Astrologia

LE ERE ASTROLOGICHE

Immagine

L’era astrologica, o età astrologica o eone, è una suddivisione dell’età del mondo su base zodiacale, resa possibile dal fenomeno astronomico della precessione degli equinozi.

Il concetto ha suscitato l’interesse degli astrologi sin dall’antichità e secondo alcuni studiosi potrebbe essere all’origine del mitraismo e aver influenzato anche altre religioni antiche. Nell’epoca moderna il concetto di era astrologica si è diffuso principalmente in seno al movimento New Age.

DEFINIZIONE

Il globo terrestre è soggetto a diversi movimenti, quali la rotazione, la rivoluzione, la nutazione e la precessione : quest’ultima consiste nella rotazione dell’asse terrestre attorno alla perpendicolare all’eclittica, come accade ad una trottola, ritornando nella posizione originale ogni 25765 anni (Anno Platonico).

A causa del moto di rivoluzione la linea che congiunge la terra col sole incide ogni giorno in un punto diverso dello zodiaco, compiendo un ciclo completo in un anno. La precessione, però, determina un ritardo di circa 20 minuti per cui al termine di un anno solare l’asse terra-sole non ha ancora raggiunto la stessa posizione zodiacale; in altre parole non è ancora completato l’anno siderale.

Prendendo come istante di riferimento il giorno dell’equinozio di primavera, ogni anno può essere caratterizzato dalla costellazione zodiacale in cui il sole si trova in tale giorno. Ebbene, nel corso di circa duemila anni la costellazione in cui il sole si trova nell’equinozio di primavera cambia con un moto retrogrado rispetto alla successione di costellazioni che si verifica nel ciclo annuale. Ogni periodo in cui il sole si trova in una certa costellazione nel giorno dell’equinozio di primavera si dice “era astrologica” e prende il nome dalla costellazione in questione.

L’uso dell’equinozio di primavera come posizione astronomica discriminante per l’era astrologica risale alla sua importanza simbolica nel ciclo annuale della natura: a partire dall’equinozio di primavera infatti il sole, sempre più alto sull’orizzonte, riscalda più efficacemente l’ambiente naturale e determina la “rinascita” primaverile della natura dopo la “morte” invernale. Nonostante il concetto di precessione degli equinozi sembri essere stato scoperto da Ipparco solo nel II secolo a.C., l’equinozio di primavera rappresentava una festività già nell’antichità e la sequenza delle ere astrologiche permette di avanzare interpretazioni di vari miti antichi.

SEQUENZA DELLE ERE

Durante l’anno la sequenza zodiacale è Ariete, Toro, Gemelli e così via fino a Pesci. Dato, però, che il moto precessionale è retrogrado le ere astrologiche seguono l’ordine inverso : dall’era del Toro (circa 4000-6000 anni fa) si è passati a quella dell’Ariete e quindi a quella dei Pesci, che è quella attuale e, grossomodo, va dall’anno 1 al 2600). La prossima era sarà l’era dell’Aquario.

DURATA E CARATTERISTICHE

La durata delle ere astrologiche dipende dal confine fra una costellazione e l’altra, molto difficile da stabilire perché corrisponde a regioni del cielo prive di stelle luminose. Diverse civiltà, quindi, o anche solo diversi astronomi possono definirlo in modo diverso. La durata, inoltre, è molto variabile perché l’ampiezza delle costellazioni è diversa l’una dall’altra. Nel corso dei millenni, infine, la struttura stessa delle costellazioni cambia molto lentamente.

Se, invece, si assegna convenzionalmente ad ogni costellazione un dodicesimo di ciclo, l’equinozio “permane” in un segno zodiacale per (25765/12 =) 2140 anni circa. Anche in questo caso tale periodo di circa 2140 anni è detto era astrologica, e viene chiamato col nome del segno zodiacale all’interno del quale è situata la posizione del sole all’equinozio di primavera.

Secondo l’astrologia, ogni era dura 2160 anni senza distinzione di durata tra le varie costellazioni, e il completamento del giro dello Zodiaco attraverso i cicli cosmici si compie in 25920 anni, poiché tradizionalmente non si considera la costellazione dell’Ofiuco. A metà di questo percorso, ossia ogni 12960 anni, si verificherebbe un’inversione dei poli magnetici terrestri. Quest’affermazione è stata smentita dallo studio del campo geomagnetico a partire dagli anni ’60 del secolo scorso. Si è scoperto che le inversioni di campo avvengono in modo casuale e comunque non se ne è verificata alcuna da circa 780000 anni.

Esegesi astrologica della Bibbia

Eventi e opere passati che compongono la storia possono essere letti anche secondo questa chiave di lettura. Per esempio nella Bibbia sarebbero delineate le transizioni fra quattro ere.

Nella vicenda di Mosè che, dopo aver liberato gli ebrei dalla cattività in Egitto (XVII-XIII secolo a.C.), scendendo dal Sinai li vede adorare un vitello d’oro, si può leggere (con un grande ritardo) la fine dell’era del Toro, grosso modo collocata tra il 4300 a.C. e il 2150 a.C.. Altre divinità situabili intorno a tale periodo sono raffigurate con sembianze taurine, a cominciare dall’egizio Api. Mosè, quindi, sarebbe colui che guida il passaggio (Pesach à Pasqua) da questa vecchia era a quella nuova, l’era dell’Ariete. Il “sangue dell’agnello” contrassegna la Pasqua mosaica , mentre il sacrificio del capro espiatorio caratterizza la festività dello Yom Kippur, il “Giorno dell’espiazione”. Nell’Antico Testamento, tuttavia, l’immolazione di bovini continuò a ricorrere frequentemente, anche in combinazione con la celebrazione della Pasqua o dello Yom Kippur (dove era obbligatorio). Per l’inaugurazione del Tempio Salomone sacrificò un numero “innumerevole” di giovenchi, mentre in occasione della Pasqua il re Ezechia ne uccise mille e il re Giosia ben tremila.

Il termine dell’era del Toro potrebbe essere individuato anche nel culto di Mitra, ritratto mentre uccide un toro ; tale culto, però, è comparso solo al termine dell’era dell’Ariete.

Prolungando quest’interpretazione anche al Nuovo Testamento e al Cristianesimo, Gesù diviene colui che guida l’umanità attraverso l’era attuale, l’era dei Pesci. Tra i simboli di Gesù troviamo il pesce, i suoi amici erano pescatori, lui si diceva “pescatore d’uomini” e sfama migliaia di persone con due pesci.

Infine Gesù, nel racconto del Vangelo secondo Luca, per preparare la Pasqua dice ai suoi discepoli « Appena entrati in città, vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d’acqua » cioè l’Aquario, la nuova era, che secondo questa esegesi dovrebbe iniziare  nel 2150 dC.

FONTE

WIKIPEDIA, L’Enciclopedia Libera

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...