Archivi tag: Cibernetica

L’INIZIAZIONE OCCULTA AL NUOVO ORDINE MONDIALE

Il canale video “Truthstream” ha recentemente pubblicato un interessante video che spiega come la crisi del coronavirus e il modo in cui le autorità la affrontano, hanno tutte le caratteristiche di un iniziazione rituale.

Nel 2018 i creatori di Truthstream Media avevano già pubblicato un video che mostrava come la società di oggi stia passando attraverso un’iniziazione inconscia (”Does Society Realize It Is Being Initiated?”).

Nei video vennero discussi alcuni fatti particolari, che in questo scritto cercherò di sintetizzare. Quando si sente parlare di iniziazione rituale, si pensa generalmente a delle società segrete come la Massoneria. Spesso non ci si rende conto che il simbolismo occulto di tali società lo si può trovare in tanti ambiti della società. Per esempio, la piramide e “l’occhio onniveggente” si trovano sulla banconota da un dollaro, nel grande sigillo degli Stati Uniti e sull’edificio della Corte Suprema in Israele. L’architettura del Campidoglio americano mostra ciò che realmente è, un tempio. Anche il suo interno, con i suoi oggetti d’arte e i murales, è una vetrina di simbolismo occulto. Le cerimonie pubbliche sono spesso intervallate da atti simbolici. La cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici 2012 a Londra è stata un macabro spettacolo, con un tema notevole, un’epidemia da virus.

2012 Olimpic Game Pandemic

La cerimonia di apertura del tunnel del Gottardo, alla quale hanno partecipato molti capi di governo europei, è stata un rito satanico di tre ore. Il satanismo è onnipresente nella cultura pop. I videoclip sono pieni di simbolismo occulto. Le performance di Lady Gaga sono rituali satanici nei quali il sangue a volte sta letteralmente colando.

La narrativa è che alla gente della cultura pop piace flirtare con l’oscurità, definendo tutto questo libera espressione artistica e culturale. Ciò che però  si esprime qui è il contrario della libertà. I rituali di iniziazione comportano una profonda trasformazione. Sembra che la popolazione mondiale stia attraversando una tale trasformazione, in cui le persone sono sia spettatori che partecipanti. Come nell’antichità, c’è un’élite, una classe di sacerdoti, che guida e dirige l’iniziazione. Si tratta però di un’iniziazione inconscia, e quindi non libera. Di seguito sono descritti alcuni passi dell’iniziazione rituale come si svolge attualmente.

Isolamento – Il processo di iniziazione inizia con l’isolamento. Separati da altre persone e dalle attività quotidiane, si entra in un diverso stato mentale, uno stato mentale in cui si è più ricettivi. Le maschere hanno spesso un ruolo nell’iniziazione rituale. Il film “Eyes Wide Shut” di Stanley Kubrick dà una precisa idea di questi contesti. Indossare una maschera è anche una forma di isolamento; si è isolati dal proprio ambiente immediato e non riconoscibili come individui. Ripetizione – Una volta che lo stato di coscienza dell’iniziato è cambiato, continua la sua preparazione. L’attenzione viene portata su un argomento (oggi il coronavirus). Questo succede attraverso lo strumento della continua ripetizione. A livello globale, e attraverso tutti i canali (mediapolitica, istituzioni) i messaggi uniformi ronzano come dei nuovi mantra: “resta a casa”, “mantieni le distanze” e “questo è la nuova normalità”. L’uniformità dei messaggi dimostra che si tratta di un processo coordinato. Il risultato è uno stato di tensione e di paura che tiene le persone sotto controllo.

Minaccia di morte – La paura si esaspera con la minaccia di una morte imminente. Questo è un elemento essenziale nei rituali di iniziazione. L’iniziato vive l’esperienza di essere sulla soglia della morte. Anche questo è oggi molto evidente. Siamo costantemente avvertiti di essere in pericolo di vita, e siamo bombardati da numeri riguardanti i casi di nuove infezioni e di morti. Durante un’iniziazione avvengono spesso dei sacrifici. Le “vittime sacrificali” muoiono sull’altare dei sommi sacerdoti. I media ci mostrano immagini di vittime del coronavirus. Ci si mostra file di bare, o immagini scioccanti di pazienti in ospedale avvolti in plastica con tubi e respiratori. Le immagini e i messaggi traumatici fanno sì che l’iniziato cominci a cedere mentalmente. Si perde la terra da sotto i piedi e si cerca la guida delle autorità.

Trasformazione – In questa fase l’iniziato entra in una sorta di ‘terra di nessuno’ spirituale. La vita passata viene gettata come una vecchia pelle. L’uomo, ora malleabile come argilla morbida, si forma, viene programmato per il nuovo mondo, per il la “nuova normalità”.

Resurrezione – L’iniziazione ormai è completa. E’ nato il nuovo uomo, con nuovi schemi di pensiero, adatto a una nuova società con nuovi modi e nuovi codici di comportamento. Integrazione – L’uomo può ora integrarsi nella nuova società. Che aspetto avrà la società a cui ci stanno preparando? Sarebbe certamente una società con un governo gestito a livello centrale, in cui la tecnologia avrebbe un ruolo dominante, compresa le vaccinazioni, le radiazioni e l’intelligenza artificiale. Gli algoritmi sostituirebbero gradualmente le decisioni umane. Il governo italiano sta studiando e promuovendo l’applicazione dell’intelligenza artificiale a diversi settori della società. Molti diranno: “Ma mica l’ho scelto io, questo?”. La risposta è che la scelta umana non avrebbe nessun ruolo, in una tale nuova società.

Secondo Yuval Harari, che con i suoi libri ha aperto la strada, la libertà umana non è «altro che un mito cristiano», e non adatta al XXI secolo. La nuova visione del mondo di Harari è il transumanesimo. Secondo questo autore, l’automazione e l’intelligenza artificiale renderebbero superflua la gran parte delle persone, e una piccola e ricca élite di robot umani (cyborg) comanderebbe il mondo. Si potrebbe pensare che non si arriverà mai a questo, che l’uomo non accetterà una tale società. Il punto è che non sarà venduta in questo modo. La politica, i media e scrittori come Harari puntano sui sentimenti profondi della gente. La maggior parte delle persone è cosciente del fatto che la società odierna non può più andare avanti così, e che un cambiamento fondamentale è necessario. La nuova dittatura mondiale verrà presentata come una “cooperazione internazionale” che porterà soluzioni a tutti i problemi sociali come quelli della salute, della sicurezza e dell’inquinamento ambientale.

I governi, le istituzioni e le multinazionali sono pronti con nuove tecnologie e nuove leggi che limiteranno ancora di più le nostre libertà. Ci sarà un’importante introduzione del 5G, di vaccinazioni obbligatorie e dell’intelligenza artificiale. Tutto ciò fa parte del programma di emergenza Covid-19 del Forum Economico Mondiale, il che significa che sarà lanciato a grande velocità. Decine di migliaia di satelliti saranno lanciati in stretta orbita intorno alla Terra. I satelliti devono formare una rete di accesso a Internet (5G) e l’intelligenza artificiale. Quando a Elon Musk, l’iniziatore di questo progetto, in un’intervista venne chiesto dove la società stesse andando con l’intelligenza artificiale, rispose: «With artificial intelligence we are summoning the demon» (con l’intelligenza artificiale stiamo evocando il diavolo). Anche importanti think-tank e istituti non fanno mistero dell’obiettivo: un nuovo ordine mondiale sotto una gestione centralizzata. Rapporti di think-tank come il Pnac affermano che «solo un nemico comune sarà in grado di convincere il mondo della necessità di un governo mondiale». Il terrorismo internazionale era un tale nemico comune e nascosto, e ci ha portato a rinunciare a molte delle nostre libertà.

L’importante istituto M.I.T. ha concluso che, data la disponibilità con cui le persone hanno accettato le nuove restrizioni dopo l’11 Settembre, accetteranno le nuove misure su Covid-19 senza problemi. Il nuovo nemico comune è il coronavirus. È l’ultimo nemico invisibile che fornisce il pretesto per completare il piano. Sia il terrorismo internazionale che il coronavirus sono chiaramente per la maggior parte degli inganni. E’ importante che la verità venga alla luce. La preoccupazione della maggior parte delle persone è il confinamento a livello fisico. Se vogliamo liberarci da questo, dobbiamo prima uscire dal nostro confinamento mentale. Questo significa un gran passo. Ovviamente è un’esperienza traumatica, quando ci si rende conto che i governi e le istituzioni che pensavamo ci rappresentassero e ci proteggessero, stanno facendo esattamente il contrario. Alla fine, però, le azioni dei grandi poteri (nei confronti della popolazione mondiale) non sono altro che la caricatura maligna di una trasformazione verso una nuova consapevolezza che l’essere umano è in grado di sviluppare autonomamente, coscientemente, e in piena libertà. Infatti, serve un gran cambiamento, un ‘mondo nuovo’ migliore. Si realizzerà attraverso le azioni di veri ‘uomini nuovi’, coscienti, liberi, e per ciò invincibili.

FONTI

Luogo Comune

LibreIdee

TruthStreamMedia

 

L’ALFABETO EBRAICO

Alef_Beit

 

L’alfabeto ebraico comprende 22 lettere. Tre lettere Madri – ALEPH – MEM – SHIN 7 lettere raddoppiate. Il raddoppio si indica con un punto posto nel corpo della lettera (daguèch). 12 lettere semplici. Raddoppiando le tre figure madri della geometria otteniamo sette poligoni regolari inscritti… sette poligoni in duplicazione, dunque… proprio come sette sono le lettere ebraiche dette doppie (segnate da un puntino, daguèch, per indicare, appunto, il raddoppiamento).

Tre figure madri e sette raddoppiate, ossia dieci in tutto: e restano dodici poligoni semplici… che trovano analoga corrispondenza nelle dodici lettere semplici dell’alfabeto ebraico, che ora ci appare strano e singolare, ora razionale e perfettamente aritmetico. Ma ciò che più di ogni altra cosa ci stupisce è che questa magica lingua, questo alfabeto, sono utilizzati da un piccolo popolo, che ramingo peregrinò di deserto in deserto e che piantò le proprie tende nella più remota solitudine. Ed anche per quel che concerne i 400 gradi in cui si può dividere il cerchio, ritroviamo ancora il valore numerico delle 22 lettere, ripartite esattamente proprio da 1 a 400. Aleph, prima lettera dell’alfabeto, vale, infatti, 1, mentre Thaw, che è l’ultima, vale 400. E, così come chi dice gradi sessagesimali e centesimali dice, necessariamente, logaritmi, così chi dice lingua ebraica, con cognizione di causa ben inteso, non può che dire Qabalah. Ma le curiosità dell’ebraico, si spingono ben oltre a queste scarne osservazioni. Ne troviamo riflessi e ripercussioni indicativi lungo l’intero testo biblico. È ben nota l’importanza del mutamento dei nomi propri nella Sacra Scrittura, e non solo nell’Antico, ma anche nel Nuovo Testamento.

Nel Pentateuco Abramo si trasforma in Abraamo; che vuol dire l’aggiunta di una “a” – ossia di un He, nella corrispondenza in ebraico? “Il nome tuo non sarà più Abramo, ma Abraamo, ti chiamerai Abraamo, perché ti ho stabilito padre di molti popoli“. Solo qualche versetto oltre Sarai, sua moglie, assume il nome di Sara. Giacobbe viene chiamato Israele: “Non ti chiamerai più Giacobbe, ma il tuo nome sarà Israele, ché fosti forte lottando con Dio e con gli uomini e tu hai vinto“. E per ben tre volte ci viene ricordato che Esaù è Edom. Lo stesso Gesù, d’altro canto, nel Vangelo secondo Matteo, dice in ebraico a Simone, figlio di Gona: “Attah hou Chimon ben Jonah”- tu, Simone, figlio di Giona – “attah thiqra Keifa”- io ti dico che tu sei Pietro – mentre negli Atti degli Apostoli Saulo di Tarso diventa Paolo, e così via. Si comprende, dunque, immediatamente quale interesse possa offrire una lingua così complessa, che tiene conto, contemporaneamente, del valore numerico delle parole e delle regole grammaticali. Sia sufficiente ricordare che da sempre gli esoteristi, anche quelli non del filone cabalistico, sono stati affascinati dalla “potenza magica” delle lettere dell’alfabeto ebraico.

Non per nulla i sigilli, i pentacoli, le allegorie, i talismani ebraici compaiono sempre numerosi ad illustrare i volumi di magia e di occultismo. Ma, è chiaro che ognuno è libero di pensare, in proposito, come meglio crede. Una cosa però pare assodata e certa. Sulla scorta delle eclatanti scoperte della fisica vibratoria subatomica, sembra si sia approdati ad un’altrettanto strabiliante conferma, sebbene a tutt’oggi considerata ancora a livello parascientifico, secondo la quale le raffigurazioni dei caratteri dell’alfabeto ebraico e le loro reciproche combinazioni (tséruf) potrebbero dare adito a degli effetti di forme. A dispetto dell’energia apparentemente bassa che li caratterizza, tali effetti sarebbero però facilmente riscontrabili. Si può constatare nel corso di prove e di esperimenti, che i caratteri ebraici manifestano, in mancanza di vibrazioni supposte di tipo elettromagnetico, una sorta di stato di risonanza a livello gravitazionale. E si può constatare che le proprietà di questo stato sono in perfetto ed armonico rapporto di corrispondenza con il senso ontologico delle lettere prese in considerazione. Un indicazione curiosa, ma illuminante, già citata in un’altra mia opera dal titolo “Le Golem et la Connaissance”, mi è stata fornita dalla cibernetica o, per essere più chiari e precisi, dagli estremi confini linguistici di studio cui si spinge questa scienza.

Le lingue umane si possono suddividere in bande vibrazionali passanti, misurabili con l’ausilio di raffinati strumenti elettroacustici che consentono, inoltre, la manipolazione del segnale con la modificazione dei parametri di lettura e di rilevazione. Più questi dati, espressi in numeri, sono alti, più il valore a livello musicale e sonoro della lingua è acuto ed elevato e tanto più è carico di contenuto spirituale, sottile. Ebbene, se il francese culmina attorno ai 4000 periodi al secondo e l’inglese raggiunge un valore esattamente doppio – circa 8000 cicli – collocandosi, nella scala delle gerarchie, un po’ al di sotto del russo e del portoghese, l’ebraico non ha rivali, In quanto si distacca da tutte le altre lingue, giungendo alla bellezza di 12000 periodi al secondo!

Davanti a questa constatazione non si può non credere che l’ebraico celi in se qualcosa di misterioso.

 

FONTE: Franco Ossola – Iniziazione alla Qabalah Ebraica