nel corpo umano e che possiede proprietà elettriche particolari, era presente un voltaggio tra 100 e 120 millivolt, valori considerati alti nell’ambito della bioelettronica. Questo gel piezo-elettrico trasforma le onde sonore in un segnale elettrico che viene comunicato alle ciglia dell’orecchio interno. Questo nuovo modello revisionato del funzionamento dell’orecchio umano non solo spiega la capacità di certe persone di udire un segnale elettromagnetico in certe condizioni, ma anche perché al giorno d’oggi così tante persone soffrono di acufene, e perché certi gruppi di persone, tra il 2 e l’11% della popolazione mondiale, sentono un brusio globale intorno al pianeta.

Al giorno d’oggi circa il 44% degli americani adulti soffre di acufene a vari livelli di intensità, mentre in Svezia il numero di giovani affetti era il 12% nel 1997 ed il 42% nel 2006. Questi suoni parassiti sono in gran parte il risultato di vivere in un ambiente che è pesantemente inquinato con tutti i tipi di campi elettromagnetici artificiali.

  • Api, uccelli, alberi e umani

Alfonso Balmori Marinez, un biologo spagnolo, ha creato una correlazione tra la densità di popolazione dei passeri e le radiazioni di radiofrequenze nel loro habitat. I passeri non possono sopravvivere nei luoghi più irradiati, dove i livelli eccedono i 3 V/m, mentre ci sono ancora 42 uccelli per ettaro a livelli di 0.1 V/m. Ha anche osservato un marcato cambiamento di comportamento nelle cicogne, in cui coppie di cicogne litigano invece di costruire il nido o incubare le uovo se si trovano a meno di 200 m da un ripetitore del cellulare.

Il Regno Unito ha classificato il passero comune come specie a rischio dopo che la popolazione è calata del 75% tra il 1994 ed il 2002 – un periodo che coincide con la diffusione della tecnologia cellulare.

Gli allevatori di piccioni viaggiatori su diversi continenti hanno scoperto che, una volta rilasciati, il 90% dei piccioni non sono più in grado di tornare alla loro piccionaia, quando questo valore dovrebbe normalmente essere molto piccolo. Nel 2000, allevatori inglesi tentarono di ridirigere una razza in modo che evitasse i ripetitori del cellulare e avere in questo modo una maggiore possibilità di tornare a casa. Nel 2004 quegli stessi allevatori promossero maggiore ricerca sull’impatto delle microonde sui piccioni.

Nel 2002, il US National Park Service emesse una nota per i biologi che studiavano il comportamento degli animali selvaggi, spiegando che i chip RFID attaccati a quegli animali per seguirne gli spostamenti tramite l’utilizzo di frequenze radio possono radicalmente alterare il comportamento a causa delle frequenze radio generate.

In ambienti inquinati con campi elettromagnetici, i tordi non riescono a trovare le vie di migrazione – mentre se si trovano in una gabbia di Faraday ci riescono.

Un esperimento sui girini messi in due vasche separate posizionate entro 140 m da un ripetitore del cellulare, una senza e l’altra con schermo elettromagnetico, mostra tassi di mortalità del 90% e del 4% rispettivamente.

Lo stesso tipo di effetti nocivi si riscontrano negli insetti quando vengono esposti all’elettrosmog che incontriamo giornalmente, ed il dottor Panagopoulous, che ha condotto esperimenti sulla mosca della frutta, riporta che l’esposizione a microonde a livelli ordinari – anche solo per alcuni minuti al giorno per alcuni giorni – è la peggiore fonte di stress conosciuta nella nostra vita, peggiore delle sostanze chimiche o dei campi elettromagnetici a basse frequenze.

Anche le api hanno subìto un impatto negativo, come abbiamo visto sull’Isola di Wight all’inizio di questa sintesi. Il Dr. Daniel Favre (Svizzera) ha dimostrato che in presenza di microonde, le api emettono il suono tipicamente sentito quando sciamano, il che suggerisce che gli insetti vogliono sfuggire alla fonte di emissione. L’acaro della varroa è generalmente incolpato della sindrome del collasso delle colonie; tuttavia, dimentichiamo che questo acaro convive con le api da molto tempo. Inoltre, si può spesso osservare che oggi anche una colonia morta non è infestata da parassiti, anche se questo era il caso “prima”. La colpa è anche dei pesticidi – eppure, come abbiamo visto, il 90% delle api sull’Isola di Wight è scomparso senza che in quella zona siano stati usati pesticidi. La vera causa del collasso delle colonie si trova nei campi elettromagnetici generati dall’uomo, in particolare nella tecnologia dei telefoni cellulari.

Negli anni ’80 è emersa una questione scottante: la morte delle foreste. La colpa è stata attribuita alle piogge acide, ma anche le zone più remote con l’aria più pulita sono state colpite in egual misura. In Germania e in Svizzera sono state condotte ricerche e, sebbene il suolo delle foreste colpite si sia rivelato effettivamente acido, l’osservazione e la sperimentazione hanno dimostrato che tale acidità poteva essere anche il risultato della lenta elettrolisi del suolo attraverso gli alberi esposti alle onde radar, ad esempio. Inoltre, gli alberi sui crinali sono stati colpiti più gravemente, essendo più esposti ai nuovi radar installati negli anni Settanta.

Un’altra osservazione è stata fatta al momento della caduta del Muro di Berlino. I giganteschi radar russi di Skruda, che irradiavano pesantemente l’intera regione nel loro compito di monitoraggio dell’Occidente, non solo avevano causato danni alla foresta, ma anche agli animali e agli esseri umani. Dopo numerosi studi, si è scoperto che gli anelli di crescita degli alberi durante gli anni in cui i radar erano in funzione erano molto più piccoli di quelli di prima o dopo quel periodo.

A Schwarzenburg, in Svizzera, nel 1939 fu installata un’antenna radio a onde corte e la potenza di trasmissione fu successivamente aumentata a 450 kW nel 1954. A ciò seguì un deterioramento della salute della popolazione locale, che lamentava sintomi di EHS. I bambini del villaggio avevano difficoltà a scuola e sembravano incapaci di passare all’istruzione superiore, a differenza dei bambini dei villaggi vicini meno esposti. Infine, nel 1992, è stato condotto uno studio che ha confermato che, in un raggio di 900 metri dall’antenna, i parametri di analisi fisiologica delle persone e degli animali del luogo erano anomali. Si è anche scoperto che gli anelli di crescita degli alberi erano compressi – ma solo sul lato rivolto verso la fonte di radiazione. Il 28 marzo 1998, il trasmettitore è stato spento ed è stato effettuato uno studio “prima e dopo”, che ha dimostrato che i livelli di melatonina dei 58 soggetti testati erano di nuovo aumentati. Un abitante del villaggio di 50 anni fu finalmente in grado di dormire per una notte intera senza interruzioni per la prima volta nella sua vita. Il 29 maggio 1996, Philippe Roch, direttore dell’Ufficio per l’ambiente, ha dichiarato che esisteva “una comprovata correlazione tra i disturbi del sonno e le operazioni di comunicazione”.

  • Nel Paese dei ciechi

Quanto ancora dobbiamo aspettare prima di poter dire “Il tuo cellulare mi sta uccidendo” piuttosto che “Sono elettroipersensibile”? Eppure il numero di persone che soffrono di mal di testa a causa dell’uso del cellulare è enorme. Nel 2010, due terzi degli studenti universitari ucraini intervistati hanno ammesso che non è socialmente accettabile discutere apertamente di questo problema. Gro Harlem Brundtland aveva l’EHS quando era a capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Era abbastanza aperta sul fatto, ma è stata costretta a dimettersi dal suo incarico un anno dopo. Questo ha dissuaso altre figure pubbliche di alto rango dal seguire il suo esempio.

Solo una minoranza di persone che soffrono di inquinamento elettromagnetico sa di cosa soffre, mentre la grande maggioranza non ne ha idea. L’intera popolazione viene fulminata da remoto e si deve quasi scusare di essere elettrosensibile o, per la precisione, elettroipersensibile, proprio come se ci si dovesse scusare di essere “cianuro-ipersensibile”. La verità è che l’elettricità, così come viene attualmente utilizzata, è tossica. Inoltre, i grafici statistici mostrano chiaramente un aumento del tasso di mortalità degli abitanti di nove città americane poco dopo la messa in funzione delle prime stazioni di base. Questo aumento della mortalità varia dal 25 a oltre l’80%.

Un’indagine condotta da un quotidiano, che ha chiesto ai newyorkesi di riferire se avevano iniziato a soffrire di una serie di sintomi di EHS dopo il 15 novembre 1996, ha raccolto centinaia di testimonianze da una vasta gamma di classi razziali e sociali. La data in questione era il giorno in cui è entrata in funzione la prima rete di telefonia mobile.

La Cellular Phone Task Force, un’organizzazione fondata da Arthur Firstenberg nel 1996, è sommersa da richieste di aiuto da parte di persone danneggiate da frequenze radio nella gamma delle microonde. Proliferano così tanti emettitori di ogni tipo – da WiFi, WiMAX, stazioni radar e radiazioni emesse nel cielo dai satelliti per telecomunicazioni, che sembra che presto non ci sarà più nessun posto dove fuggire.

Il Prof. Olle Johansson del prestigioso Istituto Karolinska, famoso per aver assegnato il premio Nobel per la medicina, dal 1977 si occupa di dimostrare gli effetti dell’elettrosmog sugli organismi viventi. Il successo dei suoi studi lo ha portato ad essere emarginato nel suo istituto, a far sparire i finanziamenti per le sue ricerche e a ricevere minacce di morte; in un’occasione è sfuggito per un pelo a un attentato alla sua vita attraverso il sabotaggio della sua moto. Nonostante tutto, continua a informare il mondo della verità per difendere, tra gli altri, coloro che soffrono di EHS, le cui vite sono diventate un inferno sulla terra. È disgustato dal modo in cui i governi dei paesi cosiddetti “democratici” hanno semplicemente abbandonato al loro destino le vittime delle radiofrequenze.

La dottoressa Erica Mallery-Blythe, che ha doppia nazionalità britannica e americana, ha completato i suoi studi nel 1998. Nel 2007, dopo aver seguito il marito pilota di F-16 negli Stati Uniti, è stata gravemente colpita da EHS senza rendersene conto. Le sue ricerche su internet le hanno finalmente permesso di capire cosa le stava succedendo. Come medico, era perplessa su come una condizione così profonda e invalidante potesse esistere senza che lei ne avesse mai sentito parlare nella sua professione. Per tranquillizzarsi, decise di sottoporsi a una risonanza magnetica per escludere il rischio di cancro al cervello. Credeva che la sua morte fosse imminente quando era soggetta alle pulsazioni ad alta frequenza, ma recuperò piena salute e vitalità nella Valle della Morte, lontano dalle frequenze radio. Da allora, si è dedicata a informare e aiutare il 5% (almeno) della popolazione che è affetta di EHS e che è stata totalmente abbandonata dalle autorità.

Yury Grigoriev, che è generalmente considerato il capostipite della ricerca elettromagnetica in Russia, è estremamente preoccupato soprattutto per i giovani, e ha dichiarato che questa è la prima volta nella storia dell’umanità che il cervello delle persone viene esposto apertamente alle microonde – cosa estremamente grave agli occhi di un radiobiologo. In particolare, cita uno studio coreano che dimostra che il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) nei bambini è collegato all’uso dei telefoni cellulari.

Alla fine degli anni Novanta, il neurochirurgo svedese Leif Salford e il suo team hanno dimostrato che i telefoni cellulari rendono permeabile la barriera emato-encefalica, causando il morbo di Alzheimer. Nel 2003 hanno dimostrato che una singola esposizione di sole due ore provoca danni permanenti al cervello.

Nel 2015, gli scienziati turchi hanno irradiato ratti per un’ora al giorno per un mese, utilizzando le tipiche onde dei telefoni cellulari. I ratti irradiati avevano il 10% di cellule cerebrali in meno rispetto a quelli che erano stati risparmiati da quel trattamento. Lo stesso team ha sperimentato su ratti incinti per 9 giorni allo stesso livello di radiazioni. La progenie dei ratti ha mostrato una degenerazione del cervello, del midollo spinale, del cuore, dei reni, del fegato, della milza, del timo e dei testicoli. Lo stesso esperimento ripetuto su ratti giovani ha causato l’atrofia del midollo spinale insieme alla diminuzione della mielina, come si osserva nella sclerosi multipla.

Nel settembre 1998 sono entrati in funzione i primi 66 satelliti per la telefonia spaziale, causando un aumento del tasso di mortalità nazionale negli Stati Uniti di quasi il 5% nelle due settimane successive. Durante lo stesso periodo, si è osservato che gli uccelli non volavano più e che i malati di sclerosi multipla si ammalavano in modo particolare. Oggi, circa 1’100 satelliti artificiali si muovono sopra di noi, ma diverse aziende – Google, Facebook, SpaceX, OneWeb e Samsung – hanno in programma di lanciare fino a 4’600 nuovi satelliti per le comunicazioni ciascuno entro il 2020, in modo da coprire l’intero pianeta con l’accesso a Internet ad alta velocità.

Nel 1968, già la prima piccola flotta di 28 satelliti militari ha scatenato una pandemia di influenza a livello mondiale. A differenza di un’antenna terrestre, la cui radiazione è altamente attenuata quando raggiunge la magnetosfera, i satelliti agiscono direttamente su di essa attraverso meccanismi ancora poco conosciuti, compromettendo così la vita sulla terra. Dimentichiamo gli avvertimenti di Ross Adey, il nonno della bioelettromagnetica, e del fisico atmosferico Neil Cherry, che siamo elettricamente regolati dal mondo che ci circonda e che il livello di esposizione alle radiofrequenze è quindi pari a zero. Questa iniziativa potenzialmente catastrofica deve essere contrastata e l’organizzazione leader è la Global Union Against Radiation Deployment from Space (GUARDS; http://www.stopglobalwifi.org/).

Nel 2014 il medico Tetsuharu Shinjyo ha pubblicato uno studio “prima e dopo”. Egli ha valutato la salute di 122 abitanti di un edificio su cui erano state installate le antenne della stazione base. Ventuno di loro soffrivano di stanchezza cronica, 14 di vertigini o di malattia di Ménière, 14 di mal di testa, 17 di dolori o infezioni agli occhi, 14 di insonnia e 10 di epistassi cronica. Cinque mesi dopo la rimozione delle antenne, sono rimasti solo 2 casi di insonnia, 1 caso di vertigini e 1 caso di mal di testa!

Questa emergenza dei diritti umani, che colpisce centinaia di milioni di persone su scala planetaria, e l’emergenza ambientale che minaccia l’estinzione di innumerevoli specie di piante e animali, devono essere affrontate con una risoluzione lungimirante e risolutiva.

FONTE

https://www.openyoureye.net/

AUTORE

Mirko Kulig

Standard