Alchimia, Filosofia, Gnosticismo, Spiritualità

ELI, ELI, LAMA SABACHTANI

inri

Il “Cristo” meramente utilitaristico, cioè “morto inutilmente”  in quanto utile solo a delineare la preminenza della gerarchia confessionale rispetto alla gente comune è connesso al greco “CHRESTOS”, che significa appunto utile (adatto, idoneo, abile).

L’antico concetto di uomo libero era infatti riferito, nelle sedi di iniziazione ai mondi spirituali, al corpo fisico come strumento “più adatto” e completo per l’evoluzione dell’io, che ha luogo proprio mediante l’uso ed il consumo del corpo fisico anche in rapporto alla sofferenza ed al dolore.

“CHRISTOS”, in latino “CHRISTUS”, significa invece “unto”, ed è la traduzione letterale dell’ebraico “MASCIACH”, “Messia”. Nell’antichità erano “unti” i sacerdoti, i re e i profeti, e ciò che era venerato a dicembre era il più grande “unto” dell’intero universo: lo spirito del Sole.

In base a questa conoscenza gli iniziati facevano l’esperienza riassunta nelle parole di Paolo: “Non io, ma il Cristo in me”, che significano: non il mio io pieno di egoismo deve prevalere; questo si deve fare strumento (“CHRESTOS”) per l’io Cristico (“CHRISTOS”).

Infatti era notorio che nella morte “moriva” solo lo strumento fisico, il CHRESTOS, mentre lo spirito, il CHRISTOS, poteva “risorgere”, secondo la sua natura immateriale, in ogni individuo umano. Ecco perché l’antica formula per la morte del “CHRESTOS” era: “Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?”, mentre per il CHRISTOS era: “Mio Dio, mio Dio, quanto mi hai esaltato!”.

Nell’ebraico antico le due frasi suonano quasi uguali: “ELÌ, ELÌ, LEMÀ SABACTÀNI” (mi hai GLORIFICATO) ed “ELOÌ, ELOÌ, LEMÀ AZABTÀNI” (mi hai ABBANDONATO; da “AZÀB”, “abbandonare”, verbo formato dalle lettere AIN, ZAIN E BET).

In effetti, l’espressione ELI, ELI, LAMA SABACHTANI

-Ηλει Ηλει λεμα σαβαχθανει-

non ha mai significato “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. Significa originariamente il contrario. Sono le parole sacramentali utilizzati dall’iniziazione finale nell’antico Egitto, come anche in altre regioni, durante il Mistero della messa a morte del “CHRESTOS” nel corpo mortale, con le sue passioni animali, e la resurrezione dell’uomo spirituale come CHRISTOS illuminato in un’aura ora purificata (equivalente alla “seconda nascita” di Paolo, il “nato due volte” o a quella iniziatica dei brahmani, ecc.). Queste parole erano rivolte all’io superiore dell’Iniziato (“Sé Superiore”), lo Spirito divino in lui nel momento in cui i raggi del sole mattutino si riversavano sul corpo in trance del candidato, e dovevano richiamarlo alla vita della sua nuova rinascita. Tali parole, poi distorte a fini dogmatici, erano indirizzate al Sole spirituale interiore, e significavano “Mio Dio, Mio Dio, come mi glorificherai!”

Questo fatto, di cui oggi non si parla più, ha portato al capovolgimento della logica riguardante la risurrezione dell’io e, di conseguenza, si arriva a predicare la risurrezione del corpo come se il corpo fosse la cosa più importante dell’essere umano; o come se la “manna” dell’uomo fosse il cibo che lo nutre come mero corpo terrestre, materiale.

Le cose però non stanno così. Una immortalità del corpo che senso avrebbe?

«Non posso che concordare con Haeckel quando dice di preferire a un’immortalità, quale molte religioni la insegnano, “l’eterno riposo nella tomba”. Infatti l’idea di un’anima che sopravvive allo stesso modo di un essere sensibile mi appare un abbassamento dello spirito, un ripugnante peccato contro lo spirito» (Rudolf Steiner, 1861-1925).

Il “MANAS” indica in sanscrito l’intelligenza dell’io umano, e questo “MANAS” fu sempre sentito provenire dall’alto. Gli indiani d’America lo adoravano nel dio “Manitù”. Nell’antica Grecia fu conosciuto come la forza del “Minotauro” dominata da “Minosse”. La civiltà “minoica”, col suo culto del toro, fu appunto quella del rinvenimento della ragione per tornare alla luce (attraverso il famoso filo di Arianna, simboleggiante il filo nel “labirinto” della ragione, o del “MANAS” appunto). Era il periodo in cui tale forza incominciava ad essere percepita non più proveniente dalla sede del torace o del cuore ma da quella del capo umano.

Questa aurea attività interiore e solare, in grado di generare ricchezza spirituale e materiale (perfino il termine capitalismo proviene da “capo”, “testa”, “cranio”, “GOLGOTA”), era perciò in grado di soddisfare anche ogni desiderio di cibo, cioè della cosiddetta “manna” del mondo ebraico. “Man” è anche la radice dell’umanità stessa. Ma cos’è la manna umana se non il talento dell’io umano, generatore di ricchezza sia spirituale che materiale? Bisognerebbe chiedersi dunque per quale ragione le confessioni religiose odierne non vogliono testimoniare che tale intelligenza è quella stessa del Logos o del Cristo in ogni essere umano. Hanno forse paura dell’intelligenza della natura umana? Sembra proprio di sì, dato che è sempre più evidente che la si vorrebbe, in un modo o nell’altro, rendere schiava, o crocifiggerla ancora, la croce essendo la massima espressione del materialismo.

Quando il cristianesimo divenne religione di Stato (verso la fine del quarto secolo circa) entrò infatti in esso qualcosa che non era più cristianesimo. E cos’era? Era l’imperialismo della romanità in declino. L’ampia e profonda saggezza che nei primi secoli cristiani tentava di compenetrare il mistero del GOLGOTA (cranio) e tutto ciò che vi si ricollega, fu travolta dal materialismo occidentale, che lentamente, dal quarto secolo in poi, pervase la civiltà occidentale ed oggi è l’espressione del passaggio verso il materialismo cattolico, connesso all’“uomo dei dolori”, cioè al “CHRESTOS”, non al “CHRISTOS”.

Con ciò si produsse una frattura nel mondo della cristianità. L’immagine del Cristo crocifisso e sofferente, che da allora in poi perdurò per secoli, non permise più di afferrarlo nella sua essenza immateriale e risorgiva come io in ogni essere uomo. Ed oggi il Cristo è percepito solo come particola, come corpo materiale, senza che l’io trionfi come vincitore e custode dell’umanità.

La stessa idea della nascita umana o del Natale si è impoverita al punto che il più grande evento è stato ridotto ad un banale processo fisiologico, sperimentabile consumisticamente (cena di Natale) o tutt’al più sentimentalmente (auguri di Natale).

Eppure attraverso l’idea del passaggio evolutivo verso l’io che proviene dall’alto entra nell’uomo qualcosa che non può comprendersi materialisticamente.

Due sono dunque i mondi che questo passaggio riunisce: il mondo sensibile e quello sovrasensibile. L’io umano appartiene a quest’ultimo. L’io non è percepibile mediante i sensi ordinari. Per percepire l’io occorre abbandonare l’ordinaria percezione sensibile. Questo ABBANDONO dei sensi ordinari apre la porta alla percezione sovrasensibile, la quale procura la GLORIA dell’io-Logos, consistente nella via, nella verità e nella vita di ciò che è eternamente alto. Perfino la parola “alto” ha la medesima radice “AL” di “ALLAH”, “ELYON”, “ELOAH”, “ELOIM”.

Ogni nascita, così come ogni morte, è gloriosa, perché ogni cambiamento fa parte di una evoluzione. E questo riguarda anche ogni abbandono. L’abbandono” comporta, anche etimologicamente, un “bando” o una “bandiera” da lasciare. In fondo si lascia una rappresentazione per un’altra rappresentazione, un pensiero per un altro, perché questa è la vita del pensare. L’essenza di ciò che nasce e di ciò che muore ha in sé una forza che va oltre quella mera nascita o quella mera morte.

A questo punto del ragionamento sembra quasi di ritornare nella mistica degli antichi o delle antiche scritture. Ma non è così. Credo, anzi, sia sbagliato usare le antiche scritture, come ad esempio la Bibbia, per dimostrare con interpretazioni mistiche o incapaci di uscire dal misticismo che l’uomo è qualcosa di essenzialmente alto o, quanto meno, diverso dalla terra. In realtà l’uomo è essenzialmente extraterrestre, e bisognerebbe avere il coraggio di scoprirlo e casomai verificarlo con le scritture dopo averlo scoperto. Per verificarlo occorre semplicemente identificare l’individuo umano non con la terra o con la mineralità o con la materia, ma col suo io, percepibile solo in modo sovrasensibile. Noi non siamo il nostro corpo. Siamo gli abitatori di esso, e solo in quanto tali siamo extraterrestri. Io oggi sono diverso da ieri o dal tempo in cui avevo tre, o trenta, o sessant’anni, perché la mia “terra” cambia sempre ed ogni sette anni è completamente diversa perfino nella sua struttura ossea (la fisiologia lo dimostra: ogni sette anni, il nostro corpo fisico si trova rinnovato: nessuna sua cellula, da quella dei muscoli a quella dello scheletro, vive più di sette anni). Io invece pur cambiando sempre sono sempre io. E questo è quello che conta. Perché ogni io è eterno: non è mai nato e mai morirà.

Da questo punto di vista è interessante notare in Africa, in Mali, la tribù dei Dogon: «Questa popolazione possiede sorprendenti conoscenze astronomiche. I Dogon, infatti, sanno dell’esistenza di Sirio B, una piccola stella orbitante intorno a Sirio e del tutto invisibile ad occhio nudo. E si noti che gli astronomi occidentali, fino alla metà del XIX secolo, non sospettarono l’esistenza di Sirio B che fu poi fotografata solo nel 1970. Come fanno i Dogon a sapere che Sirio è una stella doppia? A quanto essi stessi dicono, queste conoscenze sono state loro trasmesse dagli abitanti di un pianeta di Sirio B sbarcati sulla terra. E queste creature venute da Sirio, che i Dogon chiamano NOMMO, erano a forma di pesce e dovevano vivere nelle acque perché anfibie». Il nome “DOGON” è molto simile a quello di una divinità filistea, “DAGON”, a volte rappresentata come mezzo uomo e mezzo pesce, di cui parla anche la Bibbia. Si noti l’assonanza anche con l’ebraico “DAGHÌM”, “pesci”, plurale di “DAG”, pesce”.

Certamente il credente nell’uomo come essere meramente terrestre troverà mille ragioni per dimostrare che l’extraterrestre non esiste. Però per affermare anche una sola di queste ragioni dovrà, per forza di cose, contrapporsi alle forze del cielo o provenienti dall’alto per affidarsi a quelle provenienti dalla terra. Dovrà, per forza di cose, credere più ad un impercepibile “quanto” che al proprio percepibile io, ricadendo di nuovo nel misticismo che, grazie alla scienza, dal tempo di Galileo avrebbe dovuto imparare a superare… Anche questo riguarderà comunque la sua evoluzione di essere umano.

La GLORIA dell’io-Logos è in ebraico “KAVÒD”, che significa letteralmente “peso”.

È interessante notare come questo “peso”, a dispetto di ogni forza di gravità terrestre, tenda verso l’alto.

Forse è per questo motivo che il soppesare è anche sinonimo del pensare. A questo punto è interessante osservare che nella misura in cui è possibile la riflessione concettuale, il cervello si allontana dalle forze gravitazionali e della pesantezza materiale grazie alle forze idrostatiche del liquido cefalo-rachidiano: grazie alla presenza di questo liquido (detto “liquor”) il cervello pesando un settantesimo del suo peso reale rende possibile la riflessione concettuale. Se pesasse completamente sui nervi cranici, schiacciandoli, vale a dire premendo sullo spazio sub-aracnoidale intracranico che risente di tutte le variazioni di pressione (dovute alla respirazione mediante inspirazione ed espirazione) del liquido cefalo-rachidiano, non esisterebbe né la vita del pensare né la stessa vita umana.

Questa cosa è talmente importante che nella prima conferenza del ciclo “I capisaldi dell’economia” Rudolf Steiner incomincia proprio con questa considerazione con la quale concludo queste riflessioni:

«Io parlo ora soprattutto a studenti, per indicare loro come ritrovarsi nell’economia politica. Di conseguenza desidero dire quel che ora è più essenziale. Quando nacque il bisogno di sollevare problemi di economia politica, eravamo già in un tempo in cui non si aveva più la capacità di pensiero atta ad abbracciare un campo come questo; mancavano ormai, semplicemente, le idee adeguate. Voglio mostrare che era così mediante un esempio tratto dalla scienza naturale.

Noi uomini abbiamo il nostro corpo fisico, ed esso ha un peso come lo hanno gli altri corpi fisici. Dopo il pasto esso pesa più di quanto non pesava prima; tanto che si potrebbe controllarne l’aumento con una bilancia. Ciò vuol dire che l’uomo è sottoposto alla legge di gravità. Ma solo con tale gravità, che è una qualità di tutti i corpi ponderabili, non potremmo fare molto, e l’uomo sarebbe costretto a girare il mondo come un automa, non come un essere cosciente. Ho detto spesso che cosa occorra perché ci possiamo formare dei concetti che abbiano un valore, cioè che cosa occorra all’uomo per pensare. Il cervello umano, preso per sé, pesa circa 1400 grammi. Se questi 1400 grammi gravassero sulle arterie che stanno alla base cranica, le schiaccerebbero completamente. Non si sopravvivrebbe un istante se il cervello umano fosse fatto in modo da gravare con tutti i suoi 1400 grammi! È davvero una fortuna per gli uomini che esista il principio di Archimede secondo il quale, nell’acqua, ogni corpo perde tanto del suo peso quanto è il peso del liquido che esso sposta. Il cervello galleggia nel liquido cefalico e perde così 1380 grammi, poiché tale è il peso della massa liquida che corrisponde al volume del cervello umano. Il cervello preme con soli 20 grammi sulla base cranica, e questa pressione è sopportabile. Ma se ci domandiamo “a che serve tutto ciò?” dobbiamo rispondere: con un cervello che fosse soltanto massa ponderabile non potremmo pensare. Noi non pensiamo con ciò che è sostanza pesante, ma pensiamo con la spinta ascensionale. La sostanza deve prima perdere il proprio peso, e solo allora possiamo pensare. Noi pensiamo con ciò che vola via dalla terra.

Siamo però coscienti in tutto il corpo. E da che cosa siamo resi coscienti in tutto il corpo? Nel nostro corpo esistono 25.000 miliardi di globuli rossi, i quali sono assai piccoli, ma anche pesanti, perché contengono ferro. Ognuno di questi 25 bilioni di globuli rossi galleggia nel siero del sangue, perdendo del suo peso tanto quanto sposta di liquido, così che anche in ogni singolo globulo rosso viene generata una spinta ascensionale; e proprio 25 bilioni di volte. Nel nostro corpo intero noi siamo coscienti grazie a ciò che spinge verso l’alto. Possiamo così dire che quando ingeriamo degli alimenti, essi devono anzitutto venir alleggeriti, trasformati, perché possano servirci. Tale è l’esigenza dell’organismo.

Ora la capacità di pensare a questo modo e di regolarsi in conformità si era perduta nell’epoca in cui era diventato necessario pensare ai problemi economici. Da allora in poi si tenne conto soltanto dei corpi ponderabili, senza ricordare ad esempio che in un organismo una sostanza ha un comportamento diverso in rapporto alla sua gravità quando subisce una spinta ascensionale.

 

FONTE

http://sabatoxuomo.altervista.org/

Standard
Extraterrestri

THE LACERTA FILES – PART2

lacerta

Commento di Ole K : L’incontro cominciò vagliando diverse domande ed opinioni che ho ottenuto dai lettori della prima trascrizione in forma anonima attraverso i miei amici fidati. Alcune di queste opinioni – tutte occupano circa 14 fogli di carta – contengono commenti di vario tipo, dal radicalmente religioso al tendenzialmente fanatico fino a commenti riguardo un contatto di benvenuto con specie rettiliane. Alcuni commenti contengono frasi stereotipate del tipo “Servi dell’Inferno” o “Specie del Maligno”. Non voglio continuare a dare descrizioni dettagliate qui perché non voglio fomentare ulteriormente altri pensieri falsi e radicali.

Domanda : Leggendo questi commenti a carattere religioso e animoso, cosa ne pensi e come ti senti? La relazione tra la tua specie e la nostra è davvero basata su questo tipo di totale negazione?

Risposta : Ti stupisce il fatto che io non ne sia minimamente turbata? Mi aspettavo simili reazioni estremiste. La totale negazione dell’esistenza di altre specie (soprattutto rettiliane) come nel vostro caso è fortemente insidiata nella coscienza di ogni individuo. Questo antico condizionamento deriva dai giorni della vostra terza creazione artificiale e, biologicamente parlando, è stata passata come informazione genetica da generazione in generazione. L’identificare la mia specie con potenze oscure era una delle intenzioni primarie degli Elohim, ai quali piaceva immedesimarsi nel ruolo di potenze di luce – una cosa a dir poco paradossale, considerando che la loro specie umanoide era estremamente sensibile alla luce del sole. Forse ti aspettavi che io mi offendessi, quindi suppongo di averti deluso. Questi atteggiamenti non sono in realtà colpa vostra : state semplicemente seguendo per la maggior parte quello che è stato inculcato ai vostri antenati. E’ comunque deludente che molti di voi non siano riusciti a sviluppare una coscienza individuale, per questo motivo sarebbe d’aiuto per voi superare il condizionamento. Come ho già detto, noi siamo stati in contatto diretto per diversi secoli con alcune delle vostre tribù primitive : queste tribù riuscirono a superare la vecchia “programmazione”; erano in grado di incontrarci senza tensione, odio e rifiuto. Apparentemente molti dei vostri moderni individui civilizzati non sono in grado di pensare per conto loro, ma si lasciano guidare dalla programmazione e dalla religione (che è anch’essa una manifestazione di quell’antica programmazione e parte del piano degli Elohim). Quindi, commenti di quel genere li considero più divertenti che irritanti; confermano semplicemente in larga maniera le mie supposizioni sul vostro ristretto modo di pensare.

Domanda : Di conseguenza voi non siete la “Specie del Maligno” come detto prima?

Risposta : Come dovrei risponderti? La vostra gente pensa ancora seguendo un semplice e completamente inappropriato schema di generalizzazione. Parlando semplicemente, NON esistono specie puramente malvagie. In ogni specie terrestre ed extraterrestre esistono individui buoni ed individui cattivi; voi stessi ve ne rendete conto; ma NON esiste assolutamente una specie completamente malvagia. Questo concetto è davvero molto primitivo. Voi credete da tempo immemore quello che i vostri creatori vi hanno fatto credere. Ogni specie conosciuta, anche la più sviluppata, consiste in un grande numero di coscienze individuali (almeno una parte della coscienza è individuale, sebbene vi siano campi di connessione della coscienza); questi spiriti autosufficienti sono in grado di decidere liberamente uno stile di vita che può essere buono o cattivo, basandoci sui vostri standard umani. Ancora una volta, dipende dal punto di vista; la vostra gente non è proprio in una posizione tale da essere in grado di giudicare una specie molto più avanzata come buona o cattiva, perché il vostro punto di osservazione è posto più in basso. Le vostre semplici parole “buono” e “cattivo” sono in ogni caso un esempio di una tendenza verso la generalizzazione; nel mio linguaggio sono presenti diversi concetti per descrivere le varie sfumature di significato riguardanti i comportamenti rapportati alle norme sociali.

Anche queste razze extraterrestri inclini ad agire con antagonismo nei vostri confronti non sono “Specie del Maligno”, sebbene operino in maniera negativa e senza rispetto per la vostra razza. Loro fanno tutto ciò per le loro ragioni e non perché siano cattivi; voi siete stati concepiti e strutturati con un modo di pensare più lineare a focalizzato rispetto al loro, quindi vi comportate di conseguenza. L’attitudine di una specie nei confronti di un altra specie dipende fortemente dai propri rispettivi modi di pensare; ogni specie setta le sue priorità. Classificare tutto ciò come “buono” o “cattivo” è davvero primitivo, per la sopravvivenza di qualunque specie vi sono lotte di vario tipo. Non escluderei nemmeno la mia stessa razza da tutto ciò, si sono infatti verificati alcuni eventi nel passato che personalmente non condivido ma di cui non parlerò. Nessuno di questi eventi si è verificato negli ultimi 200 anni della vostra scala temporale. Ma ti prego di tenere presente questi : NON esistono razze assolutamente buone come NON esistono razze assolutamente cattive, perché ogni specie è composta da individui.

Domanda : Nelle lettere che ho ricevuto vi era spesso la richiesta di maggiori dettagli circa la fisica avanzata di cui hai parlato l’ultima volta. Molta gente sostiene che le tue parole non abbiano senso. Per esempio, come funzionano gli UFO, come fanno a volare, come fanno a fare quelle manovre?

Risposta : Come dovrei spiegarlo alla gente? Non è così semplice. Lasciami pensare per un minuto. Devo sempre utilizzare delle parole molto semplici per renderti chiari i principi di base della scienza avanzata. Proviamo così : devi avere chiari alcuni fatti fondamentali. La primissima cosa consiste nel dovere suddividere lo stesso concetto del mondo fisico, perché ogni esistenza consiste di strati differenti: Diciamo per semplificare che esso consista di una illusione materiale e di una sfera di influenza.

NOTA DEL TRADUTTORE DALLO SVEDESE : NON ESISTE NESSUNA TRADUZIONE ESATTA PER LA PAROLA ‘FELDRAUM’ -“FELD” VUOL DIRE “CAMPO”, “RAUM” VUOL DIRE “SPAZIO, STANZA, ESPANSO” QUINDI LO TRADURRÒ COME “SFERA DI INFLUENZA”

Certe condizioni fisiche sono associate solo con il regno materiale, mentre altre condizioni più complicate sono associate solo con la sfera di influenza del mondo materiale. Il vostro concetto del mondo fisico è basato su una semplice illusione materiale. Quella illusione è ulteriormente suddivisa in tre condizioni base o elementari della materia. Esiste anche una importantissima quarta condizione; è il confine nella sfera di influenza o il regno del plasma. Per voi, la teoria di una trasformazione controllata o di una elevazione della frequenza della materia e l’esistenza stabile di una quarta condizione di aggregazione della materia non è molto comune, o comunque esiste ad un livello molto primitivo. (Esistono solo cinque stati della materia, ma parlare anche dello stato post-plasma non farebbe altro che confonderti ulteriormente. E comunque non è necessario per capire la teoria di base ; è connesso con diversi fenomeni che voi vi limitereste a classificare come paranormali.) Torniamo alle teorie essenziali: Plasma…ora, con plasma io non intendo solo “gas caldo” – così come la vostra gente classifica il concetto – ma piuttosto intendo una più alta condizione di aggregrazione della materia. Lo stato plasma della materia è una forma speciale della materia che sta tra la sua reale esistenza e la sfera di influenza, tutto qui, una completa perdita di massa e un accrescimento di energia in varie forme ogniqualvolta la materia è “premuta o urtata”.

Il quarto stato della materia è molto importante per alcune condizioni fisiche che possono essere usate per esempio per….come dovrei fartelo capire…generare antigravità. (questa è una parola umana molto strana e non è molto corretta, ma dovresti capirlo meglio in questo modo.) Essenzialmente, nel mondo della fisica reale, non esistono forze bipolari, ma piuttosto soltanto un “comportamento riflettivo dipendente dall’osservatore” di una singola, grande forza unificata a differenti livelli. Con l’antigravità o la distribuzione delle caratteristiche gravitazionali su livelli, uno può, per esempio, causare la levitazione della materia apparentemente solida; questo metodo è utilizzato in parte da noi e dagli extraterrestri come mezzo di propulsione per i loro UFO. Voi vi state muovendo su un livello molto primitivo verso un principio simile da utilizzare nei vostri progetti militari segreti, ma dato che voi avete più o meno rubato questa tecnologia (e vi è stata falsamente passata intenzionalmente dagli extraterrestri), mancate di una vera comprensione della fisica; come risultato, dovete affrontare problemi riguardanti l’instabilità e disturbi. Non ti sembra che questo sia un ulteriore esempio del discorso su “buono” o “cattivo”? Voi giocate con forze sconosciute e così accettate la morte dei vostri compagni, perché muoiono per una causa più importante, ovvero per l’avanzamento della vostra tecnologia, che a sua volta verrà utilizzata per scopi bellici ovvero negativi. Adesso, qualcuno può darvi il beneficio del dubbio , ovvero che solo una piccola parte della vostra specie è a conoscenza di questi progetti alieni che sono considerati – come lo spiegheresti tu – top secret. Vi è stato detto che più alto è l’ordinale e o il numero di classificazione della materia, più semplice è l’innalzamento della condizione, ma è corretto soltanto in parte. Se non potete trattare queste potenze, allora è meglio che non ci proviate. Ma la tua specie è sempre stata ignorante e da tempo immemore prova a giocare con forze che non riesce neanche a capire. Perché dovrebbe cambiare?

Ricordi la faccenda della fusione del rame? con la fluttuazione al giusto angolo con il campo di radiazioni indotte, il rame viene fuso con altri elementi. (L’illusione della materia è fusa, i campi nella sfera di influenza si sovrappongono l’uno con l’altro, ma la forza principale sarebbe riflettuta da quel processo e assumerebbe una caratteristica quasi-bipolare.) La conseguente connessione e il campo non sarebbero quindi stabili nella normale condizione della materia e non adatta per certi compiti. Come risultato, l’intero spettro di campo viene capovolto verso una condizione più alta di simil-plasma, dove lo spettro si unisce con questo ruvido cambiamento al polo opposto – la parola NON è corretta – del campo di forza e ricorda molto un cambio gravitazionale. Questo cambio provoca un “sussultarsi” della forza repulsiva quasi-bipolare, che adesso non scorre più verso l’interno del campo di forza, ma in parte verso l’esterno. Il risultato è un campo di forza riflettente inter-stratificato che è davvero difficile da modulare all’interno di particolari confini tecnici in relazione alle sue personali caratteristiche. Può anche occuparsi di una moltitudine di compiti, come per esempio, fare lievitare e manovrare un massivo numero di oggetti volanti. Può anche fungere come camuffaggio nel regno delle radiazioni elettromagnetica così come manipolare una sequenza temporale di eventi – ovviamente in maniera molto limitata – ed anche altre cose. Hai familiarità con il vostro “effetto tunnel quantico”? Anche l’ampiezza delle equalizzazioni tra la materia genuina può essere raggiunto con uno di questi tipi di campo se la frequenza e la distanza dal piano del campo è abbastanza alta. Sfortunatamente, tutto ciò che ti ho spiegato usando le vostre parole è venuto fuori molto primitivo, temo. Suonerà piuttosto strano e certamente impossibile per la tua comprensione, ma può darsi che questa semplice spiegazione possa esserti d’aiuto a comprendere. Ma di nuovo, forse no.

Domanda : Vi è una spiegazione scientifica per i fenomeni paranormali, come per esempio i tuoi poteri mentali?

Risposta : Si. Per spiegarlo, bisogna rendersi conto della realtà fisica della sfera di influenza {Feldraum}. Ci proverò…aspetta solo un secondo..devi separarti mentalmente dall’illusione che ciò che vedi è la vera natura dell’universo. E’ piuttosto la superfice di un lato dell’universo. Immagina che tutta la materia qui presente – questo tavolo, questa matita, questo apparecchio, questo foglio – non esistono realmente, ma sono soltanto il risultato di una osccilazione di campo e di una concentrazione energetica. Tutto la materia che vedi, ogni creatura, ogni pianeta e stella in questo universo, ha una “informazione equivalente ad energia” nella sfera di influenza che si trova in un campo principale – il livello generale {delle cose}. Adesso, non è presente solo un livello, ma diversi. L’ultima volta, ho menzionato quella specie altamente sviluppata in grado di cambiare livello (che è qualcosa di completamente differente dal semplice cambio di bolla, in quanto le bolle sono una parte di ogni livello). Capisci? Le dimensioni, così come le chiamate voi, solo parte di una bolla solitaria, le bolle o la schiuma universale sono parte di un livello, e i livelli sono strati nella sfera di influenza, mentre la sfera di influenza, agento nella capacità della singola misura fisica, è essenzialmente infinita; è composta da innumerevoli strati di informazione-energia e livelli generali. Non vi sono livelli nulli nella sfera di influenza; sono tutti gli stessi, ma sono separati dal significato delle loro condizioni energetiche. Vedo che ti sto confondendo. Forse è meglio fermarmi con la spiegazione.

Domanda : No, continua pure. Come nascono concretamente i poteri paranormali?

Risposta : Benissimo allora. Proviamo qualcosa di più semplice. Di nuovo, non è completamente esatto, ma cominciamo in questa maniera : la materia tangibile in questo lato è rispecchiata nella sfera di influenza {Feldraum} come un campo composto da strati distinti. Questi strati contengono informazioni, come per esempio, circa la semplice struttura della materia o la frequenza della stringa, ma vi è anche una informazione derivata dallo sviluppo della materia. Hai familiarità con il concetto umano dei “campi morfogenetici”? Una parte dello strato si potrebbe definire in questo modo. Adesso, vi è anche un’altro strato intermedio per il quale purtroppo non vi è il relativo concetto umano, dato che la sua teoria non è comune nel pensiero umano. Chiamiamolo “para-strato”, dato che questo strato è il principale responsabile di tutto ciò che voi chiamate PSI e paranormale e che si trova al di fuori dei confini della vostra scienza primitiva. Questo para-strato si trova tra gli strati della materia e tra gli strati morfogenetici di un campo nella sfera di influenza. Si può integrare attivamente con entrambi. Il tuo corpo, per esempio, ha il suo campo corrispettivo nella sfera di influenza {Feldraum}. Questo non vuol dire che esso non esista qui – in quanto carne, sangue, ossa – sotto forma di stringhe di materia o atomi, ma non si limita a questo. L’esistenza è sempre una dualità. Alcuni strati del campo contengono semplici informazioni riguardanti la materia solida del tuo corpo e riguardo la sua frequenza, mentre altri strati contengono informazioni riguardanti il tuo spirito, la tua coscienza o, parlando da un punto di vista umano-religioso, la tua anima. La consapevolezza o la coscienza in questo caso sono una semplice matrice di energia, divisa in diversi strati del tuo campo nella sfera di influenza – nulla di più nulla di meno. La consapevolezza genuina esiste anche qui nel lato materiale, ma soltanto in forma di post-plasma (la quinta forma della materia). Con la necessaria conoscenza fisica e la corrispondente tecnologia, la matrice della coscienza/consapevolezza, o anima, può anche essere separata dal suo campo. Puo continuare, nonostante la sua rimozione, ad esistere in maniera autosufficente per un certo periodo di tempo. Tutto ciò ha lo strano nome occulto di “furto dell’anima”. Ma nonostante tutto, stiamo parlando di scienza, non di magia o di forze oscure.

Ma tornando alla domanda : le creature con poteri mentali più potenti possono avere una influenza diretta nel para-strato tramite i loro campi di coscienza/consapevolezza. Adesso questo strato non è limitato solo all’individuo, ma è piuttosto una parte dello strato di informazione generale – lo puoi chiamare in senso prosaico l’anima della comunità – che è connessa con tutte le materia animate ed inanimate e tutte le coscienze che esistono in questo livello principale. La causa biologica di queste abilita comunque si trova nel lato materiale, nella ghiandola pituitaria, che è sempre in un posizione tale da generare le frequenza per controllare attivamente la sfera di influenza {FELDRAUM}. Anche voi potreste teoricamente fare ciò; ma comunque, voi siete fortemente bloccati riguardo queste cose. Come ho detto, il para-strato può interagire sia con la materia che con la mente. Per sempio, se io decidessi di utilizzare i miei poteri mentali ancora una volta per muovere questa matita, allora, parlando semplicemente, immagino nella mia mente come la mia coscienza/consapevolezza si espande/si amplifica nel lato materiale sotto forma di post-plasma nei confronti della matita. Nella sfera di influenza questo causa simultaneamente il comando automatico dallo strato della coscienza/consapevolezza al para-layer di interagione con lo strato della materia della matita. Dato che il para-strato non è confinato nel corpo, non è neanche un problema che la matita si trovi laggiù, perché posso tranquillamente raggiungera senza muovere il mio corpo fisico. il post-plasma da questo lato, il para-strato dall’altro. Io ho il controllo sulla matita e l’interazione porta il campo della materia della matita al punto dove cambia nella maniera in cui si muove, per esempio.

[COMMENTO DI OLE K : CERTIFICO CHE LA MATITA DI CUI SOPRA NEL MOMENTO STESSO È SALTATA IN ARIA AD UNA ALTEZZA DI 20 CM PER POI RICADERE SULLA SUPERFICE DEL TAVOLO. IL SUONO È CHIARAMENTE DISTINGUIBILE NELLA CASSETTA REGISTRATA. NESSUNO HA VISIBILMENTE TOCCATO QUELLA MATITA.]

Domanda : Affascinante. Che tipo di attività paranormali è possibile generare in questo modo?

Risposta : Qualunque tipo. Tutto ciò che tu chiami paranormale. Come ho detto, questo strato speciale si trova nella sfera di influenza tra gli strati di informazione morfogenetica e gli strati della materia e può interagire con entrambi i lati. Questo vuol dire che può interagire sia con la materia solida che con le informazioni mentali, e quindi possiamo fare qualunque cosa che viene generalmente associata alla telecinesi e alla telepatia. l'”assorbimento della connessione” con un’altra coscienza/consapevolezza è generalmente separato nella procedura dalla semplice influenza della materia, dato che differenti campi di coscienza/consapevolezza lavorano con differenti oscillazioni. Una coscienza/consapevolezza che invia o una coscienza/consapevolezza che riceve deve prima adattarsi perfettamente all’altra mente, prima che sia possibile qualunque tipo di accesso. La maggior parte delle specie ha anche le possibilità di bloccare l’accesso alieno, ma voi non avete questa capacità. Generalmente la regola è : più forti sono le abilità paranormali di una specie, più facile è per loro l’adattamento e l’accesso. Le nostre stesse abilità non sono poi così sviluppate : quindi prima abbiamo bisogno di capire a fondo la mente aliena prima di potere usare la mimetizzazione, mentre invece nei vostri confronti è molto semplice grazie alla presenza dell’interruttore acceso/spento. Alcune di queste abilità sono anche parzialmente ereditate ; per esempio, madri e figli della mia specie sono collegati durante i primi mesi di vita – parzialmente anche mentre l’uovo e nel ventre della madre – e comunicano telepaticamente. Per influenzare voi invece abbiamo bisogno di un certo periodo di tempo per fare pratica, nonostante la vostra semplice struttura. Ma comunque è proibito, per esempio, per gli adulti della mia specie di andare in superfice prima dell'”Eta della Illuminazione”. (quel termine è sinonimo, insieme ad altre cose, di piena forza fisica.). Nel caso di abilità non del tutto sviluppate, il rischio di essere scoperti da voi sarebbe troppo alto. Ma comunque vi sono ovviamente numerosi insegnamenti segreti circa le reali possibilità che possono essere raggiunte da un individuo, ma non ne so quasi nulla.

Ogni qual volta che una mente aliena dovrebbe essere influenzata, vi sono alcune procedure generalmente valide, che sono utilizzate da altre specie extraterrestri. Prima di tutto, l’oscillazione aliena deve essere percepita, ed è qualcosa che generalmente viene fatta automaticamente dal cervello, es per l’uno l’oscillazione di campo, per l’altro le onde cerebrali quasi-elettriche qui nel normale spazio dove si trova la materia. Non è particolarmente difficile. Dopo di che, basta semplicemente sondare la coscienza/consapevolezza nella mente con una manifestazione post/plasma, la sfera di influenza reagisce e si forma la connessione. Adesso è possibile estrarre informazioni dal primo e registrarle nel secondo nella giusta locazione. L’ultima volta mi hai chiesto se voi avete la possibilità di proteggervi contro questa influenza, e io ti dissi che sono un cervello sveglio e concentrato ha un qualche tipo di possibilità di contrastarla. In questo stato mentale le oscillazioni cambiano molto bruscamente e l’accesso diventa complicato; ad essere più precisi, può diventare anche doloroso. Quando invece chiudi gli occhi, allora il campo diventa più “piatto”, e l’accesso alieno alla mente è possibile immediatamente e senza resistrizioni. In termini di possibilità contro una specie molto più avanzata, non ne avete assolutamente. Loro sono in grado di aggiustare le oscillazioni più velocemente di quanto voi possiate provare a cambiarle. Potrei anche dimostrartelo, ma l’ultima volta eri talmente spaventato e confuso che credo sia meglio lasciare che rimanga la sola spiegazione.

Questa spiegazione presumibilmente ti suona come – come hai detto – qualcosa di esoterico, occulto o magico. La ragione è la tua mancanza di conoscenza di base che ti impedisce di vedere come stanno realmente le cose. Tutti i fenomeni paranormali hanno una origine puramente scientifica. Niente di tutto questo ha a che fare con poteri sopranaturali. Noi cresciamo con questo tipo di conoscenza, noi sappiamo come fare uso di questi poteri, e da dove vengono. Conosciamo sia la teoria che la pratica. Voi no. Quindi, voi non capite realmente quello che succede nel vostro mondo – voi vedete solo un lato dell’esistenza, non l’altro (e qua intendo quei due lati fisici). Tutto ciò che è paranormale è dualistico, ed esiste nello spazio abitato dalla materia così come nella sfera di influenza. Per essere spiegato…può essere spiegato solo accentando l’esistenza della sfera di influenza, perché è la base. Preferirei smettere con le domande scientifiche dato che che sembri non comprenderle comunque granchè. Stiamo perdendo tempo più o meno prezioso facendo questo.

Domanda : Un’ultima domanda. Durante il nostro primo incontro in Dicembre, mi hai fatto chiaramente capire che non avevi intenzione di discutere con me di temi scientifici e paranormali. Come mai questa apertura, adesso?

Risposta : L’ultima volta non ho visto una reale necessità di sovraccaricarti con concetti di quel tipo (e adesso sei chiaramente sovraccaricato). Quindi, ho preferito toccare questi temi in senso periferico. Apparentemente, comunque, alcune delle mie performance oggi ti hanno portato a pensare al tuo mondo, e sicuramente non è una cosa negativa. E comunque, i vostri scienziati umani tenderanno a considerare i miei commenti come “imbrogli”. E quindi non vedo particolare pericolo a distribuire queste informazioni. Nessuno vi presterà particolare attenzione. Comunque, le parole della gente che mi ha identificato come una “Creatura del Male” hanno le loro origini nella credenza verso i poteri occulti e la magia – due cose che NON esistono assolutamente. Non esiste la magia, esiste soltanto scienza altamente sviluppata, e tutto ciò che bollate come “magia” è soltanto una parte della scienza. Se riusciste a comprendere questo, sareste già un passo avanti nel vostro sviluppo. La mia apertura su questi argomenti finisce qui. Fammi altre domande, per favore.

Domanda : Bene. Parliamo degli UFO. Puoi spiegarmi come hanno fatto i nostri governi a venire in possesso di materiale UFO a tal punto da permettere l’avvio di propri progetti? Tutto ciò ha qualcosa a che fare con l’incidente di Roswell?

Risposta : Si, ma quell’incidente non fu il primo. Non sono uno storico, Io sto studiando solo il vostro atteggiamento corrente, quindi la mia conoscenza di questi eventi della vostra storia è presumibilmente non particolarmente estesa. Provero a spiegarti quello che conosco degli avvenimenti accaduti all’epoca. Lasciami pensare per un secondo. Tra gli anni 1946-1953 del vostro calendario, ci sono stati cinque casi in cui astronavi extraterrestri si sono schiantate sulla superfice della Terra. In quello schianto che voi chiamate “Incidente di Roswell” non vi era solo una astronave aliena coinvolta, ma due che si sono schiantate sopo una collisione in differenti parti della terra nella parte ovest – quella che voi chiamate USA. (Devi sapere che le navette di questa particolare specie possono continuare a levitare nell’aria per un particolare periodo di tempo, anche se sono danneggiate; questo spiega la differenza in termini spaziali tra i punti di impatto.) Questi comunque non erano i primi schianti, ma a quel tempo il secondo e il terzo. Un’altra astronave si era schiantata nel 1946, ma era talmente distrutta da risultare inutilizzabile.

Un’altra cosa prima di continuare con la spiegazione : certamente ti suonerà ridicolo che delle astronavi extraterrestri così avanzate semplicemente si schiantino, e che un numero relativamente alto di loro l’abbia fatto in un periodo di tempo relativamente corto. La spiegazione di tutto ciò è parecchio strana ma corretta. Il problema non si trova nel sistema di guida in se, ma più che altro nella direzione di campo del vostro pianeta. Questa specie di cui abbiamo parlato – ed è stato sempre in questo periodo che questa specie ha usato navette a forma di disco – ha usato si un sistema di propulsione che funziona in base al normale principio di fusione, ma un sistema che a quel tempo utilizzava un metodo poco convenzionale per l’allineamento di campo. Quel sistema aveva diversi vantaggi ma anche degli svantaggi. Il campo di repulsione deve ovviamente stare in un campo magnetico più stabile, per il quale hanno sviluppato e tarato il loro sistema di guida. Il campo magnetico terrestre non è a dire il vero molto stabile; è soggetto a variazioni cicliche e forma dei vortici di campo in condizioni sfavorevoli. Ogni qual volta che una navetta contenente uno di questi sistemi di guida va a finire in una fluttuazione di campo o in un vortice troppo forte, allora per un breve periodo di tempo il campo di repulsione non può più allinearsi correttamente e la nave scivola incontrollata verso la sua rotta di volo. Il sistema di guida funzionava correttamente, ma il campo fluttuava in tutte le direzioni, venne connesso non intenzionalmente con quello del leader della flotta e ci fu una collisione con un’altra navetta per cui entrambe furono seriamente danneggiate. La causa della fluttuazione magnetica in quel periodo era probabilmente un disturbo elettrico dovuto ad eventi metereologici. Il risultato fu che entrambe le astronavi si schiantarono; una di esse cadde vicino il punto di collisione, l’altra ad un centinaio dei vostri chilometri di distanza. Tutti gli occupanti rimasero uccisi nell’impatto. La debole struttura di queste navette a disco non è molto stabile in se per se, dato che questi dischi non sono stati concepiti per proteggersi dagli schianti nè per il volo in un campo magnetico dove sono presenti forze esterne.

I militari umani inizialmente collezionarono i singoli pezzi della nave, fin quando non trovarono l’intero mezzo con dentro le creature morte. Immediatamente classificarono il tutto come “Top Secret” e portarono il tutto nelle loro basi militari per le analisi. L’intenzione segreta era utilizzare la tecnologia aliena contro i nemici di quella grande nazione. Tutto questo è tanto primitivo quanto ridicolo. Credo di ricordare – non voglio specificare esattamente la data – che fu tra il 1949 e il 1952 che avvenne un bruttissimo incidente durante gli esami di uno dei relitti. Basandomi su ciò che ho sentito – cioè su ciò che i membri di quel governo dissero a membri della mia specie – tutto fu causato da una attivazione non intenzionale di uno dei componenti della nave in condizioni non protette. Il risultato fu – come dovrei dirlo – un incontrollato cambio dell’ambiente circostante in una condizione simil-plasma per un breve periodo di tempo, il quale a sua volta ha causato la trasformazione repentina del campo di potenza generico in una pulsazione magnetica di estrema potenza.
Hai idea che razza di effetto si ha quando un’organismo viene in contatto con una scossa plasma-magnetica? No, come faresti a saperlo. Certo che non lo sai. Disturbi nella struttura di campo e feedback bioelettrico. Immagina, se vuoi, un corpo umano che viene messo tra le fiamme continue per 3 o 4 dei vostri giorni. Queste fiamme apparentemente non tendono a spegnersi e bruciano il corpo fino al suo ultimo composto. Bene, allora hai una idea approssimativa di ciò che è successo. Credo che siano morti dai 20 ai 30 dei vostri scienziati in quel laboratorio.

Due ulteriori schianti si ebbero nel 1950 e nel 1953 in una zona adibita alla raccolta d’acqua nel continente Americano. Queste navette furono raccolte relativamente intatte. (Quella nel 1953, per quanto mi ricordi, aveva anche un nucleo di guida intatto. E’ stato da quando voi vedeste per la prima volta questo apparecchio che avete capito male l’intero concetto e l’avete ricostruito in maniera completamente sbagliata. Tuttora non l’avete ancora costruito in maniera corretta.) Quella specie che costruì queste navette – una specie che io, comunque, considero tra quelle che vi sono ostili – era naturalmente preoccupata riguardo gli esami della loro tecnologia da parte della vostra razza. Non volevano comunque, proprio in quel momento, cominciare un conflitto diretto con voi, e quindi scelsero la via diplomatica e vennero in contatto con quel governo durante gli anni 60. Naturalmente non dissero le reali motivazioni per cui erano qui – rame, idrogeno, aria – ma piuttosto si presentarono come “curiosi ricercatori” e offrirono di mostrarvi il principio di funzionamento delle navi, per avere in cambio alcuni “favori”. Sempliciotti come siete, ovviamente avete accttato…e siete stati traditi. Voi gli avete dato materie prime, gli avete dato luoghi sicuri per le loro basi, gli avete dato accesso ai vostri più segreti dati di difesa, gli avete dato accesso al vostro DNA e ancora di più – tutto questo solo per la vostra brama di potere e informazione. La specie aliena ovviamente notò in fretta che avevano a che fare con creature dalla mente semplice, e vi diedero informazioni false ed inferiori sulla loro tecnologia così da ottenere dalla collaborazione con voi molti più vantaggi rispetto a voi. Per esempio, vi hanno detto che il sistema di guida può essere costruito solo con elementi instabili di numero di classificazione alto, ma non vi hanno detto che il sistema può essere modificato per funzionare perfettamente anche con elementi stabili di un numero periodico più basso, e generalmente è in questo modo che si costruiscono. A causa di queste mezze verità vi reserò dipendenti dalla sintetizzazione di elementi a numero alto, e quindi dipendenti dalla loro stessa tecnologia. I loro suggerimenti per costruire i vostri “UFO” erano concepiti in maniera tale da far nascere nuovi problemi una volta risolti i vecchi problemi. Non vi hanno mai detto la verità completamente, ma vi hanno sempre detto delle bugie, destinate a portare successivamente a problemi tecnici e ad una vostra continua dipendenza da loro.

Tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, accaddero diverse cose tra la specie aliena e il governo umano – non voglio addentrarmi eccessivamente in dettaglio perché ci sono molte cose di cui non sono sicura. L’intero problema si ebbe a causa di qualche nuovo – o per meglio dire, vecchio problema tecnico con le navette costruite da voi, il cui sistema di camuffaggio e di guida fallì durante i voli di prova a cielo aperto. A causa di ciò, la segretezza della operazione fu in pericolo. I vostri militari e i vostri politici cominciarono lentamente – molto lentamente – a giungere alla conclusione dopo più di 20 anni di essere stati traditi da quella specie aliena. L’alto numero di incongruenze e il non rispetto dei trattati da entrambe la parti portò ad un’alterco tra voi e gli extraterrestri, che culminò nell’innalzamento di 3 oggetti aerei alieni equipaggiati con una arma a – come lo chiameresti? – EMP {Pulsazione Elettromagnetica – Electromagnetic Pulse} e una barriera militare in una delle loro basi sotterranee. In seguito a questi attacchi, gli alieni interromperono qualsiasi contatto con voi e furono naturalmente molto arrabbiati verso la vostra specie. Quindi, considero questa specie extraterrestre tra le tre che vi sono ostili, e mentre le altre due sono occupate con i loro affari, portando avanti una guerra fredda per il dominio sul vostro pianeta, i vostri vecchi “amici” e collaboratori si stanno preparando per ottenere la dominazione assoluta sulle materie prime e sul DNA. Al momento è probabilmente vero che manchino sia di alcune possibilità tecniche che del numero di forze necessarie per giungere direttamente ai loro obiettivi. Nonostante ciò, crediamo che poteranno avanti alcune azioni negative – possibilmente anche di tipo più “astuto” – contro di voi nei prossimi anni o nelle prossime decadi.

Domanda : Le altre specie extraterrestri non faranno nulla contro queste azioni di guerra? Mi riferisco nello specifico alle razze più sviluppate. Non dovrebbero fare qualcosa?

Risposta : E qui sbagli. Nello specifico, alle specie aliene più sviluppate interessa molto poco il vostro destino. Per loro siete animali. Animali in un laboratorio molto grande. Certo, un intervento alieno nel vostro pianeta disturberebbe i loro progetti, ma non credo che saranno disposti ad accettare un confronto con altre specie per questo. Molti di loro potrebbero semplicemente cercare un’altro pianeta per le loro ricerche, o potrebbero studiare a distanza il vostro comportamento e la vostra coscienza/consapevoleeza, dato che le situazioni di crisi potrebbero risultare interessanti per i loro studi. Quando voi osservate un formicaio, ed un’altra persona arriva e pesta questo formicaio, voi cosa fate? Ve ne andate, oppure cercare un’altro formicaio, o osservate le formiche che si trovano in una condizione di crisi. Ma qualcuno di voi – pur essendo possibilmente più grande e potente di quello che ha pestato il formicaio per primo – difenderebbe le misere formiche? No. Devi immaginare il tutto dal punto di vista di creature altamente avanzate. Voi siete le formiche. Non aspettatevi alcun tipo di aiuto da parte loro.

Ovviamente ci chiesero aiuto quando divenne chiaro che i vostri vecchi partners vi stavano tradendo. Alcuni membri di quel governo umano sono pienamente a conoscenza della nostra esistenza – alcuni anche basandosi parzialmente su vecchi concetti religiosi. Per esempio, vi è un enorme costruzione parziamente interrata nella capitale, completamente dedicata alla mia specie e che ha anche uno sbocco diretto ad un sistema di ascensori e ad un sistema sotterraneo. In questa costruzione sono avvenuti incontri parziali tra noi e gli umani. Vi abbiamo passato diverse informazioni negli ultimi anni; per quanto ne sappia, ci terremo più lontani possibile dal conflitto. Dovreste imparare a risolvere i vostri problemi da soli o a diventare abbastanza intelligenti da evitare di creare questo tipo di situazioni. Cosa accadrà e chi si metterà dalla vostra parte solo il tempo potrà dirlo. Non mi sento proprio di sbilanciarmi su questo argomento.

Domanda : Ho qua 5 differenti fotografie di UFO, o almeno che sembrano mostrare UFO. Potresti dare un’occhiata e dirmi in quale di queste foto è ritratto realmente un oggetto volante extraterrestre?

Risposta : Posso provarci. Mi hai fatto molte domande oggi alle quali non posso rispondere in maniera inequivocabile. Non sopravvalutare la mia conoscenza, non sono una esperta in tecnologia aliena e nella costruzione di navi extraterrestri. A direi il vero, ci sono più che altro alcuni dettagli tecnici e peculiarità a proposito degli “UFO” genuini con l’aiuto dei quali qualcuno può facilmente differenziarli da fenomi naturali o creazioni umane. A volte falsificate il disegno delle navi genuine; Quindi non è proprio semplice identificare un oggetto con certezza assoluta. Ci proverò. Fammi vedere le foto.

[COMMENTO DI OLE K : HA GUARDATO LE FOTO SOFFERMANDOSI SU OGNUNA PER UNA PAIO DI SECONDI E POI HA TIRATO FUORI LE FOTO 1, 3 E 5.]

Queste tre foto sono ovvie contraffazioni o identificazioni errate. Nella prima foto, mi sembra quasi certamente che una nave realmente esistente di una specie aliena sia stata usata per un piccolo modello. Manca di alcune importanti caratteristiche fondamentali strettamente legate al campo tecnicamente e fisicamente associato. Parlando in generale, più sono chiari i colori e le sagome in una foto, più è probabile che sia un falso, perché una nave levitante è generalmente nascosta in una condizione di campo-rovesciato che distorce i colori e le forme in base all’allineamento. Potrebbe suonare strano, ma le foto confuse e sfocate sono spesso da interpretare come segno di possibile autenticità. Comunque, questo oggetto sta sorvolando l’acqua. Se fosse una nave genuina, si dovrebbe vedere quantomeno una scia o una onda sulla superfice. Dato che la superfice è piatta, non è sicuramente una vera nave. Secondo me, nessuna di queste tre foto mostra veri oggetti in volo o UFO. Qui in questa foto non vedo nessun oggetto artificiale in volo; Sembra di avere a che fare più che altro con un riflesso di luce nelle vostre semplici macchine ottiche. Dovresti veramente essere abbastanza intelligente da non cadere in simili inganni. Quando la vostra opinione pubblica crede per lungo tempo a delle contraffazioni e a delle prese in giro, allora probabilmente scopriranno molto tardi ciò che sta realmente accadendo davanti a loro nell’atmosfera.

FOTO 2 : Albiosc, Francia, 1974

FOTO 2

Questa sembra genuina, almeno ne ha le necessarie caratteristiche. A primo acchito la attribuirei ad una specie aliena che ha visitato il vostro pianeta negli ultimi 35 anni. Lo stesso oggetto è metallico e a forma di disco; certamente è distorto in forme e colori a causa di un effetto di campo. Questi quattro bianchi e lunghi “processi” nel lato inferiore della nave sembrano una specie di manipolazione della luce quasi-gravitazionale, cioè il campo di forza universale viene rovesciato in direzione di una gravità simulata. Non sembra una luce genuina (ogni qual volta che vedi degli “UFO” illuminati la maggior parte delle volte non lo è) ma sembra una speciale forma di campo fortemente carica che si manifesta nello spazio abitato della materia sottoforma di simil-luce. La ragione dell’attivazione di questo speciale sistema ad alta energia nell’atmosfera non mi è completamente chiara; è possibile che sia una specie di investigazione o di influenza dell’ambiente circostante. In ogni caso, è una terribile mancanza di prudenza da parte di quella specie lasciare che gli umani fotografino la loro tecnologia. Beh, suppongo che la maggior parte di voi semplicemente non la capisca, e quelli che la capiscono non dicano nulla in proposito pubblicamente.

FOTO 4 : Petit Rechain, Belgio, 1990

FOTO 4

Questo è di fatto un oggetto aereo genuino; non è assolutamente extraterrestre. Gli oggetti aerei triangolari semplicemente non vengono utilizzati in volo da specie aliene, o quantomeno non in questa forma. Questa tipologia di forma aerodinamica è umana. E’ uno dei vostri progetti segreti militari che avete costruito con l’aiuto di tecnologia aliena immatura – la tecnologia che vi è stata passata dagli extraterrestri durante gli anni ’60 e ’70. Generalmente, la forma dello scafo di una nave extraterrestre genuina non fa differenza, all’interno del campo stesso non vi sono forze esterne che possano avere effetto lì dentro; in generale, le navi hanno una forma arrotondata e sono costruite senza angoli appuntiti – come dei dischi o dei cilindri – in modo tale da permettere al campo di scorrere con più facilità. I vostri progetti si basano sulla convinzione che assieme al campo di guida alieno debba esserci anche un sistema di motori a propulsione convenzionale; di conseguenza, vengono usate sempre forme triangolari o aereodinamiche per essere compatibili con questo primitivo sistema di propulsione.

In questo esempio qui la nave scivola più che altro sul suo proprio sistema di controllo di campo. Vedi la distorsione e la simil-luce nei cilindri rotanti? Questa è una inconfutabile indicazione dell’autenticità della foto. Ma perché, tu potresti chiedere, ci sono 4 cilindri? Questo è strano – anche la disposizione sembra sbagliata. Il colore è molto scuro e la distorsione ottica interna si nota molto. Presumibilmente è una ricostruzione del sistema originale da parte dei vostri scienziati. Dato che a causa della rottura dei rapporti con voi le specie aliene non vi hanno più fornito alcune informazione, stanno ricostruendo i sistemi da soli senza essere attualmente in grado di capire che razza di cose pericolose stiano facendo. Questa costruzione non rende il sistema migliore, soltanto più instabile. Entrambi i cilindri davanti sono troppo vicini l’uno con l’altro; sono destinati a finire l’uno dentro l’altro. Il colore mi fa intuire la presenza di radiazioni residue; è probabile che ancora una volta come di consueto siano stati usati elementi alti per il cambio di campo. E’ in ogni caso molto pericoloso essere privi di protezione nelle vicinanze del campo. La persona che ha fatto la foto ha subito danni da radiazioni o scottature?

Domanda : Non lo so. Da dove vengono questi “UFO” militari? Dagli Stati Uniti?

Risposta : Si. Penso che generalmente sia così. Dal continente occidentale.

Domanda : Ma allora perché volano sopra aree dell’Europa densamente popolate? Questa foto viene dal Belgio. Non ha senso. Puoi spiegarmelo?

Risposta: Perché io dovrei essere l’unica in grado di spiegare le strane azioni umane? E’ possibile che queste siano prove a lunga distanza o prove con il sistema di camuffaggio elettromagnetico. Il vecchio nemico della nazione Americana si trova in questa parte del mondo, perciò perché non dovrebbero fare qui le loro prove? A casa loro hanno avuto tutto il tempo di provare a fare andare avanti ed indietro le loro navi. Forse lì si sentono troppo osservati. Con delle strutture instabili di questo tipo – come indica la tua foto – credo che sia quantomeno improbabile che quella navetta sia in grado di fare un volo di quella lunghezza attraverso l’oceona. E’ possibile che vi sia una stazione di test qui nel vostro continente. Sfortunamente, non ne so nulla.

Domanda: Molti lettori della prima trascrizione hanno posto molte domande riguardo il modo in cui avvenne il tuo primo contatto con E.F. Io già conosco la storia, ma potresti ripeterla qui ancora una volta per la nuova trascrizione?

Risposta : Certo. Dunque, la storia iniziò circa 2 anni fa qui in Svezia. Io sono sempre stata fortemente interessata alla vostra specie e al vostro comportamento sin dalla mia giovinezza; A quel tempo avevo già studiato la vostra letteratura, per quanto fosse possibile. (Naturalmente, non è facile dalla mie parti venire in possesso di libri umani, ma dato che il mio gruppo o famiglia si trova in un rango più alto, sono stata in grado di raccogliere un pò di materiale e di parlare qualche volta con altri della mia specie entrati precedentemente in contatto con voi.) Ero veramente curiosa circa la vostra specie e non appena mi fu dato il permesso di andare in superficie, provai a trovare immediatamente ancora più informazioni. Nonostante tutto, mi era stato epressamente proibito di venire in contatto diretto con gli umani, perché per la mia posizione a quel tempo non vi era alcuna necessità per fare ciò.

Era il vostro anno 1998, quando mi trovavo parecchio a nord da qui nella foresta, nelle vicinanze dell’entrata verso il mio mondo e stavo cercando dei campioni biologici, che utilizziamo per osservare l’inquinamento ambientale e la distruzione della flora e della fauna da parte della vostra specie. A quel tempo, ero già nella via del ritorno – ci sappiamo orientare anche meglio, comunque, attraverso la nostra capacità di sentire il campo magnetico della Terra – ed ero già nella vicinanze del grande lago, quando con mia sorpresa incappai in una capanna nella foresta. Percepii una coscienza/consapevolezza umana dentro questa capanna. Era E.F. . A dire il vero non avevo il permesso di avere contatti con altre specie, ma di contro, prima di questi avvenimenti, avevo già sviluppato la mia capacità di mimetizzazione utilizzandola con successo con larghi gruppi umani (Ancora non avevo mai incontrato un singolo essere umano quando era da sola). Adesso, chiamiamola curiosità primitiva; Volevo parlare con la persona presente in quella cabina, e quindi bussai alla porta. E. aprì la porta e iniziammo una interessante conversazione. La sua lingua non era molto comune per me a quel tempo, ma non è così difficile imparare una nuova lingua quando hai la possibilità di leggere la coscienza/consapevolezza dell’individuo in questione. Gli dissi semplicemente di provenire da una nazione straniera situata ad est. Ovviamente a quel tempo non mi riconobbe per quella che ero in realtà; era totalmente convinto di stare parlando con una creatura della sua specie, nonostante fosse semplicemente una immagine mimetica.

Dato che comunque il mio compito era investigare il terreno per diversi giorni, gli feci visita in questo lasso di tempo 3 volte sotto forma umana. Inizialmente parlammo di cose molto ordinarie; poi cominciammo a parlare di argomenti di religione e di fisica. Sembrò impressionato dalla mia conoscenza, ed io rimasi impressionata dai suoi pensieri chiari e per la sua personalità ben delineata – per essere un umano – e per le sue opinioni molto personali. Portai la conversazione in questa direzione, e E.F. disse che credeva alle specie aliene e come queste ultime non debbano essere necessariamente cattive, ma semplicemente diverse dalla sua specie. Questo mi fece piacere. A quel punto, naturalmente, non potevo parlare concretamente con lui di ciò che sapevo, perché non mi avrebbe creduto – mi avrebbe semplicemente preso per una normale burlonaumana. Cominciai a coltivare l’idea molto, molto inusuale (per la mia specie) di mostrargli la mia vera forma, cosa che feci durante la conversazione che avemmo al nostro quarto incontro nella capanna. Era predestinato per un contatto : Era onesto, intelligente, senza inclinazioni religiose, senza condizionamenti e con una mente aperta; Viveva solo ed isolato, e nessuno gli avrebbe comunque creduto se gli fosse venuto in mente di rendere pubblica la sua storia. Osai fare questo grande passo, ma dopodichè ebbi seri dubbi riguardo la bontà della mia decisione, sopratutto quando lui reagì in maniera…molto….violenta. Riusciì a riprendere il controllo di se dopo un pò di tempo e potemmo cominciare a parlare concretamente di diverse cose. Adesso non aveva nessun’altra scelta se non quella di credermi. Questo fu l’inizio di una serie di incontri che inizialmente ebbero luogo qui nella foresta, ma successivamente si spostarono nella sua lontana residenza. E dopo mi fece incontrare con te…ed è per questa ragione che siamo qui seduti di nuovo a parlare di coe che probabilmente non saranno credute dalla società umana che sta là fuori.

Domanda : Hai detto che non avevi il permesso a quel tempo per contattare esseri umani. Adesso hai il permesso di parlare con E.F. e me su tutte queste cose e di rendere il tutto scientificamente pubblico?

Risposta : Si. E’ difficile per me da spiegare e per te difficile da capire. Diciamo solo che mi trovo adesso in una posizione tale da avere questo permesso senza dovere mettere in conto alcun tipo di conseguenza. Nella mia posizione sono quasi-“immune” verso certe restrizioni. Mettiamola così. Si.

Domanda : Se altra gente volesse venire in contatto con voi, ne avrebbe la possibilità?

Risposta : Generalmente no. Evitiamo il contatto con voi e operiamo in superfice solo in aree remote e nel caso di incontri con degli umani utilizziamo le tecniche mimetiche. Il fatto che io stia parlando con te non vuol dire che altri della mia specie seguiranno il mio esempio. E’ possibile che tu possa provare a trovare una entrata verso il mio mondo e penetrare in qualche modo. Comunque, questo porterebbe presto a spiacevoli conseguenze per l’infiltrato. Non avete praticamente alcuna possibilità in superfice di riconoscerci. Non puoi neanche contattarci direttamente, siamo noi a dovere contattare voi, così come ho fatto con E.F. Questo tipo di contatti comunque non sono la regola ma solo eccezioni molto rare.

Domanda : Puoi descrivere il tuo mondo sotterraneo?

Risposta : Posso provare a farlo, ma sicuramente non ti dirò dove si trova. La mia patria si trova in una delle nostre postazioni sotterranee più piccole ad est di qui. Ti darò qualche indicazione numerica per farti capire meglio. Solo un minuto…devo provare a convertire le misure nelle vostre unità. E’ una caverna a forma di cupola alla distanza di circa 4300 metri dalla superfice della terra. La caverna fu organizzata come colonia circa 3000 anni fa; una grande porzione della struttura del soffitto è artificialmente integrata nella roccia ed è stata rimodellata a forma di una cupola piatta e elegamente proporzionata con una pavimentazione ovale. Il diametro della cupola espresso nella vostra misurazione è di circa due chilometri e mezzo. L’altezza massima della cupola nel suo punto più alto è di 220 metri. Al di sotto del punto più alto in ogni colonia vi è una speciale costruzione cilindrica grigio-bianca, una specie di colonna portante che tiene su la struttura a nido d’ape della cupola. Questa costruzione è la più alta, larga e vecchia nell’intera cupola dato che è stata la prima costruzione associata alla sicurezza del soffito. (Nel frattempo ovviamente ci sono stati periodi in cui è stata completata e ristrutturata.) Questa costruzione ha un nome molto speciale ed un significato religioso. Abbiamo solo una di queste colonne; le colonie più grandi ne hanno anche di più, in base alla costruzione del pavimento.

Una delle colonie principali nella parte interna dell’Asia ha per esempio 9 di questi tipi di supporto, ma quella colonia misura oltre 25 dei vostri chilometri. La costruzione centrale è generalmente il centro religioso, ma anche un centro per il controllo climatico, e un centro per la regolazione e il settaggio del sistema di luci. Dove siamo noi abbiamo 5 grandi sorgenti di luce artificiali che generano luce UV ed è riscaldata grazie a sorgenti gravitazionali. I condotti d’aria e i sistemi di luce dalla superfice sono distribuiti attraverso queste colonne e sono controllate molto accuratamente.

Comunque, là abbiamo 3 condotti d’aria e 2 sistemi di ascensori, ed anche una connessione tramite tunnel con un’altra colonia principale che si trova approssimativamente a 500 chilometri verso sud-est. Un condotto d’ascensore porta ad una caverna nelle vicinanze della superfice, l’altro porta ad uno dei nostri depositi per le navi – ricordi, le navi cilindriche – che sono ovviamente tenute più vicine alla superfice dietro la facciata di una montagna rocciosa. Solitamente là vi sono solo tre navi – è un deposito piccolo. Le altre costruzioni sono, per la maggior parte, ordinate in maniera concentrica in cerchi ovali attorno la colonna portante, e sono senza alcuna eccezione più appiattite; generalmente sono alte dai 3 ai 20 metri. La forma delle costruzioni è rotonda e a cupola. Il colore è anche differente a seconda del cerchio e della distanza dalla colonna principale. A nord della colonna, vi è anche un’altra costruzione molto larga, rotonda e piatta. Questa costruzione interrompe il sistema concentrico della colonia con il suo diametro di circa 250 metri. E’ la zona del sole artificiale dove sono situati degli speciali corridoi e delle stanze speciali. In questi posti predomina della luce UV molto potente, e sono usati per riscaldare il nostro sangue. Qui si trova anche una dispensa medica e una sala riunioni. Oltre l’anello esterno della colonia, vi sono delle zone dove teniamo animali – lo sai, noi DOBBIAMO consumare carne come nutrimento – e i giardini dove coltiviamo piante e funghi; vi è anche acqua calda e fredda corrente provieniente da sorgenti sotterranee. Il mio gruppo o “famiglia” vive, comunque, nel quarto anello di costruzioni a partire dalla colonna portante centrale. Così tanto in così poco tempo. Descriverti tutte le costruzioni e le loro funzioni sarebbe spingersi troppo oltre. E’ difficile spiegarti qualcosa del genere, perché fa parte di un sistema e di una cultura completamente differente alla quale sei abituato nella vita di superfice. Devi davvero vederlo per crederci.

Domanda : Potrò vederlo qualche volta?

Risposta : Chi lo sa, forse. Il tempo porta nuove opportunità.

Domanda : Quanti della tua specie vivono in questa colonia?

Risposta : Circa 900.

Domanda : Questa è la fine dell’intervista. Hai un qualche messaggio finale per i lettori della trascrizione?

Risposta : Si. Sono abbastanza sorpresa dei numerosi commenti alle mie parole; Naturalmente, sono anche dispiaciuta per essere stata ritratta come un nemico in senso religioso, cosa che è purtroppo radicata profondamente nella vostra mente. Dovreste imparare ad abbandonare il vecchio condizionamento e a smettere di stare sotto il controllo di qualcosa o qualcuno che se ne è già andato da 5000 anni. Voi siete, dopo tutto, spiriti liberi. Queste sono le mie parole finali

FONTI

EDITING ED IMPAGINAZIONE : hearthaware.wordpress.com
FONTE TESTUALE : http://www.menphis75.com

Standard
Paleocontatto

ENOCH

SACRE SCRITTURE E RIFERIMENTI UFO

Enoch è un personaggio biblico antidiluviano, sesto discendente diretto di Adamo ed Eva lungo la linea di Set (la cosiddetta “grande genealogia dei Setiti” nel capitolo 5 della Genesi). È citato nel Libro della Genesi (5, 21-23). Figlio di Iared, genera a sua volta Matusalemme, il nonno di Noè. Particolare la sua fine  : “Enoch visse in tutto 365 anni, e camminò con JHWH, poi non fu più veduto, perché JHWH lo prese”. Questo enigmatico versetto ha fatto nascere la tradizione secondo cui egli sarebbe stato rapito in Cielo come il profeta Elia. “Enoch piacque al Signore e fu rapito, esempio istruttivo per tutte le generazioni”, dice infatti di lui Siracide 44, 16). Così lo si ritrova anche nel Nuovo Testamento : “Per fede Enoch fu trasportato via, in modo da non vedere la morte ; e non lo si trovò più, perché JHWH lo aveva portato via. Prima infatti di essere trasportato via, ricevette la testimonianza di essere stato gradito a JHWH” (Ebrei 11, 5). Il fatto che Enoch sia stato “rapito in Cielo” nel 365º anno della sua vita ha fatto pensare ad alcuni che la sua figura rappresenti la trasformazione in personaggio biblico di un’antica divinità solare (l’anno solare è composto di 365 giorni). D’altronde lo stesso Elia non avrebbe conosciuto la morte poiché «salì nel turbine verso il cielo» con «un carro di fuoco e cavalli di fuoco» anch’essi interpretati come simboli di un Dio del Sole.

Enoch è anche un personaggio biblico dell’Antico Testamento, figlio primogenito di Caino ; viene citato nel passo della Genesi 4,17, del quale si dice : “Più tardi si mise a costruire una città che chiamò Enoch, dal nome di suo figlio”. È probabile che il nome Enoch significhi sacrificio, ed indichi proprio quei sacrifici rituali in cui una vergine o un bambino venivano uccisi sulle fondazioni della nuova città, in modo che il loro fantasma furioso le infestasse e si opponesse a qualunque nemico. Ma esiste anche un altro significato : Enoch, infatti, in ebraico significa “iniziato”.

Enoch è inoltre protagonista dell’antichissimo “LIBRO DI ENOCH” o “PENTATEUCO DI ENOCH” che è composto da 150 capitoli raggruppati in 5 sezioni. A grandi linee, il contenuto del testo ruota attorno alla caduta dei “Vigilanti”, cioè alcuni angeli che generarono i NEFILIM o “GIGANTI” (l’enigmatico racconto di Gen6,1-4). Il libro contiene anche una descrizione dei movimenti dei corpi celesti, in tipico stile apocalittico.

L’ABDUCTION DI ENOCH

theressurectionofalienjesus

Sesto discendente di Adamo lungo la genealogia dei Setiti, figlio di Iared, Enoch genera a sua volta Matusalemme, il nonno di Noè.  Genesi 5,22-24 narra :

  • «e camminò [avanti e indietro] Enoch con gli Elohìm»
  • «dopo avere generato Metusclàch [Matusalemme] tre cento anni»
  • «e generò figli e figlie»
  • «e fu tutti giorni [tempo] di Enoch trecento sessanta cinque anni»
  • «e camminò [avanti e indietro] Enoch con gli Elohìm»
  • «e non egli [fu più] perché prese lui Elohìm»

Enoch dunque se ne sarebbe andato, senza morire, con gli Elohìm : la tradizione era evidentemente diffusa, conosciuta e accettata, perché è stata ripresa anche dal Siracide (44,16) e dal Nuovo Testamento nella Lettera agli Ebrei (11,5).

Anche per lui parrebbe improprio parlare di “rapimento”, perché per ben due volte il testo ci dice che Enoch camminava con gli Elohìm e il verbo si trova in una costruzione particolare, che indica l’intensità e la ripetitività dell’azione. Per questo motivo il significato può essere efficacemente rappresentato con il camminare “avanti e indietro”: l’autore ci dice insomma che si trattava di un accompagnarsi costante e ripetuto.

Peraltro, il libro della Genesi è molto laconico nel descrivere la vicenda, che invece è narrata con dovizia di particolari nei libri apocrifi del patriarca.

In questi ultimi si trovano le descrizioni dei viaggi che compie accompagnato dagli angeli definiti “Vigilanti” (un termine che richiama i Guardiani di Sumer e i Neteru dell’Egitto…).

Analizziamole brevemente :

  • Enoch sale in cielo in una casa meravigliosa dove incontra la Grande Gloria di Dio
  • viene portato in vari luoghi anche sotterranei ;
  • vola in una località deserta dominata dal fuoco ;
  • si sposta poi nelle diverse direzioni verso i confini della Terra ;
  • riceve dai “Vigilanti” una serie di conoscenze astronomiche relative all’ordine del cosmo, al sole, alla luna e alle sue fasi, all’anno lunare, ai venti . Conoscenze di cui gli Elohìm disponevano ampiamente, in grazia del loro essere viaggiatori dello spazio.

PARALLELISMI

Ume No Chiri, 1803 

Impressionante è la ripetitività dell’idea di un “intercorso” divino-umano che generi giganti in un numero notevole di civiltà differenti. Così troviamo che:

  • antiche leggende sumere parlano di dei che discendono dalle stelle e inseminano creature terrestri, dando vita ai primi uomini
  • i nativi di Melekula, nelle Nuove Ebridi ritengono che la prima razza umana discendesse da alcuni “figli del cielo”
  • gli Inca si consideravano “figli del sole”
  • i Teutoni credevano che i loro antenati fossero i cosiddetti “Wanen”, esseri volanti provenienti dal cielo
  • i Coreani pensavano che un re celeste “Hwanin” avesse mandato suo figlio “Hwanung” sulla terra per sposare una mortale e dar vita a “Tangun Wanggom”, che per primo riunì le tribù disperse in un solo regno
  • l’antica tradizione Tango-Fudoki in Giappone riporta la storia del “Figlio dell’Isola”, nato da un uomo terrestre e dalla sua sposa celeste
  • il “Mahabharata” e altri antichi scritti sanscriti in India parlano di dei che generano figli da donne terrestri e di questi figli che ereditano dai padre qualità soprannaturali
  • elementi mitologici similari si riscontrano anche nella “Epopea di Gilgamesh”, in cui leggiamo di “guardiani” divini che si accoppiano sulla Terra e generano giganti
  • infine, un antico mito persiano narra che, prima dell’arrivo di Zarathustra, alcuni demoni avevano corrotto il genere umano, alleandosi con le donne.

LA MAGIA ENOCHIANA

bookofenoch

La magia Enochiana é una pratica di tipo evocativa cerimoniale, che si basa su un alfabeto dettato da enti o meglio chiamati ELEMENTALI. Essa é assai pericolosa in quanto necessita una preparazione ed una conoscenza rituale molto specifica.
sotto vi riporto qualche notizia per cultura, anche perché’ la sua origine e decisamente particolare.

ORIGINI

Storicamente l’alfabeto Enochiano apparve per la prima volta nel 16° secolo ad opera del Dr. John Dee (1527-1608) e del suo assistente Sir Edward Kelly (1555-1597). Le lettere furono rivelate a Kelly durante una visione il 6 Maggio 1583, così come è riportato nel manoscritto denominato Liber Logaeth. Le lettere apparvero in uno sfolgorante colore giallo e furono accuratamente ricopiate.

L’ALFABETO E LA LINGUA

L’alfabeto Enochiano è scritto da destra a sinistra ed è composto da 21 lettere, così come l’alfabeto italiano, piuttosto che da 24 come quello latino o da 22 come l’ebraico.

Questo permette di dividere le lettere in 3 gruppi di 7, ed in realtà sappiamo che le lettere enochiane furono rivelate a Kelly in 3 gruppi di 7. Questi 3 gruppi, collegabili con le 3 Lettere Madri ebraiche o con il concetto di trinità, rappresentano le 3 famiglie denominate di “Pn”, di “Tal” e di “Pal”. Seguono poi le 7 Luci che governano i 12 Nomi di Dio che, a loro volta, governano i 99 Spiriti Geografici derivati dalla Grande Tavola delle Torri di Guardia.

I caratteri dell’Alfabeto Enochiano sono usati nella pratica del Sistema Enochiano, sia attraverso l’uso delle Tavolette denominate Torri di Guardia che, come linguaggio, nelle cosidette chiamate Enochiane.

La Lingua Enochiana è stata oggetto di numerosi studi ed ha dimostrato di essere un vero linguaggio, tuttavia non risulta sia mai stata parlata o che tali caratteri siano mai stati usati dagli uomini, al di fuori dei nostri usi. Sebbene sembri non sia mai stata usata come lingua viva, la nostra Tradizione afferma che è una lingua segreta. Tracce di questa lingua sono state trovate ovunque. Un esempio è dato dal nome del Sommo Sacerdote di Giove, che era chiamato “Dialis”, un termine dalla provenienza e dal significato ignoto. Tuttavia sulla Tavoletta della Terra uno dei Tre Nomi Santi e Segreti di Dio è proprio “Dial”. Anche la parola sancrita UM o OM è la radice per “intelligenza”, nella Seconda Chiamata Enochiana abbiamo infatti le parole “omax” ed “oma” intese come “comprensione”.

Resta da dire che il metodo con cui questo linguaggio fu trasmesso a John Dee ed Edward Kelly rende impossibile pensare ad una qualsiasi frode. Durante la dettatura non venivano mai nominate le lettere ma piuttosto solo le griglie entro le quali le lettere erano contenute, es. colonna 3 – riga 42, e Dee provvedeva a trascrivere. Spesso il messaggio era scritto a ritroso, per evitare i pericoli di una incauta lettura. Il senso ed il significato, nonché la traduzione, venne fornita in seguito dalla stessa “fonte di dettatura” e non da John Dee o da Edward Kelly.

ATTRIBUZIONI

Il Sistema Enochiano, nelle attribuzioni, resta diverso da quello presente nella comune e diffusa filosofia occulta.

CAUTELE

E’ comunque opportuno aggiungere qualche avvertimento. Quando si opera a qualsiasi livello con la Lingua Enochiana è necessaria una certa prudenza. E’ un Sistema potente e non va usato incautamente. Spesso viene trascritto o letto al contrario, per evitare commistioni tra le Operazioni reali e le fasi preparative delle Operazioni. Il valore del Sistema è indiscutibile ed è immediato rendersene conto.

LA PRONUNCIA

Esistono due modi di pronunciare le lettere Enochiane, la pronuncia lettera per lettera e la pronuncia discorsiva. Producono effetti diversi ed hanno quindi usi diversi.
La pronuncia lettera per lettera prevede che tutte le consonanti siano pronunciate avendo come seguito la vocale che segue la nomenclatura della lettera ebraica corrispondente. Incidentalmente è lo stesso metodo di pronuncia utilizzato da Abulafia per l’Alfabeto Ebraico. La “Z” è sempre “Zod”, la “M” è sia “Em” che “Me” ( Mem) , la “N” è sia “Nu” (Nun) che “En”, la “T” è sia “To” che “Ta” ( Tav).

FONTI

http://it.wikipedia.org
http://www.maurobiglino.it/
http://www.edicolaweb.net/
http://mutamenti.forumfree.it/

Standard
Paleocontatto

ELOHIM, NEPHILIM E MALAKHIM

ELOHIM ( אֱלהִים )

Immagine

ELOHIM è un plurale della parola ELOAH, spesso tradotta con “divinità”.

Quando usato con verbi e aggettivi al singolare ELOHIM è usualmente singolare, “dio” o specialmente il Dio. Quando usato con verbi e aggettivi al plurale ELOHIM è usualmente plurale, “dei” o “potenze”. Generalmente si pensa che ELOHIM sia una forma derivata da ELOAH, a sua volta una forma espansa del sostantivo semitico nordoccidentale il. Viene di solito tradotto con “Dio” nella Bibbia ebraica, riferendosi con verbi al singolare al Dio unico di Israele, ma anche in alcuni esempi ad altre divinità pagane individuali (nel panteon Canaanita). Con verbi al plurale la parola è anche usata come vero plurale nel significato di “dèi”. I nomi correlati ELOAH e EL sono usati sia come nomi propri che come generici, nel qual caso sono intercambiabili con ELOHIM.

Lo studioso americano Mark S. Smith afferma che la nozione di divinità subì cambiamenti radicali lungo tutto il periodo della prima identità israelita. Smith dice che l’ambiguità del termine ELOHIM è il risultato di tali cambiamenti, espressi da Smith in termini di “traducibilità verticale”, cioè la re-interpretazione degli dèi del primo periodo storicamente registrato come il primo “dio nazionale” della monolatria, come emerso nel VII e VI secolo p.e.v. nel Regno di Giuda e durante la cattività babilonese, e in seguito in termini di monoteismo con l’apparire dell’Ebraismo rabbinico nel II secolo. Una versione differente è stata data dallo storico Morton Smith. Nonostante la fine in -IM comune a molti nomi plurali maschili ebraici, la parola quando riferita al Nome di Dio è grammaticalmente singolare e regge il verbo al singolare nella Bibbia ebraica (Tanakh).

La parola è identica alla normale plurale di el col significato di dèi o magistrati ed è affine alla forma L-H-M trovata nell’ugaritico, dove viene utilizzata per il panteon delle divinità canaanite, i figli di El, e convenzionalmente vocalizzata come “ELOHIM”. L’uso del termine ELOHIM nel tardo testo ebraico implica una visione che sia almeno monolatrista al momento della scrittura e tale uso (al singolare), come titolo proprio della divinità suprema, non è generalmente considerato sinonimo del termine ELOHIM, “dèi” (plurale, sostantivo semplice). La grammatica ebraica consente questa forma nominalmente plurale a significare “Egli è la potenza (singolare) sopra le potenze (plurale)”, o grossomodo “Dio degli dei”. Il rinomato studioso rabbinico Maimonide scrisse che i vari altri usi sono comunemente intesi come omonimi. La forma plurale terminante in -IM può essere intesa anche come astrazione, vedi la parola ebraica chayyim (“vita”) o betulim (“verginità”). Se inteso in questo modo, ELOHIM significa “divinità” o “deità”.

BENEI ELOHIM ( בני האלהים )

Immagine

La parola ebraica corrispondente a figlio è BEN; il plurale è BENIM (con la forma di status constructus “BENEI”). Il termine ebraico BENEI ELOHIM (“figli di Dio” o “figli degli dèi”) in Genesi 6:2 si confronta con l’uso di “figli degli dèi” (ugaritico b’n il) figli di El nella mitologia ugaritica. Lo storico olandese Karel van der Toorn asserisce che gli dèi possono essere citati collettivamente come BENE ELIMBENE ELYON, o BENE ELOHIM.

Nella tradizione ebraica, il versetto della Torah che fu il grido di battaglia dei Maccabei (in ebraico מקבים‎ Machabiמקבים), “Mi chamocha ba’elim YHWH” (“Chi è come te fra gli dèi, Hashem!), è un acronimo di “Machabi” e anche un acronimo di “Matityahu Kohen ben Yochanan“. Il versetto correlato della Torah, La canzone del Mare di Mosè e dei Figli di Israele, fa riferimento a ELIM, ma più con una nozione mondana di forze naturali, di potenza, di guerra e poteri sovrani.

NEPHILIM ( הנּפלים )

Immagine

L’appellativo NEPHILIM (in ebraico הנּפלים), presente nell’Antico testamento (Torah), in diversi libri non canonici del Giudaismo e in antichi scritti cristiani, si riferisce ad un popolo creato dall’incrocio tra i “figli di Dio” (benei elohim, בני האלהים) e le “figlie degli uomini” (Vedi Genesi 6:1-8), o giganti che abitavano la terra di Canaan (Numeri 13:33). Un termine simile ma con un suono diverso viene utilizzato nel Libro di Ezechiele 32:27 e si riferisce ai guerrieri filistei morti.

Nella Bibbia la parola NEPHILIM viene spesso tradotta come “giganti” o “titani”, mentre in altre traduzioni si preferisce mantenere il termine NEPHILIM.

Alcune versioni parlano di eroi famosi, guerrieri caduti o ancora angeli caduti e un’ennesima traduzione potrebbe essere quelli che sono precipitati giacché il nome deriva dalla radice semitica NAFAL, che significa cadere.

«Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro delle figlie, i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli a loro scelta. Allora il Signore disse  “Il mio spirito non resterà sempre nell’uomo, perché egli è carne e la sua vita sarà di centoventi anni”.

C’erano sulla terra i giganti a quei tempi – e anche dopo – quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli : sono questi gli eroi dell’antichità, uomini famosi »

(Genesi 6:1-8, versione CEI 2008)

Alcuni esegeti, trovando sgradevole o blasfema l’idea della copulazione tra angeli e umani, hanno suggerito interpretazioni più figurative del concetto di NEPHILIM, proponendo l’idea che fossero una progenie di posseduti dai demoni. Alla luce delle speculazioni moderne sulle storie dei rapimenti, alcuni hanno inoltre ipotizzato che si trattasse di una descrizione arcaica di una forma di inseminazione artificiale e di manipolazione genetica da parte di alieni.

I Nephilim e la para-storia

Vi sono stati alcuni tentativi di riconciliare la mitologia con la scienza teorizzando che alla radice della mitologia vi siano elementi di verità nella forma di “leggenda” molto distorta. In questo contesto, i NEPHILIM sono stati associati con la popolazione di Atlantide, che alcuni sostengono essere in contatto o addirittura discendenti dagli extraterrestri.

La teoria degli antichi astronauti

Zecharia Sitchin ed Erich Von Daniken hanno scritto libri sostenendo che i NEPHILIM siano i nostri antenati e che noi siamo stati creati (con l’ingegneria genetica) da una razza aliena (per i sumeri gli ANUNNAKI, per l’ufologia contemporanea i nordici o gli abitanti di Nibiru). Nei voluminosi libri di Sitchin si impiega l’etimologia della lingua semitica e traduzione delle tavolette in scritta cuneiforme dei Sumeri per identificare gli antichi dei mesopotamici con gli angeli caduti (i “figli di Elohim” della Genesi). Osservando che tutti gli angeli vennero creati prima della Terra, lui constata che non possono essere della Terra… e dunque, potrebbero tutti essere considerati semanticamente come dei puri “extraterrestri”.

Nei suoi libri David Icke presenta una teoria simile, nella quale esseri interdimensionali rettiliani servendosi dell’ingegneria genetica danno luogo ad una progenie con tratti fisici di alta statura, pelle chiara, e suscettibilità a qualsiasi forma di suggestione ipnotica (che a suo parere, avviene quando i “demoni” posseggono la loro progenie e pretendono fedeltà), ed afferma che questa linea di sangue è rimasta in controllo del mondo dai giorni dei Sumeri fino ad oggi.

MAL’AKH ( אביר )

Immagine

Nella letteratura ebraica

Il termine “angelo” è usato anche per l’ebraico biblico מלאך, mal’akh, sempre con il significato di “inviato”, “messaggero”; anche per אביר, avir (lett. “potente” o anche “uomo forte, valoroso” nel Salmo 78,25) ; per א*להים, ‘ělōhîm (sost. masch. pl.; lett. “le Divinità” nel Salmo 8,5) ; e per שִׁנְאָן shin’an (moltitudini) nel Salmo 68,17.

Giudaismo del Secondo Tempio

Nelle versioni ebraiche dei testi biblici מלאך, MAL’AKH indica quindi un “messaggero” dove il termine L’AKH indica generalmente l'”inviare” qualcuno per una ambasciata, per osservare o anche spiare qualcuno o qualcosa.

MAL’AKH [di] JHWH è quindi l’inviato di Dio che trasmette le sue volontà tra gli uomini. MAL’AKH viene reso nella versione greca della Bibbia con il termine greco ánghelos.

Così, nel Libro della Genesi, testo databile a non prima della seconda metà del VI a.C., due MAL’AKHIM [di] JHWH si presentano a Lot (לוֹט) per salvarlo dalla distruzione di Sòdoma che stanno per compiere per ordine di Dio, e a cui Lot rende omaggio (prostrandosi “faccia a terra”: אַפַּיִם אָרְצָה, appayim aretzah)

« I due angeli arrivarono a Sòdoma sul far della sera, mentre Lot stava seduto alla porta di Sòdoma. Non appena li ebbe visti, Lot si alzò, andò loro incontro e si prostrò con la faccia a terra »

(Genesi XIX,1. Traduzione italiana in Bibbia di Gerusalemme)

Nel Libro dei Giudici, testo del V secolo a.C., un angelo appare alla moglie sterile di Manoach per annunciargli la nascita di colui che li salverà dai Filistei :

« L’angelo del Signore apparve a questa donna e le disse “Tu sei sterile e non hai avuto figli, ma concepirai e partorirai un figlio. Ora guardati dal bere vino o bevanda inebriante e dal mangiare nulla d’immondo. Poiché ecco, tu concepirai e partorirai un figlio, sulla cui testa non passerà rasoio, perché il fanciullo sarà un nazireo consacrato a Dio fin dal seno materno ; egli comincerà a liberare Israele dalle mani dei Filistei”. La donna andò a dire al marito “Un uomo di Dio è venuto da me ; aveva l’aspetto di un angelo di Dio, un aspetto terribile. Io non gli ho domandato da dove veniva ed egli non mi ha rivelato il suo nome, ma mi ha detto : tu concepirai e partorirai un figlio; ora non bere vino né bevanda inebriante e non mangiare nulla d’immondo, perché il fanciullo sarà un nazireo di Dio dal seno materno fino al giorno della sua morte»

(Giudici XIII,3-7. Traduzione italiana in Bibbia di Gerusalemme)

Gli angeli nei testi “apocalittici” 

In un testo “apocalittico”, risalente al V secolo a.C. indicato come il Libro dei Vigilanti (inserito nel primo Libro di Enoch), proibito nell’Halakhah ebraica, alcuni angeli prendono forma umana per accompagnarsi alle donne, cadendo quindi dal loro stato celestiale :

« Ed accadde, da che aumentarono i figli degli uomini, (che) in quei tempi nacquero, ad essi, ragazze belle di aspetto. E gli angeli, figli del cielo, le videro, se ne innamorarono, e dissero fra loro “Venite, scegliamoci delle donne fra gli uomini e generiamoci dei figli”. E disse loro Semeyaza, che era il loro capo: “Io temo che può darsi che voi non vogliate che ciò sia fatto e che io solo pagherò il fio di questo grande peccato”. E tutti gli risposero e gli dissero “Giuriamo tutti noi, e ci impegniamo che non recederemo da questo proposito e che lo porremo in essere” »

(Enoch, VI. in Apocrifi dell’Antico Testamento vol.1 pag.472)

Esegesi rabbinica

Particolare di un manoscritto risalente al XIV secolo e riguardante la Haggadah di Pesach : Mosè sul Monte Sinai con le Tavole della Legge, nel cielo degli angeli musicanti (conservato presso la Bibliothèque Nationale di Parigi).

Il nome biblico per angelo, MAL’AKH (in ebraico מלאך), acquista il significato di angelo solo in connessione col nome di Dio, ad esempio “angelo del Signore”, o “angelo di Dio” (מַלְאָך יְ*ה*וָ*ה, KE MAL’ACH YAHWEH Zac 12,8). In altre espressioni sono “figli di Dio”, (אֱ*להִים בֵּן BENEI HA ‘ELOHIM) Gen 6,4; Giobbe1,6; Sal89,6) e “Suoi santi” (קדשים עמך kedoshim immach) (Zac 14,5).

Con riferimento ad alcuni angeli, il termine che traduce la parola ebraica E-LOHIM è anche dèi, termine che esprime il ruolo di essi come “principi celesti”. Secondo le interpretazioni dell’Ebraismo, il plurale E-LOHIM (usato talora per indicare senz’altro l’unico vero Dio) viene impiegato talvolta per riferirsi ai Giudici. Gli angeli chiamati BNĒI E-LOHIM o BNĒI E-LIM, un ordine angelico ulteriore, eseguono quanto impartito dagli angeli principi superni. Molte notizie sugli angeli si trovano nell’insegnamento dei rabbini secondo la tradizione ebraica.

Creazione degli angeli

Dio creò gli angeli con un fuoco divoratore tramite la parola. Vi è una discussione Halakhica che presenta due opinioni sul giorno della creazione degli angeli, se essa sia avvenuta nel secondo (Rabbi Yochanan) o nel quinto (Rabbi Chaninah) giorno della Creazione : i maestri ebrei confermano come vera la prima opinione anche se esistono sostenitori dell’Halakhah sulla seconda in base al criterio della creazione delle “acque”.

Ci si chiede infatti se sia possibile che gli angeli siano stati creati prima della creazione del Creato o il primo giorno spiegando poi che così non fu anche per evitare che si dicesse che fossero stati loro ad effettuarla. Inoltre i commenti affermano che le espressioni di Dio in prima persona plurale “Creiamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza” e “ora l’uomo è diventato come uno di noi” (Genesi, Bereshit) si riferiscono alla parola della volontà divina rivolta agli angeli.

Nel periodo talmudico si sviluppa l’esegesi rabbinica rispetto alla natura degli angeli. Una prima suddivisione avviene nella credenza negli “angeli” creati per un solo giorno a gloria di Dio, per poi finire nella “corrente di fuoco” (נהר די נור, nehar di-nur), e quelli che, come Gabriele e Michele, gli restano accanto per servirlo nell’eternità.

Così Ben Azzai cita l’esistenza di questi due ordini angelici come credenza diffusa e accettata. D’altronde le fonti dei Tannaim, come la Mishnah, raramente si occupano degli angeli e comunque sostengono la loro incapacità di vedere pienamente la gloria di Dio.

Secondo i successivi insegnamenti dello Zohar le due tipologie di angeli, gli angeli eterni creati nei primi sei giorni della Creazione e quelli non duraturi che possono essere creati e cancellati in un solo giorno, possono essere paragonate ai due tipi di pioggia: il primo caso può essere paragonato alla pioggia piena ed ancora ai fili d’erba maturi, il secondo riguarda metaforicamente la pioggia leggera che concerne i fili d’erba appena creati.

Gli angeli, secondo le prime fonti rabbiniche, parlano la lingua ebraica, hanno la capacità di volare, sono in grado di spostarsi ovunque nonché di prevedere il futuro.

Gli angeli sono generalmente descritti di forma umana o come composti di “acqua e fuoco”; per questa peculiarità si dice che gli angeli rappresentano e sono radicati nella pace, proprio come vi è pace in essi nell’equilibrio tra gli elementi opposti acqua e fuoco.

FONTE

WIKIPEDIA, L’Enciclopedia Libera

Standard